U Vangelu - A bona nutizia!

442 l'evangelu a bona nova Ogni parsona hà una idea di dirittu è di sbagghiatu, è ognunu hà digià fattu qualcosa di male - ancu secondu a so propria idea. "A sbaglià hè umanu", dice un dettu ben cunnisciutu. Tuttu u mondu hà mai deluditu un amicu, ha rializatu una prumessa, feritu u sentimentu di un altru. Tuttu u mondu sà a culpa.

Dunque a ghjente ùn vole micca avè nunda di fà cù Diu. Ùn volenu micca un ghjornu di ghjudiziu perchè sanu chì ùn ponu micca stà davanti à Diu cun una cuscenza clara. Elli sanu chì duveranu ubbidì, ma sanu ancu chì ùn l'anu micca. Vi sentite vergogna è senti culpèvule.

Cume si pò rimborsi u so debitu? Cume sbulicà a mente? "U perdonu hè divinu", cunclude a parolla chjave. Diu stessu hè pardunatu.

Parechje persone cunnoscenu sta parolla, ma ùn credi micca chì Diu hè abbastanza divina per aiutà i so S ü esse premiatu. Vi sentite sempre culpèvule. Anu ancu teme l'apparenza di Diu è u ghjornu di ghjudiziu.

Ma Diu hè statu apparsu prima - in a persona di Ghjesù Cristu. Ùn vinia micca à cundannà, ma à salvà. Hà purtatu un messagiu di perdonu è morse nantu à una croce per assicurà chì pudemu esse pirdunati.

U messagiu di Ghjesù, u messagiu di a croce, hè una bona nutizia per tutti quelli chì si sentenu culpabili. Ghjesù, l'omu divinu, hà accettatu i nostri punizioni. U perdona hè datu à tutti quelli chì sò abbastanza umili per crede u vangelu di Ghjesù Cristu.

Avemu bisognu di questa bona nova. L'evangelu di Cristu porta a pace di a mente, a felicità è una vittoria persunale. U veru evangelu, a bona nova, hè u Vangelu chì Cristu predicò. L'apostuli predicavanu u listessu vangelo: Ghjesù Cristu, u crucifissu (1 Cor. 2,2), Ghjesù Cristu in Cristiani, a speranza di a gloria (Col. 1,27), a risurrezzione di i morti, u messagiu di speranza è salvezza per l'umanità hè u Vangelu di u regnu di Diu.

Diu hà datu à a so chjesa u compitu di predicà stu messaghju ü è u Spìritu Santu à rializà questu compitu. In la lettera à i Corintini Paulu descrive u Vangelu chì Ghjesù hà datu à a so chjesa: «Ma ti facciu, Br ü quellu chì pridicheghja u vangellu chì vi aghju pridicatu, chì avete ancu accettatu, in quale stai ancu, attraversu quale sarete ancu salvati, se arregistrate u discorsu cun quale t'aghju predicatu, salvu chì sì sò ghjuntu à crede in vain. Per sopra di tuttu, vi aghju consegnatu ciò chì aghju ricevutu ancu: quellu Cristu per i nostri S ü murì secondu e Scritture; è chì era intarratu è chì hè statu risuscitatu u terzu ghjornu dopu l'Scritture; è ch'ellu apparisse à Kephas, dunque à i dodici. Dopu si appare più di f ü novanta Br ü à una volta, a maiò parte di quelli sò stati alluntanati finu à avà, ma alcune anu ancu addurmintatu. Dopu si apparsu à Ghjacumu è poi à l'apòstuli; à la fine, di tuttu, cum'ellu era di nascita prematura, ci hè ancu apparsu " (1 Cor. 15,1: 8 Bibbia di Eberfeld).

Paulu "soprattuttu" sottolinea chì sicondu e Sacre Scritture Ghjesù hè u Messia o Cristu chì hè per u nostru S ü murì, era tumbu è risuscitatu di novu. Ancu sottolinea chì parechji ponu tistimunà a resurrezzione di Cristu se qualchissia hà dubbiu.

Paulu palesa chì hè u Vangelu "per mezu di quale sarete ancu salvati". U nostru scopu deve esse cumu Paul deve trasmette ciò chì avemu ricevutu è ciò chì hè "sopra tuttu" l'altru.

