U Vangelu - A vostra Invitazione à u Regnu di Diu

492 invitu à u regnu di Diu

Tutti anu una idea di dirittu è di sbagghiatu, è ognunu hà digià fattu qualcosa di male ancu secondu a so propria idea. "A sbaglià hè umanu", dice un dettu ben cunnisciutu. Tuttu u mondu hà mai deluditu un amicu, ha rializatu una prumessa, feritu u sentimentu di un altru. Tuttu u mondu sà a culpa.

Dunque a ghjente ùn vole micca avè nunda di fà cù Diu. Ùn volenu micca un ghjornu di ghjudiziu perchè sanu chì ùn ponu micca stà davanti à Diu cun una cuscenza clara. Elli sanu chì duveranu ubbidì, ma sanu ancu chì ùn l'anu micca. Vi sentite vergogna è senti culpèvule. Cume si pò rimborsi u so debitu? Cume sbulicà a mente? "U perdonu hè divinu", cunclude a parolla chjave. Hè Diu stessu chì pardona.

Parechje persone cunnoscenu sta parolla, ma ùn credi micca chì Diu hè abbastanza divina per pardunà i so peccati. Vi sentite sempre culpèvule. Anu ancu teme l'apparenza di Diu è u ghjornu di ghjudiziu.

Ma Diu hè statu apparsu prima - in a persona di Ghjesù Cristu. Ùn vinia micca à cundannà, ma à salvà. Hà purtatu un messagiu di perdonu è morse nantu à una croce per assicurà chì pudemu esse pirdunati.

U messagiu di Ghjesù, u messagiu di a croce, hè una bona nutizia per tutti quelli chì si sentenu culpabili. Ghjesù, Diu è l'omu in una, hà accettatu u nostru casticu. U perdona hè datu à tutti quelli chì sò abbastanza umili per crede u vangelu di Ghjesù Cristu. Avemu bisognu di questa bona nova. L'evangelu di Cristu porta a pace di a mente, a felicità è una vittoria persunale.

U veru evangelu, a bona nova, hè u Vangelu chì Cristu predicò. L'apostuli predicavanu u listessu vangelo: Ghjesù Cristu, u crucifissu (1 Corintini 2,2), Ghjesù Cristu in cristiani, a speranza di gloria (Colossiani 1,27), a risurrezzione di i morti, u messagiu di speranza è salvezza per l'umanità. Questu hè u Vangelu di u regnu di Diu chì Ghjesù hà pricatu.

A bona nutizia per tutti

"Ma dopu chì Ghjuvanni hè statu catturatu, Ghjesù ghjunse in Galilea è predicò l'evangelu di Diu, dicendu: U tempu hè ghjuntu è u regnu di Diu hè ghjuntu. Pintate puru [pentitevi, torna in] è crede in u Vangelu! » (Marcu 1,14:15 "XNUMX). Stu Vangelu chì Ghjesù hà purtatu hè a "bona nova" - un putente "missaghju chì cambia è trasforma a vita. U Vangelu ùn solu ùn cunverte micca e cunvertisce, ma ultimamente arrabbiarà tutti quelli chì s'opponenu. U Vangelu hè "un putere di Diu chì face tutti quelli chì credenu in questu felice" (Rumani 1,16). U Vangelu hè l'invitu di Diu per noi di campà un livellu completamente diversu. A bona nutizia hè chì ci hè una eredità chì aspetta per noi chì sarà pienamente in pussessu quandu Cristu tornerà. Hè ancu un invitu à una realtà spirituale vigorosa chì ci pò digià appartene à noi. Paulu chjama l'evangelu "Evan" gelu di Cristu " (1 Corinzi 9,12).

"Vangelu di Diu" (Rumani 15,16) è "Vangelu di Pace" (Efesini 6,15). A partesi da Ghjesù, cumencia à redefinisce l'opinione ebraica di u regnu di Diu, cuncintrendu u significatu universale di a prima venuta di Cristu. Ghjesù, chì caminava e strade polverose di Ghjudea è di Galilea, insegna Paulu, hè avà u "Cristu risuscitatu" chì si trova à a manu diritta di Diu è chì hè "u capu di tutti i puteri è i puteri" (Colosiani 2,10). Sicondu Paulu, a morte è a risurrezzione di Ghjesù Cristu vene "primu" in u Vangelu; sò l’avvenimenti chjave in u pianu di Diu (1 Corintini 15,1: 11). U Vangelu hè a bona nova per i poveri è oppressi. A storia hà un scopu. In fine, a legge triunfarà, micca u putere.

