Ciò chì Matteu 24 dice di "a fine"

346 ciò chì matthaeus 24 dice di a fine Hè impurtante per evità interpretazioni sbagliate, Matteu 24 in u cuntestu più grande (Cuntestu) di i capituli precedenti. Puderete esse surpresu d'amparà chì a preistoria di Matteu 24 principia à u più tardi in u capitulu 16, versu 21. Ci dice in riassuntu: "Da quellu tempu Ghjesù hà cuminciatu à mustrà à i so discìpuli cumu duvia andà in Ghjerusalemme è soffre assai da l'anziani è da i principali sacrificadori è da i scribi, è esse tombu è risuscitatu u terzu ghjornu". Cù questu, Ghjesù dà u primu suggerimentu di qualcosa chì, à l'ochji di i discepuli, pareva una prova elementaria di forza trà Ghjesù è l'autorità religiose in Ghjerusalemme. In strada per Ghjerusalemme (20,17-19) cuntinua di preparalli à stu cunflittu imminenti.

À l'ora di i primi annunzii di suffrenza, Ghjesù hà pigliatu i trè discìpuli Petru, Ghjacumu è Ghjuvanni finu à una muntagna alta. Quì anu sperimentatu a trasfigurazione (17,1-13). A causa di questu, i discepuli anu da esse dumandatu se u stabilimentu di u regnu di Diu puderia micca esse imminenti (17,10-12).

Ghjesù annuncia ancu à i discìpuli chì si senteranu nantu à dodici troni è ghjudiceranu Israele "quandu u Figliolu di l'omu si puserà nantu à u tronu di a so gloria" (19,28). Senza dubbitu, questu hà ancu suscitatu dumande nantu à u "quandu" è "cumu" di a venuta di u regnu di Diu. U discorsu di Ghjesù nantu à u regnu hà ancu incuraghjitu a mamma di Ghjacumu è Ghjuvanni à dumandà à Ghjesù di dà à i so dui figlioli pusizioni speciale in u regnu (20,20-21).

Dopu ghjunse l'ingressu triunfale in Ghjerusalemme, in u quale Ghjesù intrì in cità nantu à un sceccu (21,1-11). Questa, secondu Matteu, rializò una profezia di Zaccaria chì era vista in relazione à u Messia. Tutta a cità era in pede, si dumandu se ciò chì avissi da succede si Ghjesù ghjunse. In Ghjerusalemme hà rinnuvatu e tavule di i cambiamenti di soldi è dimustratu a so autorità messianica per via di altre azioni è miraculi (21,12-27). "Quale hè?" a ghjente si meravigliava (21,10).

Allora in 21,43 Ghjesù hà spiegatu à i capi di i capi è à l'anziani: "Dunque vi dicu à voi: U regnu di Diu serà pigliatu da voi è datu à un populu chì porta i so frutti." I so ascultori sapianu chì parlava di elli. Questa dicitura di Ghjesù pò esse presa cum'è un'indicazione chì era circa à stabilisce u so imperu messianicu, ma chì "stabilimentu" religioso duverebbe esse esclusu da ellu.

Serà custruitu l'imperiu?

I discìpuli chì anu intesu dì chì duvebbenu esse dumandatu ciò chì avia da andà. Ghjesù avia vulsutu chjamà immediatamente u Messia? Era nantu à cumbatte cù l'autorità rumana? Era circa à purtà u regnu di Diu? Ci faria guerra, è chì avissi da succede à Ghjerusalemme è à u tempiu?

Avà venimu à Matteu 22, versu 15. Questu hè induve a scena principia cù i Farisei chì volenu intrappulà Ghjesù cù dumande nantu à l'impositu. Cù e so risposte anu vulsutu presentallu cum'è ribellu contru à l'autorità rumane. Ma Ghjesù hà rispostu sapientamente è u so pianu hè statu frustratu.

