Ciò chì Matteu 24 dice di "a fine"

346 ciò chì matthaeus 24 dice di a fine Per evitari misinterpretazioni, hè prima di tuttu impurtante per vede Matteu 24 in u cuntestu più grande (cuntestu) di i capituli precedenti. Puderete esse sorpresu d'amparà chì a preistoria di Matteu 24 principia à u più tardi in u capitulu 16, versu 21. Ci dice in sintesi: "Da quellu tempu Ghjesù hà cuminciatu à mustrà à i so discìpuli cumu avia da andà in Ghjerusalemme è soffre assai da l'anziani, i principali sacerdoti è i scribi, è esse uccisu è risuscitatu u terzu ghjornu". Cù questu, Ghjesù dà u primu suggerimentu di qualcosa chì, à l'ochji di i discìpuli, pareva una prova elementaria di forza trà Ghjesù è l'autorità religiose in Ghjerusalemme. In a strada di Ghjerusalemme (20,17: 19) cuntinueghja à preparalli per stu cunflittu imminenti.

À l'ora di u primu annunziu di u soffrenu, Ghjesù pigliò i trè discìpuli Petru, Ghjacumu è Ghjuvanni cun ellu nantu à una alta muntagna. Là anu sperimentatu a Trasfigurazione (17,1-13). Per questu solu i discìpuli duveranu esse dumandati se l'istituzione di u regnu di Diu puderia micca esse imminenti.7,10-12u).

Jésus a également annoncé aux disciples qu'ils s'assiéraient sur douze trônes et jugeraient Israël « lorsque le Fils de l'homme sera assis sur le trône de sa gloire » (Gen.9,28). Senza dubbitu, questu hà suscitatu di novu dumande nantu à u "quandu" è "cumu" di a venuta di u regnu di Diu. A parolla di Ghjesù annantu à u regnu hà ancu mossa a mamma di Ghjacumu è Ghjuvanni à dumandà à Ghjesù per dà i so dui figlioli pusizioni spiciali in u regnu (20,20: 21).

Allora ghjunse l'entrata trionfale in Ghjerusalemme, durante a quale Ghjesù cavalcò in a cità nantu à un sumere1,1-11). In u risultatu, secondu Matteu, una prufezia di Zaccaria, chì era vistu per esse ligata à u Messia, hè stata cumprita. Tutta a cità era nantu à i so pedi, dumandendu ciò chì succede quandu Ghjesù ghjunse. In Ghjerusalemme hà rovesciatu i tavulini di i cambiadori è hà dimustratu a so autorità messianica per mezu di più atti è miraculi.1,12-27). "Quale hè?" a ghjente si maravigliava (21,10).

Allora Ghjesù spiega in 21,43 À i principali sacerdoti è anziani: "Per quessa, vi dicu chì u regnu di Diu vi sarà pigliatu è datu à un populu chì darà i so frutti". U so publicu sapia chì parlava di elli. Questa dichjarazione di Ghjesù puderia esse pigliatu cum'è un'indicazione ch'ellu era per stabilisce u so regnu messianicu, ma chì u "stabilimentu" religiosu deve esse escluditu da ellu.

Serà custruitu l'imperiu?

I discìpuli chì anu intesu dì chì duvebbenu esse dumandatu ciò chì avia da andà. Ghjesù avia vulsutu chjamà immediatamente u Messia? Era nantu à cumbatte cù l'autorità rumana? Era circa à purtà u regnu di Diu? Ci faria guerra, è chì avissi da succede à Ghjerusalemme è à u tempiu?

Avà vene à Matteu 22, versu 15. Quì principia a scena cù i Farisei chì cercanu di attirà à Ghjesù in una trappula cù e dumande nantu à u tributu. Cù i so risposti, anu vulsutu dipinnà lu cum'è un ribellu contr'à l'autorità rumane. Ma Ghjesù hà datu una risposta sàvia, è u so pianu hè stata frustrata.

