Valentine's Day - U ghjornu di l'amatori

626 San Valentinu u ghjornu di l'amatori Ogni annu u 14 di ferraghju, l'amatori di u mondu sanu dichjaranu u so amore eternu unu per l'altru. L'usu di stu ghjornu ricolla à a festa di San Valentinu, hè statu introduttu da u papa Gelasiu in u 469 cum'è ghjornu di ricordu per tutta a chjesa. Parechje persone adupranu stu ghjornu per sprime u so affettu per qualcunu.

I più romantichi trà di noi scrivenu puesie è ghjucanu una canzone per a so persona cara o rigalanu dolci in forma di core in questu ghjornu. Espressione d'amore piglia assai pianificazione è vene à un prezzu. Cù questi penseri in mente, aghju cuminciatu à pensà à Diu è u so amore per noi.

L'amore di Diu ùn hè micca una qualità di ellu, ma a so essenza. Diu stessu hè amore personificatu: «Quellu chì ùn ama ùn cunnosce micca Diu; perchè Diu hè amore. In questu l'amore di Diu apparsu in mezu à noi, chì Diu hà mandatu u so Figliolu unitu in u mondu per chì campemu per ellu. Eccu ciò chì cunsiste l'amore: micca chì avemu amatu à Diu, ma ch'ellu ci hà amatu è hà mandatu u so Figliolu per espiarà i nostri peccati » (1 Ghjuvanni 4,8: 10).

Spessu si leghje prestu ste parolle è ùn si mette micca in pausa, ùn pensate micca à u fattu chì l'amore di Diu era spressu in a crucifissione di u so Figliolu. Ancu prima chì u mondu sia statu creatu, Ghjesù hà decisu di dà a so vita per a creazione di Diu per a so morte. "Perchè in ellu ci hà sceltu prima chì a fundazione di u mondu sia stata posta per esse santi è senza colpa davanti ad ellu in amore" (Efesini 1,4).
Quellu chì hà creatu e galassie cosmiche è l'intricatu impeccabile di una orchidea rinuncerà vulinteri a so dimensione, fama è putenza è serà cun noi umani, cum'è unu di noi, nantu à a terra. Hè quasi impussibile per noi di capisce questu.

Cum'è noi, Ghjesù s'hè firmatu in e notte fredde d'invernu è hà suppurtatu u caldu soffocante d'estate. E lacrime chì currianu nantu à e so guance quandu vide a suffrenza intornu à ellu eranu vere quant'è a nostra. Sti segni umidi nantu à a faccia sò forse u segnu u più impressiunante di a so umanità.

Perchè per un prezzu cusì altu?

Per compie tuttu, hè statu vuluntariamente crucifissu. Ma perchè duverebbe esse u tippu di esecuzione u più odiosu mai inventatu da l'omu? Hè statu battutu da suldati addestrati chì, prima di inchjudallu à a croce, u burlavanu è u burlavanu. Era veramente necessariu di appughjà una curona di spine nantu à a so testa? Perchè l'anu sputatu? Perchè sta umiliazione? Pudete imaginà u dulore quandu e unghie grossi è smussati sò stati cundutti in u so corpu? O quandu s'hè debilitatu è u dulore era insupportabile? U panicu schiacciante quandu ùn pudia respirà - inimaginabile. A spugna imbevuta di acetu ch'ellu hà ricevutu pocu nanzu a so morte - perchè facia parte di u prucessu di morte di u so figliolu caru? Tandu accade l'incredibile: u Babbu, chì era in una relazione perfetta perfetta cù u Figliolu, s'hè alluntanatu da ellu quandu hà pigliatu u nostru peccatu.

Chì un prezzu da pagà per mostrà u so amore per noi è per ristabilisce a nostra relazione peccata cù Diu. Circa 2000 anni fà avemu ricevutu u più grande rigalu d'amore chì ci hè nantu à una cullina in u Golgotha. Ghjesù hà pensatu à noi umani quandu hè mortu è hè st'amore chì l'ha aiutatu à suppurtà tutte l'abominazioni. Cù tuttu u dulore chì Ghjesù hà passatu in quellu momentu, l'aghju imaginatu sussurrendu pianu: «Facciu tuttu què solu per voi! Ti tengu caru!"

A prossima volta chì vi sentite micca amatu o solu in San Valentinu, ricurdatevi chì l'amore di Diu per voi ùn hà limiti. Hà suppurtatu l'orrori di quellu ghjornu per pudè passà l'eternità cun voi.

"Perchè sò sicuru chì nè a morte nè a vita, nè l'ànghjuli nè i puteri nè i puteri, nè u presente nè u futuru, nè l'alti nè i prufondi, nè alcuna altra criatura ci ponu separà da l'amore di Diu, chì hè in Cristu Ghjesù u nostru Signore" (Rumani 8,38-39).

Ancu se San Valentinu hè un ghjornu pupulare per mostrà l'amore à qualcunu, sò sicuru chì u più grande ghjornu d'amore hè quellu chì u nostru Signore Ghjesù Cristu hè mortu per noi.

di Tim Maguire