Figliamu l'Ascension

400 celebremu christi Himmelfahrt.jpg U ghjornu di l'Ascensione ùn hè micca unu di i grandi celebrazioni in u calendariu cristianu cum'è Natale, Venerdì Bonu è Pasqua. Pudemu subestimà l'impurtanza di questu avvenimentu. Dopu u traumu di a crucifixione è u trionfu di a risurrezzione, pare avè una impurtanza secundaria. Tuttavia, averia esse sbagliatu. Ghjesù hà risuscitatu ùn solu per ùn stà à 40 ghjorni è dopu vultò in i regni sicuri di u celu, cum'è u travagliu in terra hè stata fatta avà. Ghjesù hà risuscitatu è ferma per sempre in a so pienezza cum'è l'omu è Diu cumplettamente cumminatu cum'è u nostru avvucatu (1 Timoteu 2,5: 1; 2,1 Ghjuvanni).

Atti 1,9: 12 conta l'Ascensione. Dopu avè cullatu à u celu, ci era dui omi in vestiti bianchi cù i discìpuli chì anu dettu: Chì site stà quì à fighjà u celu? Ellu vultarà cum'è l'avete vistu andà in celu. Chì face dui cose assai chjara. Ghjesù hè in celu è hè chì vultà.

In Efesini 2,6 Paulu scrive: "Diu ci hà alzatu è ci hà messu in celu in Cristu Ghjesù. Avemu intesu assai volte" in Cristu ". Questu face a nostra identità cù Cristu chjaru. Avemu muritu in Cristu cun ellu, intarratu è risuscitatu, ma avà cun ellu in u celu ".

In u so libru U Messagiu di Efesini, John Stott hà dettu: "Paulu ùn scrive micca nantu à Cristu, ma di noi. Diu ci hà messu in Cristu cun Cristu. A cuesione di u populu di Diu cun Cristu hè u fattore decisivu ».

In Colossiani 3,1: 4, Paul sottolinea sta verità:
«Tu morse è a to vita hè ammucciata cun Cristu in Diu. Ma sè Cristu, a vostra vita, vi revelarà sè stessu, allora sarete ancu rivela cun ellu in gloria ». "In Cristu" significa vive in dui mondi: u fisicu è u spirituale. Ùn avemu mai capisce chì, ma Paulu dice chì hè vera. Quandu Cristu torna, averemu a pienezza di a nostra nova identità. Diu ùn vole micca lascià noi stessi (Ghjuvanni 14,18), ma in cummunione cun Cristu vole sparta tuttu cun noi.

Diu ci hà unitu cù Cristu è cusì possu esse inclusu in a relazione chì Cristu hà cun u Babbu è u Spìritu Santu. In Cristu, u Figliolu di Diu per sempre, simu figlioli amati di u so piacè. Festemu u ghjornu di l'Ascensione. Questu hè un bellu tempu per ricurdà sta bona nova.

di Ghjiseppu Tkach