Intuvisione in eternità

378 capiscenu di eternità M'hà ricurdatu di sceni di un filmu di fantascienza quandu aghju intesu parlà di a scuperta di un pianeta simile à a Terra chjamatu Proxima Centauri. Questu hè in una orbita di a stella fissa rossa Proxima Centauri. In ogni casu, hè improbabile chì scopremu a vita extraterrestre quì (à una distanza di 40 trilioni di chilometri!). Tuttavia, a ghjente si dumanda sempre s'ellu ci hè una vita umana cum'è fora di a nostra terra. Per i discìpuli di Ghjesù ùn ci era micca quistione - eranu tistimunianzi di l'ascensione di Ghjesù è dunque sapianu cun certezza assoluta chì l'essere umanu Ghjesù in u so novu corpu vive avà in un mondu extraterrestre, chì e Sacre Scritture chjamanu "celu" - un mondu. chì ùn hà assolutamente nunda in cumunu cù i "mondi celesti" visibili chì chjamemu l'universu.

Hè impurtante di sapè chì Ghjesù Cristu hè, cumplettamente divinu (u Figliolu eternu di Diu), ma hè dinù cumplettamente umanu (l'omu avà glurificatu Ghjesù) è ferma. Cum'è CS Lewis hà scrittu, "U miraculu cintrali chì i cristiani stanu per hè l'Incarnazione" - un miraculu chì durà per sempre. In a so divinità, Ghjesù hè omnipresente, ma in a so esistenza umana cuntinuata vive fisicamente in u celu, induve serve cum'è u nostru gran sacerdote è aspetta u so ritornu fisicu è cusì visibile nantu à u pianeta terra. Ghjesù hè Diu-Omu è Signore nantu à tutta a creazione. Paul scrive in Rumani 11,36: "Perchè da ellu è per ellu è per ellu sò tutte e cose". Ghjuvanni cita à Ghjesù in l'Apocalisse 1,8, cum'è "Alpha è Omega" chì ci hè, chì era quì è chì vene. Isaia dichjara ancu chì Ghjesù hè "l'altitu è ​​​​altu" chì "habita per sempre" (Isaia 5).7,15). Ghjesù Cristu, u Signore exaltatu, santu è eternu, hè l'implementatore di u pianu di u so Babbu, chì hè di cuncilià u mondu.

Fighjemu a dichjarazione in Ghjuvanni 3,17:
"Perchè Diu ùn hà micca mandatu u so Figliolu in u mondu per ghjudicà u mondu, ma chì u mondu pò esse salvatu per ellu". Qualchese chì dice chì Ghjesù hè vinutu à cundannà u mondu, in u sensu di cundannà o punisce, hè simplicemente sbagliatu. Quelli chì dividenu l'umanità in dui gruppi - unu predestinatu à esse salvatu da Diu è un altru predestinatu à esse cundannatu - sò ancu sbagliati. Quandu Ghjuvanni (forse citendu à Ghjesù) dice chì u nostru Signore hè vinutu per "salvà u mondu", allora si riferisce à tutta l'umanità è micca solu à un certu gruppu. Fighjemu i seguenti versi:

  • "E avemu vistu è tistimuniamu chì u Babbu hà mandatu u Figliolu cum'è Salvatore di u mondu" (1. Johannes 4,14).
  • "Eccu, vi dugnu una bona nutizia di grande gioia, chì serà per tutte e persone" (Luca 2,10).
  • "Allora ùn hè micca a vulintà di u vostru Babbu Celestiale chì ancu unu di questi picciotti sia persu" (Matteu 1)8,14).
  • "Perchè Diu era in Cristu è hà cunciliatu u mondu cun ellu stessu" (2. Corinti 5,19).
  • "Vede, questu hè l'Agnellu di Diu chì porta u peccatu di u mondu!" (Johannes 1,29).

Pò solu enfatizà chì Ghjesù hè Signore è Sarvatore di u mondu sanu è ancu di a so creazione entera. Questu hè chjaru da Paul in a Lettera à i Rumani, capitulu 8, è Ghjuvanni in tuttu u libru di Revelazione. Ciò chì u Babbu hà creatu per via di u Figliolu è di u Spìritu Santu ùn pò micca esse spartutu in pezzi individuali. Augustine hà rimarcatu: "L'opera esterna di Diu [riguardante a so creazione] hè indivisibile". U Diu trunevule chì hè l'Olu agisce cum'è unu. A so vuluntà hè una vulintà è indivisa.

