Visibilità invisibile

178 invisibili Mi pare divertente quandu a ghjente spiega: "Se ùn possu vede, ùn crede micca". Aghju intesu spessu chì hà dettu quandu a ghjente dubbie chì Diu esiste o chì Ellu include tutte e persone in a so grazia è misericordia. Per ùn pruvucà micca offensione, aghju nutatu chì ùn vedemu micca magnetisimu nè l'electricità, ma sapemu da i so effetti chì esistenu. U listessu vale per u ventu, a gravità, u sonu è ancu pensatu. In questu modu sperimentemu ciò chì hè chjamatu "cunniscenza senza imagina". Mi piace à signalà tali cunniscenze cum'è "visibilità visibile".

Basta à confià a nostra vista, di anni fà pudemu solu speculare di ciò chì era in u celu. Cù l'aiutu di telescopii (cum'è u Telescopiu Hubble) sapemu assai più oghje. Ciò chì era una volta "invisibile" per noi hè issa visibile. Ma micca tuttu ciò chì esiste hè visibile. Materia scura, p.e. B. ùn emette micca lume o calore. Hè invisibile per i nostri telescopi. Tuttavia, i scientifichi sanu chì a materia scura esiste perchè anu scupertu i so effetti gravitazionali. Un quark hè una piccula particella speculativa chì forma protoni è neutroni in u nucleu di l'atomi. Cù gluoni, i quark formanu ancu hadroni più esotici, cum'è mesons. Eppuru chì nimu di sti cumpunenti di un atomu hè statu mai osservatu, i scientifichi anu dimustratu u so effetti.

Ùn ci hè un microscope o un telescopiu à traversu chì Diu si pò vede, cume a Scrittura in Ghjuvanni 1,18 ci dice: Diu hè invisibile: «Nimu hà mai vistu Diu. Ma u solu figliolu, chì cunnosce bè u babbu, ci hà dimustratu quale hè Diu. » Cù l'aiutu fisicu, ùn ci hè manera di "pruvà" l'esistenza di Diu. Ma avemu a crede chì Diu esiste perchè avemu sperimentatu l'effetti di u so amore incondiziunale, allenpreneur. Queste amore hè, sicuru, a più persunale, intensa è concreta rivelata in Ghjesù Cristu. In Ghjesù vedemu ciò chì i so apostuli cuncludevanu: Diu hè amore. L'amore, chì ùn si pò vede in sè stessu, hè a natura, a motivazione è u scopu di Diu. Cum'è a TF Torrance a mette:

«A flussu constante è incessante di l'amore di Diu, chì ùn hà micca altra ragione per a so azzione chì l'amore, chì hè Diu, hè dunque versatu senza rispettu di a persona è indipendentemente da e so reazzioni» (Teologia cristiana è Cultura Cientifica, p. 84).

Diu ama perchè di quellu chì hè, micca di causa di quale siamu è di ciò chì facemu. È questu amore hè revelatu in a grazia di Diu.

Mentre ùn pudemu micca spiegà cumplettamente l'invisibili, cum'è l'amore o a grazia, sapemu chì esiste perchè ciò chì vedemu hè parzialmente presente. Nota, usu a parolla "parzialmente". Ùn vulemu micca cascà in a trappula di u cuncepimentu chì u visibile spiega l'invisibile. TF Torrance, chì hà studiatu teologia è scienza, trova chì u cuntrariu hè vera; l'invisibile spiega u visibile. Per spiegà questu, si usa a parabola di i travagliadori in u vignetu (Matteu 20,1: 16) induve u pruprietariu di a vigna impegna travagliadori tuttu u ghjornu per travaglià in i campi. À a fine di u ghjornu, ogni travagliadore hè pagatu a listessa paga, ancu s'è qualchi hà travagliatu duru tuttu u ghjornu è di l'altri travaglianu solu per alcune ore. A maiò parte di i travagliadori, questu pare inġusto. Cumu puderia qualchissia chì hà travagliatu solu per una ora pè ottene u listessu salariu cum'è quellu chì hà travagliatu tuttu u ghjornu?

Torrance indetta chì esegetti fundamentalisti è liberali mancanu di u puntu di a parabola di Ghjesù, chì ùn si tratta micca di u salariu è di a ghjustizia, ma di una grazia incondiziale, generosa è potente di Diu. Questa grazia ùn hè micca basata nantu à quantu tempu avemu travagliatu, quantu tempu avemu cridutu, quantu avemu studiatu, o quantu ubbidienti eramu. A grazia di Diu hè basata annantu à quale hè Diu. Cù questa parabola, Ghjesù fa "visibile" a natura "invisibile" di grazia di Diu chì, à u cuntrariu di noi, vede è face e cose. U regnu di Diu ùn tratta micca di quantu guadagnemu, ma di una generosa generosità di Diu.

A parabola di Ghjesù ci dice chì Diu offre a so grazia meravigliosa à tutti. E mentre tutti sò offerti a listessa quantità di rigalu, alcuni sceglianu immediatamente vive in questa realità di grazia, dendu l'opportunità di gudiri di più di quellu chì ùn anu ancu fattu a scelta. U donu di grazia hè per tutti. Ciò chì l'individui facenu cun ellu hè assai diversu. Quandu vivemu in grazia di Diu, ciò chì era invisibile per noi hè diventatu visibile.

L'invisibilità di a grazia di Diu li rende micca menu veri. Diu ci hà datu per noi chì pudemu cunnosce è amassi è riceve u so perdonu è entra in una relazione cù ellu cum'è babbu, figliolu è u spiritu santu. Vivemu in fede è micca in cerca. Avemu sperimentatu a so vuluntà in a nostra vita, in u nostru pensamentu è agitu. Sapemu chì Diu hè amore perchè sapemu quale hè in Ghjesù Cristu chì "a hà rivelatu" per noi. Propiu cum'è in Ghjuvanni 1,18 (Nova traduzzione di Ginevra) hè scritta:
«Nimu hà mai vistu Diu. U solu figliolu l'hà revelatu, quellu chì hè ellu stessu Diu è pusà à u latu di u babbu ». Sentemu u putere di a grazia di Diu mentre sperimentemu a so intenzione di pardunà è d'amore - per dà noi u maravigliu rigalu di a so grazia. Cum'è Paul hà fattu in Filippini 2,13 (A nova traduzzione di Ginevra) spressione: "Diu stessu hè travaglia in voi è ùn solu vi prepara, ma dinò vi permette di fà ciò chì li piace".

Vive in a so grazia

Ghjiseppu Tkach
U presidente GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


in pdfVisibilità invisibile