Cristu l'agnellu di nostra Pasqua

375 Cristu u nostru agnellu di Pasqua «Picchì u nostru Agnellu di Pasqua hè statu uccidutu per noi: Cristu» (1 Cor. 5,7).

Ùn vulemu micca sminticà u grande avvenimentu chì hè accadutu in Egittu quasi 4000 anni fà quandu Diu hà liberatu l'Israele da l'esclavità. Eru pesti, descritti in Esodu, eranu necessarii per sprimà a stubbità di u faraone, l'arroganza, è a forte resistenza à Diu.

A Pasqua era a pesta finale è finale tantu terribile chì tutti i primi nati, umani è bovini, eranu uccisi quandu u Signore passava. Diu hà risparmiatu à l'Israele ubbidienti quandu anu statu urdinatu di tumbà l'agnellu u 14u ghjornu di u mese d'Abib è di sparghje u sangue in u sogliu è nantu à i branchi di a porta. (Vede l'Esodo 2). In versu 11 hè chjamatu a Pasqua di u Signore.

Parechji puderanu avè scurdatu di a Pasqua di l'Anticu Testamentu, ma Diu ricorda à a so ghjente chì Ghjesù, a nostra Pasqua, era pronta cum'è l'Agnellu di Diu per caccià i peccati di u mondu. (Ghjuvanni 1,29). Hè mortu annantu à a croce dopu chì u so corpu hè statu sbuffatu è torturatu da ciglia è una lancia hà trapassatu u so latu è sangue scappò. A suppurtatu tutte sse cose, cumu era prufettu.

Ci hà lasciatu un esempiu. Nantu à a so ultima Pasqua, a quale chjamemu avà a Cena di u Signore, hà amparatu à i so discìpuli di lavà i piedi unu à l'altru cum'è un esempiu di umiltà. In memoria di a so morte, li dava pane è un vinu per sparta simbolicamente à manghjà a so carne è beie u so sangue (1 Corintini 11,23: 26-6,53, Ghjuvanni 59: 13,14-17 è Ghjuvanni). Quandu l'Israelei in Egittu pittaru u sangue di l'agnellu nant'à u sogliu è nantu à e porte, era una previsione di u sangue di Ghjesù in u Novu Testamentu chì era spulatu nantu à e porte di i nostri cori in modu chì a nostra cuscenza era chjara è tutti i nostri peccati sò sbulicati. u so sangue sarà pulitu (Ebrei 9,14:1 è 1,7 Ghjuvanni). A paga di u peccatu hè a morte, ma u rigalu impicable di Diu hè a vita eterna in Cristu Ghjesù, u nostru Signore. In u sacramentu, pensemu à a morte di u nostru Salvadore per ùn scurdà micca a pena dolorosa è assai vergogna nantu à a croce chì hè accaduta 2000 anni fa per via di i nostri peccati.

U figliolu amatu, chì Diu u Babbu hà mandatu cum'è l'Agnellu di Diu per pagà a riscatazione per noi, hè unu di i più grandi rigali à e persone. Ùn meritamu sta grazia, ma Diu ci hà sceltu per mezu di a so grazia per dàci a vita eterna per via di u Figliolu amatu Ghjesù Cristu. A nostra Pasqua di Ghjesù Cristu hè mortu vuluntà per salvà ci. Leghjemu in Ebrei 12,1: 2, "Dunque noi, dunque avemu un gran nuvola di testimoni intornu à noi, lasciassi da parte di tuttu ciò chì ci lamenta è di u peccatu chì ci inganna constantemente. in a lotta destinata per noi, è fighjemu à Ghjesù, u principiante è consumatore di a fede, chì, benchì puderia esse felice, suppurtò a croce è ignorava a vergogna è si pusò à manu diritta di u tronu di Diu.

di Natu Moti


in pdfCristu l'agnellu di nostra Pasqua