I mio ochji sò vistu a vostra salvezza

370 mio ochji, videndu u salvamentu U mottu di l'oghje Street Parade à Zurigo hè: "Danza per a libertà" (ballà per a libertà). In u situ web di l'attività leghjemu: «The Street Parade hè una dimostrazione di ballu per amore, pace, libertà è tolleranza. Cù u mottu di a sfilata di strada "DANZA PER A LIBERTÀ", l'urganizatori ponenu a libertà in u centru ".

A brama d'amore, di pace è di libertà hè sempre stata una preoccupazione per l'umanità. Sfurtunatamente, però, vivemu in un mondu chì hè esattamente u cuntrariu: odiu, guerra, cattività è intolleranza. L'urganizatori di a Street Parade posanu Focus à a libertà. Chì ùn anu micca ricunnisciutu? À chì puntu hè apparentemente cecu? A vera libertà ci vole à Ghjesù è Ghjesù hè quellu chì deve esse u focu! Dopu ci hè amore, pace, libertà è tolleranza. Allora pudete celebrà è ballà! Sfurtunatamente, sta meravigliosa cunniscenza ùn hè ancu micca accessibile per parechji oghje.

"Ma se u nostru Vangelu hè piattu, hè piattatu da quelli chì periscenu, l'increduli, da i quali u Diu di stu mondu hà accecatu a mente per ùn vede micca a luce di u Vangelu di a gloria di Cristu, chì hè l'immagine di Diu. Perchè ùn predichemu micca noi stessi, ma Cristu Ghjesù cum'è Signore, ma noi stessi cum'è i vostri schiavi per amore di Ghjesù. Perchè Diu, chì hà dettu: A luce splenderà da a bughjura! ellu chì brillava in u nostru core à a luce di a cunniscenza di a gloria di Diu in faccia à Ghjesù Cristu » (2 Corintini 4,3-6).

Ghjesù hè una luce chì i credenti ùn ponu vede.

Simeon era un omu ghjustu è divinu in Ghjerusalemme è u Spìritu Santu era nantu à ellu (Luca 2,25). L'ultime avia prumessu di vede l'Ungatu di u Signore prima di a so morte. Quandu i genitori purtonu u zitellu di Ghjesù à u tempiu è u piglia in i so bracci, elogiava Diu è disse:

«Beh, Signore, liberate u vostru servitore in pace sicondu a vostra parolla; di u mio ochji aghju vistu a to salvezza, chì vo avete preparatu in u visu di tutte e nazioni: un lume di lu sonu di lu paisi e di la gloria di u to pòpulu » (Luca 2,29-32).

Ghjesù Cristu hè venutu cum'è una luce per illuminà stu mondu.

«A luce brillarà da u bughju! ellu chì brillava in u nostru core à a luce di a cunniscenza di a gloria di Diu in faccia à Ghjesù Cristu » (2 Corintini 4,6).

A vista di Ghjesù Cristu hè stata una sperienza di vita per Simeone, u puntu cruciale prima di pudè dì addiu à sta vita. Fratelli, u nostru ochji anu ricunnisciutu u salvamentu di Diu in tutta a so gloria? Hè impurtante mai a scurdari quantu Diu ci hà benedettu da crea i nostri ochji a salvezza:

«Nuddu pò vene à mè, à menu chì u babbu chì m'hà mandatu u tira; è u risusciteraghju l'ultimu ghjornu. Hè scrittu in i prufeti: "È seranu tutti amparati da Diu". Tutti quelli chì anu intesu è amparatu da u Babbu venenu à mè. Micca chì qualchissia hà vistu u Patre, eccettu chì quellu chì hè di Diu, hà vistu u Patre. In verità, in verità, a vi dicu, quellu chì crede hà a vita eterna. Sò u pane di a vita. I vostri babbi anu manghjatu a manna in u desertu è sò morti. Questu hè u pane chì fala da u celu per esse manghjatu è micca per more. Sò u pane vivu chì hè falatu da u celu; si qualchissia manghja stu pane, camparà per sempre. Ma u pane chì daraghju hè a mo carne per a vita di u mondu " (Ghjuvanni 6,44: 51).

Ghjesù Cristu hè u pane vivu, a salvezza di Diu. Arricurdemu u tempu quandu Diu hà apertu i nostri ochji à sta cunniscenza? Paulu ùn mai scurdarà u mumentu di a so illuminazione, l'avemu lettu quand'ellu era di viaghju à Damascu:

«Ma quand'ellu hè andatu ci hè accadutu ch'ellu s'avvicinò di Damascu. È di colpu una luce splindia intornu ad ellu da u celu; è cascò in terra è sintì una voce chì li dicia: Sàulu, Sàulu, perchè mi perseguitate? Ma ellu disse: Quale sì, Signore? Ma ellu : Sò Ghjesù chì tù perseguite. Ma alzati è vai in cità è ti diceranu chì fà! Ma l'omi chì eranu nantu à a strada cun ellu stavanu muti perchè anu intesu a voce ma ùn anu vistu à nimu. Ma Saul s'arrizzò da a terra. Ma quandu i so ochji si aprenu ùn vide nunda. È u cundòssenu per a manu è u cundòssenu in Damascu. È ùn pudia micca vede per trè ghjorni è ùn manghjava nè beia » (Atti 9,3-9).

