Cù pazienza à travaglià

408 cun pacienza Tutti sapemu u dettu "a pazienza hè una virtù". Ancu se micca in a Bibbia, a Bibbia hà assai da dì nantu à a pazienza. Pàulu a chjama un fruttu di u Spìritu Santu (Galatini 5,22). Ancu ci incuragisce à esse pazienti in distress (Rumani 12,12), in pazienza aspettendu ciò chì no avemu ancora (Rumani 8,25) pazientamente dughjerava in amore (Efesini 4,2) è ùn avè micca stancu di fà u bè, perchè se siamu pazienti ci riederemu ancu (Galatini 6,9). A Bibbia ci avisa dinò "di aspittà u Signore" (Salmu 27,14), ma sfurtunatamente stu paziente in attesa ùn hè micca capitu da alcuni cum'è una aspettiva passiva.

Unu di i nostri pastori righjunali hà assistitu à una cunferenza induve i capi di a chjesa anu risposte à qualsiasi discussione nantu à una rinuvazione o una missione cumu seguente: "Sapemu chì ci vole à fà questu in u futuru, ma avà stanu aspittendu u Signore". Sò sicuru chì questi capi anu cridutu chì sò stati pazienti aspittendu Diu chì li mostri cumu si avvicinassi da stranieri. Ci sò altre congregazioni chì aspittàvanu un signu da u Signore per cambià i ghjorni o tempi di culte per affaccià a più comodità per i novi credenti. U pastore regiunale m'hà dettu chì l'ultimu cosa chì dumandò a scala era: "Chì aspettava u Signore per fà?" Dopu, li spiegò chì Diu era aspittendu chì era pussibule di participà à u so travagliu digià attivu. Quandu hà finitu, un "amen" hè intesu da diverse parti.

Se avemu decisioni difficili di fà, tutti duvemu riceve un signu da Diu chì puderiamu mostrà à l'altri - unu chì ci dice induve andassi, cumu è quandu cumincià. Ùn hè micca cusì chì Diu face generalmente cun noi. Invece, ellu solu dice "mi seguite" è ci esorta à fà un passu avanti senza capisce i dettagli. Avemu da ricurdà chì l'apostuli di Ghjesù avianu à volte difficiuli per capiscenu induve u Messia li hà guidatu, prima è dopu à Pentecoste. Eppuru, ancu chì Ghjesù hè un maestru è dirigente perfettu, ùn eranu micca discepuli è discepuli perfetti. Avemu ancu spessu difficultà à capisce ciò chì Ghjesù dice è induve Ellu ci porta - a volte avemu paura di continuà perchè tememu chì fallemu. Questa paura ci porta spesso in l'azione, chì simu sbagliati equivale a pazienza - cù "aspittà à u Signore".

Ùn ci vole micca à teme di i nostri sbagli o di a mancanza di chiarità per u percorsu à seguitu. Eppuru chì i primi discìpuli di Ghjesù anu fattu parechji sbagli, u Signore continuò à dà li novi opportunità per unisce à u so travagliu - per seguità lu duve ellu li hà guidatu, ancu s'ellu significava di fà correzioni in a strada. Ghjesù travaglia oghje in u stessu modu è ricorda chì ogni "successu" chì speremu serà u risultatu di u so travagliu è micca di i nostri.

Ùn deve micca esse preoccupatu se ùn pudemu micca capisce l'intinzioni di Diu. In tempi di incertezza, avemu da esse pazienza, è in certi casi questu significa chì avemu da aspittà l'intervenzione di Diu prima di pudemu fà u prossimu passu. Qualunque sia a situazione, simu sempre i discepuli di Ghjesù chì sò chjamati à sente è à seguità lu. In questu viaghju, avemu da ricordà chì a nostra furmazione ùn hè micca solu a preghiera è a lettura di a Bibbia. L'applicazione pratica ripone una grande parte - avanzemu in speranza è fede (accumpagnatu da a preghiera è a parolla), ancu s'ellu ùn hè micca chjaru induve u Signore conduce.