U stessu ghjornu, i Sadducei anu avutu ancu una discussione cù Ghjesù2,23-32). Ùn crèdenu micca in a risurrezzione è li dumandò ancu una dumanda truccu nantu à sette fratelli, unu dopu à l'altru, chì si maritavanu cù a stessa donna. Quale saria a moglia in a risurrezzione ? Ghjesù hà rispostu in modu indirettu è hà dettu chì ùn anu micca capitu e so scritture. L'hà cunfusa dicendu chì ùn ci era micca matrimoniu in u regnu.

Allora, infine, i Farisei è i Sadducei li dumandò una quistione nantu à u cumandamentu più altu in a lege.2,36). Hà rispostu sàviu citendu 3. Mosè 19,18 e 5. Mosè 6,5. È, per a so parte, hà rispostu cù una quistione truccu: Quale figliolu deve esse u Messia (Es2,42)? Tandu avianu a silenziu ; "Nimu ùn li pudia risponde una parolla, è da quellu ghjornu, nimu ùn osò più dumandà ellu" (Ex.2,46).

U Capitulu 23 mostra a polemica di Ghjesù contr'à i scribi è i Farisei. Versu a fine di u capitulu, Ghjesù hà annunziatu ch ellu li mandarà "profeti è savi è scrittori" è predicò ch'elli ucciderà, crucifiendu, flagellà e perseguitarà. Pone a rispunsabilità per tutti i prufeti ammazzati sopra e so spalle. A tensione hè ovviamente crescente è i discepuli si deve dumandassi quale sia u significatu di queste cunfronti puderia esse. Era Ghjesù chì era nantu à piglià u putere cum'è u Messia?

Allora Ghjesù s'indirizza à Ghjerusalemme in preghiera è profetizza chì a so casa serà "abbandunata". Ci hè seguitu da a rimarca sconvolgente: "Perchè vi dicu: Da avà ùn mi vederete micca finu à chì dite: Benedettu sia quellu chì vene in nome di u Signore!" (23,38-39.) I discìpuli deve esse perplessu di più è di più è si facianu dumande ansiosa nantu à e cose chì Ghjesù hà dettu. Era da spiegà ellu stessu ?

A distruzione di tempie profetizzate

Allora Ghjesù abbandunò u tempiu. Quand'elli sortenu, i so discìpuli senza fiatu indicò l'edificazioni di u tempiu. Cù Markus dicenu : « Maestru, vedi chì petre è chì edifici ! (13,1). Luca scrive chì i discìpuli parlavanu stupiti di e so "belle pietre è ghjuvelli" (2).1,5).

Fighjemu à ciò chì deve esse passatu in i cori di i discìpuli. E dichjarazioni di Ghjesù nantu à a devastazione di Ghjerusalemme è a so cunfronti cù l'autorità religiose temenu è incitatu i discepuli. Ci vole da chiedete perchè hà parlatu di a caduta imminente di u ghjudaisimu è di e so istituzioni. Ùn duveria micca fà vene u Messia per rinforzà i dui? Frà e parolle di i discìpuli riguardanti u tempiu ci hè una preoccupazione indiretta: ùn deve micca ancu esse danni sta putente chjesa?

Ghjesù hà frustratu e so speranze è hà approfonditu i so premonizioni spaventosi. Ellu scaccia a so lode à u tempiu: "Ùn vede micca tuttu questu? In verità vi dicu: una petra ùn resta quì sopra à l’altra chì ùn hè micca rotta » (Es4,2). Questu deve esse scuntatu i discìpuli prufondamente. Cridianu chì u Messia salvaria, micca distrughjini, Ghjerusalemme è u Tempiu. Quandu Ghjesù hà parlatu di sti cosi, i discìpuli devi avè pensatu à a fine di u regnu paganu è à l'ascesa gloriosa d'Israele; tramindui sò profetizzati tante volte in l'Scritture ebraiche. Sapianu chì questi avvenimenti avianu accadutu in u "tempu di a fine", in l'"ultima volta" (Daniel 8,17; 11,35 u 40; 12,4 u. 9). Allora u Messia deve cumparisce o "veni" per stabilisce u regnu di Diu. Questu significava chì Israele s'arrizzò à a grandezza naziunale è a punta di l'imperu.