U listessu ghjornu i Sadducei si sò discuti ancu cun Ghjesù (22,23-32). Ùn anu micca cridutu in a risurrezzione è ancu li dumandonu una dumanda truccu annantu à sette fratelli chì anu maritatu cù a stessa donna in seguitu. Cù quale mòglia deve esse in a risurrezzione? Ghjesù hà rispostu indirettamente è hà dettu chì ùn anu micca capitu e so propie scritture. Li hà cunfusu dicendu chì ùn ci era micca matrimoniu in u Reich.

Dopu, infine, i Farisei è i Saduchei li dumandonu una questione annantu à u cumandamentu più altu in a lege (22,36). A risponde prudente citendu Leviticu 3:19,18 è Deuteronomu 5. È rispostu cun una dumanda truccu: Quellu figliolu duveria esse u Messia? (22,42)? Allora avianu a stà in silenziu; «Nimu ùn li pudia risponde à una parolla, nè nimu ùn s'hè atrezzatu à dumandallu à quellu ghjornu» (22,46).

U Capitulu 23 mostra a polemica di Ghjesù contr'à i scribi è i Farisei. Versu a fine di u capitulu, Ghjesù hà annunziatu ch ellu li mandarà "profeti è savi è scrittori" è predicò ch'elli ucciderà, crucifiendu, flagellà e perseguitarà. Pone a rispunsabilità per tutti i prufeti ammazzati sopra e so spalle. A tensione hè ovviamente crescente è i discepuli si deve dumandassi quale sia u significatu di queste cunfronti puderia esse. Era Ghjesù chì era nantu à piglià u putere cum'è u Messia?

Allora Ghjesù s'indirizzava à Ghjerusalemme in preghiera è propedeu chì a so casa seria "lasciata deserta". Ci hè seguitatu da a rimessa inghjuliata: "Perchè vi dicu à voi: da quì à pocu mi ùn mi viderete finu à chì dite: Lode à quellu chì vene in nome di u Signore!" (23,38: 39.) I discepuli anu da esse messi à puzza è dumandatu teme circa e cose chì Ghjesù hà dettu. Era nantu à spiegà si?

A distruzione di tempie profetizzate

Allora Ghjesù hà lasciatu u tempiu. Mentre era surtitu, i so discìpuli senza sopra, indiconu i bastimenti di u tempiu. Cù Markus dicenu: "Maestru, vedi chì petri è chì edifici!" (13,1). Luke scrive chì i discìpuli parlava stupendu da e so "belle pietre è gemme" (21,5).

Fighjemu à ciò chì deve esse passatu in i cori di i discìpuli. E dichjarazioni di Ghjesù nantu à a devastazione di Ghjerusalemme è a so cunfronti cù l'autorità religiose temenu è incitatu i discepuli. Ci vole da chiedete perchè hà parlatu di a caduta imminente di u ghjudaisimu è di e so istituzioni. Ùn duveria micca fà vene u Messia per rinforzà i dui? Frà e parolle di i discìpuli riguardanti u tempiu ci hè una preoccupazione indiretta: ùn deve micca ancu esse danni sta putente chjesa?

Ghjesù hà sbulicatu a so speranza è approfondisce a so temeraria predicazione. Dispone a so elogia da u tempiu: "Ùn vedi tuttu questu? In verità, ti dicu, ùn ci sarà micca una petra ma l'altra chì ùn sarà micca rotta » (24,2). Questu duverebbe dà à i discepuli un scossa profonda. Anu cridutu chì u Messia salvà Ghjerusalemme è u tempiu, ùn la distruggerà. Quandu Ghjesù parlava di queste cose, i discepuli anu da pensà à a fine di u regnu paganu è à a gloriosa ascensione di Israele; tutti dui sò profetizati tante volte in le Scritture ebraiche. Elli anu saputu chì questi avvenimenti anu da esse in u "tempu di a fine", in a "ultima volta" (Daniel 8,17; 11,35 è 40; 12,4 è 9). Allora u Messia duverebbe appare o "vene" per stabilisce u Regnu di Diu. Questu significava chì l'Israele crescerà a dimensione naziunale è diventerà a punta di lancia di l'imperu.

