Matti 6: A Sermone nantu à u Monte

393 matthaeus 6 u Sermone annantu à u MonteGhjesù insegna un altu standard di ghjustizia chì esige una attitudine di ghjustizia in l'internu. Cù parolle disturbanti, ci avvirtenu contr'à a rabbia, l'adulteri, i ghjuramentu è a retribuzione. Ellu dice chì avemu ancu amà i nostri nemici (Matteu 5). I Farisei eranu cunnisciuti per e linee strette, ma a nostra ghjustizia deve esse megliu cà quella di i Farisei (chì pò esse abbastanza sorprendente se scurdemu di ciò chì era prumessu prima in u Sermone nantu à a Montagna nantu à a misericordia). A vera ghjustizia hè una attitudine di u core. In u sestu capitulu di l'Evangelu di Matteu, vedemu à Ghjesù chì face stu prublema chjaramente cundannendu a religione cum'è un spettaculu.

Carità in secretu

«Fate cura di a to pietà, chì ùn la pratichi micca davanti à a ghjente per ch’elli si vedanu ; altrimenti ùn avete micca un salariu da u vostru Babbu Celeste. Sè vo fate l'elemosina avà, ùn deve micca lascià ch'ella sia trombata davanti à voi, cum'è l'ipocriti facenu in e sinagoghe è in i carrughji, per ch'elli ponu esse lodati da u populu. In verità vi dicu chì anu digià avutu u so salariu » (v. 1-2).

In u ghjornu di Ghjesù, ci era ghjente chì facia un spettaculu di religione. Ils s'assuraient que les gens puissent écouter leurs bonnes œuvres. Per questu, anu ricevutu ricunniscenza da parechji quartieri. Hè tuttu ciò chì ottennu, dice Ghjesù, perchè ciò chì facenu hè solu agisce. A so preoccupazione ùn era micca di serve à Diu, ma di vede bè in l'opinione publica; una attitudine chì Diu ùn ricumpensà micca. U cumpurtamentu religiosu pò ancu esse vistu oghje nantu à i pulpiti, quandu esercitanu l'uffizii, cunducendu un studiu di a Bibbia o in articuli in i ghjurnali di a chjesa. Nutrite i poveri è predicà u Vangelu. Esternamente pare un serviziu sinceru, ma l'attitudine pò esse assai diversa. «Ma quand'è vo fate l'elemosina, ùn lasciate micca sapè ciò chì face a manu diritta, affinchì a to limosina sia piatta; è u vostru Babbu, chì vede ciò chì hè ammucciatu, vi ricumpensarà » (v. 3-4).

Di sicuru, a nostra "manu" ùn sapi nunda di i nostri azzioni. Ghjesù usa una frasa chì esprime chì dà l'elemosina ùn hè micca per scopi di mostra, per u benefiziu di l'altri, o per l'auto-lode. Facemu per Diu, micca per a nostra propria reputazione. Ùn deve esse pigliatu literalmente chì a carità pò esse solu in sicretu. Ghjesù hà dettu prima chì i nostri boni atti duveranu esse visibili per chì a ghjente lodassi à Diu (Matteu 5,16). L'enfasi hè nantu à a nostra attitudine, micca in u nostru impattu esternu. U nostru mutivu deve esse di fà boni travaglii per a gloria di Diu, micca per a nostra gloria.

A preghiera oculta

Ghjesù hà dettu qualcosa di simile à a preghiera: "È quandu pregate, ùn deve micca esse cum'è l'ipocriti chì piacenu stà in sinagoghe è à l'anguli di e strade è pricà per chì a ghjente li veda. In verità vi dicu, anu digià avutu u so salariu. Ma quandu vi pricà, andate in a vostra stanza è chjude a porta è prega à u vostru Babbu, chì hè in sicretu; è u vostru Babbu, chì vede ciò chì hè ammucciatu, vi ricumpensarà » (vv. 5-6). Ghjesù ùn face un novu cumandamentu contru a preghiera publica. Calchì volta ancu Ghjesù pricava in publicu. U puntu hè, ùn duvemu micca pricà solu per esse vistu, nè duvemu evità a preghiera per paura di l'opinione publica. A preghiera venera à Diu è ùn hè micca quì per presentà bè.

