Matti 6: A Sermone nantu à u Monte

393 matthaeus 6 u Sermone annantu à u Monte Ghjesù insegna un altu livellu di ghjustizia chì esige una attitudine interna di sincerità da noi. In parolle alarmanti, ci ammenta di còllera, adulteriu, ghjuramentu è rimissione. Dice chì avemu ancu amatu i nostri nemici (Matteu 5). I Farisei eranu cunnisciuti pè e linee strette, ma a nostra ghjustizia duveria esse megliu cà quella di i Farisei (chì pò esse abbastanza fastidiosu se ne scurdemu di ciò chì u Sermone di u Monte prumesse a misericordia prima). A vera ghjustizia hè un attitudine di u cori. In u sestu capitulu di u Vangelu di Matteu vedemu cumu Ghjesù fa chjaru stu tema cundannendu a religione cum'è un spettaculu.

Carità in secretu

«Amparate a vostra pietà chì ùn a pratiche micca davanti à e persone per esse vistu da elli; altrimenti ùn pagate micca di u Padre Celestiale. Se ci dà limosina, ùn devi micca lasciate trumbetta davanti à voi, cum'è l'ipocriti facenu in i sinagogi è in i vicini, per chì a ghjente possa elogiallu. In verità, a vi dicu: anu digià avutu u so salariu » (Vv. 1-2).

In u ghjornu di Ghjesù, ci era persone chì facianu un spettaculu fora di a religione. S'assicuranu chì a ghjente puderia vede e so boni opere. Per questu anu ricevutu ricunniscenza da parechji lati. Hè tuttu ciò chì uttene, dice Ghjesù, perchè e so azzione sò solu agisce. Ùn era micca interessatu di serve à Diu, ma di fà bè in l'opinione publica; attitudine chì Diu ùn ricumpinserà micca. U cumpurtamentu religiosu pò ancu esse vistu oghje in pulpi, in eserciziu di l'uffiziu, realizendu un studiu Biblicu o in cuntribuzioni da i ghjurnali di a chjesa. Pudete dà alimenti à i poveri è predicà l'evangelu. Da l'esternu pare un serviziu seriu, ma l'attitudine pò esse assai diversa. "Ma quandu dete una limosina, ùn lasciate micca a vostra manu sinistra ciò chì a vostra manu diritta face, in modu chì a vostra alma reste oculta; è u vostru babbu chì vede u nascitu ti ricumpencerà » (Vv. 3-4).

Di sicuru, a nostra "manu" ùn cunnosce nunda di e nostre azioni. Ghjesù usa una frasa chì spiega chì dà a limosina ùn hè micca per scopi di spettaculu, nè per u benefiziu di l'altri nè per l'auto-lode. Facemu per Diu, micca per via di a nostra reputazione propria. Ùn hè micca literalmente capisce chì a carità pò piglià solu in segretu. Ghjesù hà dettu prima chì i nostri boni atti devenu esse visibili in modu chì a ghjente pò lodà Diu (Matteu 5,16). L'enfasi hè nantu à a nostra attitudine, micca nantu à u nostru impattu esternu. U nostru mutivu duverà esse di fà bè opere per a gloria di Diu, micca per u nostru stessu onore.

A preghiera oculta

Ghjesù hà dettu qualcosa di simile à a preghiera: "E quandu pregu, ùn deve micca esse cum'è l'ipocriti chì piace stà è pregà in i sinagogi è in i cantoni di strada per chì l'omu pò esse vistu. In verità, ti dicu, sò digià avutu i so salarii. Ma quandu pregu, entra in u vostru armariu è chjude a porta è prega à u vostru babbu chì hè stesu; è u vostru babbu chì vede u nascitu ti ricumpencerà » (Vv. 5-6). Ghjesù ùn face un novu cumandamentu contru a preghiera publica. Certe volte ancu Ghjesù pricava in publicu. U fattu hè chì ùn duvemu micca pregà solu per esse vistu, nè duvemu evità a preghiera per teme di l'opinione publica. A preghiera adora Diu è ùn ci hè micca da presentà bè.