A manu trapassata hà guadagnatu sopra u pugnu blindatu. U regnu di u male dà via à u regnu di Ghjesù Cristu, un ordine di cose chì i cristiani sò digià in parte.

Paulu hà sottuliniatu questu aspettu di u Vangelu à i Colossesi: «Rendi grazie cun gioia à u Babbu chì ti hà fattu adattà per l'eredità di i santi à a luce. Ci hà salvatu da u putere di e tenebre è ci hà messu in u regnu di u so Figliolu caru, in u quale avemu a redenzione, vale à dì u perdonu di i peccati » (Colossiani 1,12:14 è).

Per tutti i cristiani, u Vangelu hè è era presente realità è speranza futura. U Cristu risuscitatu, u Signore hè cù u tempu, u spaziu è tuttu ciò chì succede quì, hè u campione per i cristiani. Quellu chì hè statu risuscitatu à u celu hè a fonte omnipresente di u putere (Ef3,20-21).

A bona nutizia hè chì Ghjesù Cristu hà superatu ogni ostaculu in a so vita terrena. U modu di a croce hè un modu duru ma vitturiosu in u regnu di Diu. Hè per quessa chì Paulu pò riassumà brevamente l'evangelu: "Perchè aghju pensatu chì ùn hè ghjustu per ùn cunnosce nunda trà voi, eccettu à Ghjesù Cristu, u crucifissu" (1 Corinzi 2,2).

U gran inversione

Quandu Ghjesù apparve in Galilea è predicava cun serietà u Vangelu, aspettava una risposta. Aspetta ancu una risposta da noi oghje. Ma l'invitu di Ghjesù à entre in u regnu ùn hè statu tenutu in u vuatu. A chjama di Ghjesù per u regnu di Diu hè stata accumpagnata da impressioni impressiunanti è meraviglie chì anu fattu un paese chì hà patitu sottu à u duminiu rumanu s'assetta è si ne fece casu. Questa hè una di e ragioni per chì Ghjesù avia da fà capisce ciò ch'ellu vulia dì per u Regnu di Diu. I Ghjudei di u ghjornu di Ghjesù aspettavanu un capu chì ristabilisca a so nazione a gloria di i tempi di David è Salomone. Eppuru u messagiu di Ghjesù era "doppiamente rivoluzionario", cum'è scrive l'eruditu di Oxford NT Wright. Prima, hà pigliatu l'aspettativa pupulare chì un superstatu ebraicu abbandunassi u ghjugnu rumanu è u trasformi in qualcosa di completamente diversu. Hà trasfurmatu a speranza diffusa per a liberazione pulitica in un missaghju di salvezza spirituale: u Vangelu!

"U regnu di Diu hè ghjuntu, pareva dì, ma ùn hè micca ciò chì avete imaginatu per esse". Ghjesù hà sbulicatu e persone cun e cunsequenze di a so bona nutizia. «Ma parechji chì sò i primi seranu l'ultimi è l'ultimi seranu i primi» (Matteu 19,30).

"Ci sarà u piantu di denti," hà dettu i so paisani "quandu vedeti Abraham, Isaac è Ghjacobbu è tutti i profeti in u regnu di Diu, ma ti scurdanu" (Luca 13,28).

U gran sacramentu era quì per tutti (Luca 14,16-24). I pagani eranu ancu invitati à u Regnu di Diu. È un sicondu ùn era micca menu rivoluzionariu.

Stu prufeta Nazaret pareva avè assai tempu per i leggi - da i lebbruzziuli è i criptavuli à i cullevaghji tributari avariani - è à volte ancu per i odiati oppressori Rumani. A bona nutizia chì Ghjesù hà purtatu cuntraditò tutte l'aspettative, ancu quelle di i so discepuli fideli (Luca 9,51-56). Una volta è dinò Ghjesù hà dettu chì u regnu chì aspettavanu in u futuru era dighjà presente dinamicamente in u so travagliu. Dopu un episodiu particularmente drammaticu, hà dettu: "Ma se scacciate i spiritui cattivi per mezu di i diti di Diu, allora u regnu di Diu hè ghjuntu à voi" (Luca 11,20). In altre parolle, e persone chì anu vistu l'opera di Ghjesù anu sperimentatu u presente di u futuru. Ghjesù hà vultatu l'aspettattivi populari in cima à almenu trè modi:

  • Ghjesù hà amparatu a bona nova chì u Regnu di Diu hè un rigalu pura - a Signoria di Diu chì hà digià purtatu guariscenza. Hè cusì chì Ghjesù hà iniziatu l '"Anu di Misericordia di u Signore" (Luca 4,19:61,1; Isaia 2). Ma i travagliati, i poveri è i poveri, i poveri è i principianti, i zitelli delinquenti è i cullettori di fiscali chì anu penintatu, i puteri penintenti è i fora di a società eranu "ammessi" à l'imperu. Per e pecure nere è e pecure perse spirituale, hà dichjaratu ellu stessu pastore.
  • A bona nutizia di Ghjesù era ancu quì per quelli chì eranu pronti à turnà à Diu per mezu di un genu pentu. Sti peccatori sinnosi chì anu pentitu trovanu in Diu un padre generoso chì cercanu l'orizonte per i so figlioli è e figliole errante è li vede quand'elli sò "ancora luntani" (Luca 15,20). A bona nutizia di u Vangelu hà significatu chì tutti quelli chì dicenu di cori: "Diu sia misericordiosu da mè i peccatori" (Luke 18,13) è pensa sinceramente chì Diu truverà una arechja simpatica. Sempre. «Dumanda, è ti serà datu; cerca è truverete; pichja è ti serà apertu » (Luca 11,9). Per quelli chì cridianu è si sò alluntanati da i modi di u mondu, sta era a megliu nutizie chì pudìanu sente.
  • U vangelu di Ghjesù hà significatu ancu chì nunda ùn pudia impedisce a vittoria di u regnu chì Ghjesù avia purtatu - ancu s'ellu pareva u cuntrariu. Questu imperu puderia affruntà una resistenza amara è implacabile, ma à l'ultimu tempu trionfarà in forza è gloria soprannaturali.

Cristu disse à i so discìpuli: "Ma quandu u Figliolu di l'omu vene in a so gloria, è tutti l'angeli cun ellu, ellu s'assetterà nantu à u tronu di a so gloria, è tutte e persone seranu riunite davanti à ellu. È li separarà l'un di l'altru cum'è un pastore taglia le pecure da e capre » (Matteu 25,31: 32)

Allora a bona nutizia di Ghjesù hà avutu una tensione dinamica trà u "digià" è u "micca" ancora. L'evangelu di u regnu si riferisce à u regnu di Diu, chì era digià esistitu - "Vede i cecchi è cammina i coci, i leprosi diventanu puri è ascolta i sordi, i morti si tenenu in piedi è l'evangelu hè predicatu à i poveri" (Matteu 11,5).

Ma l'imperu era "ancora micca" allora in u sensu chì u so pienu cumpletamentu era sempre imminente. A capiscitura di l'evangelu significa capisce stu doppiu aspettu: da una banda, a presenza prumessa di u rè, chì hè digià in u so populu, è da l'altra, u so ritornu dramaticu.

A bona nutizia di a vostra salvezza

Paulu missiunariu hà cuntribuitu à u grigio di u Secunna Gran Muvimentu di u Vangelu - a so diffusione da a Ghjudea minuscula à u mondu grecu-rumanu altamente cultivatu di a mità di u primu seculu. Paulu, u persecutore cristianu cunvertitu, dirige a luce abbagliante di u Vangelu attraversu a prisma di a vita quotidiana. Mentre elogiava u Cristu glurificatu, hè ancu preoccupatu di e cunsequenze pratiche di u Vangelu. Malgradu a resistenza fanatica, Paulu trasmette à l'altri cristiani u significativu maiuffu di a vita di Ghjesù, di a morte è di a risurrezzione: «Ancu tu, chì era statu una volta aliena è ostile in i travaglii cattivi, ora si cuncilia cù a morte di u so corpu mortale, affinchì situatevi davanti à a so faccia santa è sfavicosa è impeccable; si ferma solu in fede, fundata è ferma, è ùn ne lasciate micca da a speranza di u Vangelu chì avete intesu è chì hè pridicata à tutte e criature sottu à u celu. Sò diventatu u so servitore, Paulu » (Colossiani 1,21:23 è). Reconciliatu. Immaculata. Grazia Redenzione. Pardunamentu. È micca solu in l'avvene, ma quì è ora. Eccu u Vangelu di Paulu.