Sfurtunatamente, alcune persone insegnanu chì u sangue spulatu di Ghjesù redimisce solu quelli chì Diu hà sceltu per salvà. U restu, dicenu, sò destinati à a damnazione da Diu. L'essenza di sta capiscitura hè chì u scopu di Diu hè divisu in relazione à a so creazione. Tuttavia, ùn ci hè nisun versu Biblicu chì insegna questa vista; ogni pretensione di stu tipu hè una interpretazione sbagliata è ignora a chjave per l'intera, chì hè a cunniscenza di a natura, u caratteru è u scopu di u Diu triunicu, chì hè statu revelatu à noi in Ghjesù.

S'ellu era veru chì Ghjesù hà intesu à salvà è à cundannà, allora avissimu a cuncludi chì Ghjesù ùn hà micca rapprisintatu u Babbu currettamente è chì ùn pudemu dunque cunnosce à Diu per ciò chì ellu hè veramente. Avemu da vene ancu à a cunclusione chì ci hè una disunione inherente in a Trinità è chì Ghjesù hà revelatu solu un "latu" di Diu. U risultatu seria chì ùn sapiamu micca chì "latu" di Diu per cunfidassi - duvemu fiducia in u latu chì vedemu in Ghjesù o u latu oculatu in u Babbu è / o quellu in u Spìritu Santu? Queste vedute eccentriche contraddite u Vangelu di Ghjuvanni, induve Ghjesù proclama chjaramente ch'ellu hà fattu u Babbu invisibule cunnisciutu cumpletamente è currettamente. U Diu revelatu da è in Ghjesù hè quellu chì vene per salvà l'umanità, micca per cundannà. In è per mezu di Ghjesù (u nostru eternu Avvocatu è Gran Sacerdote), Diu ci dà u putere di diventà i so figlioli eterni. Per mezu di a so grazia, a nostra natura hè cambiata è chì ci dà in Cristu a perfezione chì noi stessi ùn pudemu mai ghjunghje. Questa perfezione include una relazione eterna è perfetta è a fraternità cù u trascendente, u Santu Creatore Diu, chì nisuna criatura ùn pò ghjunghje per sè stessu - mancu Adamu è Eva prima di a Cascata puderia avè. Per grazia avemu a fraternità cù u Diu trinu, chì si trova sopra u spaziu è u tempu, chì era, hè è serà eternu. In questa cumunità i nostri corpi è ànime sò rinnuvati da Diu; ci hè datu una nova identità è un scopu eternu. In a nostra unità è a fraternità cù Diu, ùn simu micca minimizati, assorbiti nè trasfurmati in qualcosa chì ùn simu micca. Piuttostu, per mezu di a participazione in l'umanità risuscitata è ascesa da u Spìritu Santu in Cristu, simu purtati in a pienezza è a più alta perfezione di a nostra propria umanità cun ellu.

Vivemu in u presente - in i limiti di u spaziu è u tempu. Ma per mezu di a nostra unione cù Cristu per mezu di u Spìritu Santu, penetremu a barrera di u spaziu-tempu, perchè Paul scrive in Efesini. 2,6chì avemu digià stabilitu in u celu in u Diu-omu risuscitatu Ghjesù Cristu. Duranti a nostra esistenza effimera quì nantu à a terra, simu liati à u tempu è u spaziu. In una manera chì ùn pudemu micca capisce cumplettamente, simu ancu citadini di u celu per tutta l'eternità. Ancu se vivemu in u presente, avemu digià participatu à a vita, a morte, a risurrezzione è l'ascensione di Ghjesù per mezu di u Spìritu Santu. Avemu digià cunnessu à l'eternità.

Perchè questu hè reale per noi, simu cunvinti ch'e proclamemu a regula attuale di u nostru Diu eternu. Da questa posizione aspetta a venuta pienezza di u Regnu di Diu, in quale viveremu per sempre in unità è cummunità cù u nostru Signore. Seremu ci auguri in u pianu di Diu per l'eternità.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfIntuvisione in eternità