Cù chì corpu i morti saranu resuscitati?

388 cun quale corpu risuscenderà i morti Hè a speranza di tutti i cristiani chì i credenti seranu risuscitati à a vita immortale à l'apparizione di Cristu. Per quessa, ùn deve esse micca surprisante chì quandu l'apòstulu Paulu hà intesu chì certi membri di a Chjesa Corintina nigavanu a risurrezzione, a so mancanza di cumprinsione in u so 1. Lettera à i Corinti, capitulu 15, rigettata vigorosamente. Prima, Paul hà ripetutu u missaghju evangelicu chì anu ancu professatu: Cristu hè risuscitatu. Paul hà ricurdatu chì u corpu di Ghjesù crucifissu hè statu postu in una tomba è risuscitatu in persona à a gloria trè ghjorni dopu (versi 3-4). Dopu spiegò chì Cristu, u nostru precursore, hà risuscitatu à a vita da a morte - per guidà in a strada di a nostra risurrezzione futura à a so apparizione (versi 4,20-23).

Cristu hà risuscitatu

Per cunfirmà chì a risurrezzione di Cristu era veramente vera, Pàulu s'appoghjava nantu à più di 500 tistimunianzi à quale Ghjesù apparsu dopu ch'ellu hè statu risuscitatu. A maiò parte di i Testimoni eranu sempre vivi quandu hà scrittu a so lettera (versi 5-7). Cristu era ancu apparsu à l'apòstuli è à Paulu personalmente (verse 8). U fattu chì tante persone avianu vistu à Ghjesù in a carne dopu à a sepultura significava chì era risuscitatu in a carne, ancu s'è Paul in Gen.5. Capitulu ùn hà micca espressamente cummentatu.

Ma hà lasciatu i Corinzi sapiri chì seria assurdu è chì, per a fede cristiana, hà cunsequenze assurde se ci era dubbie riguardanti a futura risurrezzione di i credenti - perchè credevanu chì Cristu era risuscitatu da a tomba. Logicamente, ùn credi micca in a risurrezzione di i morti significava di nigà chì Cristu stessu hà risuscitatu. Ma s’ellu ùn era risuscitatu Cristu, i credenti ùn averianu nisuna speranza. Tuttavia, Pàulu hà scrittu à i Corintini chì Cristu era risuscitatu, dendu à i credenti a certezza di averu ancu risurrezzione.

U messagiu di Paul nantu à a risurrezzione di i credenti hè centru in Cristu. Spiega chì u putere di salvezza di Diu per mezu di Cristu in a so vita, morte è risuscitazione permette a risurrezzione futura di i credenti - è cusì a vittoria ultima di Diu nantu à a morte (versi 22-26, 54-57).

Pàulu avia pridicatu sta bona nutizia una volta è una volta - chì Cristu era statu risuscitatu à a vita è chì i credenti seranu ancu risuscitati quandu ellu apparsu. In una lettera precedente, Paul hà scrittu: "Perchè si crede chì Ghjesù hè mortu è risuscitatu, Diu purterà ancu cun ellu per mezu di Ghjesù quelli chì si sò addurmintati".1. Tessalonicesi 4,14). Sta prumessa era, Paul hà scrittu, in cunfurmità "cù una parolla di u Signore" (v. 15).

A Chjesa s'affidò di sta speranza è a prumessa di Ghjesù in le Scritture è hà insegnatu da u principiu in a credenza in a risurrezzione. In u Credu Nicene da u 381 AD dice: "Aspettemu a risurrezzione di i morti è a vita di u mondu à vene". E u Credu di l'Apòstuli versu u 750 d.C. confirma: "Credu in ... a ... risurrezzione di i morti è di a vita eterna".

A question di u novu corpu in a risurrezzione

Im 1. In Corinthians 15 Paul hà rispostu specificamente à l'incredulità di i Corinti è l'incomprensione di a risurrezzione fisica: "Ma qualcunu puderia dumandà: Cumu risuscitarà i morti, è cù quale tipu di corpu veneranu?" (Versu 35). A quistione quì hè cumu a risurrezzione avaristi - è chì corpu, s'ellu ci hè, u risuscitatu riceve per a nova vita. I Corinti pensanu erroneamente chì Paul hà parlatu di u stessu corpu mortale è peccatu chì pussedevanu in questa vita.

Perchè avianu bisognu di un corpu à a risurrezzione, si sò dumandati, in particulare un corpu cum'è corruzzione cum'è l'attuale? Ùn avianu digià ottinutu u scopu di salvezza spirituale è ùn si devebbenu liberà da u so corpu? U teologu Gordon D. Fee dice: "I Corinzi anu cunvintu ch'elli anu digià principiatu l'esistenza spirituale prumessa," celeste "per u donu di u Spìritu Santu, è in particulare per l'apparenza di e lingue. Solu u corpu chì avia da esse cacciatu quandu a morte a siparò da a so spiritualità finale ».