Quandu sarà quellu chì succede?

I discìpuli - chì anu cridutu à Ghjesù esse u Messia - anu sentitu naturalmente u desideriu di sapè s'ellu era ghjuntu u "tempu di a fine". Ci sò stati alte aspettate chì Ghjesù avaristi prestu chì era u Messia (Ghjuvanni 2,12: 18). Ùn hè meravigliatu dunque chì i discìpuli urgenu à u Maestru à spiegà cumu è quandu ellu "vense".

Quandu Ghjesù era assittatu annantu à u Monte di Olivi, i discìpuli eccitati si avvicinonu à ellu è vulianu una certa infurmazione "privilegiata" in privatu. "Diteci", anu dumandatu, "quandu accadrà questu? è quale serà u signu di a vostra venuta è di a fine di u mondu? » (Matteu 24,3.) Volenu sapè quandu si svolgeranu e cose chì Ghjesù hà profetizatu di Ghjerusalemme, perchè ùn anu micca dubbitu cunnessu cù i tempi di a fine è a so "venuta".

Quandu i discepuli parlavanu di "venite", ùn avianu micca avutu un "secondu" chì vene à mente. Sicondu a so imaginazione, u Messia duverebbe vene è prestu prestu stabilisce u so regnu in Ghjerusalemme, è duverebbe durà "per sempre". Ùn avianu micca cunnisciutu una divisione in un "primu" è "secondu" chì vene.

Un altru puntu impurtante da cunsiderà in Matteu 24,3: 24, perchè u versu hè un tipu di riassuntu di tuttu u capitulu. A dumanda di i discepuli deve esse ripetuta è alcune parolle chjave in cursiva: "Diteci," anu dumandatu, "quandu accade? è quale serà u signu di a vostra venuta è di a fine di u mondu? » Volenu sapè quandu saranu e cose profetate da Ghjesù circa Ghjerusalemme perchè anu ligatu cù u "fini di u mondu" (Esattamente: fine di u tempu mundiale, era) è a so «venuta».

Trè dumande di i discìpuli

Emergenu trè dumande da i discìpuli. Prima, anu vulsutu sapè quandu "chì" deve accade. "Quella" puderia significà a devastazione di Ghjerusalemme è u tempiu chì a so distruzzioni Ghjesù avia ghjustu di profetizzà. Secunna, vulianu sapè quale "signu" annunziaria a so venuta; Ghjesù li chjama à elli, cum'è vedemu, più tardi in u capitulu 24, verset 30. E in terzu puntu, i discepuli vulianu sapè quandu u "fini". Ghjesù li dice chì questu ùn hè micca per elli di sapè (24,36).

S'è noi guardemu separatamente a queste trè dumande - e risposte di Ghjesù à elli - ci risparmieremu una serie di prublemi è interpretazioni sbagliate in relazione à Matteu 24. Ghjesù dice à i so discìpuli, Ghjerusalemme è u tempiu (u "chì") esse veramente distruttu durante a so vita. Ma u "signu" chì anu dumandatu era in relazione cù a so venuta, micca cù a distruzione di a cità. È risponde à a terza dumanda chì nimu sà l’ora di u so ritornu è a "fine" di u tempu mundiale.

Dunque trè dumande in Matteu 24 è trè risposte separate chì Ghjesù dà. Queste risposte disaccoppianu eventi chì formanu una unità in e dumande di i discìpuli è taglianu a so cunnessione tempurale. U ritornu di Ghjesù è a "fine di u tempu mundiale" pò ancu esse in u futuru, benchì a distruzzione di Ghjerusalemme (70 dC) hè assai luntanu.

Comu aghju dettu, questu ùn significa micca chì i discìpuli vedenu a distruzzione di Ghjerusalemme separatamente da u "fine". Quasi ùn anu mai cusì. È dinù s'aspittavanu chì l'avvenimenti avianu prestu (I Teologi anu u terminu tecnicu "aspettazione locale").

