Penticoste

Ci hè parechje temi chì saranu adattati per un sermone di Pentecoste: Diu abitta in e persone, Diu dà l'unità spirituale, Diu dà una nova identità, Diu scrive a so lege in i nostri cori, Diu cuncilia e persone cun ellu stessu è assai altri. Un tema chì hà scupertu in i mo pensi nantu à a preparazione per Pentecoste questu annu hè basatu nantu à ciò chì Ghjesù hà dettu, ciò chì u Spìritu Santu faria dopu à ellu hà risuscitatu è andatu in celu.

"Ellu revelerà a mo gloria; perchè ciò ch'ellu vi annunziarà, ellu riceverà da mè "(Ghjuvanni 16,14 NGÜ). Ci hè assai in quella frase. Sapemu chì u Spìritu in noi travaglia per cunvince chì Ghjesù hè u nostru Signore è Salvatore. Sapemu ancu per via di a rivelazione chì Ghjesù hè u nostru fratellu maiò chì ci ama senza cundizzioni è ci hà cunciliatu cù u nostru Babbu. Un altru modu chì u Spìritu rializeghja ciò chì Ghjesù hà dettu hè per mezu di a so ispirazione nantu à cumu pudemu purtà a bona nutizia in avanti in e nostre relazioni cù l'altri.

Videmu un bon esempiu di questu quandu leghjemu nantu à a nascita di a chjesa di u Novu Testamentu à Pentecoste, deci ghjorni dopu l'ascensione di Ghjesù. Ghjesù hà dettu à i so discìpuli di aspittà questu ghjornu è di ciò chì avissi da succede in quellu ghjornu: "E mentre ch'ellu era cun elli, li urdinò di ùn lascià Ghjerusalemme, ma di aspittà a prumessa di u Babbu, chì, hà dettu, avete intesu da mè" (Atti di l'Apòstuli). 1,4) .

Seguendu l'urdinamentu di Ghjesù, i discìpuli anu pussutu tistimunià di a venuta di u Spìritu Santu cù tutte e so forza. In l'Atti di l'Apòstuli 2,1-13 hè dettu di questu è di u rigalu chì anu ricevutu quellu ghjornu, cum'è Ghjesù li hà prumessu. Prima ci era un sonu di un gran ventu, dopu lingue di focu, è dopu u Spìritu hà dimustratu u so putere miraculosu dendu à i discìpuli un rigalu speciale per pridicà a storia di Ghjesù è l'evangelu. A maiò parte, forsi tutti i discìpuli, parlavanu miraculosamente. E persone chì l'anu intesu eranu affascinati è maravigliati da a storia di Ghjesù perchè l'anu intesu in a so propria lingua da e persone chì eranu cunsiderate senza educazione è incultivati ​​(Galiliani). Qualchidunu di a folla s'hè mozzatu di questi avvenimenti, affirmannu chì i discìpuli eranu ibriachi. Tali scoffers esistenu ancu oghje. I discìpuli ùn eranu micca umanamente ubriachi (è saria una misinterpretazione di l'Scrittura per affirmà ch'elli eranu spiritualmente ibriachi).