Quandu sarà quellu chì succede?

I discìpuli - chì anu pigliatu à Ghjesù cum'è u Messia - naturalmente si sentia u desideriu di sapè s'ellu era ghjuntu u "tempu di a fine". Il y avait de grandes attentes que Jésus proclamerait bientôt qu'il était le Messie (Jean 2,12-18). Ùn hè stupente dunque chì i discìpuli incitavanu u maestru à spiegà ellu stessu nantu à a manera è u tempu di a so "venuta".

Quandu Ghjesù era pusatu nantu à u Monti di l'Olivi, i discìpuli eccitati si avvicinavanu à ellu è vulianu qualchì infurmazione "insider" in privatu. "Diteci", anu dumandatu, "quandu succede questu? è chì serà u segnu per a vostra venuta è per a fine di u mondu ? (Matteu 24,3.) Vulianu sapè quandu e cose chì Ghjesù hà profetizatu nantu à Ghjerusalemme accadunu, perchè senza dubbitu li portanu in cunnessione cù i tempi finali è a so "venuta".

Quandu i discepuli parlavanu di "venite", ùn avianu micca avutu un "secondu" chì vene à mente. Sicondu a so imaginazione, u Messia duverebbe vene è prestu prestu stabilisce u so regnu in Ghjerusalemme, è duverebbe durà "per sempre". Ùn avianu micca cunnisciutu una divisione in un "primu" è "secondu" chì vene.

Un altru puntu impurtante s'applica à Matteu 24,3 da piglià in contu, perchè u versu hè una spezia di riassuntu di u cuntenutu di tuttu u capitulu 24. Chì a dumanda di i discìpuli ripetiri è mette qualchi parolle chjave in italicu: "Diteci", anu dumandatu, "quandu succederà questu? è chì serà u segnu per a vostra venuta è per a fine di u mondu ? Vulìanu sapè quandu e cose chì Ghjesù hà prufettatu nantu à Ghjerusalemme accaduranu, perchè anu ligatu à a "fine di u mondu" (precisamente: a fine di u mondu, era) è a so "venuta".

Trè dumande di i discìpuli

Trè dumande da i discìpuli emergenu. Prima, vulianu sapè quandu "chì" duveria succede. Per "chì" puderia significà a desolazione di Ghjerusalemme è u tempiu chì Ghjesù avia appena prufetizatu per distrughje. Siconda, vulianu sapè chì « segnu » annunziaria a so venuta ; Ghjesù li dice, cum'è avemu da vede, più tardi in u capitulu 24, versu 30. E terzu, i discìpuli vulianu sapè quandu era a "fine". Ghjesù li dice ch'elli ùn sò micca destinati à sapè questu4,36).

Se cunsideremu queste trè dumande - è e risposte di Ghjesù per elli - per separatamente, salvemu una seria di prublemi è interpretazioni sbagliate ligati à Matteu 24. Ghjesù dice à i so discìpuli chì Ghjerusalemme è u tempiu (u "chì") seranu veramente distrutti in a so vita. Ma u "segnu" ch'elli dumandavanu seria ligatu cù a so venuta, micca a distruzzione di a cità. È à a terza quistione risponde chì nimu sà l'ora di u so ritornu è a "fine" di u mondu.

Allora trè dumande in Matteu 24 è trè risposte separate chì Ghjesù li dà. Queste risposte disaccoppianu avvenimenti chì formanu una unità in e dumande di i discìpuli è taglianu u so cuntestu tempurale. U ritornu di Ghjesù è a "fine di u mondu" pò esse in u futuru, ancu s'è a distruzzione di Ghjerusalemme (70 dC) era assai tempu fà.

Questu ùn significa micca - cum'è aghju dettu - chì i discìpuli anu vistu a distruzzione di Ghjerusalemme separatamente da a "fine". Cù quasi 100 per centu di certezza, ùn anu micca fattu questu. Inoltre, s'aspittavanu chì l'avvenimenti si facianu prestu (i teologi utilizanu u terminu tecnicu "aspittà vicinu" per questu).