Videmu cumu queste dumande sò trattate in Matteu 24. Prima di tuttu, truvamu chì Ghjesù apparentemente ùn hà micca interessu particulari à parlà di e circustanze di "a fine". Sò i so discìpuli chì perforanu, chì facenu dumande, è Ghjesù risponde à elli è faci alcune spiegazioni.

Ricunniscemu ancu chì e dumande di i discìpuli in quantu à u "fine" sò più probabili di qualchì fallimentu - chì l'avvenimenti avarianu assai prestu, è à u stessu tempu. Micca dunque, speravanu chì Ghjesù venissi cum'è u Messia in un futuru vicinu, in u sensu chì si pò accade in pochi ghjorni o settimane. Tuttavia, vulianu un "signu" palpable di a so venuta per cunfirmà. Cù questu iniziu o cunniscenza secreta, anu vulsutu mette in pusizioni vantaghose quandu Ghjesù hà fattu u so passu.

In questu cuntestu, duvemu vede i cumenti di Ghjesù da Matteu 24. I discìpuli stimulanu a discussione. Cridenu chì Ghjesù si prepara à piglià u putere è vulete sapè u "quandu". Vulete un signu preparatariu. In fendu cusì, anu incompresu completamente a missione di Ghjesù.

A fine: micca ancora

Invece di risponde à e dumande di i discìpuli direttamente cum'è desideratu, Ghjesù utilizza l'opportunità per insegnà à trè insegnamenti impurtanti. 

A prima lezione:
U scenariu chì dumandavanu era più complicatu di ciò chì i discepuli naïvi pensavanu. 

A seconda lezziò:
Quandu Ghjesù "vene" - o cumu diciamu: "torna" - ùn era micca per elli sapè. 

A terza lezione:
I discepuli devenu "fighjate", iè, ma tenite sempre un ochju più in a so relazione cù Diu è menu in l'avvenimenti lucali o mundiali. Avè in mente sti principii è a discussione precedente, hè avà amparatu cumu si sviluppa a cunversazione di Ghjesù cù i so discìpuli. Prima di tuttu, l'avete avertitu à ùn esse micca ingannatu da l'avvenimenti chì ponu apparenze cum'è avvenimenti finale è micca (24, 4-8). Drasticu è catastròficu "deve succede", "ma a fine ùn hè ancora quì" (Verse 6).

Allora Ghjesù annuncia a persecuzione, u caos è a morte à i discìpuli (24,9-13). Quantu spaventosu deve esse per elli! "A chì parla sta persecuzione è a morte?" duvete avè pensatu. I seguitori di u Messia duverebbe triunfà è vince, ùn si micca tombu è distruttu, anu pensatu.

Allora Ghjesù principia à parlà di a proclamazione d'un evangelu à u mondu sanu. Allora "devenu vene a fine" (24,14). Questu ancu duverà confusu i discìpuli. Probabilmente pensavanu chì u Messia "vene" prima, allora averia stabilitu u so regnu, è solu allora a parolla di u Signore surtissi in u mondu (Isaias 2,1-4).

In seguitu, Ghjesù pare di vultassi è parla di novu annantu à a devastazione di u tempiu. Ci duverebbe una "abominazione di a desolazione in u locu santu" è "poi fughjenu à e muntagne chì hè in Ghjudea" (Matteu 24,15: 16) Un terrore incomparabile si dici chì scuppa di i Ghjudei. "Perchè allora sarà una grande angoscia postu chì ùn hè micca statu da u principiu di u mondu finu à avà è ùn diventerà più", dice Ghjesù (24,21). Puderà esse cusì terribile chì nimu serebbe viva se sti ghjorni ùn eranu scurciati.

