Cristu l'agnellu di nostra Pasqua

375 Cristu u nostru agnellu di Pasqua"Perchè u nostru agnellu Pasquale hè statu immolatu per noi: Cristu" (1. Cor. 5,7).

Ùn vulemu micca passà nè trascuratà u grande avvenimentu chì hè accadutu in Egittu quasi 4000 anni fà quandu Diu hà liberatu Israele da a schiavitù. Dieci peste in 2. Mosè, era necessariu di scuzzulate u Faraone in a so testarda, arroganza è in a so resistenza altiva à Diu.

A Pasqua era a pesta finale è definitiva, cusì terribili chì tutti i primi nati, umani è bovini, eranu ammazzati mentre u Signore passava. Diu hà risparmiatu l'Israele ubbidienti quand'elli eranu urdinati di tumbà l'agnellu u 14 ghjornu di u mese di Abib è di mette u sangue nantu à u lintelu è i so porta. (Per piacè riferite 2. Mosè 12). In u versu 11 hè chjamatu a Pasqua di u Signore.

Parechje pò esse scurdatu di a Pasqua di l'Anticu Testamentu, ma Diu ricorda à u so populu chì Ghjesù, a nostra Pasqua, hè stata preparata cum'è l'Agnellu di Diu per caccià i peccati di u mondu. (Johannes 1,29). Hè mortu nantu à a croce dopu chì u so corpu hè statu strappatu è turturatu da ciglia, una lancia hà trafittu u so fiancu è u sangue scorri. Hà suppurtatu tuttu ciò chì era prufetizatu.

Ci hà lasciatu un esempiu. À a so ultima Pasqua, chì ora chjamemu a Cena di u Signore, hà amparatu à i so discìpuli à lavà i pedi di l'altri cum'è un esempiu di umiltà. Per commemorare a so morte, li offri pani è un pocu di vinu per participà simbolicamente à manghjà a so carne è à beie u so sangue (1. Corinti 11,23-26, Ghjuvanni 6,53-59 è Ghjuvanni 13,14-17). Quandu l'Israeli in Egittu dipintavanu u sangue di l'Agnellu nantu à u lintelu è i posti di a porta, era una previsione à u sangue di Ghjesù in u Novu Testamentu, chì era sprinkled nantu à e porte di i nostri cori per lavà a nostra cuscenza pulita è pulita tutti i nostri. peccati u so sangue saria purificatu (Ebrei 9,14 e 1. Johannes 1,7). U salariu di u peccatu hè a morte, ma u rigalu preziosu di Diu hè a vita eterna in Cristu Ghjesù u nostru Signore. À u sacramentu, ricurdate a morte di u nostru Salvatore per ùn scurdà micca a morte dolorosa è assai vergognosa nantu à a croce chì hè accaduta 2000 anni fà per i nostri piccati.

U Figliolu amatu, chì Diu u Babbu hà mandatu cum'è l'Agnellu di Diu per pagà u riscattu per noi, hè unu di i più grandi rigali à l'omu. Ùn meritemu micca sta grazia, ma Diu per a so grazia ci hà sceltu per dà a vita eterna per mezu di u so Figliolu amatu, Ghjesù Cristu. Ghjesù Cristu, a nostra Pasqua, hè mortu vuluntà per salvà noi. Avemu leghje in Ebrei 12,1-2 «Perciò ancu noi, avendu cusì grande nuvola di tistimunianzi intornu à noi, lascemu da parte tuttu ciò chì pesa nantu à noi è u peccatu chì ci stringe sempre, è corremu cun pacienza in a lotta chì ci determina è guardemu in alta. à Ghjesù, u principiante è u finitu di a fede, chì, ancu s'ellu puderia avè a gioia, hà suppurtatu a croce, ignora a vergogna è si pusò à a diritta di u tronu di Diu ".

di Natu Moti


in pdfCristu l'agnellu di nostra Pasqua