U prublema di u male in u mondu

Ci sò parechje ragioni per chì e persone si allontananu da a cridenza in Diu. Una di e ragioni chì vene à palesu hè "u prublema di u male" - chì u teologu Peter Kreeft descrive cum'è "a più grande prova di fede, a più grande tentazione à l'incredulità". Agnostici è atei usanu spessu u prublema di u male cum'è argumentu per suminà dubbitu o per nigà l'esistenza di Diu. Dicenu chì una coesistenza di u male è di Diu hè improbabile (secondu l'agnostichi) o impussibile (secondu l'atei). A linea argumentativa per a dichjarazione seguente vene da l'epica di u filosofu grecu Epicuru (circa 300 a.C.). Hè statu ripresu è popularizatu da u filosofu scuzzese David Hume à a fine di u XVIIIu seculu.

Eccu a dichjarazione:
»S'ellu hè a vuluntà di Diu per prevene u male ma ùn pò micca fà, allora ùn hè micca omnipotente. O po pò, ma ùn hè micca a so vulintà: allora Diu hè dispiacente. Sì dui sò veri, ellu pò è vole à prevene: da induve vene u male? E si nè appiecà, nè disposti nè capaci: Perchè duvemu chjamà cusì Diu? »

Epicuru è dopu Hume anu fattu un ritrattu di Diu chì in nisun modu li currisponde. Ùn aghju micca abbastanza spaziu quì per una risposta cumpleta (i teologhi u chjamanu una teodicia). Ma vogliu rimarcà cun urgenza chì sta catena d'argumenti ùn pò mancu principià à esiste cum'è un argumentu di eliminazione contr'à l'esistenza di Diu. Cum'è l'anu signalatu parechji apologisti cristiani (l'apologisti si riferiscenu à i teologhi chì trattanu di a so "ghjustificazione" scientifica è di difesa di e duttrine di a fede), l'esistenza di u male in u mondu hè più prova di, piuttostu contr'à, di l'esistenza di Diu. Mi piacerebbe andà in questu in più dettu avà.

U malu determina u bonu

A dichjarazione chì u male hè presente cum'è una funzione oggettiva in u nostru mondu hè pruvatu à esse una spada à doppia spinta chì divide agnostici è atei assai più profondamente di ciò chì i teisti. Per argudicà chì a presenza di u male disprezza l'esistenza di Diu, hè necessariu ricunnosce l'esistenza di u male. Da quì deve esse esistitu una legge morale assoluta chì definisce u male cum'è male. Ùn si pò sviluppà un cuncettu logicu di u male senza presuppone a legge morale più altu. Ci ci mette in un grande dilema perchè susciteghja a quistione di l'origine di sta lege. In altre parolle, se u male hè u cuntrariu di u bonu, cumu determinemu ciò chì hè bè? È da induve vene u capiscitura per questa cunsiderazione?

U Ritrattu 1. U Libru di Mosè ci insegna chì a creazione di u mondu era bona è micca male. Eppuru conta ancu di a caduta di l'umanità, chì hè stata causata da u male è hà purtatu u male. Per via di u male, stu mondu ùn hè micca u megliu di tutti i mondi pussibuli. Dunque, u prublema di u male rende chjaru a partenza da "cum'è deve esse". Tuttavia, s'è e cose ùn sò micca cum'è deve esse, allora ci deve esse a. S'ellu ci hè questu modu, allora ci deve esse un disignu trascendentale, un pianu è un scopu per ottene quellu statu suppostu. Questu à u turnu presuppone un esse trascendentale (Diu) chì hè l'autore di stu pianu. Se ùn ci hè micca Diu, allora ùn ci hè manera chì e cose duveranu esse, è per quessa ùn ci saria micca u male. Tuttu chistu pò sona un pocu cunfusu, ma ùn hè micca. Hè una cunclusione logica currettamente elaborata.

Face diritta è sbagliata

CS Lewis hà pigliatu sta logica à l'estremu. In u so libru Pardon, sò cristianu, ci fa sapè ch'ellu era ateu, principalmente per via di a presenza di u male, di a crudeltà è di l'inghjustizia in u mondu. Ma quantu più pensava à u so ateismu, più hà ricunnisciutu chjaramente chì una definizione di inghjustizia dipende solu da una vista legale assoluta. A legge prevede ghjustu una persona chì si trova sopra l'umanità è chì hà l'autorità per creà realità creata è per stabilisce regule di dirittu.