Truvemu e parolle di Petru à a folla assemblea in l'Atti di l'Apòstuli 2,14-41. Ellu hà dichjaratu l'autenticità di questu avvenimentu miraculoso induve e barriere linguistiche sò state sopranaturamente eliminate cum'è un segnu chì tutte e persone sò oramai unite in Cristu. In segnu di l'amore di Diu per tutte e persone è di u so desideriu chì tutti, ancu e persone di altri paesi è nazioni, appartenenu à ellu. U Spìritu Santu hà resu pussibule stu missaghju in e lingue materne di ste persone. Ancu oghje, u Spìritu Santu permette à e bone nutizie di Ghjesù Cristu di esse trasmesse in modi pertinenti è accessibili à tutti. Permette à i credenti cumuni di purtà testimunianze di u so missaghju in modu da ghjunghje à u core di e persone chì Diu li chjama. Cusì u Spìritu Santu riferisce a ghjente à Ghjesù, u Signore di l'universu, chì lascia lampà a luce nantu à tuttu è à tutti in questu cosmu. In u Credu di Nicea in 325 d.C. Chr. truvemu solu una breve dichjarazione nantu à u Spìritu Santu: "Criemu in u Spìritu Santu". Benchì stu credu parli assai di Diu cum'è Babbu è di Diu cum'è Figliolu, ùn duvemu micca cunclude chì l'autori di u credu trascuravanu u Spìritu Santu. Ci hè una ragione per u relativu anonimatu di u spiritu in u Credu Nicene. U teologu Kim Fabricius scrive in unu di i so libri chì u Spìritu Santu hè u so umile membru anonimu di a Trinità. Cum'è u Spìritu Santu di u Babbu è di u Figliolu, ùn cerca micca u so propiu onore, ma hè primurosu di glurificà u Figliolu, chì a so volta glorifica u Babbu. U spiritu face quessa, frà altre cose, quand'ellu ispira, permette è accumpagna di cuntinuà è compie a missione di Ghjesù in u nostru mondu oghje. Per mezu di u Spìritu Santu, Ghjesù face u travagliu significativu è à u listessu tempu ci invita à participà à ellu di listessa manera, per esempiu da noi fà amicizia cù, incuraghjendu, aiutendu è passendu tempu cù a ghjente cum'è ellu (è continua à fà). Quandu si tratta di missione, hè u chirurgu cardiacu è simu i so infermieri. Quandu participemu à questa operazione cumuna cun ellu, sperimentemu a gioia di ciò ch'ellu face è compie a so missione à u populu. Nunda in e Scritture Ebraiche o in a tradizione religiosa di u Ghjudaismu di u primu seculu ùn averebbe i discepuli nantu à l'unicu è preparanu per l'arrivu drammaticu di u Spìritu Santu in Pentecoste. Nunda in u simbulu di a pasta di pane (aduprata da i Ghjudei in a festa di u Pane senza levitu) ùn pudia avè purtatu i discìpuli à u Spìritu Santu fendu li parlà in altre lingue per permette li di sprime a bona nova quellu ghjornu per trasmette è per francà e fruntiere linguistiche. U ghjornu di e Penticoste, Diu hà fattu qualcosa di novu. 2,16f.) - una verità chì era assai più impurtante è significativu cà u miraculu di parlà in lingue.

In u pensamentu ebraicu, l'idea di l'ultimi ghjorni hè stata assuciata cù parechje profezie di l'Anticu Testamentu annantu à a venuta di u Messia è u Regnu di Diu. Allora Petru hà dettu chì una nova era era sorgita. A chjamemu u tempu di a grazia è di a verità, l'età di a chjesa o u tempu di a nova allianza in spiritu. Dapoi Pentecoste, dopu a risurrezzione è l'ascensione di Ghjesù, Diu hà travagliatu in una nova manera in stu mondu. Pentecoste fa sempre ricurdà di sta verità oghje. Ùn celebremu a Pentecoste cum'è un anticu festival per un pattu cù Diu. Celebrari ciò chì Diu hà fattu per noi quellu ghjornu ùn hè micca parte di a tradizione chiesa - micca solu a nostra denominazione, ma parechje altre.

A Pentecoste, celebremu l'atti di redentore di Diu in l'ultimi ghjorni, quandu un Spìritu Santu più profondu travaglia rinnuvatu, cambiatu, è hà equipatu per diventà i so discepuli.- Quelli discìpuli chì portanu a bona nutizia in parolle è atti, in manere chjucu è qualchì volta grandi, tuttu per l'onore di u nostru Diu è Redentore - Babbu, Figliolu è Spìritu Santu. Mi ricordu di una citazione da Johannes Chrysostomos. Chrysostomos hè una parolla greca chì significa "bocca d'oru". Stu nickname pruveni da u so maravigliu modu di predicà.

Ellu disse: "Tutta a nostra vita hè un festival. Quandu Paul hà dettu: "Festemu a festa" (1. Corinti 5,7f.), ùn vulia micca dì Pasqua o Pentecoste. Dicia chì ogni volta hè una festa per i cristiani ... Per chì bè ùn hè micca digià accadutu ? U Figliolu di Diu divintò un omu per voi. Ellu vi hà liberatu da a morte è vi chjamava à un regnu. Ùn avete micca ricivutu cose boni - è l'avete sempre? Tuttu ciò chì ponu fà hè di fà un festival per tutta a so vita. Ùn lasciate micca nimu per via di a miseria, a malatia o l'ostilità. Hè un festival, tuttu - tutta a vostra vita! ".

di Ghjiseppu Tkach


  in pdfPenticoste