"E quandu preghi, ùn deveria micca burlà assai cume i pagani; perchè pensanu chì saranu intesu si dicenu assai parolle. Hè per quessa chì ùn devi micca esse cum'è elli. Perchè u vostru babbu sapi ciò chì avete bisognu prima di dumandallu » (Vv. 7-8). Diu sapi i nostri bisogni, ma duvemu ancu dumandallu (Filippini 4,6) è perseveranu in questu (Luca 18,1-8). U successu di a preghiera dipende da Diu, micca di noi. Ùn deve micca ghjunghje à un certu numaru di parolle o mantenere finu à un minimu tempu, nè avemu da aduttà una attitudine di preghiera speciale, nè di sceglie belli paroli. Ghjesù ci hà datu una preghiera mudellu - un esempiu di simplicità. Puderà serve di guida. Altri disegni sò ancu benvenuti.

«Hè per quessa chì duvete pregà cusì: U nostru Babbu in Celu! U vostru nome sarà santificatu. Veni u vostru regnu. Seranu fatti in a Terra comu hè in u celu » (Vv. 9-10). Sta preghiera principia cun un simplice elogiu - nunda cumplicatu, solu una formulazione di u desideriu chì Diu sia d'onore è chì a ghjente sia ricettiva à a so vuluntà. «Dateci u nostru pane à ogni ghjornu oghje» (V. 11). Ricunnosciamu cusì chì a nostra vita dipende di u nostru Babbu Onnipotente. Mentre pudemu andà à una tenda di cumprà pane è altre cose, duvemu ricurdà chì Diu hè quellu chì rende pussibile. Fidemu di ellu ogni ghjornu. «È pardunate a nostra culpabilita, cum'è ci perdunemu ancu i nostri culpabili. È ùn tentate micca, ma liberateci da u male » (Vv. 12-13). Avemu bisognu micca solu di manghjà, ma ancu una relazione cù Diu - una relazione chì spessu ne trascuratemu è perchè avemu spessu bisognu di u pirdunu. Sta preghiera vi ricorda ancu chì quandu dumandemu à Diu di diventà pietà di noi, duvemu esse misericordiosu per l'altri. Ùn tutti ùn sò micca giganti spirituali - avemu bisognu d'aiutu divinu per resistà à a tentazione.

Quì Ghjesù finisce a preghiera è infine sottumette a nostra rispunsabilità per uccittà. Megliu cumprendemu di quantu hè bonu Diu è quanti sò i nostri fallimenti, megliu capiremu chì avemu bisognu di misericordia è siamu disposti à pardunà l'altri (Vv. 14-15). Sembra una avvertimentu: "Aghju da fà solu dopu avete fattu quessa". Un gran problema hè chì e persone ùn sò micca bè per pardunà. Nisunu di noi sò perfetti è nimu perdona completamente. Un Cristu ci dumanda di fà qualcosa chì ancu Diu ùn faria? Saria cuncepitu chì averiamu da perdonà incondizionalmente altri mentre mette a cundizione u so perdonu? Sì Diu hà fattu u so perdonu dipendente di u nostru perdonu è avemu fattu u listessu, allora avissimu solu pardunà l'altri quandu anu pardunatu. Sariamu in una fila interminabile chì ùn si move. Se u nostru pirdunu hè basatu nantu à pardunà l'altri, a nostra salvezza dipende di ciò chì facemu - di i nostri travagli. Hè per quessa chì avemu un prublema teologicu è praticu quandu pigliammu Matteu 6,14: 15 littiralmenti. À questu puntu, pudemu aghjustà chì Ghjesù hè mortu per i nostri peccati, prima di esse ancu nati. L'Scrittura dice chì hà chiodatu i nostri peccati nantu à a croce è hà cunciliatu u mondu sanu cun ellu stessu.

