In u locu ghjustu à u tempu ghjustu

536 in u locu ghjustu à u mumentu ghjustu In una riunione d'acquisizione di i clienti in una di e nostre tende, un impiigatu m'hà dettu di a so strategia: "Duvete esse in u locu adattatu à u mumentu propiu". Pensu chì questa era certamente una bona strategia. Tuttavia, tuttu hè più faciule ch'è fattu. Aghju statu in u locu bè à bon tempu parechje volte - per esempiu quandu eru andatu per una spassighjata in a spiaggia in Australia è aghju incuntratu un gruppu di persone chì avianu spulatu balene. Solu uni pochi ghjorni prima, avia pussutu osservà un acellu raru, u Hans rientante. Ùn amassi micca esse sempre in u locu ghjustu in u mumentu bonu? Qualchì volta accade per casu, altri hè una risposta à a preghiera. Ci hè qualcosa chì ùn pudemu nè pianificà nè cuntrullà.

Sì no simu in u locu bellu à u mumentu propiu, alcune le attribuiscenu à una custellazione di stella è altri chjamanu semplicemente sorte. I credenti piace chjamà una tale situazione "l'intervenzione di Diu in a nostra vita" perchè credenu chì Diu era participatu à sta situazione. L'intervenzione di Diu pò esse qualsiasi situazione chì pare chì hà riunitu à Diu, sia per a ghjente o per u bonu. "Ma sapemu chì quelli chì amanu à Diu serve tutte e cose per u megliu, quelli chì sò chjamati dopu a so decisione" (Rumani 8,28). Stu versu assai cunnisciutu è qualchì volta mal interpretatu ùn significa micca necessariamente chì tuttu ciò chì succedi in a nostra vita hè guidatu è cuntrullatu da Diu. Tuttavia, ci incuragisce à circà u megliu ancu in tempi difficiuli è circustanze tragiche.

Quandu Ghjesù hè mortu nantu à a croce, i so seguitori si dumandonu dinò cumu sta sperienza terribili pruducia qualcosa di bè. Alcuni di i so discìpuli riturnonu à a so vita antica è travaglianu cum'è pescadori perchè eranu venuti à a cunclusione chì a morte nantu à a croce significava a fine di Ghjesù è a so cumissioni. Durante quelli trè ghjorni trà a morte nantu à a croce è a risurrezzione, ogni speranza pareva persa. Ma cum'è i discìpuli anu amparatu più tardi è cumu sapemu oghje, nunda ùn era persu cù a croce, ma tuttu hè statu vintu. Per Ghjesù, a morte nantu à a croce ùn era micca a fine, ma solu u principiu. Diu avia naturalmente previstu da u principiu chì qualcosa di bè esce da questa situazione apparentemente impussibile. Hè statu più di cuncurrenza o intervenzione di Diu, era u pianu di Diu dapoi u principiu. L'inseme di a storia umana hà purtatu à questu puntu di svolta. Hè u puntu centrale in u grande pianu di Diu d'amore è redenzione.

Ghjesù era in u locu propiu à u mumentu propiu è dunque semu sempre à drittu induve semu. Semu esattamente induve Diu voli chì siamu. In è attraversu ellu simu incruciati in u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu. Amatu è redimitu da u stessu putere chì Ghjesù hà risuscitatu trà i morti. Ùn avemu micca preoccupatu s'ellu a nostra vita vale qualcosa è fate una differenza nantu à a terra. Ùn importa micca cume speranza di e cundizioni di vita intornu à noi, pudemu esse sicuri chì tuttu s'appoghjanu perchè Diu ci ama.

Sempre chì e donne è i discìpuli rinunciavanu di modu disperatu a speranza durante sti trè ghjorni scuri, a volte ci flussu in disperazione in a nostra propria vita o in a vita di l'altri perchè nisuna speranza pare esse in vista. Ma Diu ti asciucerà ogni lacrima è ci dà a bona fini chì avemu aspittatu. Tuttu chistu succedi solu perchè Ghjesù era in u locu ghjustu à u mumentu bellu.

di Tammy Tkach