Povertà è generosità

420 miseria è generosità In a seconda lettera di Paulu à i Corinzi, detti un cuntu eccellente di cumu u meravigliu rigalu di gioia afecta a vita di i credenti in una manera pratica. "Ma ci annunziamu, cari fratelli, a grazia di Diu chì hè datu in e cumunità di Macedonia" (2 Cor 8,1). Paulu ùn hà micca solu fà un rapportu minore - hà vulutu chì i fratelli è sorelle Corintu rispondevanu à a grazia di Diu in un modu simile à a chjesa in Salonicca. Ellu vulia dalli una risposta curretta è fructosa à a generosità di Diu. Paulu nota chì i Macedoni eranu "assai afflitti" è "assai poveri" - ma anu ancu "gioia esuberante" (V. 2). A so gioia ùn hè micca vinuta da un evangelu di salute è prosperità. A so grande gioia ùn hè micca venuta da avè assai soldi è beni, ma malgradu u fattu chì avianu assai pocu!

A so reazione mostra qualcosa "di l'altru mondu", qualcosa di soprannaturale, qualcosa completamente oltre u mondu naturale di l'umanità egoista, qualcosa chì ùn si pò micca spiegà da i valori di stu mondu: "Perchè a so gioia era exuberante quandu si pruvò per assai distress. è, puru sì sò assai poveri, anu datu assai in ogni simplicità » (V. 2). Hè stupente! Unisce a miseria è a gioia è chì piglia? Abundant dare! Questa ùn era micca u so percentuale chì dava. "Perchè duru chì possu tistimunianza, è anu ancu da vuluntà di e so putenze" (V. 3). Danu più chè era "raggiunevuli". Danu in sacrificiu. Beni, cum'è s'ellu fussimu abbastanza, "avemu dumandatu cun tanta cunvinzione ch'elli puderanu aiutà cù e benedizioni è a cumunione di serviziu à i santi". (V. 4). In a so miseria, anu dumandatu à Pàulu una opportunità per dà più di ciò chì hè raghjone!

Hè cusì chì a grazia di Diu hà travagliatu in i credenti in Macedònia. Hè statu un testimone di a so grande cridenza in Ghjesù Cristu. Era una testimonianza di u so amore spirituale impetu per l'altri persone - una testimonianza chì Paulu vulia chì i Corinzi sapessinu è imitanu. È hè ancu qualcosa per noi oghje se pudemu permette à u Spìritu Santu di travaglià liberamente in noi.

Prima à u Signore

Perchè i Macedoni facianu quarchi cosa "fora di stu mondu"? Pàulu dice: "... ma si dete, prima à u Signore è dopu à noi, secondu a vuluntà di Diu" (V. 5). Anu fattu per u serviziu di u Signore. U so sacrifiziu era prima di tuttu per u Signore. Hè statu un travagliu di grazia, di u travagliu di Diu in a so vita è anu scupertu chì eranu felici di fà. In risposta à u Spìritu Santu in elli, anu saputu, cridutu è agitu in questu modu perchè a vita ùn hè micca misurata da l'abbundanza di cose materiali.

Se lighjemu in stu capitulu, pudemu vede chì Paulu vulia chì i Corinzi fessinu u stessu: Ma cum'è site riccu in tutte e pezzi, in a fede è in a parolla è in a cunniscenza è in tuttu u zelo è amore chì avemu espertatu in voi, cusì dà abbundante cun questu benefiziu » (Vv. 6-7).

I Corinzi si vantavanu di a so ricchezza spirituale. Hanu avutu assai da dà, ma ùn li dete micca! Paulu li vulia chì eccessinu in generosità perchè questu hè una espressione di l'amore divinu, è l'amore hè a cosa più impurtante.

Eppuru Paulu sapi chì quantu importa una persona pò dà, ùn hè d'utilità per a persona s'ellu l'attitudine hè resentiva invece di generosa (1 Cor 13,3). Dunque ùn vole micca intimidà i Corinzi, di dàcci un cacciu, ma ellu vole fà una poca pressione nantu à elli perchè u cumportamentu di i Corinzi mancava da aspittà, è anu da esse detta chì questu era u casu. «Ùn dicu micca chì cume un ordine; ma perchè l'altri sò tantu ansiosi, verificu ancu u vostru amore s'ellu sia ghjusta » (2 Cor 8,8).

