Ghjesù u travagliu perfettu di salvezza

169 U travagliu perfettu di salvezza di Ghjesù Versu a fine di u so Vangelu pudete leghje sti cumenti fascinanti di l'Apòstulu Ghjuvanni : « Ghjesù hà fattu assai altri segni davanti à i so discìpuli, chì ùn sò micca scrittu in stu libru [...] Ma s'ellu si deve esse scrittu unu dopu à altru, allora pensu chì u mondu ùn pò micca capisce i libri chì deve esse scrittu » (Ghjuvanni 20,30:2; ).1,25). Basatu nantu à sti rimarche è tenendu in contu e sfarenze trà i quattru Vangeli, si pò cuncludi chì e rapprisintazioni mintuvate ùn sò micca scritte cum'è traccia cumpleta di a vita di Ghjesù. Ghjuvanni spiega chì i so scritti sò destinati "per pudè crede chì Ghjesù hè u Cristu, u Figliolu di Diu, è chì per a fede pudete avè a vita in u so nome" (Ghjuvanni 20,31). U focu principalu di l'Evangeli hè di proclamà a bona nova nantu à u Salvatore è a salvezza chì ci hà datu in ellu.

Ancu Ghjuvanni vede a salvezza (a vita) ligata à u nome di Ghjesù in u versu 31, i cristiani parlanu di esse salvatu da a morte di Ghjesù. Mentre sta dichjarazione succinta hè finu à avà curretta, a sola riferenza di salvezza à a morte di Ghjesù pò oscure a pienezza di quale ellu hè è ciò chì hà fattu per a nostra salvezza. L'avvenimenti di a Settimana Santa ci ricordanu chì a morte di Ghjesù - d'impurtanza cruciale cum'è - hè da esse vistu in un cuntestu più grande chì include l'Incarnazione di u nostru Signore, a so morte, a so risurrezzione è l'ascensione à u celu. Sò tutti i tappe indispensabili, indissolubilmente intrecciate in u so travagliu di redenzione - u travagliu chì ci dà a vita in u so nome. Allora durante a Settimana Santa, cum'è in u restu di l'annu, vulemu vede in Ghjesù u travagliu perfettu di redenzione.

incarnation:

A nascita di Ghjesù ùn era micca a nascita d'ogni ghjornu d'una persona urdinaria. Cum'è unicu in ogni modu, incarna u principiu di l'incarnazione di Diu stessu. Cù a nascita di Ghjesù Diu hè ghjuntu à noi cum'è essaru umanu di listessa manera chì tutti l'omi umani sò nati da Adamu. Ancu s'ellu hè statu quellu chì era, u Figliolu Eternu di Diu hà pigliatu a vita umana in tuttu da u principiu à a fine, da a nascita à a morte. Cum'è una persona, hè interamente Diu è interamente umanu. In questa dichjarazione schiacciante truvemu un significatu eternu chì merita altrettantu apprezzamentu eternu.
 
Cù a so incarnazione, l'eternu Figliolu di Diu si n'andò fora di l'eternità è, cum'è un omu fattu di carne è sangue, intrì in a so creazione, chì era guvernata da u tempu è u spaziu. "E a Parola s'hè fatta carne è abitava à mezu à noi, è avemu vistu a so gloria, una gloria cum'è u Figliolu unigenitu di u Babbu, pienu di grazia è di verità" (Ghjuvanni). 1,14).

In effetti, Ghjesù era una persona vera in tutta a so umanità, ma à u listessu tempu era ancu completamente Diu - in essenza cù u Babbu è u Spìritu Santu. A so nascita cumpone parechje profezie è incarna a prumessa di a nostra salvezza.

L'incarnazione ùn hà micca finitu cù a nascita di Ghjesù - cuntinuò fora di a so vita terrena sana è hè sempre realizatu oghje cù a so vita umana glurificata. U Figliolu di Diu incarnatu (vale à dì incarnatu) resta di a listessa natura cum'è u Babbu è u Spìritu Santu - a so natura divina hè presente senza riserve è onnipotenti à u travagliu - chì dà a so vita cum'è umanu un significatu unicu. Questu hè ciò chì dice in Rumani 8,3-4: «Per ciò chì era impussibile per a lege, perchè era debilitatu da a carne, chì Diu hà fattu: Mandò u so Figliolu in a forma di carne piccatu è per u peccatu, è cundannava u peccatu in a carne, cù a ghjustizia, da A lege dumandata, saria cumpiita in noi, chì avà ùn campanu micca secondu a carne, ma secondu u spiritu ". Paul cuntinueghja à spiegà chì "simu salvati da a so vita" (Rumani 5,10).

A vita è l'opera di Ghjesù sò inseparabilmente ligati - tramindui facenu parte di l'incarnazione. U Diu-Omu Ghjesù hè u perfettu sommu sacrificadore è mediatore trà Diu è l'omu. Hà participatu à a natura umana è hà purtatu ghjustizia à l'umanità campendu una vita senza peccatu. Questu fattu ci permette di capisce cumu pò cultivà una relazione sia cù Diu sia cù e persone. Mentre di solitu festighjemu a so nascita à Natale, l'evenimenti di a so vita sana facenu sempre parte di e nostre lode cumpresive - ancu durante a Settimana Santa. A so vita palesa a natura relaziunale di a nostra salvezza. Ghjesù, in forma d'ellu stessu, hà riunitu Diu è l'umanità in una relazione perfetta.

