A vigna è i rami

620 a vigna è a vigna Fighjendu u ritrattu di cuprendula di sta rivista mi face un grande piacè. In pochi ghjorni di sole di vaghjimu, mi sò permessu di participà à a racolta di uva. Aghju tagliatu cun impazienza i grappi maturi di uva da e vigne cù e forbici è li aghju messu cun cura in piccule scatule. Aghju lasciatu uva micca matura appesa à a vigna è aghju cacciatu individuale bacche danneggiate. Dopu un pocu tempu aghju maestratu a sequenza di st'attività.
A Bibbia hà assai da dì nantu à l'imaghjini di a vigna, di u ramu è di u so fruttu: «Sò a vera vigna è babbu u vignaghjolu. Tuttu u ramu di mè chì ùn porta micca frutti u toglie; è tutti quelli chì portanu fruttu, li puliscenu per pudè darà più frutti. Sì dighjà pulitu per via di a parolla chì t'aghju parlatu. Resta in mè è eiu in tè. Cum'è u ramu ùn pò micca darà fruttu d'ellu stessu s'ellu ùn rispetta micca a vigna, cusì ùn pudete ancu tù, sè ùn mi rispettate micca. Eiu sò a vigna, site i rami. Quellu chì ferma in mè è eiu in ellu porta assai frutti; perchè senza mè ùn si pò fà nunda » (Ghjuvanni 15: 1-5).

Cum'è un ramu sò piazzatu in a vigna Ghjesù da u vignaghjolu. Tuttavia, mi hà pigliatu assai tempu per capì chì campu per ellu, cun ellu è in ellu. Attraversu ellu sò statu rinfrescatu cù l'acqua di a vita da e prufundità è furnitu cù tutti i nutrienti in modu chì possu campà. A so luce illumina a mo vita per pudè cresce in a so maghjina.

Postu chì a vigna hè pura è micca influenzata da e malatie, darà boni frutti. Sò felice d'esse unu cù a vigna cum'è un ramu sanu. Per ellu sò preziosu è campu.

Ghjesù m'hà fattu vede chì senza ellu ùn possu fà nunda. A verità hè ancu più decisiva. Senza ellu ùn aghju vita è mi tratterebbe cum'è vigne appassite. Ma u vignaghjolu vole chì porti assai frutti. Questu hè pussibule quandu sò in una relazione intima cù a Vigna.
Vi incuraghju à pensà à Ghjesù a vigna a prossima volta chì avete un bichjeru di vinu, manghjate uva, o gudite uva passa. Vole ancu campà in una relazione calda cun voi. A salute!

di Toni Püntener