A brocca rotta

630 a brocca rotta C'era una volta un trasportatore d'acqua in India. Un pesante bastone di legnu appughjava nantu à e so spalle, à chì una grande brocca d'acqua era appiccicata à manca è à diritta. Avà una di e brocche avia una crepa. L'altru, però, era perfettamente furmatu è cun ellu u trasportatore d'acqua era capace di consegnà una porzione piena d'acqua à a fine di u so longu viaghju da u fiume à a casa di u so maestru. In a brocca rotta, tuttavia, ci era solu circa a metà di l'acqua quandu era ghjunta in casa. Durante dui anni pieni, u trasportatore d'acqua hà consegnatu à u so maestru una brocca piena è mezu piena. U perfettu di e duie brocche era naturalmente assai fieru chì u trasportatore d'acqua pudessi sempre purtà una parte piena d'acqua in questu. A brocca cù u crepacore, tuttavia, si vergugnava ch'ella fussi solu a metà di bona cum'è l'altra brocca per via di u so difettu. Dopu dui anni di vergogna, a caraffa rotta ùn la pudia più piglià è disse à u so purtatore: "Mi vergugnaghju tantu di mè stessu è ti vogliu scusà". U trasportatore d'acqua fighjò a brocca è dumandò: "Ma à chì serve? Di chì vi vergugnate? " 'Ùn sò statu capace di tene l'acqua per tuttu u tempu, allora puderete purtalla solu a metà in casa di u vostru signore per mezu di mè. Duvete travaglià duru, ma ùn uttenite micca u salariu pienu perchè ùn consegnate mai unu è mezu invece di duie brocche d'acqua ". disse u vasettu. U traspurtadore d'acqua avia pietà di a vechja brocca è vulia cunsulallu. Cusì hà dettu: "Quandu andemu in casa di u mo signore, fate attenzione à i meravigliosi fiori salvatichi à u bordu di a strada". A brocca hà pussutu surrisu un pocu è cusì sò partuti. À a fine di u percorsu, tuttavia, a brocca si sintia abbastanza miserabile una volta è l'altra contrita si scusava cù u trasportatore d'acqua.

Ma hà rispostu: «Avete vistu i fiori salvatichi in bordu di strada? Avete rimarcatu chì crescenu solu da u vostru latu di a strada, micca quellu induve portu l'altra brocca? Sapiu di u vostru saltu da u principiu. È cusì aghju coltu qualchi semi di fiori selvatichi è l'aghju spargugliati da u vostru latu di a strada. Ogni volta chì curriamu versu a casa di u mo signore l'avete inundata. Aghju pussutu coglie uni pochi di sti fiori maravigliosi ogni ghjornu è adupralli per decurà a tavula di u mo maestru. Avete creatu tutta sta bellezza ".

Autore scunnisciutu