Diu voli chì a so chjesa sia sana in modu chì pò pruduce crescita. Ellu voli chì ci uniscimu à a so missione in u mondu, per fà i passi diretta à l'evangelu per serve in i nostri casi. Se facemu questu, feremu sbagli. In certi casi, i nostri sforzi per sparta l'evangelu cù i stranieri ùn anu micca a riescita sperata. Ma amparemu da i sbagli. Cum'è a chjesa iniziale di u Novu Testamentu, u nostru Signore aduprarà graziosamente i nostri sbagli se l'avemu affidatu è ci pentemu se necessariu. Ci hà da rinfurzà è sviluppà è di furmulà noi di diventà cum'è l'imaghjini di Cristu. Cù stu cumprinzamentu, ùn vedemu micca a mancanza di risultati immediati cum'è un fiascu. In u so tempu è in u so modu, Diu pò è farà chì i nostri sforzi portanu i frutti, sopratuttu quandu questi sforzi sò diretti à guidà a ghjente à Ghjesù vivendu è sparte a bona nova. I primi frutti chì vedemu ci ponu affettà a nostra propria vita.

U veru "successu" in missione è serviziu vene da un solu modu: per mezu di a fedeltà in Ghjesù, accumpagnati da a preghiera è a parolla biblica, per mezu di a quale u Spìritu Santu ci guida versu a verità. Pensemu chì no impararemu sta verità immediatamente, è a nostra inaczione pò rallentà. Mi dumandu se l'inazione pò esse dovuta à u timore di a verità. Ghjesù hà annunziatu ripetutamente a so morte è a risurrezzione à i so discepuli, è a paura di questa verità hà paralizatu temporaneamente a so capacità per agisce. Questu hè spessu u casu oghje.

Quandu parlemu di a nostra implicazione in l'approcciu di Ghjesù à i strangeri, simu prestu cù riazzioni di paura. Tuttavia, ùn avemu micca bisognu di paura, perchè "quale hè in voi hè più grande di quellu chì hè in u mondu" (1 Ghjuvanni 4,4). A causa di a nostra fiducia in Ghjesù è in a so parolla, i nostri teme spariscenu. La fede hè veramente u nemicu di a paura. Hè per quessa chì Ghjesù hà dettu: "Ùn avete a paura, crede solu!" (Marcu 5,36).

Si ci attivamente impegnà in a missione è u ministeru di Ghjesù in a fede, ùn semu micca solu. U Signore di tutta a creazione hè cun noi, cum'è Ghjesù hà fattu assai tempu in a muntagna in Galilea (Matteu 28,16) hà prumessu à i so discepuli. Pocu prima ch'ellu ascendeva à u celu, li dò una struzzione, chì hè comunemente chjamata un ordine missionariu: «È Ghjesù hè ghjuntu è li disse: Tutta l'autorità in u celu è nantu à a terra hè stata data da mè. Dunque andate è facenu discìpuli di tutte e nazioni: li battezi in nome di u Patre è di u Figliolu è di u Spìritu Santu è insegnate à guardà tuttu ciò ch'e aghju cumandatu. Ed eccu, sò cun voi ogni ghjornu finu à a fine di u mondu » (Matteu 28,18: 20)

Date in nota i versi finali quì. Ghjesù principia dicendu chì hà "tutta l'autorità in u celu è in a terra", dopu ellu cuncludi cù e seguenti parole di certezza: "Sò cun voi tutti i ghjorni". Sta dichjarazione duveria esse una fonte di grande cunfortu, grande fiducia è grande libertà in ciò chì Ghjesù ci hà dettu di fà: fà tutte e nazioni discepuli. Facemu questu cun franchezza - consciente chì participemu à u travagliu di quellu chì hà tuttu putere è autorità. È femu cun fiducia perchè sapemu chì hè sempre cun noi. Cù questi pinsamenti in mente - invece di quelli chì vedenu a pazienza cum'è in attesa di idile - aspettemu pacientamente u Signore mentre participanu attivamente à u so travagliu, chì hè di fà à e persone i nostri discepuli in e nostre case. In questu modu participeremu in ciò chì pudemu discrive cun pacienza. Ghjesù ci cumanda di fà questu perchè questu hè u so modu - u modu di a fedeltà chì porta u fruttu di u so regnu omnipresente. Dunque andemu à travaglià cun pacienza.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfCù pazienza à travaglià