Videmu cumu queste dumande sò trattate in Matteu 24. Prima di tuttu, truvamu chì Ghjesù apparentemente ùn hà micca interessu particulari à parlà di e circustanze di "a fine". Sò i so discìpuli chì perforanu, chì facenu dumande, è Ghjesù risponde à elli è faci alcune spiegazioni.

Ricunniscemu ancu chì e dumande di i discìpuli in quantu à u "fine" sò più probabili di qualchì fallimentu - chì l'avvenimenti avarianu assai prestu, è à u stessu tempu. Micca dunque, speravanu chì Ghjesù venissi cum'è u Messia in un futuru vicinu, in u sensu chì si pò accade in pochi ghjorni o settimane. Tuttavia, vulianu un "signu" palpable di a so venuta per cunfirmà. Cù questu iniziu o cunniscenza secreta, anu vulsutu mette in pusizioni vantaghose quandu Ghjesù hà fattu u so passu.

In questu cuntestu, duvemu vede i cumenti di Ghjesù da Matteu 24. I discìpuli stimulanu a discussione. Cridenu chì Ghjesù si prepara à piglià u putere è vulete sapè u "quandu". Vulete un signu preparatariu. In fendu cusì, anu incompresu completamente a missione di Ghjesù.

A fine: micca ancora

Invece di risponde à e dumande di i discìpuli direttamente cum'è desideratu, Ghjesù utilizza l'opportunità per insegnà à trè insegnamenti impurtanti. 

A prima lezione:
U scenariu chì dumandavanu era più complicatu di ciò chì i discepuli naïvi pensavanu. 

A seconda lezziò:
Quandu Ghjesù "vene" - o cumu diciamu: "torna" - ùn era micca per elli sapè. 

A terza lezione:
I discìpuli duveranu "guardà", iè, ma tenite un ochju di più in più nantu à a so rilazioni cù Diu è menu à l'avvenimenti lucali o mundiali. Cù questi principii in mente è a discussione precedente, mustremu avà cumu si sviluppa a cunversazione di Ghjesù cù i so discìpuli. Prima di tuttu, li avvisa di ùn esse micca ingannati da avvenimenti chì puderanu s'assumiglia à l'avvenimenti di u tempu di a fine, ma ùn sò micca (24: 4-8). U drasticu è catastròficu "deve" accade, "ma a fine ùn hè ancu quì" (v. 6).

Allora Ghjesù annuncia a persecuzione, u caosu è a morte à i discìpuli4,9-13). Chì terribili duverebbe esse per ella ! "Chì si tratta di sta discussione di persecuzione è di morte?" duveranu avè pensatu. I seguitori di u Messia duveranu triunfaru è cunquistà, micca esse abattuti è distrutti, pensavanu.

Allora Ghjesù principia à parlà di a necessità di pridicà un Vangelu à u mondu sanu. Dopu questu, "a fine deve vene" (24,14). Questu ancu deve avè cunfunditu i discìpuli. Probabilmente pensanu chì prima u Messia "veniria", dopu stabiliscerà u so regnu, è solu allora a parolla di u Signore esce in tuttu u mondu (Isaia). 2,1-4u).

Dopu, Ghjesù pare vultà è parlà di novu di a desolazione di u tempiu. Ci deve esse "una abominazione di desolazione in u locu santu", è "allora chì quelli chì sò in Ghjudea fughjenu à e muntagne" (Matteu 2).4,15-16). Si dice chì l'orrore incomparabile cascà nantu à i Ghjudei. "Per quessa, ci sarà tandu una grande tribulazione, cum'è ùn hè micca stata da u principiu di u mondu finu à avà è ùn serà più", dice Ghjesù (2).4,21). Si dice chì hè cusì terribili chì nimu ùn restaria vivu s'ellu ùn era micca scurciatu sti ghjorni.

