Diu u vasier

193 dio u pignattore Ricurdativi quandu Diu hà purtatu l'attenzione di Jeremiah à u discu di u vasu (Jer. 1 Nov.8,2-6) ? Diu hà utilizatu l'imaghjini di u vasu è l'argilla per insignà una lezione putente. Messaggi simili chì utilizanu l'imaghjini di u vasu è l'argilla si trovanu in Isaia 45,9 è 64,7 cum'è in Rumani 9,20-21.

Unu di i mo tazzi preferiti, chì spessu usi per bevi u tè in l'uffiziu, porta una stampa di a mo famiglia. Quand'ellu mi guardu, mi ricurdeghja a storia di u tavulinu di parlà. A storia hè cuntata da u Teaup in prima persona è spiega cumu hè diventatu ciò chì era u so creatore.

Ùn aghju micca sempre un bellu tavulinu. Eru uriginalemente solu un foru informale di arcilla soia. Ma qualchissia m'hà messu annantu à un discu è hà cuminciatu à girare u discu cusì veloce chì mi ha ingannatu. Mentre, aghju vultatu, sbuffatu, strittu è stracciatu. Aghju gridatu: "Stop!" Ma aghju ottenutu a risposta: "Ancora micca!".

Finalmente hà righjatu a finestra è mi mette in u fornu. Hè diventatu più caldu è più caldu finu à aghju gridatu: "Stop!" In novu aghju ricevutu a risposta "Ancora micca!" Finalmente mi pigliò da u fornu è hà cuminciatu à applicà a pittura per mè. U fumu mi faia male, è di novu aghju gridatu: "Stop!" E una volta a risposta hè stata: "Ancora micca!".

Dopu mi pigliò da u fornu è dopu avè rinfrescu, mi messe à u tavulinu davanti à un specchiu. Eru maravigliatu! Lu pignulaghjolu avia fattu qualcosa di bella da un pappale di arcilla inutile. Semu tutti unghji di arcilla, ùn hè micca? Chjappendu una rota di u cupulariu di sta terra, u nostru maestru ceramista ci face a nova creazione chì duvemu esse secondu a so vuluntà!

Parlendu di e difficultà di sta vita chì ci pare di scuntrà cusì spessu, Paul hà scrittu : « Ùn ci stanchemu micca per quessa ; ma ancu s'è u nostru omu esterno deteriorate, l'omu internu hè rinnuvatu da ghjornu à ghjornu. Perchè a nostra tribulazione, chì hè tempurale è faciule, crea una gloria eterna è pesante per noi chì ùn vedemu micca u visibile, ma l'invisibile. Perchè ciò chì hè visibile hè tempurale; ma ciò chì hè invisibile hè eternu "(2. Corinti 4,16-17u).

A nostra speranza si trova in qualcosa chì hè fora è fora di stu mondu presente. Avemu fiducia in a Parolla di Diu, truvamu e nostre tribulazione attuale faciuli è puntuali cumparatu cù ciò chì Diu hà riservatu per noi. Ma sti prucessi sò parti di u modu di vita cristiana. In Rumani 8,1718 leghjemu : « Ma s'è no simu figlioli, simu ancu eredi, vale à dì l'eredi di Diu è l'eredi di u Cristu, s'è no soffremu cun ellu, per pudè ancu esse risuscitatu à a gloria cun ellu. Perchè sò cunvinta chì stu tempu di soffrenza ùn pesa micca contru à a gloria chì ci hè da esse revelata ".

Avemu sparte in i soffrenze di Cristu in parechje manere. Certi, sicuru, sò martirizzati per e so credenze. Tuttavia, a maiò parte di noi sparte in i soffrenze di Cristu in altri modi. L'amici ci ponu tradisce. A ghjente spessu ci sbaglia, ùn ci valuta micca, ùn ci ama micca o ancu abusa di noi. Eppuru, cum'è seguitemu à Cristu, pardunemu cum'ellu ci hà pardunatu. Si sacrificò quandu eramu i so nemici (Rom. 5,10). Hè per quessa ch'ellu ci chjama à fà un sforzu extra per serve à e persone chì abusanu di noi, ùn ci anu micca valore, ùn ci capiscenu micca o ùn ci piacenu micca.

Solu "à a basa di a misericordia di Diu" simu chjamati à esse "sacrifici viventi" (Rom. 1).2,1). Diu hè attivu in noi per mezu di u Spìritu Santu per trasfurmà in l'imaghjini di Cristu (2. Corinti 3,18), qualcosa di incommensurabilmente megliu cà un pezzu di argilla sodden!

Diu hè attivu in ognunu di noi, in tutti l'avvenimenti è e sfide chì venenu cù a nostra vita. Ma più di e difficultà è di i prucessi affruntati, sia chì implichinu salute o finanziu o a perdita di un amatu, Diu hè cun noi. Perfecciona, ci cambia, ci forma è ci forma. Diu ùn lascerà mai o manca ci. Hè cun noi in tutte e lotte.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfDiu u vasier