Ghjesù: a promessa

510 Ghjesù a prumessa U Vechju Testamentu ci dice chì noi l'omu sò stati creati à l'imaghjini di Diu. Ùn era tantu longu prima chì noi l'omi fecenu piccati è trascinati fora di u paradisu. Ma cun a parolla di a corte vene una parolla di prumessa. Diu hà dettu: «Vogliu mette inemicità trà voi (Satana) è a donna è trà e vostre seme è a so pusterità; ellu (Ghjesù) li schizzarà a testa è ti farà (Ghjesù) stazzalla in taccu » (Genesi 1:3,15) Un liberatore di i discendenti d'Eva veneria à salvà u populu.

Nisuna suluzione à a vista

Eva probabilmente speria chì u so primu figliolu serà a suluzione. Ma Cain era parte di u prublema. U peccatu si sparse è si aggravava. Ci era una redenzione parziale in u tempu di Noè, ma u peccatu continuò. C'era u peccatu di u nipote di Noè è dopu quellu di Babilonia. L'umanità cuntinuava à avè prublemi è sperava à qualcosa megliu, ma ùn puderia mai avè rializatu.

Alcune promesse impurtanti sò state fatte à Abraham. Ma hè mortu prima ch'ellu ebbe tutte e prumesse. Hà avutu un figliolu ma senza paese è ùn era micca una benedizzione per tutte e nazioni. A prumessa hè stata trasmessa à Isaac è più tardi à Ghjacobbu. Ghjacobbu è a so famiglia sò ghjunti in Egittu è sò diventati una grande nazione, ma eranu schiavi. Tuttavia, Diu hà guardatu a so prumessa. Diu li hà purtatu fora di l'Eggittu cù miraculi spettaculari. A nazione d'Israele hà cuntinuatu à rinfriscà a prumessa. I miraculi ùn anu micca aiutatu, appena menu per mantene a lege. Hanu peccatu, dubbitu, erguutu in u desertu di 40 anni. Diu hà risturatu à a so prumessa è hà purtatu u pòpulu in u paese di Canaan è per mezu di assai miraculi li hà datu a terra.

Eranu sempre u listessu populu peccatuosu, è u libru di ghjudici ci mostra qualchì di i peccati di u populu, perchè cuntinuava cascà in idolatria. Cumu puderianu esse una benedizzione per l'altri nazioni? Finalmente, Diu hà avutu e tribù d'Israele sittintriunali purtate in cattività in Assiriani. Pensassi chì averia rializatu i Ghjudei, ma ùn hà micca.

Diu hà lasciatu i Ghjudei in prigiuneru in Babilonia per parechji anni, è solu un picculu numeru hà tornatu dopu in Ghjerusalemme dopu. A nazione ebraica diventò un ombra di u so primu sè. Ùn si stavanu megliu in a terra prumessa chè in Egittu o in Babilonia. I gemiti: Dove hè a prumessa chì Diu hà fattu à Abraham? Cumu seremu una luce per i nazioni? Cumu sarà prumessa a prumessa à David se ùn pudemu cuntrullà noi stessi?

Sutta u duminiu rumanu, a ghjente era deludita. Certi anu rinunziatu a speranza. Alcuni s'uniscenu in muvimenti di resistenza suttana. Altri pruvonu à esse più religiosi è apprezzanu e benedizioni di Diu.

Un glimmer di speranza

Diu hà cuminciatu à rializà a so prumessa cù un zitellu illegittimu. "Vede, una vèrgine sarà incinta è dà nascita à un figliolu, è li darà u nome Immanuel, chì significa traduttu: Diu cun noi" (Matteu 1,23) Era prima chjamatu Ghjesù - cù u nome ebraicu "Yeshua", chì significa chì Diu ci salvarà.

Anghjuli hà dettu à i pastori chì un Salvatore hè natu in Betlemme (Luca 2,11). Era u salvatore, ma ùn hà micca salvatu à nimu in quellu mumentu. Hà ancu avutu da esse salvatu ellu stessu perchè a famiglia avia da fughje per salvà u zitellu da Erodu, u rè di i Ghjudei.

Diu vene à noi perchè hà mantinutu i so prumessi è hè a basa di tutte e nostre speranze. A storia di Israele mostra ripetutamente chì i metudi umani ùn funziona micca. Ùn pudemu micca scopu i scopi di Diu per sè stessu. Diu pensa di principiu minuscoli, di mentale invece di forza fisica, di vittoria in debule invece di putere.