Ciò chì avemu ricevutu è dunque deve trasmette coincide cù ciò chì Paulu è l'altri apostoli anu ricevutu - chì sta davanti à tuttu u restu - "chì Cristu per i nostri S ü murì secondu e Scritture; è chì era intarratu è chì hè statu risuscitatu u terzu ghjornu dopu l'Scritture ... ".

Tutti l'altri insegnamenti in a Bibbia sò basati nantu à queste verità basiche. Solu u Figliolu di Diu puderia aiutà i nostri S ü è moriri solu perchè l'hà fattu è resuscitatu trà i morti, pudemu aspittà per u so ritornu è a nostra eredità, vita eterna, cun fiducia incerta.

Dunque, Ghjuvanni puderia scrive: "Se accettemu a testimonianza di l'omi, allora a testimonianza di Diu hè più grande, perchè hè a testimonianza di Diu chì hà testimoniatu di u so figliolu. Quellu chì crede in u figliolu di Diu hà questa testimonianza in elli. Quale Diu ùn crede micca, li face L ü gner; perchè ùn crede micca a tistimunianza chì Diu hà datu da u so figliolu.

«È questa hè a testimonianza chì Diu ci hà datu a vita eterna, è sta vita ghjè in u figliolu. Quellu chì hà u figliolu hà a vita; quellu chì ùn hà micca u Figliolu di Diu ùn hà micca vita " (1 Ghjuvanni 5,9: 12).

U Vangelu Predicatu da Ghjesù

Alcune, pari ü calori sopra a prufezia biblica, ma trovanu difficiule f ü r per ispirà u missaghju centrale di a Bibbia - salvezza per mezu di Ghjesù Cristu! Diu hà datu à i cristiani u rigalu di più preziosu di tutti è li hà datu l'obligazione di vende l'altri ü cumu si ponu riceve stu rigalu!

Quandu Petru hà descrittu u compitu di l'apostuli à u capitanu Kornelius, disse: "È ellu [Ghjesù] ci hà mandatu à predicà à u pòpulu è à tistimunà chì era designatu da Diu per esse u ghjudice di i vivi è di i morti. Tutti Prufeta chì da u so nome tutti quelli chì credenu in ellu perdonu u S ü duverebbe riceve " (Atti 10,42-43).

Questu hè u missaghju principale; a bona nova chì era rivelata à l'apòstuli era u messagiu centrale di tutti i profeti - chì Diu hà ghjudicatu à Ghjesù Cristu ü circa i vivi è i morti è à tutti quelli chì credenu in ellu S ü perdonu attraversu u so nome!

A verità centrale

Luca hà scrittu chì Ghjesù hà u so J ü pocu prima ch'ellu ascendia versu u celu, versu u G centrale ü U messagiu di u so messagiu li ricorda: "Allora li hà apertu i capiscenu cusì chì anu capitu l'Scrittura, è li disse: Hè scrittu chì Cristu soffrerà è risuscitarà trà i morti u terzu ghjornu; e chì in u so nome a penitenza serà pridicata. [Purtate] per u pardonu di S ü trà tutti i populi. Partite in Ghjerusalemme è ci hè ü r testimoniu " (Luc. 24,45-48).

Chì duverà capisce l'apostuli nantu à u cuntenutu di l'Scrittura quandu Ghjesù hà cunsideratu sensu? ü r apertu? In altre parolle, sicondu Ghjesù, quale hè a verità centrale è u più impurtante per esse capitu da e scritture di l'Anticu Testamentu?

Chì Cristu soffre è risurrecerà trà i morti u terzu ghjornu è chì a penitenza [perdonu] per u pardonu di S ü predicatu à tutti i pòpuli in u so nome!

"È in nimu altru hè salvezza, nè ci hè nisun altru nome sottu à u celu datu à l'omi per u quale sarà salvatu", Petru hà pricatu (Atti 4,12).

Ma chì hè l'iniziativa u Vangelu di u regnu di Diu? Ùn hà micca predicatu Ghjesù a bona nova di u Regnu di Diu? Nat ü veru!

U Vangelu di u regnu di Diu, difiere di ciò chì Paulu, Petru è Ghjuvanni ü predicà circa a salvezza in Ghjesù Cristu? Micca mancu!

