pratica di prighera

174 pratica di preghiera Parechji di voi sà chì quandu viaghju, vogliu dì u mo rispettu in a lingua lucale. Sò felice di andà oltre un semplice "bonghjornu". Certe volte, però, una sfumatura o delicatezza di a lingua mi confonde. Ancu se aghju amparatu un pocu di parolle in diverse lingue è alcune grecu è ebraicu in i mo studii annantu à l'anni, l'inglesu resta a lingua di u mo core. Dunque hè ancu a lingua in chì prega.

Quandu pensu à a preghiera, mi ricordu una storia. Ci era un omu chì vulia pricà cum'è megliu pudia. Cum'è un Ebreu, hà sappiutu chì u ghjudaisimu tradiziunale pricava enfaticamente in Ebreu. Cum'è un analfabeto, ùn cunnosci micca a lingua ebraica. Cusì hà fattu u solu ciò chì sapia cumu fà. Continuava a ripetiri l'alfabetu ebraicu in e so preghiere. Un rabbi hà intesu l'omu chì pricava è li dumandò perchè a facia. L'omu hà rispostu: "U santu, benedettu sia, sà ciò chì hè in u mo core. Da le lettere è riunisce e parolle".

Pensu chì Diu hà intesu pregà l'omu perchè prima di tuttu, Diu preocupa u core di quelli chì preghjanu. E parolle sò ancu impurtanti perchè trasmettenu u significatu di ciò chì hè statu dettu. Diu chì El Shama (u Diu chì sente u Salmu 17,6) sente a preghiera in tutte e lingue è capisce l'intricacie è i sfumaturi di ogni preghiera.

Quandu leghjemu a Bibbia in inglese, si pò facirmenti mancare alcune di e sutilezioni è di sfumaturi di significatu chì l'origine bibliche ci dà in Ebreu, in Aramaicu è in Grecu. Per esempiu, a parola ebraica mitzvah hè tipicamenti tradutta in a parola inglese bid. Ma da questa perspettiva, unu hè inclinatu à vede à Diu cum'è un disciplinatu strettu chì amministra regulamenti incriminanti. Ma Mitzvah tistimonia chì Diu benedica è privilege u so pòpulu è ùn li micca impastatu. Quandu Diu hà datu a so mitzvah à u so populu sceltu, prima hà stabilitu e benedizioni chì portanu ubbidienza, in cuntrastu à e maledizioni chì venenu da disubbidienza. Diu hà dettu à u so pòpulu: "Vogliu chì tù campassi in questu modu, per chì avete a vita è esse una benedizzione per l'altri". U populu sceltu era onuratu è privilegiatu d'esse cun Diu è era ansiosu di serve lu. Ella hà amparatu grazia à Diu di vive in sta rilazione cù Diu. Da questa perspettiva, duvemu ancu avvicinassi u sughjettu di a preghiera.

U ghjudaisimu hà interpretatu a Bibbia ebraica cum'è esigente a preghiera formale trè volte à ghjornu è volte supplementu u sabbatu è e vacanze. Ci era una preghiera speciale prima di i pranzi è quandu i vistimenti novi sò stati messi, mani lavate è candele accese. Ci sò stati ancu preghiere speciale quandu ci era qualcosa di insolitu per vede, un arco iris maestosu o altri avvenimenti eccezziunamente belli. Sì i percorsi crucivanu cun un rè o altre tariffu o se accadenu grandi tragedie, cum'è B. una lotta o terrimotu. Ci era preghiera speciale quandu qualcosa straordinariamente bellu o male hè accadutu. Preghiera prima di andà in lettu à a sera è dopu à cullà in a mattina. Ancu se stu approcciu à a preghiera puderia diventà rituale o fastidiosu, u so scopu era di facilità a cumunicazione constante cù quellu chì fighja è benedica u so populu. L'apostulu Paul hà aduttatu questa intenzione quandu esorta i seguitori di Cristu in 1 Tesaloniciani 5,17: "Ùn mai piantà di pregà". Fà cusì significa vive a vita cun scopu di cuscenza prima di Diu, esse in Cristu è unisce cun ellu in u serviziu.