Mentre e parolle di Ghjesù anu ancu una pruspettiva glubale, parla principalmente di avvenimenti in Ghjudea è in Ghjerusalemme. "Perchè ci saranu grandi bisognu di u paese è di ira in queste persone", dice Luke, chì spiega u cuntestu di ciò chì Ghjesù hà dettu (Luca 21,23, Bibbia di Elberfeld, enfasi da l'editori). U tempiu, Ghjerusalemme è Ghjudea sò u focusu di l'avvertimentu di Ghjesù, ùn hè micca u mondu interu. L'avvertimentu apocalitticu chì Ghjesù pronunzia si riferisce principalmente à i Ghjudei in Ghjerusalemme è a Ghjudea. L'avvenimenti da l'anni 66-70. anu cunfirmatu quellu.

Fuga - u Sabatu?

Per quessa, ùn hè micca surprisante chì Ghjesù dice: "Ma dumandate chì u vostru volu ùn sia fattu micca in l'invernu nè in u Sabatu" (Matteu 24,20). Qualchidunu chì si dumanda: Perchè Ghjesù menciona u sabatu quandu u sabatu ùn hè più ligatu nantu à a Chjesa? Siccomu i cristiani ùn devenu più preoccupatu di u sabbatu, perchè hè specificatu quì cum'è un ostaculu? L'ebrei crèdenu chì viaghjà in sabatu era pruibitu. Apparentemente avianu mancu una misura di a distanza massima chì puderia esse coperta quellu ghjornu, à dì un "Sabbath Walk" (Atti 1,12). Per Lukas, questu currisponde à a distanza trà u Monte di Olivi è u centru di a cità (Sicondu l'appendice in a Bibbia di Luther era di 2000 cubiti, circa 1 km). Ma Ghjesù dice chì hè necessariu di fughje luntanu in e muntagne. Una "camminata in sabbatu" ùn li piglialli micca da a zona di periculu. Ghjesù sapi chì i so ascoltanti credi chì u sabatu ùn deve micca piglià longa rotte di fuga.

Questa spiega perchè ellu dumanda à i discepuli di dumandà chì u volu ùn caduta micca un sabatu. Questa dumanda deve esse vista in u cuntestu di a so capiscitura di a lege mozaica in questu mumentu. Puderemu riassumà u ragiunamentu di Ghjesù in questu modu: sà chì ùn credi micca in longi viaghji in u Sabbatu, è ùn a farà micca perchè crede chì a lege ci vole. Dunque, se e cose chì si vanu à Ghjerusalemme falanu nantu à un sabbatu, ùn ne scapparete micca è truverete a morte. Dunque, vi cunsigliu di pricà chì ùn avete micca bisognu di fughje in sabbatu. Perchè ancu s'ellu decide di fughje, e restrizioni di viaghju chì generalmente prevalenu in u mondu ebraicu eranu un ostaculu difficiule.

Comu dissi, pudemu cunnessione questa parte di l'avvirtimenti di Ghjesù nantu à a distruzzione di Ghjerusalemme chì hè accaduta in u 70. Cristiani ebbrei in Ghjerusalemme chì ancora tenenu a lege di Mosè (Atti 21,17: 26) fussinu tuccheti è avissiru da fughje. Intarrianu in cunflittu di cuscenza cù a lege di u Sàbatu se a circustanza necessitava una fuga quellu ghjornu.

Eppuru ùn hè micca u "signu"

Intantu, Ghjesù hà cuntinuatu in u so discorsu, chì era destinatu à risponde à e dumande di i so discepuli annantu à u "quandu" di a so venuta. Avemu nutatu chì finu à avà ci hà spiegatu solu à elli in principiu quandu ùn vinarà micca. Si separa la catastrofe chì colpirà Ghjerusalemme da u "segnu" è a venuta "di a fine". À questu puntu, i discepuli avìanu da crede chì a devastazione di Ghjerusalemme è di Ghjudea era u "segnu" chì aspittàvanu. Ma si sò sbagliati, è Ghjesù palesa u so errore. Dice: «Se qualchissia ti dirà tandu: Eccu, eccu u Cristu! o quà!, ùn duvite micca crede » (Matteu 24,23). Ùn vi credi? Cosa deve pensà i discepuli di questu? Avete duvete esse dumandatu à voi stessu: Noi dumandemu una risposta per quandu ellu hà da stallà u so regnu, pregemu di chjamallu un signu di questu, è ellu solu parla quandu a fine ùn vene micca è da dì cose chì pari u signu ma ùn sò micca.