Ancu s'è e parolle di Ghjesù anu ancu una perspettiva mundiale, parla principalmente di avvenimenti in Ghjudea è Ghjerusalemme. "Perchè ci sarà una grande miseria nantu à a terra è rabbia annantu à stu populu", dice Luca, cù quale u cuntestu di e parolle di Ghjesù hè delineatu in più dettagliu (Luca 2).1,23, Elberfeld Bible, enfasi aghjuntu da l'editore). U tempiu, Ghjerusalemme è Ghjudea sò in u focu di l'avvertimentu di Ghjesù, micca u mondu sanu. L'avvertimentu apocalitticu chì Ghjesù dice s'applica principalmente à i Ghjudei in Ghjerusalemme è in Ghjudea. L'avvenimenti di AD 66-70. anu cunfirmatu chì.

Fuga - u Sabatu?

Ùn hè micca surprisante, dunque, chì Ghjesù hà dettu: "Ma dumandate chì a vostra fuga ùn si faci micca in l'invernu o u sàbatu" (Matteu 2 Cor.4,20). Qualchidunu si dumandanu: Perchè Ghjesù mintuva u sàbatu quandu u sàbatu ùn hè più ubligatoriu per a Chjesa? Siccomu i cristiani ùn anu più da preoccupari di u sàbatu, perchè hè specificamente citatu quì cum'è un ostaculu? I Ghjudei crèdenu chì u viaghju era pruibitu u sàbatu. Apparentemente anu avutu ancu una misura di a distanza massima chì puderia esse coperta in quellu ghjornu, à dì un "caminu di u Sabbath" (Atti di l'Apòstuli). 1,12). Per Luke questu currisponde à a distanza trà u Monti di l'Olivi è u centru di a cità (sicondu l'appendice in a Bibbia di Luther era 2000 cubits, circa 1 chilometru). Ma Ghjesù dice chì un longu volu in muntagna hè necessariu. Un "Sabbath Path" ùn li tira micca fora di a zona di periculu. Ghjesù sà chì i so ascoltatori crede chì ùn sò micca permessi di piglià longu percorsi di scappu in u Sabbath.

Questa spiega perchè ellu dumanda à i discepuli di dumandà chì u volu ùn caduta micca un sabatu. Questa dumanda deve esse vista in u cuntestu di a so capiscitura di a lege mozaica in questu mumentu. Puderemu riassumà u ragiunamentu di Ghjesù in questu modu: sà chì ùn credi micca in longi viaghji in u Sabbatu, è ùn a farà micca perchè crede chì a lege ci vole. Dunque, se e cose chì si vanu à Ghjerusalemme falanu nantu à un sabbatu, ùn ne scapparete micca è truverete a morte. Dunque, vi cunsigliu di pricà chì ùn avete micca bisognu di fughje in sabbatu. Perchè ancu s'ellu decide di fughje, e restrizioni di viaghju chì generalmente prevalenu in u mondu ebraicu eranu un ostaculu difficiule.

Cum'è dichjaratu prima, pudemu rapportà sta parte di l'avvertimenti di Ghjesù à a distruzzione di Ghjerusalemme, chì hè accadutu in 70 AD. Cristiani Ghjudei in Ghjerusalemme chì anu sempre guardatu a Legge di Mosè (Atti 21,17-26), saria affettatu è avissi da fughje. Avarianu un cunflittu di cuscenza cù a lege di u sàbatu se e circustanze chjamanu una scappata quellu ghjornu.

Eppuru ùn hè micca u "signu"

Intantu, Ghjesù cuntinueghja u so discorsu, u scopu di quale era di risponde à e trè dumande chì i so discìpuli anu dumandatu nantu à u "quandu" di a so venuta. Avemu nutatu chì finu à avà hà basamente solu spiegatu à elli quandu ùn vene micca. Separa a catastrofa chì sbatterà à Ghjerusalemme da u "segnu" è a venuta di "a fine". À questu puntu, i discìpuli anu da crede chì a devastazione di Ghjerusalemme è di a Ghjudea era u "segnu" chì cercanu. Ma eranu sbagliati, è Ghjesù indica u so errore. Ellu dice: "Allora quandu qualchissia vi dice: Eccu, eccu u Cristu! o quì !, ùn devi micca crede » (Matteu 24,23). Ùn cridite micca? Chì duveranu pensà à i discìpuli ? Duvete esse dumandatu à voi stessu: Preguemu una risposta per quandu ellu stabiliscerà avà u so regnu, u pregamu di dà un segnu di questu, è parla solu quandu a fine ùn vene micca, è chjama e cose chì ciò chì u i caratteri parenu ma ùn sò micca.