I Corinzi ùn anu micca capitu chì u corpu di a risurrezzione era di un tipu più altu è diversu cà u corpu fisicu attuale. Avianu bisognu di stu novu corpu "spirituale" per a vita cun Diu in u regnu di i celi. Pàulu hà datu un esempiu di l'agricultura per illustrà a gloria più grande di u corpu celeste paragunatu à u nostru corpu fisicu terrenale: Hà parlatu di a differenza trà una semente è a pianta chì ne cresce. A sumente pò "more" o perisce, ma u corpu - a pianta chì ne nasce - hà una gloria assai più grande. "È ciò chì semini ùn hè micca u corpu chì duverà diventà, ma un semplice granu, sia di granu sia d'altru", hà scrittu Paulu (versu 37). Ùn pudemu micca prevede cumu serà u nostru corpu di risurrezzione paragunatu à e caratteristiche di u nostru corpu fisicu attuale, ma sapemu chì u novu corpu serà assai, assai più gluriosu - cum'è a quercia paragunatu à a so semente, a ghjanda.

Pudemu esse sicuri chì u corpu di risurrezzione in a so gloria è l'infinitu renderà a nostra vita eterna assai più magnifica di a nostra vita fisica attuale. Paulu hà scrittu: «Cusì dinù a risurrezzione di i morti. Serà suminatu perisgibile è serà risuscitatu imperisevule. Hè suminatu in umiltà è hè risuscitatu in gloria. Serà suminata in a puvertà è serà risuscitata in u putere »(versi 42-43).

U corpu di a risurrezzione ùn serà micca una copia o una riproduzione esatta di u nostru corpu fisicu, dice Paul. Inoltre, u corpu chì avemu ricevutu à a risurrezzione ùn serà micca custituitu da i stessi atomi cum'è u corpu fisicu in a nostra vita terrena, chì hè putru o distruttu à a morte. (In più di questu - chì corpu riceveriamu: u nostru corpu à l'età di 2, 20, 45 o 75 anni?) U corpu celeste si distingue in a so qualità è gloria da u corpu terrenu - cum'è una meravigliosa farfalla chì face a so capunanzu, prima abitazione di un brucu bassu.

Corpu naturali è corpu spirituali

Ùn ci hè micca nunda chì speculanu nantu à ciò chì u nostru corpu di risurrezzione è a vita immortale pareranu. Ma pudemu fà qualchì dichjarazione generale nantu à a grande differenza in a natura di i dui corpi.

U nostru corpu attuale hè un corpu fisicu è dunque sottumessu à a corruzzione, a morte è u peccatu. U corpu di risurrezzione significarà una vita in una altra dimensione - una vita immortale, immortale. Paul dice: "Hè suminatu un corpu naturali è hè risuscitatu un corpu spirituale" - micca un "corpu spirituale", ma un corpu spirituale, per pudè fà ghjustizia à a vita chì vene. U novu corpu di i credenti à a risurrezzione serà "spirituale" - micca immateriale, ma spirituale in u sensu chì hè statu creatu da Diu per esse cum'è u corpu glurificatu di Cristu, trasfurmatu è "adattatu à a vita di u Spìritu Santu per l'eternità". " ». U novu corpu serà cumplettamente reale; i credenti ùn saranu micca spiriti disincarnati o fantasmi. Paul cuntrasta Adam è Ghjesù per mette in risaltu a diffarenza trà u nostru corpu attuale è u nostru corpu risuscitatu. « Cum'è u terrenu hè, cusì sò ancu i terreni ; è cum'è u celu hè, cusì sò ancu i celesti » (v. 48). Quelli chì sò in Cristu quandu ellu apparisce averà un corpu di risurrezzione è a vita in a forma è l'esse di Ghjesù, micca a forma è l'esse d'Adam. "È cum'è avemu purtatu l'imaghjini di u terrenu, cusì purteremu ancu l'imaghjini di u celu" (v. 49). U Signore, dice Paul, "trasformarà u nostru corpu vanu, affinchì diventerà cum'è u so corpu glurificatu" (Filippesi 3,21).

Vittoria annantu à i morti

Questu significa chì u nostru corpu di risurrezzione ùn serà micca fattu di carne è sangue peribule cum'è u corpu chì avemu avà cunnisciutu - ùn hè più dipendente di l'alimentariu, l'ossigenu è l'acqua per pudè campà. Pàulu hà dettu in modu enfaticu: "I dicu questu, fratelli è surelle, chì a carne è u sangue ùn ponu eredite u regnu di Diu; nè u peribule erediterà l'incorruttibilità "(1. Corinti 15,50).

À l'apparizione di u Signore, i nostri corpi murtali seranu mutati in corpi immurtali - in vita eterna è ùn seranu più sottumessi à morte è decadenza. E queste sò e parolle di Paulu à i Curinzi: «Eccu, a vi dicu un secretu: ùn dormiremu micca tutti, ma seremu tutti mutati; è di colpu, in un mumentu, à u mumentu di l'ultima tromba [una metafora per a venuta di Cristu]. Perchè a tromba sunerà, è i morti risusciteranu incorruptibili, è seremu cambiatu »(versi 51-52).

A nostra risurrezione corporale à a vita immurtale hè una fonte di gioia è nutrimentu per a nostra speranza cristiana. Paul dice: "Ma se questu periscibile attrae l'incorruptibilità, è ciò chì hè mortale attrae l'immortalità, allora a parolla chì hè scritta:" A morte hè inghjuttita in a vittoria "(v. 54) serà cumpleta.

di Paul Kroll