Tuttavia, Ghjesù cuntinueghja à dì à i discìpuli quandu ùn vinarà micca, ùn appariscerà. «Allora si ti dicenu: Eccu, hè in u desertu! eccu, stà in casa! ùn crede micca » (24,26). Vole fà chjaru chì i discepuli ùn deve micca esse ingannati, nè da avvenimenti mundiali nè da persone chì pensavanu di sapè u signu di a fine hè ghjuntu. Puderà ancu di dì à elli chì a caduta di Ghjerusalemme è u tempiu ùn anu micca annunziatu ancu a "fine".

Ora versu 29. Quì Ghjesù principia à finalmente dì à i discìpuli qualcosa di u "signu" di a so venuta, vale à dì chì risponde à a so seconda dumanda. U sole è a luna sò supposti di scurisce, è "e stelle" (forse cumeti o meteoriti) sò detti chì falanu da u celu. U sistema solare sanu hè di scuzzulà.

Finalmente, Ghjesù chjama à i discepuli u "segnu" chì stanu aspittà. Ci dice: «E allora u segnu di u Figliolu di l’omu apparirà in u celu. È tandu tutti i sessi di a terra si lamentanu è vederanu u Figliolu di l'omu chì vene nantu à i nuvuli di u celu cun grande forza è gloria » (24,30). Allora Ghjesù hà dumandatu à i discepuli per amparà una parabola da u ficu (24,32-34). Appena i rami sò diventati molle è e foglie cascanu, sapete chì l'estiu hè avvicinatu. «Ancu: se vedi tuttu chistu, sà ch'ellu hè vicinu à a porta» (24,33).

Tuttu chistu

«Tuttu què» - chì hè? Seranu solu guerre, terramoti è carestie quì è culà? Innò. Questu hè solu l'iniziu di u travagliu. Ci sò assai più afflizioni prima di "a fine". "Tuttu què" finisce cù l'apparizione di falsi prufeti è a predicazione di u Vangelu? Di novu, nò. "Tuttu què" si compie per via di u bisognu in Ghjerusalemme è di a distruzzione di u tempiu? Innò. Allora chì duvete include in "tuttu què"?

Prima di risponde à noi, una piccula digressione, una anticipazione di qualcosa chì a chjesa apostolica avia da amparà è nantu à quale dicenu i Vangeli sinoptichi. A caduta di Ghjerusalemme in u 70, a distruzzione di u tempiu è a morte di parechji preti è portavochi ebrei (è ancu alcuni apostoli) devenu chjappà duramente a chjesa. Hè guasi sicuru chì a Chjesa hà cridutu chì Ghjesù vultassi subitu dopu sti avvenimenti. Ma si stava luntanu, è questu deve avè offisu alcuni cristiani.

Avà, sicuru, i Vangeli mostranu chì assai più duverebbe o deve succede prima di u ritornu di Ghjesù cà solu a distruzzione di Ghjerusalemme è di u tempiu. Per via di l'absenza di Ghjesù dopu a caduta di Ghjerusalemme, a Chjesa ùn pudia micca cuncludi ch'ella era stata ingannata. Tutti i trè sinoptichi ripetenu l'insignamentu per a chjesa: finu à chì vedi u "signu" di u Figliolu di l'omu chì appare in u celu, ùn site micca à sente quelli chì dicenu chì hè ghjuntu o vene prestu.

