U primu duveria esse l'ultimu!

439 u primu duveria esse l'ultimu Quandu avemu lettu a Bibbia, avemu a lotta per capisce tuttu ciò chì Ghjesù hà dettu. Una dichjarazione recurrente pò esse truvata in u Vangelu di Matteu: "Ma parechji chì sò i primi seranu l'ultimi è l'ultimi seranu i primi" (Matteu 1).9,30).

Apparentemente, Ghjesù prova di novu per disturbà l'ordine di a società, per abulisce u statu quo è face dichjarazioni cuntruversali. I Ghjudei di u seculu primu in Palestina eranu assai familiarizati cù a Bibbia. I scuntenti eranu vinuti da i so scontri cù Ghjesù, cunfusi è arraggiati. In qualche manera e parolle di Ghjesù ùn si currispondenu micca per elli. I rabbini di quellu tempu eranu ben rispettati per a so ricchezza, chì era cunsiderata una benedizzione da Diu. Quessi eranu tra i "primi" in a scala suciale è religiosa.

In un'altra occasione, Ghjesù disse à u so audience: "Ci sarà pienghje è stringhje di denti quandu vi vede Abràhamu, Isaac è Ghjacobbu è tutti i prufeti in u regnu di Diu, ma quandu vi vedete fora! È veneranu da u livante è à punente, à u nordu è à u sudu, è si mettenu à tavula in u regnu di Diu. È eccu, sò l'ultimi, seranu i primi; è sò i primi chì saranu l'ultimi » (Luca 13, 28-30 SLT).

Ispirata da u Spìritu Santu, Maria, a mamma di Ghjesù, disse à a so cugina Elisabetta : « Cù un bracciu forte hà dimustratu u so putere ; hà spargugliatu à i venti quelli chì u so dispusizione hè orgogliosa è altanera. Il a renversé les puissants de leur trône et élevé les bas » (Luc 1,51-52 New Geneva translation). Forse ci hè un indiziu quì chì l'orgogliu hè nantu à a lista di i peccati è Diu hè una abominazione (Proverbii 6,16-19u).

In u primu seculu di a Chjesa, l'apòstulu Paulu affirmò questu ordine inversu. In termini suciali, pulitichi è religiosi Paul era unu di i "primi". Era un citadinu rumanu cù u privilegiu d'esse di una parentela formidabile. "Cellu chì hè statu circuncisu l'ottu ghjornu, di u populu d'Israele, di a tribù di Benjamin, un Ebreu di l'Ebrei, un Fariseu secondu a lege" (Filippini). 3,5).

Paul hè statu chjamatu à u serviziu di Cristu in un tempu quandu l'altri apòstuli eranu predicatori sperimentati. Scrive à i Corinti è cita u prufeta Isaia : « Vogliu distrughje a saviezza di i sàvii, è vogliu ricusà l'intelligenza di l'intelligenza ... Ma ciò chì hè stupidu davanti à u mondu, chì Diu hà sceltu di purtà à vergogna i sàvii; è ciò chì hè debule in u mondu, chì Diu hà sceltu, per ch'ellu pò fà vergogna ciò chì hè forte (1. Corinti 1,19 è 27).

Paulu dici à i stessi populi chì u Cristu risurrezzione li apparsu "infine cum'è una nascita innumerata" dopu chì ellu apparsu à Petru, 500 fratelli in un'altra occasione, poi Ghjacumu è tutti l'apostuli. Un altru indici? Se i debuli è i disgraziati avarianu i sàvuli è i forti?

Diu hà spessu intervenutu direttamente in u corsu di a storia di Israele è ha invertitu l'ordine previstu. Esau era u primu nascitu, ma Ghjacobbu hà ereditatu u dirittu. Ishmael era u primu figliolu di Abraham, ma l'Isacele hè statu datu. Quandu Ghjacobbu benedisse i dui figlioli di Ghjiseppu, puse e mani nantu à u figliolu più chjucu Efraim è micca à Manase. U primu re di Israele, Saul, hà fallutu ubbidisce à Diu mentre riglò u populu. Diu hà sceltu David, unu di i figlioli di Ghjesse. David hà pigliatu cura di e pecure fora in i campi è era devu esse chjamatu per participà à a so unzia. Cum'è u ghjovanu, ùn era micca cunsideratu un candidatu degnu per questa pusizione. Quì dinù, un "omu dopu u core di Diu" hè statu sceltu davanti à tutti l'altri fratelli più impurtanti.