«È quandu si pricà, ùn ci vole micca babbà assai cum'è i pagani ; perchè pensanu ch'elli seranu intesu s'ellu dicenu tante parolle. Dunque ùn deve esse micca cum'è elli. Perchè u vostru Babbu sapi ciò chì avete bisognu prima di dumandà à ellu "(vv. 7-8). Diu cunnosce i nostri bisogni, ma duvemu dumandà à ellu (Filippesi 4,6) è persevera (Luca 18,1-8u). U successu di a preghiera dipende di Diu, micca di noi. Ùn avemu micca à ghjunghje à un certu numaru di parolle o aderisce à un marcu di tempu minimu, nè aduttà una pusizioni speciale di preghiera, nè sceglie parolle fine. Ghjesù ci hà datu una preghiera di mostra - un esempiu di simplicità. Pò esse serve cum'è guida. Altri disinni sò ancu benvenuti.

« Hè per quessa chì duvete pricà cusì : Babbu nostru in u celu ! Sia santificatu u vostru nome. Veni u to regnu. A vostra vuluntà sia fatta in terra cum'è in u celu » (vv. 9-10). Sta preghiera principia cù una lode simplice - nunda cumplicatu, solu una frasa di u desideriu chì Diu sia onoratu è chì a ghjente sia ricettiva à a so vuluntà. "Dacci oghje u nostru pane di ogni ghjornu" (v. 11). Ricunnoscemu quì chì a nostra vita dipende di u nostru Babbu Onnipotente. Mentre pudemu andà in una tenda per cumprà pane è altre cose, duvemu ricurdà chì Diu hè quellu chì face questu pussibule. Dipendimu da ellu ogni ghjornu. «E perdona i nostri debiti, cum'è noi pardunemu ancu i nostri debitori. È ùn ci porta micca in tentazione, ma liberaci da u male "(vv. 12-13). In più di l'alimentu, avemu ancu bisognu di una relazione cù Diu - una relazione chì spessu trascuratemu è per quessa avemu spessu bisognu di u pirdunu. Sta preghiera ci ricorda ancu chì quandu dumandemu à Diu per esse graziosu, duvemu esse misericordiosi à l'altri. Ùn simu micca tutti giganti spirituali - avemu bisognu di l'aiutu divinu per resiste à a tentazione.

Quì Ghjesù finisce a preghiera è, infine, rimarca a nostra rispunsabilità di pardunà l'un l'altru. U megliu capiscenu quantu hè bonu Diu è quantu grandi i nostri fallimenti sò, u megliu capisce chì avemu bisognu di misericordia è esse disposti à pardunà l'altri (vv. 14-15). Avà s'assumiglia à una riservazione: "Faraghju questu solu quandu avete fattu quellu". Un grande prublema hè chì a ghjente ùn hè micca assai bè à pardunà. Nisunu di noi hè perfettu è nimu di noi perdone perfettamente. Hè Ghjesù chì ci dumanda di fà qualcosa chì ancu Diu ùn avissi micca? Hè cuncepibile chì pudemu avè da pardunà à l'altri incondizionatamente mentre ellu rende u so pirdunu cundizionale? Sì Diu hà fattu u so pirdunu dipendente di u nostru pirdunu, è avemu fattu u listessu, allora ùn avemu micca pardunà à l'altri finu à ch'elli avianu ancu pardunatu. Semu stati in una fila infinita chì ùn si move micca. Se u nostru pirdunu hè basatu annantu à u pirdunu à l'altri, allora a nostra salvezza dipende di ciò chì facemu - i nostri travagli. Hè per quessa chì avemu un prublema teologicu è praticu quandu parlemu di Matteu 6,14Pigliate -15 literalmente. À questu puntu, pudemu aghjunghje à a cunsiderazione chì Ghjesù hè mortu per i nostri peccati prima chì avemu ancu natu. L'Scrittura dice chì hà chjappu i nostri peccati à a croce è hà cunciliatu u mondu sanu à ellu stessu.