Tod

A breve dichjarazione chì avemu statu salvatu per via di a morte di Ghjesù porta à certi à cuncepisce male chì a so morte era una espiazione chì Diu hà purtatu à grazia. Pregu chì tutti vedemu a fallacia di stu pensamentu. TF Torrance scrive chì, in u sfondate di una comprensione curretta di i sacrifici di l'Anticu Testamentu, ùn vedemu micca una offerta pagana per u pirdunu in a morte di Ghjesù, ma u putente tistimunianza di a vulintà di un Diu graziosu (Atonement: The Person and Work of Christ : Persona è ministeru di Cristu], pp. 38-39). I riti sacrificali pagani eranu basati nantu à u principiu di a retribuzione, mentri u sistema di sacrificiu d'Israele era basatu annantu à u pirdunu è a cunciliazione. Invece di guadagnà u pirdunu cù l'aiutu di l'offerte, l'Israele si videnu permessi da Diu per esse assolti da i so piccati è cusì cunciliati cun ellu.

I sacrifici d'Israele sò stati disignati per tistimunià è revelà l'amore è a grazia di Diu cù riferimentu à u destinu di a morte di Ghjesù, chì hè datu in a riconciliazione cù u Babbu. Cù a so morte, u nostru Signore hà ancu scunfittu Satanassu è hà pigliatu u putere da a morte stessu: «Perchè i figlioli sò oghji di carne è sangue, ancu ellu l'accetta à uguali misura, affinchì per via di a so morte piglissi u putere da quellu chì avia u putere di morte, vale à dì à u diavulu, è hà ramutu quelli chì, per paura di a morte, avianu da esse servitori per tutta a so vita » (Ebrei 2,14-15). Paul hà aghjustatu chì Ghjesù "deve guvernà finu à chì Diu mette tutti i nemici sottu à i so pedi. L'ultimu nemicu à esse distruttu hè a morte "(1. Corinti 15,25-26). A morte di Ghjesù manifesta l'aspettu expiatorio di a nostra salvezza.

risurrizzioni

A dumenica di Pasqua celebremu a risurrezzione di Ghjesù, chì cumpiendu parechje profezie di l'Anticu Testamentu. U scrittore di l'Ebrei indica chì a salvezza d'Isaac da a morte riflette a risurrezzione (Ebrei 11,18-19). Amparemu da u libru di Jonah chì era "trè ghjorni è trè notti" in u corpu di u grande pesciu (Giu 2: 1). Ghjesù hà riferitu à quellu incidente in quantu à a so morte, sepultura è risurrezzione2,39-40); Matteu 16,4 è 21; Ghjuvanni 2,18-22u).

Celebremu a risurrezzione di Ghjesù cun grande gioia perchè ci ricorda chì a morte ùn hè micca finali. Piuttostu, rapprisenta un passu intermediu nantu à a nostra strada in u futuru - a vita eterna in cumunione cù Diu. A Pasqua celebremu a vittoria di Ghjesù nantu à a morte è a nova vita chì avemu da avè in ellu. Aspittemu cun gioia à u tempu di quale Revelazione 21,4 u discorsu hè : «[...] è Diu sguasserà tutte e lacrime da i so ochji, è ùn ci sarà più morte, nè dulore nè grida nè dulore ; perchè u primu hè passatu ". A risurrezzione rapprisenta a speranza di a nostra salvezza.

accriscimentu

U nascita di Ghjesù hà culminatu in a so vita è a so vita hà purtatu à a morte. Tuttavia, ùn pudemu micca separà a so morte da a so risurrezzione, nè pudemu separà a so risurrezzione da a so ascensione. Ùn esce micca da a tomba per vive una vita umana. Hà cullatu in u Celu in natura umana glurificata, è era solu cun stu grande avvenimentu chì u travagliu hà principiatu.

In l'intruduzioni à u libru di Torrances Atonement, Robert Walker hà scrittu: "Cù a risurrezzione, Ghjesù riceve u nostru esse umanu è u porta à a presenza di Diu in l'unità è a cummunione di l'amore trinitario". CS Lewis hà dettu cusì: "In a storia cristiana, Diu scende è poi ascende di novu". A maravigliosa bona nova hè chì Ghjesù ci hà alzatu cun ellu. "[...] è ci hà risuscitatu cun noi è ci hà stabilitu in u celu in Cristu Ghjesù, affinchì in i tempi à vene pò vede l'abbundanti ricchezze di a so grazia per a so bontà versu noi in Cristu Ghjesù "(Efesini. 2,6-7u).

Incarnazione, morte, risurrezzione è ascensione - sò tutte parte di a nostra salvezza è cusì a nostra elogia in a Settimana Santa. Queste frasi apuntanu à tuttu ciò chì Ghjesù hà rializatu per noi cù tutta a so vita è u so travagliu. In tuttu l'annu, vedemu più è più quale hè è ciò chì hà fattu per noi. Stà à u travagliu perfettu di salvezza.

Chì e benedizioni chì sperimentemu per mezu di Ghjesù Cristu sianu date à voi è à i vostri amati,

Ghjiseppu Tkach

prisidenti
COMUNITÀ INTERNAZIONALE GRACE


in pdfGhjesù u travagliu perfettu di salvezza