Da una banda, Matteu 6 ci insegna chì u nostru perdonu sembra esse cundizionale. Per d 'altra banda, l'Scrittura ci insegna chì i nostri peccati sò digià pardunati - chì sarebbe cumprendu u peccatu di u pirdunu. Cumu si ponu cuncilià queste duie idee? Sia noi avemu malinterpretatu i versi da un latu o quelli di l'altru. Cum'è un altru argumentu, pudemu avà cunsidereghja chì Ghjesù hà spessu usatu l'elementu di esagerazione in e so conversazioni. Sè l'ochju ti seduce, lacrime. Quandu si prica, vai à u vostru armariu (ma Ghjesù ùn hà sempre pricatu in casa). Quandu rendite à quelli chì necessitanu, ùn lasciate micca a vostra manu sinistra ciò chì a vostra manu diritta face. Ùn resentate micca una persona male (ma Paulu a fece). Ùn dice più cà sì o nò (ma Paulu a fece). Ùn puderebbe chjamà micca à nimu un babbu - èppuru, femu tutti.

Da questu pudemu vede chì un altru esempiu di esagerazione hè statu utilizatu in Matteu 6,14: 15. Chistu ùn significa micca chì pudemu ignurà quessa - Ghjesù era prova à indignà l'impurtanza di pardunà l'altri. Se vulemu chì Diu ci pardunhe, allora duvemu pardunà l'altri. Se vulemu campà in un imperu in quale avemu statu pardunati, avemu da vive in u listessu modu. Cumu vulemu esse amatu da Diu, duvemu amassi i nostri parenti umani. Se ùn li femu micca cusì, ùn cambierà a natura di Diu per amare. Rimane veru se vulemu esse amatu, duvemu. Ancu se tuttu pare chì tutta dipende da a cumplissione di una precondizione, u scopu di ciò chì hè statu dettu hè di incuragisce à amare è di pardunà. Paulu a mette cum'è una struzzione: "Endurete l'una à l'altru è pardunate unu à l'altru se qualchissia hà lagnanza contru l'altru; cum'è u Signore ti hà pardunatu, cusì ti pardunate! » (Colosiani 3,13). Un esempiu hè datu quì; ùn hè micca un esigenza.

In a Preghiera di u Signore, dumandemu u pane di ogni ghjornu, ancu sì (in a maiò parte di i casi) digià à a casa. In u stessu modu si dumandemu u pardonu, ancu s'ellu avemu digià ricevutu. Hè una ammissione chì avemu fattu qualcosa di sbagliatu è chì questu afecta a nostra relazione cù Diu, ma cun fiducia chì Ellu hè prontu à pardunà. Face parte di ciò chì significa sperà a salvezza cum'è un rigalu piuttostu cà chì puderebbe guadagnà attraversu a nostra prestazione.

U digiunu in sicretu

Ghjesù vene cun un altru cumpurtamentu religiosu: «Se riesci, ùn duvete micca fà arrabbiatu cum'è l'ipocriti; perchè stanu movendu u so visu per affaccà si davanti à e persone cun u so digiunu. In verità, ti dicu, sò digià avutu i so salarii. Ma sè dighjunu, ungiate a testa è lavate a faccia, in modu chì ùn vi mostri micca cun fasting à e persone, ma à u vostru babbu chì hè stesu; è u vostru babbu chì vede u nascitu ti ricumpencerà » (Vv. 16-18). Quandu fastemu, lavemu è pente cum'è di solitu, perchè simu davanti à Diu è per ùn impressiunà a ghjente. In novu l'enfasi hè nantu à l'attitudine; ùn hè micca questione di nutà a caccia. S'è qualchissia ci dumanda se ne simu in furia, pudemu risponde à a verità - ma ùn deve mai sperà chì ci sia dumandatu. U nostru scopu ùn hè micca di attirà l'attenzione, ma di circà a vicinanza di Diu.

Ghjesù indetta u listessu puntu annantu à e trè temi. Induvimu limosina, preghiera o rapida, hè fatta "in secretu". Ùn cerchemu micca impressiunà e persone, nè ci amparemu di elle. Servemu à Diu è Onurà solu. Ellu ci ricumpinsarà. A ricompensa pò esse bè fatta in secretu. Hè vera è succede secondu a so bè divina.