A rivelazione di a salvezza era cusì inghjustu per Paulu chì ùn pudia micca vedutu per 3 ghjorni!

Quantu ci hà attraversatu a so luce è quantu a nostra vita hà cambiatu dopu chì i nostri ochji anu ricunnisciutu a so salvezza? Hè stata una vera rinascita per noi è ancu per noi? Sintemu a cunversazione cù Nicodemu:

"Ma era un omu Fariseu cù u nome di Nicodemu, un capu di i Ghjudei. L'ultimu hè ghjuntu à ellu di notte è li disse: Rabi, sapemu chì tu hè un maestru, vene da Diu, perchè nimu pò fà sti segni chì voi fà, salvu Diu cun ellu. Ghjesù li rispose è li disse: In verità, veramente, ti dicu, se qualchissia ùn hè micca natu di novu, ùn pò micca vede u Regnu di Diu. Nicodemu dice à ellu: Cumu si pò nasce un omu quandu hè vechju? Pò andà in u ventre di a mamma per a seconda volta è esse natu? Ghjesù hà rispostu: Veramente, veramente, ti dicu chì se qualchissia ùn hè micca natu di l'acqua è di u spiritu, ùn pò micca andà in u regnu di Diu. [Ghjuvanni 3,6] Ciò chì nasce da a carne hè carne, è ciò chì nasce da u spiritu hè spiritu. Ùn vi maravigliate chì ti aghju dettu: {duvete} deve esse natu torna " (Ghjuvanni 3: 1-7).

L'omu hà bisognu di una nova "nascita" per esse ricunnosce u regnu di Diu. L'ochji umani sò ceci à a salvezza di Diu. Tuttavia, l'urganizatori di a Parata Street in Zurigo ùn sò micca cuscenti di a cecità spirituale generale. S'hanu stabilitu un scopu spirituale chì ùn pò esse rializatu senza Ghjesù. L'omu ùn pò truvà a gloria di Diu per sè stessu nè ricunnosce lu in tuttu. Ghjè Diu chì si rivela à noi:

«{Tù} ùn mi hai micca sceltu, ma {I} ti hà sceltu è tù Determinate chì andate è dete fruttu è u vostru fruttu pò stà, affinchì tuttu ciò chì dumandate à u Babbu in u mo nome vi possa dà » (Ghjuvanni 15,16).

Fratelli, avemu u grande privilegiu chì i nostri ochji anu vistu a salvezza di Diu: " Ghjesù Cristu u nostru Redentore ".

Hè u più sperienza impurtante putemu avemu a sanu a nostra vita. Simeon ùn avia altre scopu di vita dopu avè vistu u Salvadore. U so scopu in a vita hè statu rializatu. U ricunniscenza di a salvezza di Diu hà a stessa impurtanza per noi? Oghje vogliu incitarà à tutti di ùn ùn mai piglià a vista di a salvezza di Diu è di a nostra Sempri (spirituale) fighjate à Ghjesù Cristu.

"Se avete statu avà risuscitatu cù u Cristu, cercate ciò chì hè sopra, induve u Cristu, pusatu à a manu diritta di Diu! Mente ciò chì sopra, micca ciò chì hè nantu à a terra! Perchè tù morse, è a vostra vita hè ammucciata cun Cristu in Diu. Se u Cristu, a vostra vita, serà revelatu, allura voi puru sarete rivelatu cun ellu in gloria » (Colosiani 3,1: 4).

Paul esorta à ùn vede ciò chì hè nantu à a terra ma à Cristu. Nunda nant'à sta terra ùn deve distractà ci da a salvezza di Diu. Tuttu ciò chì hè bonu per noi vene da sopra è micca da sta terra:

«Ùn vi sbagliate micca, i mo fratelli amati! Ogni duru bonu è ogni rigalu perfettu falanu da sopra, da u Babbu di e Luci, cù quale ùn ci hè nè cambiamentu nè un cambiamentu d'ombra » (Ghjacumu 1,16-17).

I nostri ochji anu ricunnisciutu a salvezza di Diu è ùn duvemu mai rimuà u nostru sguardu da sta salvezza, cercà sempre in alto. Ma chì significa tuttu questu in a nostra vita di ogni ghjornu? Semu sempre in situazioni difficili, prucessi, malatie, etc. Cumu hè pussibule di guardà Ghjesù ancu di tali distrazzioni grandi? Paulu ci da a risposta:

«Fate sempre piacè in u Signore! À novu vogliu dì: ralegra! A vostra gentilezza deve esse cunnisciuta da tutte e persone; u signore hè vicinu. Ùn preoccupate micca di qualcosa, ma in tuttu per via di a preghiera è di a dumanda cù ringraziu i vostri preoccupati deve esse messu à cunnosce di Diu; è a pace di Diu, chì superi tutte e menti, manteneranu i vostri core è i vostri penseri in Cristu Ghjesù » (Filippini 4,4: 7).

