U prezzu altu di u regnu di Diu

523 u prezzu altu di u regnu di Diu I versi in Mark 10,17: 31-9 appartenenu à una sezione chì varieghja da Mark 10 à. Questa sezione puderia esse intitulata "U Altu Prezzo di u Regnu di Diu". Descrive u periodu ghjustu prima di a fine di a vita di Ghjesù nantu à a terra.

Petru è l'altri discìpuli sò cuminciate à capisce chì Ghjesù hè u Messia prumessu. Eppuru ùn anu ancu capitu chì Ghjesù hè u Messia chì soffrerà di serve è di salvà. Ùn capiscenu micca u prezzu altu di u regnu di Diu - u prezzu chì Ghjesù paga cù a dedizione di a so vita per esse u rè di stu regnu. Anu ùn capiscenu micca chì li costarà cum'è discepuli di Ghjesù per diventà citatini in u regnu di Diu.

Ùn si tratta micca di cumu pudemu acquistà accessu à u Regnu di Diu - si tratta di sparta cun Ghjesù in a so vita reale è cusì cuncilià a nostra vita cù u modu di vita in u so regnu. Ci hè un prezzu à pagà per ella, è Marcu a mostra in questa sezione mettendu in risaltu sei qualità di Ghjesù: dipendenza preghiera, abnegazione, fedeltà, generosità, umiltà, e fede persistente. Fighjemu in tutte e sei proprietà, cù una particular attenzione à a quarta: generosità.

A addiczione preghiera

A prima cosa chì facemu hè andà à Marcu 9,14: 32. Ghjesù hè intristitu da duie cose: da una parte, hè a resistenza chì l'avucati li offeranu è, da l'altra parte, hè l'incredulità chì vede trà tutte e molte persone è trà i so discepuli. A lezziò di sta sezione hè chì a vittoria di u Regnu di Diu (in questu casu riguardanti e malatie) ùn dipende micca da l'estensione di a nostra fede, ma da l'estensione di a fede di Ghjesù, chì dopu ci sparte cun noi per mezu di u Spìritu Santu.

In questu ambiente, induve i punti deboli umani, Ghjesù spiega chì una parte di u costu altu di u Regnu di Diu hè di vultà à ellu in preghiera cun una attitudine di dependenza. Chì ghjè a raghjoni? Perchè ellu solu paga u prezzu tutale di u Regnu di Diu, sacrificendu a so vita per noi pocu dopu. Sfortunatamente, i discepuli ùn capiscenu micca ancu quì.

Autudiatu

Marcu 9,33: 50 mostra ancu i discepuli chì una parte di u costu di u regnu di Diu hè di rinunzià a vostra propria vulintà di supremazia è di putere. A negazione di sè stessu hè u percorsu chì face u regnu di Diu grande, chì Ghjesù illustra in riferimentu à i zitelli debbuli, indefensi.

I discepuli di Ghjesù ùn sò micca capaci di nigà cumplitamenti sè stessu, cusì questa ammonizione indetta à Ghjesù chì hè perfettu per sè stessu. Semu chjamati à fida in ellu - per accettà a so persona è per seguità u so modu di vita da u regnu di Diu. Seguità di Ghjesù ùn hè micca per esse u più grande o u più potente, ma di ricusà sè stessi per serve à Diu servendu à e persone.

Treue

Marcu 10,1: 16 descrive cumu Ghjesù usa u matrimoniu per dimustrà chì l'elevatu costu di u Regnu di Diu include a fideltà in e relazioni più vicine. Allora Ghjesù rende chjaru quantu zitelli chjuche innocenti pusonu un esempiu pusitivu. Solu quelli chì anu u regnu di Diu cun semplice credenza (A fiducia) ricevutu da un zitellu, sperimentate veramente ciò chì hè cum'è di appartene à u Regnu di Diu.

ginirusità

Quandu Ghjesù partì di novu, un omu hè ghjuntu in corsa, si gettò in ghjinochji davanti à ellu è dumandò: "Bon maestru, ciò chì devo da fà per avè a vita eterna?" Perchè mi chjamate bè? Ghjesù hà rispostu "Solu Diu hè bonu, nimu più. Sapete i cumandamenti: Ùn duvete micca fà uccidimentu, ùn duverebbe micca fà adulteriu, ùn duverebbe micca rubà, ùn deve micca fà falsi dichjarazioni, ùn duverebbe micca uccidiri à nimu, onore u babbu è a mamma! Maestre, rispose l'omu, aghju seguitu tutti sti cumandamenti da a mo ghjuventù. Ghjesù u mirava cun amore. L'hà dettu: Una cosa manca ancu: vai, vendite tuttu ciò chì possa è dà l'uttine à i poveri, è averete un tesoru in celu. È po veni è seguita mi! L'omu era prufundamente affettatu quandu u sintì è lasciava tristemente perchè avia una grande fortuna.