Ghjesù, u nostru pacemaker

U clergat veru ùn si trova micca in e cose chì i Corinzi si vantavanu - hè misuratu da u standard perfettu di Ghjesù Cristu chì hà datu a so vita per tutti. Paulu dunque presenta l'attitudine di Ghjesù Cristu cum'è una prova teologica di a generosità chì vulia vede in a chjesa di Corintu: «Perchè sapete a grazia di u nostru Signore Ghjesù Cristu: benchì sia riccu, hè diventatu poveru per voi, per pudè attraversà faria rica a so miseria '» (V. 9).

E più ricchezza chì riferisce Paulu ùn sò micca ricchezze fisiche. I nostri tesori sò infinitamente più grande cà i tesori fisici. Sò in celu, riservatu per noi. Ma ancu ora, se permettemu à u Spìritu Santu di travaglià in noi, pudemu digià ottene un pocu gustu di quelle ricchezze eterne.

Avà, i persone fideli di Diu stanu attraversu prucessi, ancu a miseria - è ancu, perchè Ghjesù vive in noi, pudemu esse riccu in generosità. Pudemu excelà in dà. Pudemu più di u minimu perchè ancu ora a nostra gioia in Cristu pò soprappura per aiutà l'altri.

Si pò dì assai di l'esempiu di Ghjesù, chì hà spessu parlatu di l'usu currettu di a ricchezza. In questa sezione Paul a riassume com'è "miseria". Ghjesù era prontu à fà lu stessu poveru per u nostru usu. Se u seguitamu, simu chjamati à rinunzià e cose di stu mondu, à campà secondu altri valori è à serve lu servendu à l'altri.

Alegria è generosità

Paulu hà cuntinuatu à appellu à i Corinzi: «È in questu dicu u mo parè; perchè questu hè utile per voi, chì avete principiatu l'annu passatu micca solu di fà, ma ancu di dispostu. Avà, però, fà ancu ciò chì site dispostu à vulete rializà secondu ciò chì avete » (Vv. 10-11).

"Perchè s'ellu ci hè una bona vuluntà" - se ci hè una attitudine di generosità - "hè benvenuta secondu ciò chì unu hà, micca ciò chì ùn hà" (V. 12). Paulu ùn hà micca dumandatu à i Corinzi da dà quant'è assai i Macedoni. I macedoni avianu dighjà cedutu a so furtuna; Paulu si dumandò solu à i Corintini di dà secondu a so capacità - ma u principale hè chì vulia dà generosu per esse qualcosa di volontariu.

Paulu cuntinua cun qualchi esortazioni in u Capitulu 9: "Perchè cunnosce a vostra bona vuluntà, chì ti elogio da quelli di Macedonia, quandu dicu: Achaia hè stata pronta l'annu passatu! È u vostru esempiu hà spurtatu u più » (V. 2).

Cume Paul hà utilizatu l'esempiu di i macedoni per spurtà i corinzi in generosità, prima avia adupratu l'esempiu di i Corinzi per inspirà i macedoni, apparentemente cun grande successu. I macedoni eranu cusì generosi chì Paulu hà rializatu chì i Corinzi puderanu fà assai di più chè avianu fattu. Ma s'hè vardatu in Macedònia chì i Corinzi eranu generosi. Avà vulia chì i Corinzi finissinu. Ellu voli ammonisce di novu. Ellu voli mette qualchì pressione, ma vole chì a vittima sia data voluntariamente.

«Ma aghju mandatu i fratelli per chì u nostru vantaghju per tè ùn sia micca distruttu in questu pezzu, è cusì chì vi siate dispostu, cum'è aghju dettu di voi, micca se venenu da Macedònia cun mè è vi trovu micca preparati , noi, per ùn dì: voi, sarete impastati cù sta fiducia. Dunque avà aghju cunsideratu chì hè necessariu di esortà i fratelli per avancià davanti à voi per finisce a benedizzione annunziata per chì sia pronta cum'è un rigalu di benedizzione è micca di miseria » (Vv. 3-5).

Allora ci hè un versu chì avemu intesu assai volte. "Ognunu, cum'ellu hà in mente, micca cun reticenza nè fora di sfurzamentu; perchè Diu ama un dolu felice » (V. 7). Sta felicità ùn significa micca esuberità o risa - significa chì ci piacenu di sparta i nostri beni cù l'altri perchè Cristu hè in noi. Dà ci fa sentimu bè. L'amore è a grazia travaglianu in i nostri cori di manera chì una vita di dà à pocu à pocu diventa una gioia più grande per noi.