Inoltre, hà capitu chì l'origine di u male ùn hè micca dovuta à Diu u Creatore, ma à e creature chì anu cedutu à a tentazione di sfidassi di Diu è anu sceltu di peccà. Lewis hà ancu capitu chì quandu a ghjente era a fonte di u bè è di u male, l'omi ùn ponu micca esse obiettivi perchè sò soggetti à cambiamenti. Hà cunclusu ancu chì un gruppu di persone pò fà ghjudizii nantu à l'altri se anu agitu bè o male, ma allora l'altru gruppu pò cuntrastallu cù a so versione di bè è di male. A quistione, allora, hè chì hè l'autorità daretu à ste versioni in cuncurrenza di u bè è di u male? Induve si trova a norma ughjettiva quandu qualcosa hè cunsideratu inacceptable in una cultura ma hè cunsiderata ammissibile in l'altra? Videmu stu dilema in opera in u mondu sanu, spessu (sfurtunatamente) in nome di a religione o di altre ideulugie.

Questu resta: se ùn ci hè nisun creatore supremu è legislatore morale, ùn ci pò esse una norma oggettiva per u bè. Se ùn ci hè nisuna norma obiettiva per u bonu, cumu si pò truvà qualcunu se qualcosa hè bonu? Lewis l'illustrò cusì: "Se ùn ci hè micca luce in l'universu è dunque micca criature cù l'ochji, ùn sapemu mai chì hè scura. A parolla scura ùn averia micca significatu per noi ».

U nostru persunale è u bonu Diu scunfigge u male

Solu s'ellu ci hè un Diu persunale è bonu chì s'oppone à u male, hà sensu per accusà u male o chjamà l'azione. Se ùn ci era micca un diu cusì, un ùn puderia micca turnà à ellu. Ùn ci hè micca una basa per una vista chì va più di ciò chì chjamemu u bonu è u male. Ùn ci sarebbe più cà ciò chì avemu una preferenza per etichettà cù l'etichetta "bona"; però, s’ella hà cunflittu cù a preferenza di qualchissia altru, l’averiamu marchettatu “male o malu”. In un tali casu ùn ci seria nunda chì puderia esse oghjettivamente chjamatu male; nunda per lagnà è nunda di lagnà. I cosi serianu simplici cume; pudete chjamà ciò chì ti piace.

Solu cridendu in un Diu persunale è in bonu, avemu daveru una basa per disappruvà u male è pò turnà à "qualchissia" per esse distruttu. A cridenza chì ci hè un veru prublema di u male è chì un ghjornu serà risolta è tutte e cose saranu radiate furnisce una bona basa di credenza chì esiste un Diu persunale è bonu.

Ancu s'è u male persiste, Diu hè cun noi è avemu spiranza

U malu esiste - basta à fighjà e nutizie. Tutti avemu sperimentatu u male è sapemu l'effetti distruttivi. Ma ancu sapemu chì Diu ùn ci lascia micca cuntinuà in u nostru statu falatu. In un articulu precedente, aghju signalatu chì a nostra caduta ùn hà micca surprisatu à Diu. Ùn avia avutu à ricurdà à u Pianu B perchè avia digià postu u so pianu per superare u male è questu pianu hè Ghjesù Cristu è a cunciliazione. In Cristu Diu hà scunfittu u male per mezu di u so amore autenticu; stu pianu hè statu postu da a fundazione di u mondu. A croce è a risurrezzione di Ghjesù ci amparanu chì u male ùn averà micca l'ultima parolla. Per via di u travagliu di Diu in Cristu, u male ùn hà mai futuru.

Vulete un Diu chì vede u male, chì in a so grazia piglia a rispunsabilità per ellu, chì s'impegna à fà qualcosa, è chì riparà tuttu à a fine? Allora aghju una bona nutizia per voi - questu hè u stessu Diu Ghjesù Cristu revelatu. Ancu s'è simu in "ssu mondu cattivu attuale" (Galati 1,4Cum'è Paul hà scrittu, Diu ùn ci hà nè rinunziatu nè lasciatu senza speranza. Diu ci assicura tuttu ciò ch'ellu hè cun noi; hà penetratu in u quì è avà di a nostra esistenza è cusì ci dà a benedizzione di riceve i "primi frutti" (Rumani 8,23) di u "mondu à vene" (Luca 18,30) - un "pegnu" (Efesini 1,13-14) a bontà di Diu cum'è serà prisente sottu u so regnu in a pienezza di u so regnu.

Per a grazia di Diu, avemu avà incarnà i segni di u regnu di Diu attraversu a nostra vita inseme in a chjesa. U Diu trinu chì abita in noi ci permette digià avà di sperimentà qualcosa di a cumunità chì hà pianificatu per noi da u principiu. In a cummunione cù Diu è cù l'altri ci sarà gioia - a vita vera chì ùn finisce mai è in quale ùn si trova micca u male. Iè, avemu tutti i nostri battaglie à affruntà nant'à stu latu di a gloria, ma simu cunsulati à sapè chì Diu hè cun noi - u so amore vive in noi per sempre attraversu Cristu - attraversu a so parolla è u spiritu. L'Scrittura dice: "Quellu chì hè in tè hè più grande di quellu chì hè in u mondu".1. Johannes 4,4).

di Joseph Tkack


in pdfU prublema di u male in u mondu