Chjamemu chjaru chì entrare in u regnu di Diu hè a redenzione. Per esse salvatu è vene à u regnu di Diu hè u stessu! Ricevendu a vita eterna hè a stessa cosa di sperimentà a salvezza [o salvezza] perchè a salvezza hè sinònimu di salvezza da u S fatal ü nd.

Ci hè a vita in Ghjesù - a vita eterna. A vita eterna richiede u perdonu di u S ü nd. È u pirdunu di u S ü Un ne trova, o giustificà, solu per crede in Ghjesù Cristu.

Ghjesù hè à tempu ghjudice è salvatore. Hè ancu rè di l'imperu. U Vangelu di u regnu di Diu hè u Vangelu di salvezza in Ghjesù Cristu. Ghjesù è i so apostuli predicavanu u listessu messagiu - Ghjesù Cristu hè u Figliolu di Diu è l'unicu modu per ottene salvezza, salvezza, vita eterna è entrata in u regnu di Diu.

È quandu i sensi sò aperti per esse capace di capisce e profezie di l'Anticu Testamentu, cumu Ghjesù hà apertu u cumprinziu à l'apòstuli (Luk 24,45), diventa chjaru chì u messagiu centrale di i prufeti era ancu Ghjesù Cristu (Atti 10,43).

Andemu avanti. Ghjuvanni hà scrittu: "Quellu chì crede in u figliolu hà a vita eterna. Ma quellu chì ubbidisce micca à u figliolu, ùn vede micca a vita, ma l'ira di Diu resterà ü sopra à ellu " (Ghjuvanni 3,36) Quissa hè una lingua chjara!

Ghjesù hà dettu: "... Sò a strada è a verità è a vita; nimu ùn vene à u Babbu ma per mè" (Ghjuvanni 14,6) Chì avemu assolutamente bisognu di capisce di a Parola di Diu ü hè chì una persona senza Ghjesù Cristu ùn pò nè vene à u Babbu nè cunnosce à Diu, nè eredità a vita eterna nè vene in u Regnu di Diu.

In a so lettera à i Colossiani, Paulu hà scrittu: "Grazie grazie cù u Babbu chì t ü hà fattu l'eredità di i santi in a luce. Ci hà salvatu da u putere di a bughjura è ci hà messu in u regnu di u so caru figliolu, in quale avemu a salvezza, à dì u pirdunu di u S ü finisci " (Col. 1,12-14).

Fighjate cumu l'eredità di i santi, u regnu di a luce, u regnu di u figliolu, a redenzione è u perdonu di u S ü per furmà una robba senza soluzione di a Parola di a Verità, di u Vangelu.

In u versu 4, Paul parla di "fede [di i Colossiani] in Cristu Ghjesù è l'amore chì avete per tutti i santi". Scrive chì quella credenza è quellu amore sorge da "speranza ... chì f ü r hè prontu per voi in celu. Avete intesu parlà d'ella prima per mezu di a parolla di a verità, u Vangelu chì hè ghjuntu à voi ... " (Versi 5-6). In novu, u Vangelu hè in u centru di speranza per a salvezza eterna in u regnu di Diu per via di a fede in Ghjesù Cristu, u Figliolu di Diu, per mezu di quale eramu redimiti.

In i versi 21 à 23 Paulu cuntinua, "Ancu per voi chì eranu una volta aliene è ostili in i travaglii cattivi, ellu hà avà cunciliatu cù a morte di u so corpu mortale, per pudè mette vi davanti à a so faccia santa è invincibile è impeccable; ti ferma solu in fede, gr ü trova è ferma, è ùn partete micca da a speranza di u Vangelu chì avete intesu è chì hè predicatu à tutte e criature sottu à u celu. Aghju divintatu u so servitore Paulu ".

In i versi 25 à 29, Paulu cuntinua à elaborare nantu à l'evangelu chì ellu era ministru è nantu à u so scopu di predicà lu ü finisci. Hà scrittu: "Sò diventatu u vostru servitore per l'uffiziu chì Diu m'hà datu per predicà a so parolla à voi abbundante, à dì u sicretu chì hè statu oculatu per l'età è a generazione, ma avà hè revelatu. I so santi, à quale Diu vulia fà sapè ciò chì a ricchezza gloriosa di stu misteru hè trà i pagani, vale à dì Cristu in voi, a speranza di gloria ü finemu è ammoniscenu tutte e persone è insegnemu à tutte e persone in tutte e saviezza per chì facemu ogni persona perfetta in Cristu. Daf ü RM ü Aghju ancu lasciatu è lotta in a forza di quellu chì travaglia forte in mè ".

