Stà focu annantu à a grazia di Diu

173 fucalizza nantu à a grazia di Diu

Recentemente aghju vistu un video chì parodia un spot publicitariu. In questu casu si trattava di un CD cristianu fittitivu cù u titulu "Hè Tuttu Di Me" (Tuttu nantu à mè). U CD hà cuntatu e canzoni: "Lord I Lift My Name on High" (Signore, alzò u mo nome à u celu), "I Exalt Me" (Ascense) è «Ùn ci hè niente cum'è mè». (Nimu ùn hè cum'è mè). Stranu? Iè, ma illustra a trista verità. Noi l'omu tendenu à adurà noi stessi invece di Diu. Cum'è l'aghju citatu recentemente, questa tendenza corta circuiti a nostra educazione spirituale, chì hè basata nantu à a fiducia in noi stessi è micca in Ghjesù, "u principiante è a fine di a fede" (Ebrei 12,2 Lutero).

Attraversu temi cum'è "Superare u peccatu", "Aiutà i poveri" o "Condividere u Vangelu", i predicatori aiutanu à volte e persone senza intenzione di piglià una vista sbagliata di i prublemi di a vita cristiana. Questi temi ponu esse di aiutu, ma micca quandu e persone si sò cuncentrazione in sè stessu invece di Ghjesù - quale hè, ciò chì hà fattu è face per noi. Hè vitale per aiutà e persone cunfidendu pienamente in Ghjesù, sia per a so identità, per a so chjama è u so destinu finale. Cù l'ochji centrati in Ghjesù, vanu à vede ciò chì ci vole à fà per serve à Diu è à l'umanità, micca per i so propiu sforzi, ma da grazia di participà à ciò chì Ghjesù, in accordu cù u Babbu è u Spìritu Santu, è amore perfettu di a ghjente.

Lasciami illustrà questu cù conversazioni chì aghju avutu cù dui cristiani cummessi. Aghju avutu a prima discussione cù un omu nantu à a so lotta di dà. Per un bellu pezzu pruvò à dà a chjesa più di ciò chì avia pressu di u budgetu, basatu annantu à u cuncettu sbagliatu chì per esse generoso da dà deve esse doloroso. Ma ùn importa quantu ellu hà datu (è quantu dulore si sentia), era sempre culpabilmente chì puderia dà di più. Mentre era scrivite un cuntrollu per a vittima settimanale, un ghjornu, gratitùllu, a so perspettiva nantu à dà u cambiamentu. Hà nutatu cumu si era focu annantu à a dumanda di ciò chì significa a so generosità per l'altri, micca di ciò chì l'aiuta. U mumentu chì sta mudificazione in u so pensamentu hè accaduta, per ùn sentenu più culpabile, u so sintimu trasfurmatu in gioia. Per a prima volta, hà capitu una scrittura chì hè spessu citata in i registri di vittime: "Eccu cumu tutti deve decide di sè stessu quantu volenu dà, voluntariamente è micca perchè l'altri facenu. Perchè Diu ama quellu chì dà a felicità è di a vuluntà. » (2 Corintini 9: 7 Speranza per Tutti). S'hè capitu chì Diu hà amatu micca menu chè quandu ùn era micca un dannatore felice, ma Diu hà avà sperimentatu è l'amatu cum'è un dolu allegru.

A seconda discussione hè stata in realtà duie cunversazione cù una donna nantu à a so vita di preghiera. A prima cunversazione era di mette u clock in prega per esse sicura chì pregava almenu 30 minuti. Ella hà spiegatu chì hè stata capace di trattà cun tutte e dumande di preghiera durante questu tempu, ma hè stata scunfata quandu hà vistu u clock è hà vistu chì eranu passati menu di 10 minuti. Allora ella pricava ancu di più. Ma ogni volta chì fighjulava à u sguardu, i sentimenti di culpabilità è inadegwate ùn cresce solu. Cum'è una broma, aghju nutatu chì mi sentia cum'è ella "adorava u clock". In a nostra seconda cunversazione, m'hà dettu chì a mo rimarche hà rivoluzionatu u so approcciu à a preghiera (perchè Diu riceve a gloria - micca eiu). Apparentemente, u mo cumentu di stand-up hà pigliatu u so modu di pensà è quandu ella pricava, ella principiava à parlà à Diu senza preoccupassi di quantu tempu pricava. In pocu tempu raghjonu hà sentitu chì era più cunnessu à Diu chì mai.

