Intuvisione in eternità

378 capiscenu di eternità Mi ricurdava di scene da un film di ficzione scientifica quandu aghju intesu parlà di a scuperta di un pianeta terrestre chjamatu Proxima Centauri. Hè in l'orbita di a stella rossa fissa Proxima Centauri. Tuttavia, hè improbabile chì scopremu a vita extraterrestre in quà (à una distanza di 40 trilioni di chilometri!). Tuttavia, e persone si dumandanu sempre sè esiste una vita umana simile fora di a nostra terra. Per i discìpuli di Ghjesù chì ùn era micca una quistione - eranu testimoni di l'ascensione di Ghjesù è dunque sapianu cun certezza assoluta chì l'omu Ghjesù ora vive in u so novu corpu in un mondu extraterrestre, chì l'Scritture chjamanu "celu" - un mondu. chì ùn hà assolutamente nunda in cumunu cù i "mondi celesti" visibili chì chjamemu l'universu.

Hè impurtante di sapè chì Ghjesù Cristu hè cumplettamente divinu (u Figliolu eternu di Diu) hè, ma ancu completamente umanu (u Ghjesù avà glurificatu omu) hè è ferma. Cum'è CS Lewis hà scrittu: "U miraculu centrale chì i cristiani stanu hè l'Encarnazione (Incarnazione) »- un miraculu chì durerà per sempre. Ghjesù hè omnipresente in a so divinità, ma in a so esistenza umana cuntinua vive fisicamente in u celu, induve serve cum'è u nostru grande sacerdote è aspetta u so ritornu fisicu è dunque visibile nantu à u pianeta terra. Ghjesù hè Diu-Man è Signore di tutta a creazione. Paulu scrive in Rumani 11,36:1,8: "Da ellu è attraversu è per ellu sò tutte e cose". Ghjuvanni cita à Ghjesù in Revelazione cum'è u "A è O" chì hè quì, chì era quì è chì vene. Isaia hà ancu dichjaratu chì Ghjesù hè "u altu è sublime" chì "vive per sempre". (vive) " (Isaia 57,15). Ghjesù Cristu, u Signore esaltatu, santu è eternu, hè quellu chì face u pianu di u babbu, chì cunsiste à cuncilià u mondu.

Notemu a dichjarazione in Ghjuvanni 3,17:
"Perchè Diu ùn hà micca mandatu u figliolu in u mondu per ghjudicà u mondu, ma per salvà u mondu per ellu." Qualchese chì sustene chì Ghjesù hè vinutu à cundannà u mondu in u sensu di cundannà o punisce hè simpliciamente sbagliatu. Quelli chì dividenu l'umanità in dui gruppi - unu chì hè destinatu à esse salvatu da Diu è un altru chì hè destinatu à esse cundannatu - sò ancu sbagliati. Sì Johannes (forse citendu à Ghjesù) dice chì u nostru Signore hè ghjuntu à salvà "u mondu", allora si riferisce à tutta l'umanità è micca solu à un gruppu specificu. Videmu i seguenti versi:

  • "È avemu vistu è tistimunianza chì u Babbu hà mandatu u Figliolu cum'è u Salvatore di u Monde" (1 Ghjuvanni 4,14).
  • "Vede, ti annunziu a grande gioia chì cascarà in tuttu u populu" (Luca 2,10).
  • "Ancu ùn hè micca a vulintà di u vostru Babbu Celestiu chì ancu unu di questi picculi si saranu persi" (Matteu 18,14).
  • «Perchè Diu era in Cristu è hà cunciliatu u mondu cun ellu stessu» (2 Corinzi 5,19).
  • "Vedi, questu hè l'Agnellu di Diu chì porta u peccatu di u mondu!" (Ghjuvanni 1,29).

Pò solu enfatizà chì Ghjesù hè Signore è Sarvatore di u mondu sanu è ancu di a so creazione entera. Questu hè chjaru da Paul in a Lettera à i Rumani, capitulu 8, è Ghjuvanni in tuttu u libru di Revelazione. Ciò chì u Babbu hà creatu per via di u Figliolu è di u Spìritu Santu ùn pò micca esse spartutu in pezzi individuali. Augustine hà rimarcatu: "L'opera esterna di Diu [riguardante a so creazione] hè indivisibile". U Diu trunevule chì hè l'Olu agisce cum'è unu. A so vuluntà hè una vulintà è indivisa.