Nimu sà circa l'ora

Avà venemu à u messagiu core chì Ghjesù vole trasmette in u dialogu di Matteu 24. E so parolle in Matteu 24 sò menu profetiche, piuttostu ch'elli sò una dichjarazione d'insignamentu di a vita cristiana. Matteu 24 hè l'avvertimentu di Ghjesù à i discìpuli: Siate sempre pronti spirituale, precisamente perchè ùn sapete micca è sapete quandu torneraghju. E parabole in Matteu 25 illustranu u listessu messagiu di basa. Aċċettendu questu - chì u tempu hè scunnisciutu è resta - sguassà parechji sbaglii intornu à Matteu 24 in un colpu. U capitulu dice chì Ghjesù ùn vole micca fà profezie annantu à l'ora esatta di a "fine" o di u so ritornu. U "sguardu" significa: esse constantemente svegliu mentalmente, sia sempre preparatu. È micca: seguite a traccia di avvenimenti mundiali. Una profezia "quandu" ùn hè micca datu.

Comu si pò vede in a storia più tardi, Ghjerusalemme era infatti u focu di parechje manifestazioni è sviluppi turbulenti. In u 1099, per esempiu, i crociati cristiani circundonu a cità è tombu tutti i residenti. Durante a Prima Guerra Mundiale, u generale britannicu Allenby hà pigliatu a cità è a distaccò da l'Imperu Turcu. È oghje, cum'è tutti sapemu, Ghjerusalemme è a Ghjudea ghjucanu un rolu centrale in u cunflittu ebraicu-arabu.

In riassuntu: Quand'elli sò dumandati da i discìpuli nantu à u "quandu" di a fine, Ghjesù dà a risposta: "Ùn pudete micca sapè quellu". Una dichjarazione chì hè statu è hè apparentemente difficile di digerisce. Dopu a so risurrezzione, i discepuli l'avianu sempre pressu cù e dumande nantu à: "Signore, ricustituirete u regnu per Israele in questu tempu?" (Atti 1,6). E ancora Ghjesù risponde: "Ùn hè micca u vostru dirittu di sapè u tempu o l'ora chì u Babbu hà determinatu in u so putere ..." (Verse 7).

Malgradu l'insegnamentu chjaru di Ghjesù, i cristiani anu ripetutu sempre l'errore di l'apostuli. Una volta e altra volta i speculazioni annantu à u tempu di a "fine" s'accumulavanu, una volta e novu a venuta di Ghjesù era prevista immediatamente. Ma a storia hà fattu Ghjesù dirittu è sbagliatu per ogni ghjucadore numeru. Più semplicemente: ùn pudemu micca sapè quandu "a fine" ghjunghje.

Fighjate

Chì avemu da fà avà mentre aspittemu chì Ghjesù vultessi? Ghjesù risponde à i discìpuli, è a risposta vale ancu per noi. Dice: "Fighjate dunque; perchè ùn sapete micca quellu ghjornu chì u vostru Signore vene ... Cusì sì ancu pronta! Perchè u Figliolu di l'omu vene à un'ora quandu ùn significheghju micca » (Matteu 24,42: 44) Esse attenti in u sensu "osservà l'avvenimenti mundiali" ùn hè micca significatu quì. "Guardà" si riferisce à a relazione cristiana cù Diu. Ellu deve esse sempre dispostu à affruntà u so creatore.

In u restu di u Capitulu 24 è u Capitulu 25, Ghjesù poi spiega ciò chì significa "guardii". In a parabola di u fedele è di u servitore male, si incuraghja i discepuli à evità i peccati mundani è à ùn avè micca sguassatu da l'attrazione di u peccatu. (24,45-51). U murale? Ghjesù dice chì u signore di u servitore gattivu "vene in un ghjornu quandu ùn l'aspittà è à una ora chì ùn sà" (24,50).