A più grande benedizione

In questa sezione Paulu parla ancu di peghju. Se duvimu liberamente è generosamente, allora Diu ci darà ancu. Paulu ùn hà micca paura di ricurdà i Corintini di ciò chì seguita: «Ma Diu pò assicurassi chì tutte e grazie sò abbundanti trà voi, affinchì vo avete sempre piena soddisfazione in tutte e cose è sì sempre ricchi per ogni travagliu bè» (V. 8).

Paulu prumetti chì Diu sarà generoso per noi. A volte Diu ci duna cose materiali, ma questu ùn hè micca u puntu chì Paulu parla. Parla di grazia - micca di grazia di u pirdunu (ricevemu questa grazia meravigliosa per via di a fede in Cristu, micca per mezu di opere di generosità) - Paulu parla di assai altri tipi di grazia chì Diu pò dà.

Se Diu dà grazia addiziale à e chjese in Macedonia, avarianu menu soldi chè prima - ma tante più gioie! Qualchese persona sensibile, se avianu sceltu, averebbe piuttostu a miseria cun gioia chè a ricchezza senza gioia. A gioia hè a più benedizione, è Diu ci dà a più benedizzione. Certi cristiani vi puru uttene dui - ma anu ancu a rispunsabilità di utilizà tutti dui per serve l'altri.

Allora Paulu cita da l'Anticu Testamentu: "Hà spargutu è datu à i poveri" (V. 9). Di chì tippu di rigali stà parlante? "A so ghjustizia resta per sempre". U donu di a ghjustizia li supera tutti. U rigalu di esse vistu cum'è ghjustu in vista di Diu - questu hè u rigalu chì dura per sempre.

Diu riceve un core generoso

"Ma quellu chì dà sementa à u semadore è u pane per manghjà, ancu ti darà e sementi è multiplicate è lasciassi cresce i frutti di a vostra ghjustizia" (V. 10). Sta ultima frase nantu à a cugliera di a ghjustizia ci mostra chì Paulu usa l'imagine. Ùn prumette micca sementi literali, ma dice chì Diu riceve e persone generose. Da ellu chì ponu dà di più.

Dà più à a persona chì usa i rigali di Diu per serve. Certe volte torna u listessu modu, u granu per u granu, u soldi per i soldi, ma micca sempre. Certe volte ci benedica cù gioia incomincibile in ritornu di dà sacrificali. Da sempre u megliu.

Paulu hà dettu chì i Corinzi averianu tuttu ciò ch'elli avianu bisognu. Per chì scopu? Cusì sò «ricchi di ogni travagliu bè». U dice u stessu in u versu 12: "Perchè u serviziu di sta cullezzione ùn solu ùn ferma micca a penuria di i santi, funziona ancu exuberante in u fattu chì assai ringrazianu a Diu". I rigali di Diu venenu cù cundizioni, pudemu dì. Avemu da usarli, ùn l'ametti micca in un armariu.

Quelli chì sò ricchi si deve diventà riccu in boni opere. "Mandate à i ricchi di questu mondu chì ùn anu micca esse fieru, nè speranza per a ricchezza incerta, ma per Diu, chì ci offre tuttu per gudiri; chì facenu bè, si arricchiscenu di boni opere, cum'è dà, sò d'aiutu » (1 Tim 6,17: 18).

A vita reale

Chì ghjè a ricompensa per un cumpurtamentu cusì inusual, per e persone chì ùn sò micca attaccati à a ricchezza cum'è qualcosa per trattà, ma chì voluntariamente l'abbanduneghjanu? "Questu modu si recullanu un tesoru cum'è una bona raggiuni di l'avvene per piglià vita vera" (V. 19). Se avemu fiducia in Diu, prendemu a vita chì hè a vita vera.

Amici, a fede ùn hè micca una vita faciule. U novu pattu ùn ci prumette micca una vita còmode. Offre infinitamente più di 1 millione: 1 prufittu per i nostri investimenti - ma pò includà alcune vittime significative in questa vita temporaria.

