Avvenu è Natale

In tutta a storia, a ghjente hà utilizatu segni è simboli una volta è una volta per trasmette qualcosa à e persone simili, ma per ammuccià da i stranieri. Un esempiu da u 1. U seculu hè u simbulu di pisci (ichthys) utilizatu da i cristiani, cù quale anu indicatu segretamente a so cunnessione à Cristu. Siccomu parechji di elli eranu perseguitati o ancu ammazzati, anu tenutu e so riunioni in e catacombe è altri lochi secreti. Per marcà u caminu, i segni di pisci sò stati disegnati nantu à i muri. Questu ùn hà micca suscitatu suspetti perchè i cristiani ùn eranu micca i primi à aduprà u segnu di pesci - i pagani l'anu digià utilizatu com'è simbulu per i so dii è deesse.

Parechji anni dopu à Mosè istituitu a lege (cumpresu u sàbatu), Diu hà datu un novu segnu per tutti l'omi - quellu di a nascita di u so Figliolu incarnatu, Ghjesù. U Vangelu di Luca riporta:

È questu hè un signu: truverete u zitellu impannillatu in diapers è stendu in un cuna. È subitu ci era cun l'ànghjulu a multitùdine di l'ospiti celesti, chì lodavanu à Diu è dissenu: Gloria à Diu in u più altu, è pace in terra à u populu di a so bona vuluntà (Luca). 2,12-14u).

A nascita di Ghjesù hè un segnu putente è permanente per tuttu ciò chì include l'avvenimentu di Cristu: a so incarnazione, a so vita, a so morte, a so risurrezzione è a so ascensione à a redenzione di tutta l'umanità. Cum'è tutti i segni, indica a direzzione; indica in daretu (è ci ramenta e prumesse è l'azzioni di Diu in u passatu) è in avanti (per mustrà ciò chì Ghjesù hà da compie per mezu di u Spìritu Santu). U racontu di Luca cuntinueghja cù un passaghju da a storia di u Vangelu spessu cuntata dopu Natale, durante a festa di l'Epifania:

Ed eccu, ci era un omu in Ghjerusalemme chì si chjamava Simeone ; è st'omu era ghjustu è ghjustu, aspittendu a cunsulazione di Israele, è u Spìritu Santu era cun ellu. È una parolla li vinni da u Spìritu Santu chì ùn avissi micca vistu a morte, salvu ch'ellu avia vistu u Cristu di u Signore prima. È ghjunse à u tempiu à u suggerimentu di u Spìritu. È quandu i genitori purtonu u zitellu Ghjesù in u tempiu per fà cun ellu, cum'è l'usu di a lege, u pigliò in i so bracce è hà lodatu à Diu è disse : Signore, avà lascià u to servitore andà in pace. disse; perchè i mo ochji anu vistu u vostru Salvatore, chì avete preparatu davanti à tutti i populi, una luce per illuminà i Gentili è per lode u vostru populu Israele. È u babbu è a mamma si dumandavanu ciò chì si dicia di ellu. È Simeone la benedisse, è disse à Maria, a so mamma : Eccu, questu hè fattu per fà falà è s'arrizta parechji in Israele, è per esse un segnu chì hè cuntraditu - è una spada trapassa ancu a vostra ànima - per chì i pinsamenti di parechji cori diventanu evidenti (Luca 2,25-35u).

Cum'è cristiani, a maiò parte di noi ùn sò micca dipendenti da i segni è i simbuli per mantene i nostri posti di riunione secreti. Hè una grande benedizzione è a nostra preghiera hè cun quelli chì anu da campà in cundizioni pessime. Qualunque sia e circustanze, tutti i cristiani sapemu chì Ghjesù hà risuscitatu trà i morti è chì u nostru Babbu Celeste attira tutte e persone in Ghjesù è per mezu di u Spìritu Santu. Avemu dunque assai à festighjà - è duvemu fà in a prossima stagione di l'Avventu è di Natale.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfAvvenu è Natale