A nostra vita cristiana si cuncentra in u nostru rendimentu (inclusi l'educazione spirituale, u discipulaghju è a missione) ùn sò micca "duvete". Invece, si tratta di una participazione grazia à ciò chì Ghjesù fa in noi, per mezu di noi, è intornu à noi. L'enfasi in i so propii sforzi tende à finisce in a ghjustizia di sè stessu. Una ghjustizia di sè stessu chì si compara spessu cù l'altri o ancu cundannalli è sbagliatu li porta à a cunclusione chì avemu fattu qualcosa per merità l'amore di Diu. Tuttavia, a verità di l'evangelu hè chì Diu ama tutti ognunu quant'è solu u Diu pò infinitamente grande. Chistu significa chì ama l'altri cum'è quantu ci ama. A grazia di Diu elimina ogni attitudine "noi contru à elli" chì aumenta sè stessu cum'è ghjusta è cundanna à l'altri cum'è indegni.

"Ma," certi pòbbenu ozzione, "chì di e persone chì commettenu grandi peccati? Di sicuru, Diu ùn li ama micca quantunque ama i credenti fedeli ». Per risponde à questu oggetto, avemu bisognu solu à guardà l'eroi di a fede in Ebrei 11,1: 40. Quessi ùn eranu micca persone perfette, assai di elli anu sperimentatu fallimenti colosali. A Bibbia conta più storie nantu à e persone chì Diu hà salvatu da un fallimentu da quelli chì abbitavanu vita ghjusta. A volte avemu a interpretazione errata di a Bibbia cum'è se i redenti facianu u travagliu invece di u Redentore! Se ùn capemu micca chì e nostre vita sò aduprate à grazia per via di a disciplina, micca da i nostri propii sforzi, cuncludemu equivocamente chì a nostra reputazione cù Diu hè dovuta à a nostra cumpurtamentu. Eugène Peterson s'indirizza di questu errore in u so libru utile nantu à u discipulatu, "Una Longa Ubbidienza in a stessa Direzione".

A principale rialità per i Cristiani hè u impegnu persunale, inutile, cambiante chì Diu posa in noi. A persistenza ùn hè micca u risultatu di a nostra determinazione, hè u fruttu di a fedeltà di Diu. Ùn esistemu micca perchè avemu puteri straordinaria, ma perchè Diu hè ghjustu. U discipulatu cristianu hè un prucessu chì aumenta a nostra cuscenza di a ghjustizia di Diu è a nostra cuscenza di a nostra propria ghjustizia. Ùn ricunniscimu micca u nostru significatu in a vita esplorendu i nostri stati emutivi, i so mutivi è i principii morali, ma cridendu a vulintà di Diu è e so intenzioni. Dimustrendu a fedeltà di Diu, micca pianificendu l'ascensione è a caduta di a nostra ispirazione divina.

Diu, chì hè sempre fedele à noi, ùn ci condannà se noi siamo fedeli ad ellu. Iè, i nostri peccati ne facenu ancu affannà ellu perchè ci ferenu à noi è à l'altri. Ma i nostri peccati ùn determinanu micca o quantu Diu ci ama. U nostru Diu triunfatu hè perfettu, hè amore perfettu. Ùn ci hè micca menu o più grande misura di u so amore per ogni persona. Perchè Diu ci ama, Iddu ci dà a so Parola è u Spìritu per permette di ricunnosce i nostri peccati chjaramente, di cunfessallu à Diu è poi di pinghje. Questu significa alluntanassi di u peccatu è vultendu à Diu è a so grazia. In fine, ogni peccatu hè una rifiuta di grazia. A ghjente crede sbagliatu ch'elli ponu assolvirsi di u peccatu. Hè vera, però, chì qualchissia chì rinunce l'egoismu, rimpruverà è cunfonde u peccatu, perchè hà accettatu u travagliu graziosu è trasfurmatore di Diu. In a so grazia, Diu accetta tutti quelli induve sò, ma cuntinua da quì.

Se ci fucalizemu nantu à Ghjesù è micca in noi, allora vedemu noi stessu è l'altri in u modu chì Ghjesù ci vede cum'è figlioli di Diu. Chì include parechji chì ùn cunnosci micca ancu u so Babbu divinu. Perchè campemu una vita piacevule à Diu cun Ghjesù, ci invita è ci prepara per fà sparte in ciò chì face, per ghjunghje à quelli in amore chì ùn a cunnoscenu micca. Cum'è participemu à stu prucessu di cunciliazione cun Ghjesù, vedemu cun più grande chiarezza ciò chì Diu fa per spustà i so figlioli amati, per vultà à ellu in penti, per aiutà à mette a vita completamente sottu a so cura. Perchè condividemu stu ministeru di cunciliazione cù Ghjesù, truvamu assai più chjaru ciò chì Paul vulia dì quandu hà dettu chì a legge cundanna ma a grazia di Diu dà a vita (vede Atti 13,39:5,17 è Rumani 20). Dunque, hè indispensabile capisce chì tuttu u nostru ministeru, cumpresu l'insignamentu di a vita cristiana, cù Ghjesù hè fattu in a putenza di u Spìritu Santu, sottu l'ombrella di a grazia di Diu.

Stu focu annantu à a grazia di Diu.

Ghjiseppu Tkach
U presidente GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


in pdfStà focu annantu à a grazia di Diu