Diu u vasier

193 dio u pignattore Ricurdativi quandu Diu hà turnatu l'attenzione di Ghjeremia à u discu di u ceramicu (Ghjerusalemme 18,2-6)? Diu hà utilizatu l'imaghjini di u vastu è di l'argilla per insignà una lezzione putente. Messaggi simili chì utilizanu l'imaghjini di u vastu è di l'argilla ponu truvà in Isaias 45,9 è 64,7 è in Rumani 9,20-21.

Unu di i mo tazzi preferiti, chì spessu usi per bevi u tè in l'uffiziu, porta una stampa di a mo famiglia. Quand'ellu mi guardu, mi ricurdeghja a storia di u tavulinu di parlà. A storia hè cuntata da u Teaup in prima persona è spiega cumu hè diventatu ciò chì era u so creatore.

Ùn aghju micca sempre un bellu tavulinu. Eru uriginalemente solu un foru informale di arcilla soia. Ma qualchissia m'hà messu annantu à un discu è hà cuminciatu à girare u discu cusì veloce chì mi ha ingannatu. Mentre, aghju vultatu, sbuffatu, strittu è stracciatu. Aghju gridatu: "Stop!" Ma aghju ottenutu a risposta: "Ancora micca!".

Finalmente hà righjatu a finestra è mi mette in u fornu. Hè diventatu più caldu è più caldu finu à aghju gridatu: "Stop!" In novu aghju ricevutu a risposta "Ancora micca!" Finalmente mi pigliò da u fornu è hà cuminciatu à applicà a pittura per mè. U fumu mi faia male, è di novu aghju gridatu: "Stop!" E una volta a risposta hè stata: "Ancora micca!".

Dopu mi pigliò da u fornu è dopu avè rinfrescu, mi messe à u tavulinu davanti à un specchiu. Eru maravigliatu! Lu pignulaghjolu avia fattu qualcosa di bella da un pappale di arcilla inutile. Semu tutti unghji di arcilla, ùn hè micca? Chjappendu una rota di u cupulariu di sta terra, u nostru maestru ceramista ci face a nova creazione chì duvemu esse secondu a so vuluntà!

Quand'ellu hà parlatu di e difficoltà di sta vita, chì sembravamo incontru cusì spessu, Paulu hà scrittu: «Hè per quessa chì ùn ci ne stanchizemu; ma se a nostra persona esterna deca ancu, l'internu hè rinnuvatu da u ghjornu. Perchè a nostra affliczione, chì hè tempurale è luminosa, crea una gloria eterna è sopra tutta a massa, noi, chì ùn vedemu micca in u visibile, ma nantu à l'invisibile. Perchè ciò chì hè visibile hè tempurale; ma ciò chì hè invisibile hè eternu » (2 Corintini 4,16: 17).

A nostra speranza si trova in qualcosa chì hè fora è fora di stu mondu attuale. Avemu fiducia in a Parola di Diu, cunsideremu i nostri tribulazioni prisenti per esse ligeri è puntuali cumparatu à ciò chì Diu hà in magazzini per noi. Ma sti testi sò parte di u modu di vita cristiana. In Romani 8,17: 18 legu: "Ma se noi, siamo figlioli, simu eredi, à dì l'eredi di Diu è l'eredei cumuni di Cristu, se soffremu cun ellu, affinchì noi siamo esaltati di gloria. Perchè sò cunvinta chì questa volta a soffrenza ùn conta micca da a gloria chì deve esse rivelata per noi. »

Avemu sparte in i patimenti di Cristu in parechji modi. Certi, benintesa, sò martirizati per e so credenze. Tuttavia, a maiò parte di noi sparte in i patimenti di Cristu in altre manere. L'amichi ci ponu tradisce. A ghjente spessu ùn ci capiscenu micca, ùn ci apprezzanu micca, ùn ci amanu nè mancu abbughjatu. Tuttavia, cum'è seguitemu à Cristu, perdunemu cumu Ellu ci ha perdonatu. Si sacrificò sè stessu quandu eramu i so nemici (Rum. 5,10). Hè per quessa chì ci chjama per fà un sforzu speciale per serve quelli chì ci abusu di noi, ùn ci valurizeghjanu, ùn ci capiscenu micca, o ùn ci piacenu micca.

Solu "a causa di a misericordia di Diu" simu chjamati à esse "vittime viventi" (Rum. 12,1). Diu hè attivu in noi per mezu di u Spìritu Santu per trasfurmassi in l'imaghjini di Cristu (2 Corinzi 3,18), qualcosa immensurablemente megliu chè un grappulu di arcilla impregnata!

Diu hè attivu in ognunu di noi, in tutti l'avvenimenti è e sfide chì venenu cù a nostra vita. Ma più di e difficultà è di i prucessi affruntati, sia chì implichinu salute o finanziu o a perdita di un amatu, Diu hè cun noi. Perfecciona, ci cambia, ci forma è ci forma. Diu ùn lascerà mai o manca ci. Hè cun noi in tutte e lotte.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfDiu u vasier