Un insegnamentu simili hè trasmessu in a parabola di e vèrgine sàviu è pazzie (25,1-25). Alcune di e vèrgine ùn sò micca pronti, micca "svegliu" quandu u sposu vene. Hè escluditu da l'imperu. U murale? Ghjesù dice: "Fighjate dunque! Perchè ùn sapi nè ghjornu nè ore » (25,13). In a parabola di i membri affidati à Ghjesù, Ghjesù parla di ellu stessu cum'è una persona chì viaghja (25,14-30). Probabilmente pensava à a so stanza in celu prima di u so ritornu. I servitori devenu avà gestisce a fiducia di e mani di fiducia.

Finalmente, in a parabola di e pecure è di e capre, Ghjesù parla di i travaglii pasturali datu à i discìpuli in tempu di a so assenza. Eccu, u mudeu a so attenzione da u "quandu" di a so venuta à e cunsequenze chì questa venuta hà per a so vita eterna. A so venuta è a risurrezzione hè dettu chì hè u so ghjornu di ghjudiziu. U ghjornu chì Ghjesù i pecuri (i so veri successori) da i capri (u male pastore) si separa.

In a parabola, Ghjesù travaglia cù simbuli basati nantu à i bisogni fisichi di i discìpuli. Li donu cibo quandu avia fame, u dete da beie quandu avia a sete, u pigliò quand'ellu era un furesteru, l'abbandunò quand'ellu era nudu. I discìpuli sò stati stupiti è dicenu chì ùn l'avianu mai vistu cum'è bisognu.

Ma Ghjesù hà vulsutu chjarificà e virtù di i pastori. «Veramente, ti dicu: chì avete fattu à unu di questi minori di i mo fratelli, m'hà fattu» (25,40). Quellu hè un fratellu di Ghjesù Unu di i so veru successori. Dunque, Ghjesù hà urdinatu à i discepuli per esse boni custodi è pastori di a so bandata - a so chjesa.

Hè cusì chì u discorsu longu in chì Ghjesù risponde à e trè dumande di i so discìpuli finisce: Quandu Gerusalemme è u tempiu sò distrutti? Chì serà u "signu" di a so venuta? Quandu si produce a "fine di u tempu mundiale"?

riassuntu

I discepuli sò colpiti da sente chì l'edifiche di u tempiu sò da esse distrutte. Li dumandanu quandu si deve accade è quandu "a fine" è Ghjesù "chì vènenu" duveranu. Cumu aghju dettu, in tutte e probabilità speravanu chì Ghjesù ascendissi à u tronu di u Messia è chì u regnu di Diu cumincissi cù tutta a so forza è a gloria. Ghjesù avisa contra stu modu di penseru. Duverà ritardà prima di "a fine". Ghjerusalemme è u tempiu saranu distrutti, ma a vita di a chjesa continuerà. Persecuzione di i cristiani è tribulazioni terribili vene nantu à Ghjudea. I discìpuli sò scantati. Avianu pensatu chì i discìpuli di u Messia avissiru ottinutu una vittoria risunante immediata, chì a Terra Promessa seria cunquistata, chì u veru culacciu serà restituitu. E ora queste previsioni di distruzzione di u tempiu è persecuzione di i fedeli. Ma ci sò altre lezioni terribule da vene. L'unicu "signu" chì i discìpuli di a venuta di Ghjesù vederanu hè u so propiu vene. Stu "signu" ùn hà più una funzione protettiva perchè hè troppu tardu. Tuttu chistu porta à u messagiu core di Ghjesù chì nimu ùn pò predichendu quandu "a fine" vene o quandu Ghjesù tornerà.

Ghjesù hà pigliatu i falsi preoccupati di i so discìpuli è derivatu da elli un insegnamentu spirituale. In e parolle di DA Carson: "E risposte à e dumande di i discepuli, è u lettore hè incuraghjitu à guardà avanti à u ritornu di u Signore è à vive in modu responsabile, fideli, umanamente è curaggiu mentre u Maestru hè luntanu. (24,45-25,46) » (ibid., p. 495). 

di Paul Kroll


in pdfCiò chì Matteu 24 dice di "a fine"