Ghjesù hà vistu i so discìpuli in turnu è disse: Quantu hè difficiule per e persone chì anu moltu di entre in u regnu di Diu! I discìpuli eranu addisperati da e so parolle; ma Ghjesù hà dettu torna: figlioli, quantu hè difficiule d'andà à u regnu di Diu! Un cammellu hè più prubabile di passà per l'ochju di una agulla chì per un omu riccu per entra in u regnu di Diu. Erani ancu più innamurati. Allora, quale pò esse salvatu à tuttu? Si dumandonu. Ghjesù li fighjò è disse: Hè impussibile per l'omi, ma micca per Diu; qualcosa hè pussibule per Diu. Allora Petru disse à Ghjesù: Sapete chì avemu lasciatu tuttu dopu è vi seguitemu. Ghjesù hà rispostu: Ti dicu: Qualchissia chì abbanduneghja casate, fratelli, surelle, mamme, babbi, zitelli o campi per mè è à prò di l'evangelu hà da riceve tuttu torna da centu volte: ora, à questu mumentu, case, fratelli, surelle, mamme , I zitelli è i campi - ancu in persecuzione - è a vita eterna in u mondu da vene. Ma parechji chì sò ora i primi saranu l'ultimi, è l'ultimu serà u primu " (Marcu 10,17-31 Nova traduzzione di Ginevra).

Quì Ghjesù diventa assai chjaru di quale hè u prezzu altu di u Regnu di Diu. L'omu riccu chì si vultò à Ghjesù avia tuttu tranne ciò chì importa veramente: a vita eterna (vita in u regnu di Diu). Ancu s'ellu hà vulsutu à priservà sta vita, ùn hè micca vuluntà di pagà u prezzu altu per tene. Listessa cosa succede quì chì in a storia ben cunnisciuta di a scimia chì ùn pò micca piglià a manu da a trappula perchè ùn hè vuluntà à lascià ciò chì ci hè in manu; dunque l'omu riccu ùn hè micca pronta per lascià si lasciare a so fissazione nant'à a ricchezza materiale.

Eppuru chì hè chjaramente amatu è zelu; è senza dubbitu moralmente drittu, l'omu riccu ùn riesce micca à affruntà ciò chì hè per ellu (datu a so situazione) significherà se ellu seguita à Ghjesù (ciò chì custituisce a vita eterna). Allora l'omu riccu lascia tristemente Ghjesù è noi ùn vedemu più da ellu. Hà fattu a so scelta, almenu per questu tempu.

Ghjesù valutà a situazione di l'omu è dice à i so discepuli chì hè assai difficiule per un omu riccu entrare in u regnu di Diu. Infatti, hè completamente impussibile senza l'aiutu di Diu! Per falla particularmente viva, Ghjesù usa una parolla divertente - piuttostu un cammellu passa per l'ochju di una agulla!

Ghjesù insegna ancu chì dendu soldi à i poveri è à l'altri sacrifici chì facemu per u Regnu di Diu ne paga per noi (furmendu un tesoru) - ma solu in u celu, micca quì nantu à a terra. Quantu più duvemu, più ricevemu. Tuttavia, questu ùn significa micca chì ricevemu assai più ritornu per i soldi chì donamu à l'opera di Diu, cum'è insegnatu da alcuni gruppi chì predicanu un evangelu di salute è prosperità.

Ciò chì Ghjesù insegna significa ricompensa spirituale in u Regnu di Diu (sia in l'avvene sia in u futuru) superaranu luntanu ogni sacrificiu chì puderia fà per seguità à Ghjesù, ancu s'ellu seguitori includenu tempi di necessità è persecuzione.

Cum’ellu parla di queste difficoltà, Ghjesù aghjusta un altru annunziu chì detalla a so prossima sofferenza:

"Eranu in via di Ghjerusalemme; Ghjesù andò avanti. I discepuli eranu spaventati, è l'altri chì andavanu cun ellu eranu ancu teme. Pigliò di novu i dodici parte è li disse ciò chì avissi da succede." Semu andati à Ghjerusalemme avà, disse. "Quì u Figliolu di l'omu hè sottumessu à l'autorità di i principali preti è i scribi. L'hè cundannatu à morte è u mandarà à i pagani chì ùn cunnosci micca à Diu. Si burlaranu di ellu, l'affaccanu, chjachjarà è infine uccidinu. Ma trè ghjorni dopu risuscitarà " (Marcu 10,32-34 Nova traduzzione di Ginevra).