Di ciò chì u Vangelu hè

L'evangelu tutale hè di Ghjesù Cristu. Si tratta di a so identità è di u so travagliu cum'è u Figliolu di Diu (Ghjuvanni 3,18), ghjudice di i vivi è di i morti (2 Tim. 4,1) cum'è Cristu (Atti 17,3), cum'è Salvatore (2 Tim. 1, 10), cum'è gran prete (Ebrei 4,14) quandu F ü parlante (1 Ghjuvanni 2,1), cum'è rè di i Re è Signore di i Signori (Rev. 17, 14), cum'è un primu nati da parechji Br ü Dern (Rom. 8,29), cum'è amicu (Ghjuvanni 15,14-15).

Si tratta di ellu cum'è u pastore di e nostre anime (1u Petr.   2,25), cum'è l'Agnellu di Diu, u S ü pigghia u mondu (Giu. 1,29), come f ü Agnellu passale sacrificatu per noi (1 Cor. 5,7), cum'è l'imaghjini di u Diu invisibile è cum'è u primu nascitu prima di ogni creazione (Col 1,15), in capu di a cumunità è in cume cume è u primu nascitu da i morti (Verse 18), cum'è riflessu di a gloria di Diu è una maghjina di a so natura (Ebrei 1,3), cume u rivelatore di u Babbu (Matteu 11,27), cum'è modu, verità è vita (Ghjuvanni 14,6), cum'è T ü r (Ghjuvanni 10,7).

U Vangelu hè annantu à Cristu cume u principiu è a rializazione di a nostra fede (Ebrei 12,2), come regnu ü circa a creazione di Diu (Rev. 3,14), cume u primu è ultimu, principiu è fine (Rev. 22,13), come un germoglio (Ghjerusalemme 23,5), cum'è a petra angulare (1. Petr. 2,6), cum'è u putere di Diu è a saviezza di Diu (1 Cor. 1,24), cum'è l'adultu ü desideri di tutte e nazioni (Hag. 2,7).

Si tratta di Cristu, u tistimone fideli è veru (Rev. 3,14), l'eredi di tuttu (Ebr. 1,2), a corna di salvezza (Luk. 1,69), a luce di u mondu (Ghjuvanni 8,12), u pane vivente (Joh. 6,51), a radica di Ghjesse (Isa. 11,10), a nostra salvezza (Luca 2,30), u sole di ghjustizia (Mal. 3,20), a Parolla di Vita (1 Ghjuvanni 1: 1), u Figliolu di Diu hà messu in forza per via di a so risurrezzione da i morti (Rom. 1,4) - è cusì.

Paulu hà scrittu: "Nimu pò mette una fondazione ch'è quella chì ci hè, che hè Ghjesù Cristu" (1 Cor. 3,11). Ghjesù Cristu hè u linchpin, u tema centrale, a fundazione di l'evangelu. Cumu pudemu predicà qualcosa altru senza cuntradicà a Bibbia?

Ghjesù hà dettu à a F ü senti i Ghjudei "cercate in l'Scritture, perchè pensate chì avete a vita eterna in elli; è sò quelli chì mi testimoniano; ma ùn vulete micca vene à mè per avè a vita" (Ghjuvanni 5,39-40).

Missaghju di salvezza

U messagiu per vende i cristiani ü sò chjamati hè nantu à a salvezza, vale à dì di a vita eterna in u regnu di Diu. Salvezza eterna o u regnu di Diu pò esse ottenuta solu à traversu u T veru ü r, l'unicu modu veru - Ghjesù Cristu. Hè u rè di quellu imperu.

Ghjuvanni hà scrittu: "Quellu chì nega u figliolu ùn hà micca u babbu; quellu chì confessa u figliolu hà ancu u babbu" (1 Ghjuvanni 2,23). L'apòstulu Paulu hà scrittu à Timoteu: "Perchè ci hè un Diu è un mediatore trà Diu è l'omi, à dì l'omu Cristu Ghjesù, chì s'hè datu da ellu stessu ü tuttu per a redenzione chì questu seria statu pridicatu in u so tempu " (1 Tim. 2: 5-6).