A risurrezzione, u puntu culminante à quale i sinopti è Ghjuvanni hà purtatu i so lettori (Ghjuvanni 20,31), libera u putere interiore di u Vangelu per a vita quotidiana di u Cristianu. A risurrezzione di Cristu cunfirma l'evangelu.

Dunque, cusì Paulu insegna, quelli avvenimenti in Ghjudea distante dà speranza à tutti: "Ùn aghju micca vergogna di l'evangelu; per quessa hè una putenza di Diu chì benedica tutti quelli chì crèdenu in ella, i Ghjudei primu è ancu i Grechi. Perchè revela a ghjustizia chì ci hè davanti à Diu, chì vene da a fede in fede ». (Rumani 1,16-17).

Una chjama per vive u futuru quì è ora

L'apostolu Ghjuvanni aghjunghje una altra dimensione di u Vangelu. A mostra à Ghjesù cumu u «discipulu ch'ellu hà amatu» (Ghjuvanni 19,26), si ricordò da ellu, un omu cù u core di un pastore, un capu di a chjesa cun un profundo amore per e persone cù e so preoccupazioni è e so paure.

«Ghjesù hà fattu parechji altri segni davanti à i so discepuli chì ùn sò micca scritti in stu libru. Ma questi sò scritti in modu chì pudete crede chì Ghjesù hè u Cristu, u Figliolu di Diu, è chì pudete avè a vita in u so nome da a fede » (Ghjuvanni 20,30: 31).

A presentazione di u Vangelu da parte di Ghjuvanni hà u so core in a dichjarazione notevule: "per chì pudete averà a vita per via di a fede". Ghjuvanni cunsegna miraculosamente un altru aspettu di u Vangelu: Ghjesù Cristu in mumenti di grande prossimità persunale. Ghjuvanni da una contu viva di u persunale, serve a prisenza di u Messia.

In l'evangelu di Ghjuvanni incontru un Cristu chì era un putente predicatore publicu (Ghjuvanni 7,37: 46). Videmu Ghjesù caliu è ospitalu. Da u so invitante invitatu "Venite à vede!" (Ghjuvanni 1,39) fin'à a sfida di u dubbitu Thomas di mette u dito in l'estigma in manu (Ghjuvanni 20,27), u ritrattu chì hè diventatu carne è campatu frà noi hè inesprimendu (Ghjuvanni 1,14).

A ghjente si sentia cusì accolta è cunfortu di Ghjesù chì avianu un scambiu vivu cun ellu (Ghjuvanni 6,58). Eranu stà à fiancu à ellu manghjendu è manghjendu da u listessu piattu (Ghjuvanni 13,23: 26). Li amavanu tantu profondamente chì, appena vistu à ellu, si ballavanu à a costa per manghjà pesci chì avia frittatu (Ghjuvanni 21,7: 14).

U Vangelu di Ghjuvanni ci ricorda di quantu volte u Vangelu gira intornu à Ghjesù Cristu, u so esempiu, è a vita eterna chì noi ricevemu per ellu (Ghjuvanni 10,10).

Ci ricorda chì a predica di l'evangelu ùn hè micca abbastanza. Avemu ancu à campà L'apòstulu Johan nes ci incurage: u nostru esempiu puderia aiutà l'altri à fà sparte a bona nova di u Regnu di Diu cun noi. Hè ciò chì hè accadutu cù a donna Samaritana chì hà scontru à Ghjesù Cristu in u pozzu (Ghjuvanni 4,27-30), è Maria von Magdala (Ghjuvanni 20,10: 18).

Quellu chì hà piantatu à a tomba di Làzaru, u umile servitore chì hà lavatu i peri di i so discìpuli, resta ancu oghje. Iddu ci dà a so prisenza attraversu l’abitazione di u Spìritu Santu:

«Chiunque mi ama guardarà a mo parolla; è u mio babbu l'amerà, è noi venimu à ellu è viveremu cun ellu ... u to core ùn hè micca spaventatu o paura » (Ghjuvanni 14,23:27 è).

Ghjesù hà attivamente guidà u so pòpulu oghje per mezu di u Spìritu Santu. A so invitu hè cum'è persunale è incoraggiante cum'è sempre: "Venite à vede!" (Ghjuvanni 1,39).

di Neil Earle


in pdfU Vangelu - A vostra Invitazione à u Regnu di Diu