Tesori in celu

Esaminemu à piacè à Diu. Facemu a so vuluntà è mette in valore e so ricompense più di i benefici transitori di u mondu. L'elogi publicu hè una forma di ricumpensa di corta durazione. Ghjesù parla quì nantu à a volatilità di e cose fisiche. «Ùn duvete micca raccoglie tesori in terra induve manghjanu e tàvuli è a rusticità è induve i ladri fucilanu è fucellanu. Ma recullà i tesori in celu, induve ùn manghjanu micca polu o ruggine è induve i ladri ùn si ne strappanu e ùn ne fucenu » (Vv. 19-20). E ricchezze mundiali sò di corta durazione. Ghjesù ci consiglia di perseguità una strategia d'investimentu megliu - per circà i valori duraturi di Diu attraversu a carità silenziosa, a preghiera discreta è u digiunu in secretu.

Sì noi pigliamu Ghjesù troppu littiralmenti, unu puderia pensà ch'ellu avissi messu un'offerta contru u salvamentu per l'età di ritirata. Ma hè veramente di u nostru core - chì noi cunsideremu preziosu. Duvemu valute i premii celestiali più di u nostru risparmiu mundiale. «Perchè induve sia u to caru, ci hè ancu u vostru core» (V. 21). Se pensemu chì e cose chì i valori di Diu sò preziosi, i nostri cori guidanu cumpletamente u nostru cumpurtamentu.

«L’ochju hè a luce di u corpu. Sè l'ochju hè più forte, tuttu u vostru corpu sarà luce. Ma se u to ochju hè male, u vostru corpu sarà scuru. Se a luce chì vi hè in tè hè bughjura, quantu serà grande u bughju! » (Vv. 22-23). Apparentemente, Ghjesù usa un dittu di u so tempu quì è l'applicà à l'avidità per u soldi. Se guardemu e cose chì appartenenu bè, vedemu modi per fà bè è esse generosi. Tuttavia, quandu simu egoisti è gelosi, andemu in a bughjura morale - corrotta da i nostri vivi. Chì cercemu in a nostra vita - di piglià o di dà? Sò i nostri cunti bancari imposti per serve, o ci permettenu di serve l'altri? I nostri obiettivi ci guidanu versu u bonu o di a corruzzione di noi. Se u nostru internu hè corrottu, se cercemu solu u peghju di stu mondu, allora simu veramente corrotti. Ciò chì ci motivate? Sò i soldi o hè Diu? "Nimu ùn pò serve dui maestri: o odierà unu è amarà l'altru, o s'incarterà à unu è disprezcerà l'altru. Ùn pudete micca serve à Diu è à mammone » (V. 24). Ùn pudemu micca serve à Diu è à l'opinione publica in listessu tempu. Avemu duverebbe sè stessu Diu è senza cumpetizione.

Cumu puderia una persona "serve" mammone? Cridendu chì u soldu averia purtatu a so furtuna, chì a faria pareva estremamente putente è chì puderia attribuisce un grande valore. Queste valutazioni sò più adattati per Diu. Hè quellu chì ci pò darà felicità, hè a vera fonte di sicurità è di vita; hè u putere chì ci pò aiutà di più. Duvemu valurisimu è onorà più di qualcosa perchè ellu vene prima.

A vera sicurità

«Dunque vi dicu: ùn vi ne fate micca ... Ce mangerè è beie; ... ciò chì purterete. I pagani si strive per tuttu questu. Perchè u vostru Babbu celesticu sapi chì avete bisognu di tuttu questu » (Vv. 25-32). Diu hè un bonu babbu è ci hà da piglià cura quandu ellu occupà u postu più altu in a nostra vita. Ùn avemu micca da preoccupari l'opinioni di a ghjente o ùn preoccupate micca di soldi o beni. "Se cercate u regnu di Diu è a so ghjustizia prima, ti caderà tutti" (V. 33) Viveremu abbastanza longu, ricevemu abbastanza manciari, ricevemu abbastanza suffirenzii se amemu Diu.

di Michael Morrison


in pdf Matti 6: A Sermone nantu à u Monte (3)