Ghjesù ùn era micca solu

238 Ghjesù ùn era micca solu

Un trovu hè statu uccisu nantu à una croce nantu à una muntagna scruffy fora di Ghjerusalemme. Ùn era micca solu. Ùn era micca u solu prublema à ghjerusalemme à Ghjerusalemme quellu ghjornu di primavera.

"Eru crucifissu cù Cristu", hà scrittu l'apostolu Paulu (Galatini 2,20), ma Paulu ùn era micca u solu. "Tu morse cun Cristu", disse à l'altri cristiani (Colosiani 2,20). "Semu intarratu cun ellu", hà scrittu à i Rumani (Rumani 6,4). Chì vai quì? Tutte queste persone ùn eranu micca veramente annantu à quella collina in Ghjerusalemme. Di chì parla Paul quì? Tutti i cristiani, sà o micca, partenu in a croce di Cristu.

Eri stà quì quandu avete crucifissu Ghjesù? S'è tù sì un Cristianu, a risposta hè sì, ci eravanu. Eramu cun ellu ancu s'è no li sapiamu à l'epica. Pò chì sona cum'è una buona. Chì significa veramente? In lingua muderna diceriamu chì ci identificemu cù Ghjesù. L'accettemu cum'è u nostru rappresentante. Accettemu a so morte cum'è pagamentu per i nostri peccati.

Ma ùn hè micca tuttu. Accettemu ancu - è participemu à - a so risurrezzione! «Diu ci hà alzatu cun ellu» (Efesini 2,6). Ci eramu quì u ghjornu di a risurrezzione. «Diu ti hà purtatu à a vita cun ellu» (Colosiani 2,13). «Avete risuscitatu cù Cristu» (Colosiani 3,1).

A storia di Cristu hè a nostra storia se l'accettemu, si accunsentemu à esse identificata cù u nostru Signore crucifissu. A nostra vita hè cunnessa à a so vita, micca solu a gloria di a risurrezzione ma ancu u dulore è u soffrenu di a so crucifixione. Pudete accettà Pudemu esse cun Cristu in a so morte? Sè affirmemu chì, allora pudemu ancu esse in gloria cun ellu.

Ghjesù hà fattu assai più cà mori è risuscitatu di novu. Hà campatu una vita di ghjustizia è simu ancu sparte in questa vita. Naturalmente ùn sò micca perfetti - micca ancu gradualmente perfetti - ma noi sò chjamati à sparte in a nova vita di sopra di Cristu. Paulu a riassume in tuttu quandu scrive: "Dunque, simu enterrati cun ellu per mezu à u battesimu in a morte, affinchì, cum'è Cristu risuscitatu trà i morti per a gloria di u Patre, noi ancu possu camminà in una nova vita". Skontu cun ellu, risuscitatu cun ellu, campendu cun ellu.

Una nova identità

Cumu duveria vede sta nova vita? "Dunque voi, ancu cunzidiate chì avete mortu di u peccatu è vivete Diu in Cristu Ghjesù. Cusì ùn lasciate micca u regnu di u peccatu in u vostru corpu mortale, è ùn ubbidite micca i so desideri. Inoltre, ùn dete micca i vostri membri à u peccatu cum'è armi di ingiustizia, ma dete à Diu cum'è quelli chì eranu morti è chì sò avà vivi, è i vostri membri à Diu cum'è armi di ghjustizia » (Versi 11-13).

Se ci identificemu cù Ghjesù Cristu, a nostra vita appartene à ellu. «Semu cunvinta chì, se unu hè mortu per tutti, sò tutti morti. È dunque murìu per tutti, per chì quelli chì viviranu ùn vivaranu più, ma quelli chì morse è risuscitonu per elli » (2 Corintini 5,14: 15).

Cum'è Ghjesù ùn hè micca solu, cusì ùn simu micca soli. Se ci identificemu cù Cristu, seremmu enterrati cun ellu, risenteremu à una nova vita cun ellu è ellu vive in noi. Hè cun noi in i nostri prucessi è in i nostri successi perchè a nostra vita appartene à ellu. Spalle a carica è ellu riceve ricunniscenza è speriamu a gioia di sparte a so vita cun ellu.

Pàulu a descrivia cù queste parole: "Eru crucifissu cun Cristu. Vivu, ma avà ùn sò micca mè, ma Cristu vive in mè. Perchè ciò chì ora vivi in ​​carne, aghju campatu in fede in u Figliolu di Diu, chì m'hà amatu è rinunziatu per mè » (Galatini 2,20).

"Piglia a croce nantu à voi", Ghjesù hà dumandatu à i discepuli, "è seguitate mi. Identificatevi cun mè. Permettenu a vita antica per esse crucifissu è a nova vita per guvernà in u corpu. Chì mi passassi per mè. Lasciami campà in tè è ti daraghju a vita eterna. »

Se mettemu a nostra identità in Cristu, seremu cun ellu in a so suffrenza è a gioia.

di Ghjiseppu Tkach