Cornuò di spine

Quandu Ghjesù hè statu accusatu di un delittu degnu di morte, i suldati anu messu a spina in una corona spurtiva è a pusonu in u so capu (Ghjuvanni 19,2). Mettenu una robba purpura è s'hè abbattutu di ellu cù e parolle: "Saluti, rè di i Ghjudei!" Mentre li saltavanu nantu à a faccia è tracciavanu à i pedi.

I suldati l'anu fattu per divertisce, ma i Vangeli includenu sta storia cum'è una parte significativa di a prova di Ghjesù. Sospettanu chì anu intrecciatu sta storia perchè hà una verità ironica - Ghjesù hè u rè, ma u so regnu puderia esse precedutu da rifiutu, ridicule è suffrenze. Hà una corona di spine perchè hè u guvernatore di un mondu pienu di dulore è cum'è rè di stu mondu corruptu hà dimustratu u so dirittu à guvernà soffrendu u dolore stessu. Era cupartu di spine incurunatu (solu da un grande dulore) (Hà datu l'autorità).

Un significativu ancu per noi

A corona di spini hè ancu impurtante in a nostra vita - ùn hè micca solu una parte di una scena cinematografica in quale simu sbalzati da a soffrenza chì Ghjesù hà attraversatu per esse u nostru Redentore. Ghjesù hà dettu chì, se vulemu seguità à Ellu, averiamu duvemu piglià a nostra croce ogni ghjornu - è puderia esse dicendu chì ci vole à portà una corona di spine. Semu cunnessi cù Ghjesù in u colpu di suffrenza.

A corona di spini hà significatu per Ghjesù è hà un significatu per tutti quelli chì seguitanu Ghjesù. Cumu Genesi descrive, Adamu è Eva rifiutonu Diu è anu pigliatu a decisione di sperimentà per sè stessu ciò chì hè u male è u bè.  

Ùn hè micca sbagliatu cunnosce a diffarenza trà u bonu è u male - ma ci hè assai sbagliatu in a soffrenza di u male perchè hè u chjassu di e spine, a strada di a soffrenza. Dapoi chì Ghjesù vense per annunzià l'arrivata di u Regnu di Diu, ùn hè micca una sorpresa chì l'umanità, chì hè sempre alluntanata da Diu, l'ha rifiutatu è a esprimiu cù spine è morte.

Ghjesù hà accettatu stu rejetu - ellu accetta a corona di e spine - cum'è parte di a tazza amara di soffre ciò chì e persone soffrenu in modu chì puderia apre a porta per noi di scappà di stu mondu di lacrimi cun ellu. In questu mondu, i guverni pusonu spine nantu à i capi di i citadini. In questu mondu, Ghjesù hà patitu tuttu ciò chì vulianu fà in ellu per chì puderia liberà noi tutti di stu mondu di impietà e spine.

U mondu chì vene serà guvernatu da l'omu chì hà superatu u percorsu di e spine - è quelli chì anu datu a so lealtà piglianu u so postu in u guvernu di sta nova creazione.

Tutti sperimentemu e nostre corone di spine. Tutti avemu da purtà a nostra croce. Avemu tutti campati in stu mondu falatu è sparte in u so dulore è preoccupa. Ma a corona di e spine è a croce di a morte anu truvatu u so equivalente in Ghjesù, chì ci dumanda: "Venite à mè, voi tutti chì sò laboriosi è impegnati; Vogliu ricaricà voi. Pigliate u mo juginu nantu à tè è amparà da mè; chì sò amile è umile da u core; cusì truverete u restu per u vostru seleniu. Perchè u mo jugu hè gentile è a mo carica hè ligera " (Matteu 11,28: 29)

di Ghjiseppu Tkach


in pdfCornuò di spine