In Ebrei 2,3 siamo avvistati: "... cumu pudemu scappà s'ellu ùn prestemu attenzione à una salvezza cusì grande, chì hè cuminciatu cù a predica di u Signore è hè statu cunfirmatu da noi da quelli chì l'anu intesu?" U messaghju di salvezza era prima vendutu da Ghjesù stessu ü Hè statu u messaghju di Ghjesù da u Babbu.

Ghjuvanni hà scrittu ciò chì Diu stessu ü Testificatu di u so figliolu: "E questa hè a testimonianza chì Diu ci ha datu a vita eterna, è questa vita hè in u so figliolu. Quellu chì hà u figliolu hà a vita; quellu chì ùn hà micca u figliolu di Diu hà a vita micca " (1 Ghjuvanni 5,11: 12).

In Ghjuvanni 5,22: 23 Ghjuvanni torna à enfatizà u pesu chì deve esse datu à u figliolu: "Per u babbu ùn ghjudicheghja nimu, ma ha tutti i ghjudizi per u figliolu ü renditi cusì chì tutti onorinu u figliolu cum'è onore u babbu. Quellu chì ùn onora micca u figliolu, ùn onora micca u babbu chì l'ha mandatu. "Hè per quessa chì a Chjesa predica cusì constantemente ü circa Ghjesù Cristu! Isaia profetizò: "Eccu perchè Diu dice a renna: Eccu, pongo una pietra in Sion, una pietra pruvata, una pietra preziosa, fondamentale. Chiunque crede chì ùn sarà micca sminticatu" (Isa. 28:16 EG).

Mentre camminemu in a nova vita à quale simu chjamati in Ghjesù Cristu è fiducia in ellu cum'è u nostru pianu sicuru è speranza à u so ritornu in gloria è putenza ogni ghjornu, pudemu guardà in avanti a nostra eredità eterna in speranza è fiducia.

Una chjama per vive u futuru quì è ora

Dopu chì Ghjuvanni hè statu catturatu, Ghjesù hè ghjuntu in Galilea è pridicò l'evangelu di Diu è disse: U tempu hè certu ü llt, è u regnu di Diu hè ghjuntu. Ripintite è crede in u Vangelu! " (Mark 1: 14-15).

Stu Vangelu chì Ghjesù hà purtatu hè a "bona nova" - un missaghju putente chì cambia è trasforma a vita. U Vangelu ü trasferimentu ü Micca solu chì stà à sente è cunverta, ma à l'ultimu diventa u megliu per tutti ü fà medico chì s'hè oppostu ü sopravvive.

U Vangelu hè "un putere di Diu chì benedica tutti quelli chì credenu" (Rum. 1:16). U Vangelu hè l'invitu di Diu per noi di campà un livellu completamente diversu ü senti. A bona nutizia hè chì ci hè una eredità chì aspetta per noi chì sarà pienamente in pussessu quandu Cristu tornerà. Hè ancu un invitu à una realtà spirituale vigorosa chì ci pò digià appartene à noi.

Paulu chiama l'evangelu "Evangelu di Cristu" (1 Corintini 9:12), "Vangelu di Diu" (Rum. 15:16) è "Vangelu di a Pace" (Efesini 6:15). Partendu da Ghjesù, ellu principia u j ü ridefinisce l'opinione di u regnu di Diu, cuncintratu u significatu universale di a prima venuta di Cristu.

U Ghjesù, u ü Passendu per e strade polverose di Ghjudea è di Galilea, Paul insegna, hè oghji u Cristu risuscitatu, chì si trova à a manu diritta di Diu è hè "u capu di tutti i puteri è i puteri" (Col 2:10).

Sicondu Paulu, a morte è a risurrezzione di Ghjesù Cristu vene "primu" in u Vangelu; sò i Schl ü avvenimenti impurtanti in u pianu di Diu (1 Cor. 15: 1-11). U Vangelu hè a bona nova f ü r i poveri è oppressi ü cct. A storia hà un scopu. In fine, a legge triunfarà, micca u putere.

A manu trapassata hà ü triunfò sopra u pugnu blindatu. U regnu di u male dà via à u regnu di Ghjesù Cristu, un ordine di cose chì i cristiani sò digià in parte.