Ancu cusì, Ghjesù cuntinueghja à dì à i discìpuli quandu ùn vene micca, ùn apparisce micca. "Allora, s'ellu vi dicenu: "Eccu, hè in u desertu! "Ùn esce micca; vede, hè in casa !, ùn crede micca » (24,26). Ci vole à esse chjaru: I discìpuli ùn deve esse ingannatu, nè da l'avvenimenti mundiali nè da e persone chì anu cridutu chì sapia chì u segnu di a fine era ghjuntu. Forse li vole ancu dì chì a caduta di Ghjerusalemme è u tempiu ùn anu micca ancu « a fine ».

Avà versu 29. Quì Ghjesù infine principia à dì à i discìpuli qualcosa di u "segnu" di a so venuta, vale à dì, risponde à a so seconda dumanda. U sole è a luna deve esse scuru, è "i stiddi" (forsi cometi o meteoriti) deve falà da u celu. Tuttu u sistema solare hè suppostu di scuzzulà.

Infine, Ghjesù dà à i discìpuli u "segnu" per quale stanu aspittendu. Ellu dice: "E allora u segnu di u Figliolu di l'omu apparisce in u celu. È tandu tutte e generazioni nantu à a terra piangheranu è videranu u Figliolu di l'omu chì vene nantu à i nuvuli di u celu cun grande putenza è gloria » (Ex.4,30). Allora Ghjesù hà dumandatu à i discìpuli per amparà una parabola di u ficu4,32-34). Appena chì i rami diventanu molli è e foglie cumincianu à spuntà, sapete chì l'estiu s'avvicina. "In listessu modu, se vede tuttu questu, sapete chì hè vicinu à a porta" (24,33).

Tuttu chistu

«Tuttu què» - chì hè? Seranu solu guerre, terramoti è carestie quì è culà? Innò. Questu hè solu l'iniziu di u travagliu. Ci sò assai più afflizioni prima di "a fine". "Tuttu què" finisce cù l'apparizione di falsi prufeti è a predicazione di u Vangelu? Di novu, nò. "Tuttu què" si compie per via di u bisognu in Ghjerusalemme è di a distruzzione di u tempiu? Innò. Allora chì duvete include in "tuttu què"?

Prima di risponde, una piccula digressione, anticipendu in u tempu qualcosa chì a chjesa apostolica avia da amparà, è di quale l'Evangeli Sinottichi dicenu. A caduta di Ghjerusalemme in l'annu 70, a distruzzione di u tempiu è a morte di parechji preti è portavoce ebrei (è ancu alcuni apòstuli) duveranu chjappà a chjesa duramente. Hè quasi sicuru chì a Chjesa hà cridutu chì Ghjesù vultà subitu dopu à questi avvenimenti. Ma ùn hè micca materializatu, è chì duverebbe offensu certi cristiani.

Avà, sicuru, i Vangeli mostranu chì assai più duverebbe o deve succede prima di u ritornu di Ghjesù cà solu a distruzzione di Ghjerusalemme è di u tempiu. Per via di l'absenza di Ghjesù dopu a caduta di Ghjerusalemme, a Chjesa ùn pudia micca cuncludi ch'ella era stata ingannata. Tutti i trè sinoptichi ripetenu l'insignamentu per a chjesa: finu à chì vedi u "signu" di u Figliolu di l'omu chì appare in u celu, ùn site micca à sente quelli chì dicenu chì hè ghjuntu o vene prestu.