Diu ci prumetti una pace è tranquillità divina "chì va oltre ogni ragione". Dunque noi duvemu mette a nostra preoccupazione è bisogni davanti à u tronu di Diu. Avete vistu cumu e nostre preghiere sò risposte ?! Dice: "è Diu hà da risolve tutte e nostre preoccupazioni è prublemi è sguassalli da u mondu"? Innò, ùn ci hè micca per voi quì chì Diu vi scioglie o smarisce tutti di i nostri prublemi. A prumessa hè: " È a pace di Diu, chì supera tutte e menti, manteneranu i vostri cori è i vostri pinsamenti in Cristu Ghjesù ".

S'è noi fighjemu, porta i nostri preoccupari davanti à u tronu di Diu, Diu ci prumetti una pace soprannaturale è una gioia spirituale profonda, malgradu tutte e circustanze. Questu hè quandu avemu veramente fiducia nantu à ellu è stemu in e so mani.

"L'aghju parlatu cusì chì possi pacà in mè. Sì prublemi in u mondu; ma sia di bona gioia, aghju superatu u mondu » (Ghjuvanni 16,33).

Fighjate: ùn semu micca solu in vacanze è fiducia chì Diu assumerà tutte e nostre rispunsabilità. Ci sò cristiani chì facenu esattamente sti sbagli. Confondenu a fiducia in Diu cun irresponsabilità. Tuttavia, hè interessante vede cumu Diu mostra una grande misericòrdia in questi casi. Hè megliu fidà à Diu chì di piglià a nostra vita in e nostre mani.

In ogni casu, duvemu continuà à esse responsabile, ma ùn avemu più fiducia di i nostri puteri ma in Diu. Nantu à u livellu spirituale avemu da ricunnosce chì Ghjesù Cristu hè a nostra salvezza è a nostra sola speranza è duvemu piantà di fà fruttu spirituali cù a nostra propria forza. A Parata Street ùn averà micca successu ancu. In u Salmu 37 avemu lettu:

"Fidu in u Signore è fate u bonu; vive in paese è fassi attentu di lealtà; è se tu ami u Signore, ti darà ciò chì u vostru core vole. Ordina u vostru modu à u Signore è fiducia in ellu, agirà è farà chì a vostra ghjustìzia s'assumiglia cum'è a luce è a vostra diritta cum'è a meziornu » (Salmu 37,3-6).

Cristu hè a nostra salvezza, è noi justifies. Avemu a cunfidarà a nostra vita unconditionally à ellu. Eppuru, ùn retirate micca sia, ma "fate bè" è "esse leali". Sè u nostru sguardu hè nantu à Ghjesù, a nostra salvezza, allora simu in mani sicure. Leghjemu dinò in Salmu 37:

«Da u Signore i passi di un omu sò rinfurzati, è ama a so strada; S'ellu casca, ùn serà micca allungatu, perchè u Signore sustene a so manu. Eru ghjovanu è invechjavu anch'eiu, ma ùn aghju mai vistu un omu ghjustu abbandunatu, nè i so discendenti anu dumandatu u pane; ogni ghjornu hè gentile è presta, è a so discindenza à a benedizzione » (Salmu 37,23-26).

Sè noi prupone u nostru modi di Diu, ellu hà da mai lascià à noi.

«Ùn ti lasceraghju micca orfanu, vengu da tè. Un altru picculu è u mondu ùn mi vede più; Ma {mi} mi vedi: perchè {eiu} campu, {tù} camperemu ancu. In quellu ghjornu vedrete chì sò in u mo Babbu è sì in mè è sò in voi. Quellu chì hà i mo cumandamenti è li guarda hè quellu chì mi ama; ma quellu chì mi ama serà amatu da babbu; è l'amaraghju è mi riveleraghju » (Ghjuvanni 14,18: 21).

Ancu quandu Ghjesù hà cullatu à u tronu di Diu, hà dettu chì i so discìpuli cuntinuaru à vede lu! Induve siamu è in qualunque situazione siamu, Ghjesù Cristu, a nostra salvezza, hè sempre visibile è i nostri ochji sò sempre da ellu. A so dumanda hè:

«Venite à mè, tutti voi ardui è carichi! È vi daraghju riposu. Piglia u mo jugu nantu à tè è amparà da mè! Perchè sò amable è umile da u core, è "truverete restu per e vostre ànime"; perchè u mo yoke hè gentile è u mo caricu hè legnu » (Matteu 11,28: 30)

A so prumessa hè:

«Ancu s'ellu ùn stu micca cun voi, ci vole ancu tenere paci. Ti dugnu a mo pace; una pace chì nimu in u mondu pò darà Dunque, sia senza preoccupazione è paura! » (Ghjuvanni 14,27 Speranza per Tutti).

Oghje Zurigo balla per a pace è a libertà. Festemu ancu perchè i nostri ochji anu ricunnisciutu a salvezza di Diu è pregu chì sempre più è più ghjente possu vede è ricunnosce ciò chì ci hè statu revelatu in tantu maravigliosu: « A salvezza meravigliosa di Diu in Ghjesù Cristu! »

di Daniel Bösch


in pdfI mio ochji sò vistu a vostra salvezza