Quandu Diu ci ha datu Ghjesù, hà rializatu i so prumessi è purtatu tuttu ciò che aveva previsto.

A cumplimentu

Sapemu chì Ghjesù hè crisciutu per dà a so vita cum'è ransom per i nostri peccati. Ci porta u pardonu è hè a luce di u mondu. Hè ghjuntu à scunfighjà u diavulu è a morte stessu scunfittendulu dopu a so morte è a risurrezzione. Pudemu vede chì Ghjesù cumplece e prumesse di Diu.

Pudemu vede assai più di i Ghjudei circa 2000 anni fà, ma ùn vedemu sempre tuttu. Ùn vedemu micca sempre ogni prumessa cumpiacente. Ùn vemu micca Satana incatenatu induve ùn pò seduce nimu. Ùn vedemu micca sempre chì tutti cunnoscenu à Diu. Ùn vedemu micca sempre a fine di i chianciri è di i lacrimi, di i morti è di a morte. Vulemu sempre a risposta finale. In Ghjesù avemu speranza è sicurezza per fà questu.

Avemu una prumessa chì venia da Diu, chì hè stata appruvata da u so figliolu è sigillatu da u Spìritu Santu. Cridemu chì tuttu ciò chì hè statu prumessu vene è chì Cristu hà da realizà u travagliu chì hà iniziatu. A nostra speranza hè cuminciendu à darà frutti è simu cunfidenti chì tutte e prumesse saranu rializate. Cum'è avemu truvatu a speranza è a prumessa di salvezza in u zitellu Ghjesù, aspittemu di speranza è di prumessa di perfezione in Ghjesù risuscitatu. Questa applicà à a crescita di u Regnu di Diu è ancu à u travagliu di a Chjesa in ogni persona.

Speranza à noi stessi

Quandu a ghjente vene à crede in Cristu, u so travagliu in tè cumencia à cresce. Ghjesù hà dettu chì tutti duvemu esse nati: sè credimu in ellu, u Spìritu Santu ci guverna è crea una nova vita in noi. Cum'è Ghjesù hà prumessu, vene à a vita in noi. Qualchidunu hà dettu: "Ghjesù puderia esse mille volte è ùn seria inutile per mè s'ellu ùn era micca natu in mè".

Puderiamu guardà à noi stessu è pensemu: "Ùn ne vedenu assai quì. Ùn sò micca megliu cà 20 anni fà. Continue à luttà cù u peccatu, u dubbiu è a culpabilità. Sò sempre egoista è testarosa. Ùn sò micca megliu à essendu una persona divina chè i vechji d'Israele. Mi dumandu se Diu faci veramente qualcosa in a mo vita. Ùn mi pare ch'e aghju fattu progressi ".

A risposta hè di ricurdà di Ghjesù. U nostru principiu spirituale ùn pare micca bellu esse avà, ma hè perchè Diu dice chì hè bonu. Chì avemu in noi hè solu un pagamentu in pagamentu. Hè un principiu è hè una garanzia di Diu stessu: U Spìritu Santu in noi hè un pagamentu in fondu di a gloria chì vene.

Luke ci dice chì l'ànghjuli cantavanu quandu Ghjesù era natu. Hè statu un mumentu di trionfu, benchì a ghjente ùn a pudia vede cusì. L'anghjuli sapianu chì a vittoria era certa perchè Diu li avia dettu.

Ghjesù ci spiega chì l'ànghjuli si ralleganu quandu un peccatore pente. Cantanu per ogni persona chì vene à crede in Cristu perchè hè natu un figliolu di Diu. Ci hà da piglià cura di noi. Ancu se a nostra vita spirituale ùn hè micca perfetta, Diu continuarà à travaglià in noi finu à chì culleghja u so travagliu in noi.

Cum'è ci hè una grande speranza in u zitellu Ghjesù, ci hè una grande speranza in u criaturu cristianu neonatu. Ùn importa micca per quandu sia statu cristianu, ci hè una speranza tremenda per voi perchè Diu hà investitu in voi. Non rinunciarà à u travagliu chì hà iniziatu. Ghjesù hè a prova chì Diu guarda sempre e so prumesse.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfGhjesù: a promessa