Nimu sà circa l'ora

Avà venemu à u messagiu core chì Ghjesù vole trasmette in u dialogu di Matteu 24. E so parolle in Matteu 24 sò menu profetiche, piuttostu ch'elli sò una dichjarazione d'insignamentu di a vita cristiana. Matteu 24 hè l'avvertimentu di Ghjesù à i discìpuli: Siate sempre pronti spirituale, precisamente perchè ùn sapete micca è sapete quandu torneraghju. E parabole in Matteu 25 illustranu u listessu messagiu di basa. Aċċettendu questu - chì u tempu hè scunnisciutu è resta - sguassà parechji sbaglii intornu à Matteu 24 in un colpu. U capitulu dice chì Ghjesù ùn vole micca fà profezie annantu à l'ora esatta di a "fine" o di u so ritornu. U "sguardu" significa: esse constantemente svegliu mentalmente, sia sempre preparatu. È micca: seguite a traccia di avvenimenti mundiali. Una profezia "quandu" ùn hè micca datu.

Comu si pò vede in a storia più tardi, Ghjerusalemme era infatti u focu di parechje manifestazioni è sviluppi turbulenti. In u 1099, per esempiu, i crociati cristiani circundonu a cità è tombu tutti i residenti. Durante a Prima Guerra Mundiale, u generale britannicu Allenby hà pigliatu a cità è a distaccò da l'Imperu Turcu. È oghje, cum'è tutti sapemu, Ghjerusalemme è a Ghjudea ghjucanu un rolu centrale in u cunflittu ebraicu-arabu.

Per sintetizà: Quandu i discìpuli anu dumandatu nantu à u "quandu" di a fine, Ghjesù hà datu a risposta: "Ùn pudete micca sapè chì". Una dichjarazione chì era è hè apparentemente difficiule di digerirà. Perchè dopu à a so risurrezzione, i discìpuli anu sempre pressu cù e dumande: "Signore, in questu tempu stabiliscerà u regnu di novu per Israele?" (Atti di l'Apòstuli 1,6). È dinò Ghjesù risponde: "Ùn hè micca u vostru locu per sapè l'ora o l'ora chì u Babbu hà determinatu in u so putere ..." (verse 7).

Malgradu l'insegnamentu chjaru di Ghjesù, i cristiani anu ripetutu sempre l'errore di l'apostuli. Una volta e altra volta i speculazioni annantu à u tempu di a "fine" s'accumulavanu, una volta e novu a venuta di Ghjesù era prevista immediatamente. Ma a storia hà fattu Ghjesù dirittu è sbagliatu per ogni ghjucadore numeru. Più semplicemente: ùn pudemu micca sapè quandu "a fine" ghjunghje.

Fighjate

Avà chì duvemu fà mentre aspittemu chì Ghjesù torna ? Ghjesù risponde à i discìpuli, è a risposta vale ancu per noi. Dice : « Per quessa, fighjate ; perchè ùn sapete in quale ghjornu vene u to Signore... Hè per quessa chì tù sì prontu ancu ! Perchè u Figliolu di l'omu vene à l'ora chì ùn pensate micca cusì » (Matteu 24,42-44). Per esse vigilante in u sensu di "fighjendu avvenimenti mundiali" ùn hè micca significatu quì. "Watching" si riferisce à a relazione di u Cristianu cù Diu. Deve esse sempre preparatu per affruntà u so creatore.

In u restu di u 24. Capitulu è in u 25. In questu capitulu, Ghjesù spiega in più dettagliu ciò chì significa "guardi". In a paràbola di u fideli è u servitore gattivu, urge à i discìpuli per evità i peccati mundani è ùn esse abbattuti da l'attrazione di u peccatu.4,45-51). A morale ? Ghjesù dice chì u Signore di u Servu Malvagiu "venerà in un ghjornu chì ùn l'aspittava micca è à una ora ch'ellu ùn cunnosci micca" (Ex.4,50).

