Temparati per u nostru stessu tempu

032 tentatu per u nostru

L'Scrittura ci dice chì u nostru suvru sacerdote Ghjesù hè statu "tentatu in tuttu cum'è noi, ma senza peccatu" (Ebrei 4,15). Sta verità significativa hè riflessa in a duttrina storica cristiana, secondu a quale Ghjesù, cù a so incarnazione, hà assuciatu una funzione di vicariu, per quessa.

A parolla latina vicarius significa "per agisce cum'è rappresentante o guvernatore per qualchissia". Cù a so incarnazione, u Figliolu Eternu di Diu divintò umanu mentre priservò a so divinità. In questu cuntestu, Calvinu parlava di u "scambiu miraculosu". TF Torrance hà utilizatu u terminu sustituzione: "Cù a so Incarnazione u Figliolu di Diu s'hè umiliatu, hà pigliatu u so postu in u nostru è si pusò trà noi è Diu u Babbu, è cusì hà pigliatu nantu à ellu tutta a nostra vergogna è a cundanna - è micca cum'è un terzu. Partitu Persona, ma cum'è quellu chì hè Diu stessu "(Atonement [espiazione], p. 151). In unu di i so libri, u nostru amicu Chris Kettler si riferisce à "a forte interazzione trà Cristu è a nostra esistenza umana à u livellu di a nostra esistenza, u livellu ontologicu", chì spiegà quì sottu.

Cù a so umanità vicaria, Ghjesù hè per tutta l'umanità. Hè u sicondu Adamu chì hè assai superiore à u primu. Rapprisintendu à noi, Ghjesù hè statu battizatu in u nostru locu - u senza peccatu in u locu di l'umanità peccata. U nostru battèsimu hè dunque una participazione in u so. Ghjesù hè statu crucifissu per noi è hè mortu per noi chì pudemu campà (Rumani 6,4). Allora hè vinuta a so risurrezzione da a tomba, cù quale ci hà fattu vivu in u stessu tempu cum'è ellu stessu (Efesini 2,4-5). Questu hè statu seguitu da a so ascensione à u celu, cù quale ci hà datu un postu à u so fiancu in u regnu quì (Efesini 2,6; Bibbia di Zurich). Tuttu ciò chì Ghjesù hà fattu, hà fattu per noi, invece di noi. È questu include a so tentazione in nome di noi.

Mi pare incuragente di sapè chì u nostru Signore hà affruntatu e stesse tentazioni chì aghju avutu - è li hà resistutu per contu me, per contu meiu. Affruntà è resistere à e nostre tentazioni era unu di i motivi per chì Ghjesù andò in u desertu dopu u so battesimu. Ancu quandu u nemicu l'inghjulava quallà, stava fermu. Hè u vincitore - in nome di mè, in u mo locu. Capisce questu face un mondu di differenza!
L'altru ghjornu aghju scrittu annantu à a crisa d'identità chì parechji passanu. Facendu cusì, aghju toccu in trè modi inutili chì a ghjente si identificanu tipicamente: avia da resiste. In a so funzione di rappresentante umanu, hà scontru è resistitu à ella in u nostru locu. "Per u nostru bene è invece di noi, Ghjesù hà campatu quella vita vicaria cù a massima fiducia in Diu è a so gràzia è a so bontà" (Incarnation, p. 125). Hà fattu questu per noi cù a certezza chjara di quale era: u Figliolu di Diu è u Figliolu di l'omu.

Per pudè resistere à a tentazione in a nostra vita, hè impurtante sapè quale simu in realtà. Cum'è peccatori salvati da grazia, avemu una nova identità: simu i fratelli è surelle amati di Ghjesù, figlioli cari di Diu. Questa ùn hè micca una identità chì meritemu è certamente micca una chì l'altri ci ponu dà. Innò, ci hè stata data da Diu per mezu di l'incarnazione vicaria di u so Figliolu. Ci vole solu a fiducia in ellu per esse quellu chì hè in realtà per noi per riceve sta nova identità da ellu cun una grande gratitudine.

Tiremu forza da a cunniscenza chì Ghjesù hà sappiutu superà l'ingannu di e tentazioni sottili ma cusì efficaci di Satanassu in quantu à a natura è a fonte di a nostra vera identità. Portatu da a vita in Cristu, ricunniscimu in a certezza di st'identità chì ciò chì prima ci tentava è ci facia peccà diventa sempre più debule. Facendu a nostra vera identità è lasciendula sbuccà in a nostra vita, guadagnemu forza, sapendu chì hè inerente à a nostra relazione cù u Diu Triunu, chì hè fidu è pienu d'amore per noi è i so figlioli.

Se ùn simu micca sicuri di a nostra vera identità, però, a tentazione hè assai prubabile di ritruvà. Pudemu allora dubbità u nostru Cristianesimu o l'amore incondizionatu di Diu per noi. Pudemu esse inclinati à crede chì u fattu stessu chì simu tentati equivale à u graduale alluntanamentu di Diu da noi. A cunniscenza di a nostra vera identità cum'è i zitelli sinceri amati di Diu hè un rigalu generosu. Pudemu sentu sicuru grazia à a cunniscenza chì Ghjesù cù a so incarnazione vicaria per noi - invece di noi - hà resistutu à tutte e tentazioni. Sapendu questu, si peccamu (chì hè inevitabbile), pudemu ripiglià di colpu di novu, fà e currezzione necessarie è cunfidemu chì Diu ci muverà avanti. Iè, quandu cunfessemu i nostri peccati è avemu bisognu di u pirdunu di Diu, questu hè un signu di cumu Diu cuntinueghja à stà à u nostru latu incondizionatamente è fedelmente. S'ellu ùn era micca u casu, è s'ellu ci avia veramente lasciatu, ùn ci vulteremu mai più à ellu di a nostra propria vuluntà per accettà a so grazia generosa è cusì sperimentà u rinnuvamentu grazia à a so accettazione, chì scontru à braccia aperte. Vultemu u nostru sguardu à Ghjesù, chì, cum'è noi, hè statu tentatu in ogni rispettu senza succumbing à u peccatu. Fighjemu in a so grazia, amore è forza. E lodemu à Diu perchè Ghjesù Cristu hà triunfatu per noi in a so incarnazione vicaria.

Purtatu da a so grazia è a verità,

Ghjiseppu Tkach
U presidente GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


in pdfTemparati per u nostru stessu tempu