Eppuru, ci sò ancu grandi benefici in questa vita. Diu dà grazia ricca in u modu (è in a so saggezza infinita) cumu ellu sà chì hè u megliu per noi. In i nostri prucessi è benedizioni, pudemu affidà a nostra vita à ellu. Pudemu cunfidallu tutte e cose, è se facemu, a nostra vita serà un testimone di a fede.

Diu ci ama tantu chì hà mandatu à u Figliolu a morire per noi, ancu quandu eravamo peccatori è nemici. Dapoi Diu hà digià dimustratu tali amore, pudemu cunfidassi in ellu per piglià a cura di noi, per u nostru bonu tempu à longu tempu, ora chì simu i so figlioli è amici. Ùn avemu micca bisognu di preoccupassi di fà "i nostri" soldi.

Collezione di ringraziu

Riturnemu 2 Corinzi 9 è rimarcemu ciò chì Paul insegna à i Corinzi circa a so generosità finanziaria è materiale. "Cusì vi sera riccu in tutte e cose, di rende in ogni simplicità chì travaglia attraversu grazia à Diu. Perchè u serviziu di sta cullezzione ùn solu ne rimette a mancanza di i santi, ma ancu mette in modu esuberante assai à Diu grazie » (Vv. 11-12).

Paulu li ricorda à i Corinzi chì a so generosità ùn hè micca solu un sforzu umanitariu - hà risultati teologichi. A ghjente ringraziallu Diu per questu perchè capiscenu chì Diu travaglia attraversu e persone. Diu u mette nantu à quelli chì danu per dà di cori. Questu hè cumu u travagliu di Diu hè fattu. "Per stu serviziu fideli elogianu Diu per a vostra ubbidenza à u Vangelu di Cristu è per a simplicità di a vostra cunvivialità cun elli è cù tutti" (V. 13). Ci hè parechji punti notevuli nantu à questu puntu. Prima, i Corintini anu pussutu dimustrà si da e so azioni. Esclamavanu in a so azzione chì a so credenza era vera. Secunna, a generosità ùn solu ùn hà micca da dà grazie, ma ancu grazie à Diu. Hè un modu di cultu. U terzu, l'accettazione di l'evangelu di grazia necessita ancu una certa ubbidenza, è chì l'ubbidienza implica u spartimentu di risorse fisichi.

Dendu per u Vangelu

Pàulu hà scrittu annantu à dà generosamente in cunnessione cù i sforzi per allevà a fame. Ma u listessu principiu s'applica à e cullezzione finanziarie chì avemu oghje in a Chiesa per sustene u vangelu è u ministeru di a Chiesa. Continuemu à sustene un travagliu impurtante. Permette à i travagliadori chì predicanu l'evangelu di guadagnà a vita da u megliu cum'è noi.

Diu ancu premia a generosità. Ancora prumessa tesori in celu è gioie eterne. U vangelu era sempre à fà e dumande per e nostre finanze. A nostra attitudine à i soldi riflette sempre a nostra credenza in ciò chì Diu face ora è per sempre. A ghjente ancora ringraziarà è elogiarà à Diu pè i sacrifizii chì facemu oghje.

Ricevemu benedizioni da i soldi chì dannemu à a chjesa - e donazioni ci aiutanu à pagà l'affittu per una sala di riunioni, per a cura pastorale, per e publicazioni. Ma e nostre donazioni aiutanu ancu à furnisce literatura per l'altri, per furnisce un locu induve a ghjente pò cunnosce una cumunità di credenti chì amanu i peccatori; per pagà un gruppu di credenti chì creanu è mantenenu un clima in quale i visitori novi ponu esse spiegati nantu à a salvezza.

Sapete queste persone Micca (ancora), ma saranu grati - o almenu ringraziate à Diu per i vostri sacrifici viventi. Hè veramente un travagliu impurtante. U più impurtante chì pudemu fà in questa vita dopu avè accettatu Cristu cum'è u nostru Redentore hè di aiutà u Regnu di Diu à cresce, per fà una differenza per permettendu à Diu di travaglià in a nostra vita.

Vogliu cuncludi cù e parolle di Paulu in i versi 14-15: «È in a so preghiera per tè vogliu aspittà per voi da a grazia esuberante di Diu cun voi. Ma ringraziate à Diu per u so rigalu indiscutibile! »

di Ghjiseppu Tkach


in pdfPovertà è generosità