Questa perspettiva di relazione ùn significa micca rinunzià à tempi di preghiera fissi è micca avvicinallu di manera strutturata in a preghiera. Un cuntempuraneu m'hà dettu: "Precu quandu mi sentu inspiratu". Un altru hà dettu: "Pregu quandu hè sensu fà questu". Pensu chì i dui cumenti trascuranu u fattu chì a preghiera in corsu hè una spressione di a nostra intima relazione cù Diu in a vita d'ogni ghjornu. Questu mi ramenta Birkat HaMazon, una di e preghere più significative in u ghjudaisimu, chì si dice à i pasti urdinarii. Si riferisce à Deuteronomiu 5:8,10, chì dice: "Quandu avete assai da manghjà, lode u Signore u to Diu per a bona terra ch'ellu ti hà datu". Quandu aghju godutu un pastu deliziosu, tuttu ciò chì possu fà hè di esse grata à Diu chì m'hà datu. Aumentà a nostra cuscenza di Diu è u rolu di Diu in a nostra vita d'ogni ghjornu hè unu di i grandi scopi di a preghiera.

Sì pregemu solu quandu ci sentimu ispirati per fà cusì, se sapemu digià di a presenza di Diu, ùn suscitaremu più a nostra cuscenza di Diu. L'umiltà è a timura di Diu ùn venenu micca solu per noi. Questa hè una altra ragione per fà a preghiera una parte di u dialogu cù Diu. Nota, se vulemu fà qualcosa di bè in questa vita, avemu da praticà a preghiera, ancu s'è no ci piace. Questa si appiega à a preghiera cum'è à l'attività sportiva o a maestria di un strumentu musicale è, ma micca menu impurtante, di diventà un bon scrittore (è parechji di voi sapete chì a scrittura ùn hè micca una di e mo attività preferite).

Un sacerdote ortodox m'hà dettu chì hà fattu a croce tradiziunale durante a preghiera. Quandu si sveglia, a prima cosa à ringrazià hè di vive un altru ghjornu in Cristu. Mentre ellu crucifissu, hà finitu a preghiera cù e parolle: "In nome di u Patre è di u Figliolu è di u Spìritu Santu". Unipochi dicenu chì sta pratica hè stata subitu sottu à a cura di Ghjesù cum'è un sustitutu di a pratica ebraica di portà cinghje di preghiera, altri dicenu chì hè ghjunta dopu à a risurrezzione di Ghjesù. chì era una pratica cumuna in u 200 d.C., quandu Tertulianu hà scrittu: "In tuttu ciò chì facemu, avemu messu u segnu di a croce nantu à a nostra fronte. Ogni volta chì entremu o lascemu un postu; prima di vestimu; prima di bagnàvamu; quandu piglià u pranzu; quandu accendemu i lampade à a sera; prima di andà à dorme; quandu sentemu à leghje; prima di ogni compitu tirate u segnu di a croce nantu à a testa ".

Ancu se ùn vi dicu micca chì avemu bisognu di accettà ogni rituali di preghiera speciale, inclusi crucifissà di noi stessi, ti pregu a prega regularmente, in modu coerente è incessante. Questu ci duna assai manere utili di sapè quale Diu hè è quale simu in relazione cun ellu in modu chì pudemu sempre pricà. Pudete imaginate cumu a nostra relazione cù Diu avarria a pena s'è avemu pensatu è adoratu Diu in a mattina, tuttu u ghjornu, è prima di dorme? Sè avemu agisce in questu modu, certamente aiutarà à conscientemente "camminà" u ghjornu, cunnessu mentalmente cù Ghjesù.

Mai piantà di pricà

Ghjiseppu Tkach

U presidente GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


PS: Per piacè unite cun mè è assai altri membri di u Corpo di Cristu in preghiera per l'amati di e vittime per mezu di un tiroteu durante una riunione di preghiera in l'Episcopale di u Metodist Africanu Emanuel. (AME) Chjesa in u centru di Charleston, South Carolina, anu mortu. Nove di i nostri fratelli è sorelle cristiani sò stati assassinati. Stu incidente vergugnosu, odiosu, ci mostra chocanti chì vivemu in un mondu falatu. Ci mostra chjaramente chì avemu un mandatu à pregà fervente per a venuta finale di u Regnu di Diu è per u ritornu di Ghjesù Cristu. Fighjemu tutti in una preghiera per e famiglie chì stanu soffre di questa perdita tragica. Preguemu ancu per a chjesa AME. Vi maravigliatu di a manera di risponde secondu a grazia. Un amore core è un perdonu in mezzo di una tristezza eccessiva. Cosa tremenda testimonianza di l'evangelu!

Includite dinò tutte e persone in a nostra preghiera è l'intercessione chì soffrenu di viulenza umana, malatie o altre difficoltà questi ghjorni.


in pdfpratica di prighera