Sfurtunatamente, alcune persone insegnanu chì u sangue spulatu di Ghjesù redimisce solu quelli chì Diu hà sceltu per salvà. U restu, dicenu, sò destinati à a damnazione da Diu. L'essenza di sta capiscitura hè chì u scopu di Diu hè divisu in relazione à a so creazione. Tuttavia, ùn ci hè nisun versu Biblicu chì insegna questa vista; ogni pretensione di stu tipu hè una interpretazione sbagliata è ignora a chjave per l'intera, chì hè a cunniscenza di a natura, u caratteru è u scopu di u Diu triunicu, chì hè statu revelatu à noi in Ghjesù.

S'ellu era veru chì Ghjesù avia intenzione di salvà e cundannà, allora avaremu cuncludi chì Ghjesù ùn hà micca ripresentatu u Babbu currettamente, cusì ùn pudemu micca cunnosce à Diu cum'ellu hè veramente. Avemu da vene ancu à a cunclusione chì ci hè una disunità inherente in a Trinità è chì Ghjesù hà revelatu solu un "latu" di Diu. U risultatu seria chì ùn sapemu micca quale "latu" di Diu pudemu fidà - duvemu fede u latu chì vedemu in Ghjesù o u latu hidden in u Babbu è / o u Spìritu Santu? Queste opinioni peculiari cuntradiscenu l'evangelu di Ghjuvanni, induve Ghjesù proclamà chjaramente ch'ellu hà publicatu pienamente è currettamente u Babbu invisibili. U Diu chì hè statu revelatu da è in Ghjesù hè Quellu chì vene à salvà l'umanità, micca a cundannà. In e per mezu di Ghjesù (u nostru eternu avvucatu è maiò sacerdote), Diu ci dà u putere di diventà i so figlioli eterni. A so natura cambia a nostra natura è questu ci duna a realizazione in Cristu chì noi stessi ùn puderemu mai rializà. Questa rializazione implica una relazione eterna, perfetta è cummunione cù u Diu trascendente, santu Creatore, chì nisuna criatura ùn pò rializà da sè stessu - mancu Adamu è Eva ùn puderanu avè fattu prima di a Caduta. Per grazia, avemu avutu cunvivialità cù u Diu triunicu chì stà sopra u spaziu è u tempu, quale era, hè è sarà eternu. In questa comunità i nostri corpi è l'animi sò rinnuvati da Diu; ottene una nova identità è un scopu eternu. In a nostra unità è cummunione cù Diu, ùn simu nè minimizzati, assorbiti, o trasfurmati in qualcosa chì ùn simu micca. Piuttostu chè, per via di a participazione à l'omu umanu risuscitatu è risuscitatu da u Spìritu Santu in Cristu, ci simu purtati in pienezza è in a perfezione più alta di u nostru umanu cun ellu.

Vivemu in u presente - à u limitu di u spaziu è u tempu. Ma per via di a nostra unità cun Cristu per via di u Spìritu Santu, penetramosu a barriera di u spaziu-tempu, perchè Paulu scrive in Efesini 2,6 chì simu digià implicati in u Diu risuscitatu Ghjesù Cristu in u celu. Durante a nostra esistenza fugliera quì nantu à a Terra simu attaccati à u tempu è u spaziu. In un modu chì ùn pudemu micca capisce cumplettamente, simu citatini di u celu per tutta l'eternità. Ancu sì campemu in u presente, per via di u Spìritu Santu chì avemu digià in a vita, a morte, a risurrezzione è l'ascensione di Ghjesù. Semu cunnessi à l'eternità.

Perchè questu hè reale per noi, simu cunvinti ch'e proclamemu a regula attuale di u nostru Diu eternu. Da questa posizione aspetta a venuta pienezza di u Regnu di Diu, in quale viveremu per sempre in unità è cummunità cù u nostru Signore. Seremu ci auguri in u pianu di Diu per l'eternità.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfIntuvisione in eternità