Ghjesù avia assai à dì nantu à i maestri di a lege è i Farisei. Quasi tuttu u capitulu 23 di u Vangelu di Matteu hè indirizzatu à elli. Anu amatu i più boni posti in a sinagoga, eranu felici di esse salutati in i mercati, l'omi li chjamavanu rabbi. Hanu fattu tuttu per l'appruvazioni publica. Un cambiamentu maiò deve esse prestu. « Ghjerusalemme, Ghjerusalemme… Quante volte aghju vulsutu riunisce i vostri figlioli cum’è una ghjallina riunisce i so pulcini sottu à l’ali ; è ùn vulia ! A vostra casa sarà lasciata desolata » (Matteu 23,37-38u).

Cosa significa: "Hà ribattutu u putente è hà alzatu u bassu?" Qualunque sia e benedizioni è i rigali chì avemu ricevutu da Diu, ùn ci hè nisuna ragione di vantàci di noi stessi! U orgogliu hà marcatu l'iniziu di a caduta di Satana è hè mortale per noi umani. Appena ellu hà una presa nantu à noi, cambia tutta a nostra perspettiva è l'attitudine.

I Farisei chì l'ascoltavanu accusavanu à Ghjesù di caccià i dimònii in nome di Belzebù, u principe dimòniu. Ghjesù face una dichjarazione interessante: "È quellu chì parla qualcosa contru à u Figliolu di l'omu, serà pardunatu; ma quellu chì parla qualcosa contru à u Spìritu Santu ùn serà micca pardunatu, nè in stu mondu nè in u mondu à vene "(Matteu 1).2,32).

Questu sembra un ghjudiziu finale contru à i Farisei. Sò stati testimoni di tanti miraculi. Si sò alluntanati di Ghjesù, benchì era veritu è ​​miraculosu. Cum'è una spezia di ultimu sforzu, li dumandonu un segnu. Hè statu u peccatu contru à u Spìritu Santu? È ancu pussibule u perdonu? Malgradu u so orgogliu è a so forte difesa, ella adora Ghjesù è vole chì tù vultessi.

Cum'è sempre, ci sò stati eccezzioni. Nicodemu ghjunse à Ghjesù quella notte, vulia capisce di più, ma era paura di u Sanhedrin, u Sanhedrin (Ghjuvanni 3,1). Dopu andò cun Ghjiseppu d'Arimitea mentre pusò u corpu di Ghjesù in a tomba. Gamaliel hà avvistatu à i Farisei di ùn s'oppone micca à a predicazione di l'apòstuli (Atti 5,34).

Escludutu da u regnu?

In Apocalisse 20,11 leghjemu un ghjudiziu davanti à un Gran Trono Biancu, cù Ghjesù chì ghjudicava u "restu di i morti". Pò esse chì sti maestri prominenti d'Israele, i "primi" di a so sucietà à l'epica, infine Ghjesù, chì anu crucifissu, ponu vede quale era veramente? Questu hè un "signu" assai megliu!

À u listessu tempu, sò esclusi da u regnu stessu. Avete vistu quelli persone da l'est è l'ovest chì anu guardatu. E persone chì ùn anu mai avutu u vantaghju di cunnosce e Scritture sò avà à pusà à tavula nantu à a grande festa in u regnu di Diu (Luca 1).3,29). Chì puderia esse più umiliante ?

Ci hè u famosu "campu di l'ossi morti" in Ezekiel 37. Diu dà à u prufeta una visione spaventosa. L'osse secche si raccolgenu cù un "rombu" è diventanu persone. Diu dice à u prufeta chì ste ossa sò tutta a casa d'Israele (cumpresi i Farisei).

Dicenu: "U omu, sti ossi sò tutta a casa d'Israele. Eccu, avà dicenu: I nostri ossi sò secchi, è a nostra speranza hè persa, è simu finiti » (Ezechiele 3).7,11). Ma Diu dice: "Vedi, apreraghju e to tombe, è vi purteraghju, u mo pòpulu, fora di e vostre tombe, è vi purteraghju in a terra d'Israele. È sapete chì sò u Signore quandu apre e to tombe è ti purteraghju fora di e to tombe, u mo populu. È vogliu dà u mo soffiu in tè, chì duvete campà di novu, è vogliu pusà in u vostru paese, è duvete sapè chì sò u Signore » (Ezechiele 37,12-14u).

Perchè Diu mette parechji chì sò i primi per esse l'ultimi è perchè sò l'ultimi chì sò i primi? Sapemu chì Diu ama à tutti - u primu, cum'è l'ultimu, è tutti in trà. Ellu voli una relazione cù tutti noi. U rigalu preziosu di u pentimentu pò esse datu solu à quelli chì umilmente accettanu a grazia meravigliosa di Diu è a vuluntà perfetta.

di Hilary Jacobs


in pdfU primu duveria esse l'ultimu!