Cù chì corpu i morti saranu resuscitati?

388 cun quale corpu risuscenderà i morti Tutti i cristiani speranu chì i credenti risuscenderanu à a vita immortale quandu Cristu appare. Per quessa, ùn hè micca surprisante chì l'apòstulu Paulu, quandu hà intesu dì chì certi membri di a Chiesa in Corintu rifiutonu a risurrezzione, rifiutonu in modu forte a so mancanza di capiscitura in a so prima lettera à i Corinzi, capitulu 1. A prima cosa chì Paul hà ripetutu era u messaghju di l'evangelu di quale anu ancu prufessi: Cristu hà risuscitatu. Paulu hà ricurdatu cumu u corpu di Ghjesù crucifissu era postu in una tomba è incarnatu trè ghjorni dopu per a gloria (Versi 3-4). Dopu ci hà spiegatu chì Cristu, u nostru precursore, era risuscitatu da a morte à a vita - per mustràci u caminu à a nostra futura risurrezzione quandu apparsu (Versi 4,20-23).

Cristu hà risuscitatu

Per riaffirmà chì a risurrezzione di Cristu era veramente vera, Paulu riferenza à più di 500 testimoni à i quali Ghjesù era appressu dopu à ellu hè statu purtatu à a vita. A maiò parte di i testimoni eranu ancora vivi quandu ellu hà scrittu a so lettera (Versi 5-7). Cristu avia ancu apparsu in modu persunale à l'apòstuli è à Paulu (Verse 8). U fattu chì tanta ghjente hà vistu Ghjesù incarnatu dopu l'enterramentu significava ch'ella era incarnata, ancu se Paulu ùn hà micca spiegatu esplicitamente questu in Capitulu 15.

Ma hà lasciatu i Corinzi sapiri chì seria assurdu è chì, per a fede cristiana, hà cunsequenze assurde se ci era dubbie riguardanti a futura risurrezzione di i credenti - perchè credevanu chì Cristu era risuscitatu da a tomba. Logicamente, ùn credi micca in a risurrezzione di i morti significava di nigà chì Cristu stessu hà risuscitatu. Ma s’ellu ùn era risuscitatu Cristu, i credenti ùn averianu nisuna speranza. Tuttavia, Pàulu hà scrittu à i Corintini chì Cristu era risuscitatu, dendu à i credenti a certezza di averu ancu risurrezzione.

U messagiu di Paul circa la risurrezzione di i fideli hè centratu nant'à Cristu. Spiega chì a salvezza di Diu per via di Cristu in a so vita, a so morte è a so risurrezzione à a vita permette a risurrezzione futura di i credenti - è cusì a vittoria finale di Diu sopra a morte (Versi 22-26, 54-57).

Paulu avia annunziatu sta bona nova una volta - chì Cristu era statu purtatu à a vita è chì i credenti anu da esse risurrezzione ancu quandu ellu hè apparsu. In una lettera precedente Paulu hà scrittu: "Se avemu cridendu chì Ghjesù hè mortu è resuscitatu di novu, Diu ancu guidarà quelli chì si sò addurmintati cun ellu per mezu di Ghjesù" (1 Tessalonicani 4,14). Paulu hà scrittu chì sta prumessa era in accordu cù "una parolla di u Signore" (Verse 15).

A Chjesa s'affidò di sta speranza è a prumessa di Ghjesù in le Scritture è hà insegnatu da u principiu in a credenza in a risurrezzione. In u Credu Nicene da u 381 AD dice: "Aspettemu a risurrezzione di i morti è a vita di u mondu à vene". E u Credu di l'Apòstuli versu u 750 d.C. confirma: "Credu in ... a ... risurrezzione di i morti è di a vita eterna".

A question di u novu corpu in a risurrezzione

In 1 Corintini 15, Paulu hà specificamente reagitu à l'incredulità è a malinterpretazione di i Corinzi in quantu à a risurrezzione fisica: "Ma qualchissia puderia dumandà: Cumu saranu resuscitati i morti è cun quale tipu di corpu verranu?" (Verse 35). A quistione hè quì cumu avaristi a risurrezzione - è quale corpu, se qualchì, u risurrezzione averia per a nova vita. I Corinzi anu pensatu sbagliatu chì Paulu avia parlatu di u listessu corpu peccatu mortale chì avianu in questa vita.

Perchè avianu bisognu di un corpu à a risurrezzione, si sò dumandati, in particulare un corpu cum'è corruzzione cum'è l'attuale? Ùn avianu digià ottinutu u scopu di salvezza spirituale è ùn si devebbenu liberà da u so corpu? U teologu Gordon D. Fee dice: "I Corinzi anu cunvintu ch'elli anu digià principiatu l'esistenza spirituale prumessa," celeste "per u donu di u Spìritu Santu, è in particulare per l'apparenza di e lingue. Solu u corpu chì avia da esse cacciatu quandu a morte a siparò da a so spiritualità finale ».