Quarchi cosa in u cumpurtamentu di Ghjesù, ma ancu in e so parolle, maraviglia i discìpuli è scantà a folla chì li seguita. In qualchì manera si sentenu chì una crisa hè imminente è hè cusì. E parolle di Ghjesù sò un ricordu vivu di quale in fine paga u prezzu elevatu per u Regnu di Diu - è Ghjesù fa per noi. Ùn vi ne scurdemu mai. Hè u più generoso è simu chjamati à seguità lu per sparta a so generosità. Cosa ci impedisce di esse generosi cum'è Ghjesù? Questa hè una cosa chì duvemu pensà è pregà.

Umiltà

In a sezione nantu à u costu altu di u Regnu di Diu, venemu à Mark 10,35: 45. Ghjacumu è Ghjuvanni, figlioli di Zebedee, vanu à Ghjesù per dumandallu un locu altu in u so regnu. Hè difficiule à crede chì si spinghjanu in avanti è sò cusì autocentrati. Tuttavia, sapemu chì tali attitudini sò profundamente arradicati in a nostra natura umana falata. Se i dui discìpuli avianu a cunuscenza di u veru costu di una pusizione cusì alta in u regnu di Diu, ùn avianu micca avaremu di fà sta dumanda à Ghjesù. Ghjesù li avverti chì soffreranu. Tuttavia, questu ùn significa micca necessariamente chì questu li portarà una pusizione alta in u regnu di Diu, perchè ognunu deve soffre. Diu solu hà u dirittu à un postu altu.

L'altri discìpuli, chì sò, senza dubbitu, egocentrici cum'è Ghjacumu è Ghjuvanni, sò inghjulati da a so dumanda. Queste pusizioni di putere è prestigiu probabilmente vulianu ancu unu. Hè per quessa chì Ghjesù li spiega di novu cù pacienza u valore completamente diversu di u Regnu di Diu, induve a vera grandezza mostra in u serviziu umile.

Ghjesù stessu hè u primu esempiu di questa umiltà. Arrivò à dà a so vita cum'è servitore di Diu soffrendu, cumu profetizò in Isaia 53, cum'è "riscattu per i tanti".

Crenza persistente

A sezione nantu à u nostru tema finisce cù Marcu 10,46: 52, chì descrive cumu Ghjesù è i so discìpuli si spostanu da Ghjerusalemme à Ghjerusalemme, induve ellu soffrerà è murerà. In strada si scontranu un cecu chjamatu Bartimaeus chì chjama à Ghjesù per misericordia. Ghjesù risponde dendu a vista di u cecu è dicendu chì "a vostra fede vi ha aiutatu". Dopu, Bartimaeus si unisce à Ghjesù.

Prima, si tratta di una lezione di credenza umana, imperfetta ma efficace quant'è persistente. In definitiva, si tratta di a fede persistente, perfetta di Ghjesù.

cunchiusioni

À questu puntu l'altu prezzu di u Regnu di Diu si deve torna citatu: dipendenza preghiera, abnegazione, lealtà, generosità, umiltà è fede persistente. Avemu sperimentà u Regnu di Diu quandu accettemu è esercitemu queste qualità. Sona un pocu paura? Iè, finu à quandu capemu chì quessi sò qualità di Ghjesù stessu - qualità chì sparte per mezu di u Spìritu Santu cù quelli chì fiduciavanu in ellu è chì seguitanu cun fiducia.

A nostra participazione in a vita in u Regnu di Ghjesù ùn hè mai perfetta, ma quandu seguitemu à Ghjesù, si "trasfirma" à noi. Hè u modu di a successione cristiana. Ùn si tratta di guadagnà un postu in u regnu di Diu - avemu quellu locu in Ghjesù. Ùn si tratta micca di guadagnà u favore di Diu - grazie à Ghjesù avemu u favore di Diu. Hè cruciale chì simu sparte in l'amore è a vita di Ghjesù. Hà tutte tutte queste qualità pienamente è in abbundanza è hè pronta à sparta cun noi, è questu hè esattamente ciò chì face per u serviziu di u Spìritu Santu. Caru amici è seguitori di Ghjesù, apre u to core è tutta a vostra vita à Ghjesù. Seguiteli è riceve da ellu! Vene à a pienezza di u so regnu.

di Ted Johnston