Paulu hà enfatizatu questu aspettu di u vangelu contru ü circa i Colossiani: "Cù gioia dice grazie à u Babbu chì t ü hà fattu l'eredità di i santi in a luce. Ci hà salvatu da u putere di a bughjura è ci hà messu in u regnu di u so caru figliolu, in quale avemu a salvezza, à dì u pirdunu di u S ü finisci " (Col. 1,12-14).

F ü Per tutti i cristiani, u Vangelu hè è era presente realità è futuru ü speranza in u futuru. Cristu risuscitatu, chì hè Signore ü Circa u tempu, u spaziu è tuttu ciò chì succede quì hè u campione f ü r i cristiani. Quellu chì hè statu risuscitatu à u celu hè a fonte omnipresente di u putere (Ef 3,20: 21).

A bona nova hè chì Ghjesù Cristu hà ogni ostaculi in a so vita terrestre ü hà superatu. U modu di a croce hè un modu duru ma vitturiosu in u regnu di Diu. Hè per quessa chì Paul pò riassumà l'evangelu succintamente, "Perchè aghju pensatu chì era f ü r dirittu à ùn cunnosce nunda trà di voi ma solu Ghjesù Cristu, u crucifissu " (1 Cor. 2,2).

U gran inversione

Quandu Ghjesù si apparsu in Galilea è predicava l'evangelu in seriu, aspittò una risposta. Aspittà ancu una risposta da noi oghje.

Ma l'invitu di Ghjesù à entra in u regnu ùn hè statu mantinutu in u vacu. Chjamata di Ghjesù f ü U regnu di Diu era accumpagnatu da segni è meraviglie impressiunanti chì facianu un paese chì soffreva di u duminiu rumanu si ne pusessinu è facenu contu.

Questa hè una di e ragioni per quessa chì Ghjesù avia fattu chjaru ciò chì significava da u Regnu di Diu. I Ghjudei à l'epica di Ghjesù aspittavanu per un F ü Leader chì duveria turnà a gloria di David è Salomonu à a so nazione ü rde. Ma u messagiu di Ghjesù hè "doppiu rivoluzionariu", cum'è u scrittore di l'Oxford NT Wright scrive. Prima, hà pigliatu l'expectativa cumuna chì un j ü dian super-statu caccià u yoke rumanu w ü rde, è u trasfurmò in qualcosa completamente diversa. Hà fattu a speranza diffusa di liberazione pulitica un messagiu di salvezza spirituale: u Vangelu!

"U Regnu di Diu hè ghjuntu, pareva dì, ma ùn hè micca ciò chì l'avete imaginatu per esse" (NT Wright, Quale era Ghjesù?, P. 98).

Ghjesù hà sbulicatu e persone cun e cunsequenze di a so bona nutizia. "Ma parechji chì saranu i primi è l'ultimi è l'ultimi seranu i primi" (Matteu 19,30)

"Ci sarà denti chiancanti è scherzi", disse à a so j ü i cumpatrioti, "se vedrai Abraamu, Isaccu è Ghjacobbu è tutti i prufeti in u regnu di Diu, ma ti scurdanu" (Luca 13:28).

U gran pranzu era f ü ognunu quì (Luc. 14,16-24). I pagani eranu ancu invitati à u Regnu di Diu. È un sicondu ùn era micca menu rivoluzionariu.

Stu prufeta Nazaret paria assai volte f ü r per avè u dirittu - da u leprosu è Kr ü pagà per i contribuenti avidi - e di volte ancu f ü r i odiati oppressori Rumani ü cker.

A bona nutizia chì Ghjesù hà purtatu cuntraditò tutte l'aspettative, ancu quelle di u so fedele J. ü più longu (Luc. 9,51-56). Una volta è dinò Ghjesù hà dettu chì u regnu chì aspettavanu in u futuru era dighjà presente dinamicamente in u so travagliu. Dopu un episodiu particularmente drammaticu, hà dettu: "Ma se scacciate i spiritui cattivi da i dita di Diu, allora u Regnu di Diu hè ghjuntu à voi" (Luca 11,20). In altre parolle, e persone chì anu vistu l'opera di Ghjesù anu sperimentatu u presente di u futuru. Ghjesù hà vultatu l'aspettattivi populari in cima à almenu trè modi:

  1. Ghjesù hà amparatu a bona nova chì u Regnu di Diu hè un rigalu pura - a Signoria di Diu chì hà digià purtatu guariscenza. Hè cusì chì Ghjesù hà iniziatu "l'annu di grazia di u Signore" (Luk. 4,19; Isa. 61,1-2) Ma i "M" eranu "ammessi" in u Reich ü nobili è impegnati, i poveri è i principianti, i zitelli delincuenti è i cullettori di tassi ripurtati, i puteri penti è i fora di a società. F ü r pecura nera è pecura persa spirituale, hà dichjaratu chì hè più ferde.
  2. A bona nutizia di Ghjesù hè ancu f ü per e persone chì eranu pronti à vultà à Diu per mezu di a purificazione dolore di u veru pentimentu. Sti sinceramenti ripintati S ü cambia w ü un grande in Diu ü truvate un babbu chì circà l'orizonte per i so figlioli è figliole errante è li vede quandu anu "ancora luntanu" (Luca 15,20) A bona nutizia di u Vangelu significa chì tutti quelli chì dicenu di cori: "Diu, sia S ü misericordiosamente " (Luk 18,13) tmd significa sinceramente unisce à Diu ü Truvà udizione w ü rde. Sempre. "Dumandate, vi serà datu; cercate, truverete; scuzzà, vi sarà apertu à voi" (Luca 11,9). F ü Per quelli chì cridianu è si sò alluntanati da i modi di u mondu, sta era a megliu nutizie chì pudìanu sente.
  3. U vangelu di Ghjesù hà significatu ancu chì nunda ùn pudia impedisce a vittoria di u regnu chì Ghjesù avia purtatu - ancu s'ellu pareva u cuntrariu. Stu regnu w ü avaristi scontru a resistenza amara, implacabile, ma in fin di fine w ü lu avissi? ü bernat ü trionfu di forza fisica è di gloria. Cristu hà dettu a so J ü ngern: "Ma quandu u Figliolu di l'omu vene in a so gloria, è tutti l'angeli cun ellu, ellu s'assettarà nantu à u tronu di a so gloria, è tutte e nazioni saranu riunite davanti à ellu. È li separarà l'uni di l'altri cum'è un pastore in pecure si separa da e capre " (Mat. 25,31-32).

Allora a bona nutizia di Ghjesù hà avutu una tensione dinamica trà u "digià" è u "micca" ancora. L'evangelu di u regnu si riferisce à u regnu di Diu, chì era digià esistitu - "Vede i cecchi è cammina i coci, i leprosi diventanu puri è ascolta i sordi, i morti si tenenu in piedi è l'evangelu hè predicatu à i poveri" (Matteu 11,5) Ma l'imperu era "ancora micca" allora in u sensu chì u so pienu ü imminenti. A capiscitura di l'evangelu significa capisce stu doppiu aspettu: da una banda, a presenza prumessa di u rè, chì hè digià in u so populu, è da l'altra, u so ritornu dramaticu.

A bona nutizia di a vostra salvezza

Paulu missiunariu hà aiutatu à attivà u secondu grande muvimentu di l'evangelu - a so diffusione da a Ghjudea minima à u mondu greco-rumanu altamente cultivatu di a mità di u primu seculu. Paulu, u persecutore cristianu cunvertitu, dirige a luce abbagliante di u Vangelu attraversu a prisma di a vita quotidiana. Mentre elogiava u Cristu glurificatu, hè ancu preoccupatu di e cunsequenze pratiche di u Vangelu.

Malgradu l'uppusizione fanatica, Paulu dà à l'altri cristiani u significatu impressionante di a vita di Ghjesù, di a morte è di a risurrezzione:

"Eppuru, ti ha cunciliatu, chì era statu una volta aliena è ostile in opere male, per via di a morte di u so corpu mortale, perch'ellu vi mettevi davanti à u so visu in modu santu è inamore è impeccable; se ferma solu in fede, fundata è ferma "è ùn lasciate micca da a speranza di u Vangelu chì avete intesu è chì hè predicatu à tutte e criature sottu à u celu. Eu, Paulu, sò diventatu u so servitore" (Col. 1,21-23).

Reconciliatu. Immaculata. Grazia Redenzione. Pardunamentu. È micca solu in l'avvene, ma quì è ora. Eccu u Vangelu di Paulu.