I Corinzi ùn anu micca capitu chì u corpu di a risurrezzione era di un tipu più altu è diversu da u corpu fisicu attuale. Hanu bisognu di stu novu corpu "spirituali" per vive cun Diu in u regnu di i celi. Paulu hà datu un esempiu da l'agricultura per illustrà a gloria più grande di u corpu divinu cumparatu à u nostru corpu fisicu terrenu: Hà parlatu di a differenza trà una semente è a pianta chì cresce da ella. A semente pò "mori" o perisce, ma u corpu - a pianta resultanti - hè di gloria assai più grande. "È ciò chì suminatu ùn hè micca u corpu chì deve esse, ma un semplice granu, sia granu o qualcosa d'altru", hà scrittu Paulu (Verse 37). Ùn pudemu micca predichendu ciò chì u nostru corpu di risurrezzione pareranu cumparatu à e caratteristiche di u nostru corpu fisicu attuale, ma sapemu chì u novu corpu serà assai, assai più bello - cum'è a quercia in comparatione cù a so semente, u ghiandu.

Pudemu esse fiducia chì u corpu di risurrezzione in a so gloria è l'infinitu farà a nostra vita eterna assai più grande chì a nostra vita fisica presente. Pàulu hà scrittu: «Allora hè a risurrezzione di i morti. Diventa semente è cresce inevitabilmente. Hè sembratu in bassa misure è hè risurrezzione in gloria. Sembra in miseria è risuscitarà in forza » (Versi 42-43).

U corpu di a risurrezzione ùn serà micca una copia, micca una ripruduzzione esatta di u nostru corpu fisicu, dice Paul. Ancu u corpu chì avemu ricevutu in a risurrezzione ùn saranu micca listessi atomi cum'è u corpu fisicu in a nostra vita terrestre, chì si puderà o si distruggerà quandu muremu. (Oltri à quessa - quale corpu avaristi: u nostru corpu à l'età di 2, 20, 45 o 75 anni?) U corpu divinu si risalterà in a so qualità è gloria da u corpu terrestre - cum'è una meravigliosa farfalla chì hà u so capulone. , prima allughjendu una caterpillar bassa.

Corpu naturali è corpu spirituali

Ùn ci hè micca nunda chì speculanu nantu à ciò chì u nostru corpu di risurrezzione è a vita immortale pareranu. Ma pudemu fà qualchì dichjarazione generale nantu à a grande differenza in a natura di i dui corpi.

U nostru corpu attuale hè un corpu fisicu è dunque sottumessu à a decadenza, a morte è u peccatu. U corpu di a risurrezzione significarà a vita in un'altra dimensione - una vita immortale, imperishabile. Pàulu dice: "Un corpu naturali hè simatu è un corpu spirituale hè risuscitatu" - micca un "corpu spirituale", ma un corpu spirituale chì face ghjustizia à a vita chì hè da vene. U novu corpu di i credenti à a risurrezzione serà "spirituale" - micca immateriale, ma spirituale, in u sensu chì hè statu creatu da Diu per simile à u corpu glorificatu di Cristu, trasfurmatu è "adattatu à a vita di u Spìritu Santu per sempre. ». U novu corpu serà completamente reale; i credenti ùn saranu micca sperti o fantasmi. Paulu juxtaposa à Adamu è Ghjesù per enfatizà a diffarenza trà u nostru corpu prisente è u nostru corpu di risurrezzione. "Cumu hè a terra, cusì ci sò i terri; è cumu hè u celesticu, cusì sò celeste » (Verse 48). Quelli chì sò in Cristu quandu si prisenta averà un corpu di risurrezzione è una vita in a forma è essere di Ghjesù, micca a forma è l'esse di Adam. «È cum'è noi avemu purtatu l'imaghjini di a terra, averemu ancu l'imaghjini di i celesti» (Verse 49). U Signore, dice Paulu, "trasfurmerà u nostru corpu inattività, chì pò esse diventatu u so corpu glorificatu" (Filippini 3,21).

Vittoria annantu à i morti

Questu significa chì u nostru corpu di a risurrezzione ùn sarà micca di carne è sangue transitori cum'è u corpu chì cunnosci avà - ùn mai più dipende da l'alimentariu, l'ossigenu è l'acqua per pudè campà. Paulu insistia: «Ma dicu questu, cari fratelli, chì a carne è u sangue ùn puderanu eredità u regnu di Diu; ancu a decadenza ùn ereditarà micca l'incurruptibilità » (1 Corinzi 15,50).

Quandu u Signore apparisce, i nostri corpi mortali saranu trasfurmati in corpi immortali - à a vita eterna è micca più sottumessi à a morte è a decadenza. Eccu e parolle di Paul à i Corinzi: «Eccu, ti dicu un segretu: Ùn aduniremu micca tutti, ma tutti saremu cambiati; è di colpu, in un mumentu, à l'ora di l'ultima tromba [una metafora per a venuta di Cristu]. Perchè a tromba sonerà, è i morti risuscitanu, è noi seremmu trasfurmati » (Versi 51-52).

A nostra risurrezzione fisica à a vita immortale hè u mutivu di a gioia è a nutritura di a nostra speranza cristiana. Paul dice: "Ma se questa decadenza attirà incorruptibilità è questa mortale attrarà l'immortalità, allora a parola scritta sarà rializata:" A morte hè inghjustita da a vittoria " (Verse 54).

di Paul Kroll