Da una banda, Matteu 6 ci insegna chì u nostru pirdunu pare esse cundiziunali. Per d 'altra banda, l'Scrittura ci insegna chì i nostri peccati sò digià pardunati - chì includenu u peccatu di negligenza di u pirdunu. Cumu si ponu cuncilià sti dui idee ? O avemu capitu male i versi di una parte o di l'altru. Pudemu avà aghjunghje un argumentu supplementu à e cunsiderazioni chì Ghjesù hà spessu usatu l'elementu di esagerazione in e so conversazioni. Se u to ochju ti seduce, strappallu. Quandu pricate, andate in a vostra stanza (ma Ghjesù ùn hà micca sempre pricatu in casa). In dà à quelli chì anu bisognu, ùn lasciate micca chì a vostra manu manca sapè ciò chì a diritta face. Ùn oppone micca una persona male (ma Paul hà fattu). Ùn dice micca più di sì o nò (ma Paul hà fattu). Ùn duvete micca chjamà nimu babbu - è ancu, avemu tutti.

Da questu pudemu vede chì in Matteu 6,14-15 Un altru esempiu di esagerazione hè stata utilizata. Questu ùn significa micca chì pudemu ignurà - Ghjesù vulia indicà l'impurtanza di pardunà l'altri populi. Se vulemu chì Diu ci parduni, allora duvemu pardunà ancu à l'altri. Sè avemu da campà in un regnu induve ci hè statu pardunatu, duvemu campà in u listessu modu. Cume vulemu esse amati da Diu, cusì duvemu amassi i nostri cumpagni umani. Se fallemu, a natura di Diu à amore ùn cambia micca. Stà veru, se vulemu esse amatu, duvemu esse ancu noi. Ancu s'ellu si sona chì tuttu questu dipende da una precondizione chì si scontra, u scopu di ciò chì si dice hè di incuraghjemu à amà è à pardunà. Pàulu l'hà dettu cum'è una struzzione: "Portatevi l'un l'altru è pardunate l'un l'altru s'è qualchissia si lamenta contru à l'altru; cum'è u Signore vi hà pardunatu, cusì ancu voi pardunate! " (Colossians 3,13). Questu hè un esempiu; ùn hè micca un requisitu.

In a Preghiera di u Signore dumandemu u nostru pane di ogni ghjornu, ancu s'è (in a maiò parte di i casi) avemu digià in casa. In listessa manera, dumandemu u pirdunu ancu s'è avemu digià ricevutu. Questa hè una ammissione chì avemu fattu qualcosa di male è chì affetta a nostra relazione cù Diu, ma cun a cunfidenza chì ellu hè prontu à pardunà. Hè una parte di ciò chì significa aspittà a salvezza cum'è un rigalu piuttostu cà qualcosa chì pudemu merità cù i nostri sforzi.

U digiunu in sicretu

Ghjesù ammenta un altru cumpurtamentu religiosu: "Quandu digiunate, ùn deve micca vede in furia cum'è l'ipocriti; perchè si disfrazzanu a faccia per vede à u populu cù u so digiunu. In verità vi dicu, anu digià avutu u so salariu. Ma quandu digiunate, unge u vostru capu è lavate a faccia per ùn vede micca à a ghjente cù u vostru digiunu, ma à u vostru Babbu, chì hè in sicretu; è u vostru Babbu, chì vede ciò chì hè ammucciatu, vi ricumpensarà » (vv. 16-18). Quandu avemu digiunatu, lavamu è pettinemu, cum'è sempre, perchè venemu davanti à Diu è micca per impressiunà a ghjente. In novu l'enfasi hè nantu à l'attitudine; ùn si tratta micca di esse nutatu da u digiunu. Se qualchissia ci dumanda s'ellu simu in digiunu, pudemu risponde sinceramente - ma ùn deve mai sperà di esse dumandatu. U nostru scopu ùn hè micca di attirà l'attenzione, ma di circà a vicinanza di Diu.

Ghjesù indetta u listessu puntu annantu à e trè temi. Induvimu limosina, preghiera o rapida, hè fatta "in secretu". Ùn cerchemu micca impressiunà e persone, nè ci amparemu di elle. Servemu à Diu è Onurà solu. Ellu ci ricumpinsarà. A ricompensa pò esse bè fatta in secretu. Hè vera è succede secondu a so bè divina.