A risurrezzione, u puntu culminante à quale i sinopti è Ghjuvanni hà purtatu i so lettori   (Ghjuvanni 20,31), libera a forza interna di u Vangelu per a vita quotidiana di u Cristianu. A risurrezzione di Cristu cunfirma l'evangelu. Dunque, cusì Paulu insegna, quelli avvenimenti in Ghjudea distante dà speranza à tutte e persone:

«... Ùn mi vergogna di l'evangelu; per quessa hè una putenza di Diu chì benedica tutti quelli chì crèdenu in ella, i Ghjudei primu è ancu i Grechi. Perchè revela a ghjustizia chì hè davanti à Diu, chì vene da a fede in a fede ... " (Rum. 1,16-17).

L'apostolu Ghjuvanni aghjunghje una altra dimensione di u Vangelu. U mostra à Ghjesù cumu u "J ü cantante chì hà amatu " (Ghjuvanni 19,26), si ricordò da ellu, un omu cù u core di un pastore, un capu di a chjesa cun un profundo amore per e persone cù e so preoccupazioni è e so paure.

"Ghjesù hà fattu parechji altri segni davanti à i so discepuli chì ùn sò micca scritti in stu libru. Ma questi sò scritti in modu chì pudete crede chì Ghjesù hè u Cristu, u Figliolu di Diu, è chì pudete avè a vita in u so nome da a fede "" (Ghjuvanni 20,30-31).

A presentazione di l'evangelu da parte di Ghjuvanni hà u so core in a dichjarazione notevule: "... affinchì tù possa vita in a fede".

Ghjuvanni cunsegna miraculosamente un altru aspettu di u Vangelu: Ghjesù Cristu in mumenti di grande vicinanza persunale. Ghjuvanni da una contu viva di u persunale, serve a prisenza di u Messia.

Un evangelu persunale

In l'evangelu di Ghjuvanni incontru un Cristu chì era un putente predicatore publicu (Ghjuvanni 7,37-46). Videmu Ghjesù caliu è ospitalu. Da u so invitante invitatu "Venite à vede!" (Joh. 1,39) fino a la sfida di u dubbiu Thomas di mette u dito in l'estigma in manu (Ghjuvanni 20,27), quì hè ritrattu in una manera inesquevule quellu chì diventò carne è hà campatu trà noi (Ghjuvanni 1,14)

A ghjente si sentia cusì accolta è cunfortu di Ghjesù chì avianu un scambiu vivu cun ellu (Ghjuvanni 6,5-8). Eranu stà à fiancu à ellu manghjendu è manghjendu da u listessu piattu (Ghjuvanni 13,23-26).

Li amavanu tantu profondamente chì, appena vistu à ellu, si ballavanu à a costa per manghjà pesci chì avia frittatu (Ghjuvanni 21,7-14).

U Vangelu di Ghjuvanni ci ricorda di quantu volte u Vangelu gira intornu à Ghjesù Cristu, u so esempiu, è a vita eterna chì noi ricevemu per ellu (Ghjuvanni 10,10) Ci ricorda chì a predica di l'evangelu ùn hè micca abbastanza. Avemu ancu à campà L'apostulu Ghjuvanni ci incurage: U nostru esempiu puderia aiutà l'altri à fà u bonu di u Regnu di Diu cun noi. Hè ciò chì hè accadutu cù a donna Samaritana chì hà scontru à Ghjesù Cristu in u pozzu (Ghjuvanni 4,27-30), è Maria von Mandala (Ghjuvanni 20,10-18).

Quellu chì hà piantatu à a tomba di Làzaru, u umile servitore chì hà datu a F ü sse lavatu, vive oghje. Iddu ci dà a so prisenza attraversu l’abitazione di u Spìritu Santu:

"Quellu chì mi ama guardarà a mo parolla; è u mo babbu l'amarà, è veneremu à ellu è prendemu residenza cun ellu ... u vostru core ùn hè micca spaventatu è f ü ùn teme micca " (Ghjuvanni 14,23:27).

Ghjesù hà attivamente guidà u so pòpulu oghje per mezu di u Spìritu Santu. A so invitu hè cum'è persunale è incoraggiante cum'è sempre: "Venite à vede!" (Ghjuvanni 1,39)

Brochure di a Chjesa di Diu Mundiale


in pdfU Vangelu - A bona nutizia!