Un insegnamentu simili hè struitu in a parabola di e vergini sàvii è stupide5,1-25). Certi di i vergini ùn sò micca pronti, micca "svegliati" quandu u sposu vene. Serete esclusu da l'imperu. A morale ? Ghjesù dice: "Dunque guardate! Perchè ùn sapete nè ghjornu nè ora » (25,13). In a parabola di i talenti affidati, Ghjesù parla di ellu stessu cum'è una persona chì viaghja in viaghju5,14-30). Probabilmente pensava à u so sughjornu in u celu prima di u so ritornu. Intantu, i servitori duveranu amministrà ciò chì li era affidatu in mani di fiducia.

Infine, in a paràbula di e pecure è di i capri, Ghjesù indirizza i duveri pastorali chì i discìpuli sò datu per u tempu di a so assenza. Quì li attira l'attenzione da u "quandu" di a so venuta à e cunsequenze chì sta venuta averà per a so vita eterna. A so venuta è a risurrezzione anu da esse u so ghjornu di ghjudiziu. U ghjornu chì Ghjesù separa e pecure (i so veri seguitori) da i capri (i pastori gattivi).

In a parabola, Ghjesù travaglia cù simbuli basati nantu à i bisogni fisichi di i discìpuli. Li donu cibo quandu avia fame, u dete da beie quandu avia a sete, u pigliò quand'ellu era un furesteru, l'abbandunò quand'ellu era nudu. I discìpuli sò stati stupiti è dicenu chì ùn l'avianu mai vistu cum'è bisognu.

Ma Ghjesù vulia illustrà e virtù di i pastori. "In verità vi dicu, ciò chì avete fattu à unu di questi più minimi di questi i mo fratelli, l'avete fattu à mè" (Ex.5,40). Quale hè un fratellu di Ghjesù? Unu di i so veri successori. Allora Ghjesù cumanda à i discìpuli per esse boni amministratori è pastori di a so banda - a so chjesa.

Hè cusì chì u discorsu longu in chì Ghjesù risponde à e trè dumande di i so discìpuli finisce: Quandu Gerusalemme è u tempiu sò distrutti? Chì serà u "signu" di a so venuta? Quandu si produce a "fine di u tempu mundiale"?

riassuntu

I discepuli sò colpiti da sente chì l'edifiche di u tempiu sò da esse distrutte. Li dumandanu quandu si deve accade è quandu "a fine" è Ghjesù "chì vènenu" duveranu. Cumu aghju dettu, in tutte e probabilità speravanu chì Ghjesù ascendissi à u tronu di u Messia è chì u regnu di Diu cumincissi cù tutta a so forza è a gloria. Ghjesù avisa contra stu modu di penseru. Duverà ritardà prima di "a fine". Ghjerusalemme è u tempiu saranu distrutti, ma a vita di a chjesa continuerà. Persecuzione di i cristiani è tribulazioni terribili vene nantu à Ghjudea. I discìpuli sò scantati. Avianu pensatu chì i discìpuli di u Messia avissiru ottinutu una vittoria risunante immediata, chì a Terra Promessa seria cunquistata, chì u veru culacciu serà restituitu. E ora queste previsioni di distruzzione di u tempiu è persecuzione di i fedeli. Ma ci sò altre lezioni terribule da vene. L'unicu "signu" chì i discìpuli di a venuta di Ghjesù vederanu hè u so propiu vene. Stu "signu" ùn hà più una funzione protettiva perchè hè troppu tardu. Tuttu chistu porta à u messagiu core di Ghjesù chì nimu ùn pò predichendu quandu "a fine" vene o quandu Ghjesù tornerà.

Ghjesù hà pigliatu e preoccupazioni di i so discìpuli chì nascenu da u modu sbagliatu di pensà è hà derivatu una lezione spirituale da questu. In e parolle di DA Carson: "E dumande di i discìpuli sò risposti, è u lettore hè aspittatu per aspittà u ritornu di u Signore è, finu à chì u Maestru hè luntanu, per campà in modu rispunsevule, in fede, in umanità è cun curagiu.4,45-25,46) » (Ibid, p. 495). 

di Paul Kroll


in pdfCiò chì Matteu 24 dice di "a fine"