Tesori in celu

Fighjemu nantu à piace à Diu. Facemu a so vulintà è valutemu i so ricumpensa più chè i ricumpensa effimeri di stu mondu. A lode publica hè una forma di ricumpensa di corta durata. Ghjesù parla quì di a volatilità di e cose fisiche. "Ùn duvete micca cullà tesori nantu à a terra, induve falene è ruggine li manghjanu, è induve i ladri sbuccanu è arrubbanu. Ma cullate voi stessi tesori in u celu, induve ùn manghjanu nè falene nè ruggine, è induve i ladri ùn sfondanu è arrubbanu "(vv. 19-20). E ricchezze di u mondu sò di corta durata. Ghjesù ci cunsiglia di perseguite una strategia d'investimentu megliu - cercate i valori duraturi di Diu attraversu a carità silenziosa, a preghiera discreta è u digiunu in sicretu.

S'è no pigghiamu Ghjesù troppu littiralmenti, unu pudia pensà ch'ellu facia un cumandamentu contru à salvà per l'età di ritirata. Ma in realtà si tratta di u nostru core - ciò chì cunsideremu preziosu. Duvemu valurizà i premii celesti più cà i nostri risparmi mundiali. "Perchè induve hè u vostru tesoru, ci hè ancu u vostru core" (v. 21). Quandu truvamu e cose di valore chì Diu valuta cum'è preziose, i nostri cori guidanu ancu u nostru cumpurtamentu bè.

"L'ochju hè a luce di u corpu. Quandu i vostri ochji sò più forti, u vostru corpu tutale serà lume. Ma s'è u to ochju hè male, tuttu u vostru corpu sarà scuru. Sì a luce chì hè in tè hè bughjura, quantu grande serà a bughjura! " (Vv. 22-23). Apparentemente, Ghjesù usa un pruverbiu di u so tempu è l'applica à l'avidità di soldi. Quandu guardemu à e cose chì appartenenu bè, vedemu opportunità per fà u bè è esse generosi. Tuttavia, quandu simu egoisti è ghjilosi, entremu in a bughjura morale - currutti da e nostre addictions. Chì circhemu in a nostra vita - per piglià o per dà ? Sò i nostri cunti bancari stallati per serve à noi o ci permettenu di serve à l'altri ? I nostri scopi ci guidanu per u bè o ci corrompenu. Sì i nostri internu sò currutti, se cerchemu solu i premii di stu mondu, allora simu veramente currutti. Ciò chì ci motiva Sò i soldi o hè Diu? "Nimu ùn pò serve dui maestri: o odirà l'unu è amarà l'altru, o s'attacherà à l'unu è disprezzerà l'altru. Ùn pudete micca serve à Diu è Mammon » (v. 24). Ùn pudemu micca serve à Diu è l'opinione publica à u stessu tempu. Duvemu serve à Diu solu è senza cumpetizione.

Cumu puderia una persona "serve" mammone? Cridendu chì u soldu averia purtatu a so furtuna, chì a faria pareva estremamente putente è chì puderia attribuisce un grande valore. Queste valutazioni sò più adattati per Diu. Hè quellu chì ci pò darà felicità, hè a vera fonte di sicurità è di vita; hè u putere chì ci pò aiutà di più. Duvemu valurisimu è onorà più di qualcosa perchè ellu vene prima.

A vera sicurità

« Hè per quessa chì vi dicu : ùn vi preoccupate micca di ... ciò chì vi manghjà è beie ; ... ciò chì vi purterete. I pagani cercanu tuttu questu. Perchè u vostru Babbu celeste sapi chì avete bisognu di tuttu questu "(vv. 25-32). Diu hè un Babbu bonu è ellu hà da piglià cura di noi quandu ellu occupa u locu più altu in a nostra vita. Ùn avemu micca bisognu di preoccupassi di l'opinioni di e persone o di preoccupassi di soldi o beni. "Cercate prima u regnu di Diu è a so ghjustizia, è tuttu caderà à voi" (v. 33) Avemu da campà abbastanza per avè abbastanza per manghjà è esse furnitu bè s'ellu amemu à Diu.

di Michael Morrison


in pdfMatteu 6: U Sermone nantu à a Montagna (3)