Cosa hè a libertà?

070 chì hè a libertà Avemu visitatu pocu fà a nostra figliola è a so famiglia. Dopu aghju lettu a frase in un articulu: "A libertà ùn hè micca l'assenza di vinculi, ma a capacità di fà senza l'amore per u prossimu" (Factum 4/09/49). A libertà hè di più cà l'assenza di custrizzione!

Avemu intesu qualchì sermone nantu à a libertà o avemu studiatu questu tema noi stessi. Per mè, tuttavia, a cosa particulare di sta dichjarazione hè chì a libertà hè assuciata à a rinuncia. A manera chì imaginemu a libertà in generale, ùn hà nunda à chì vede cù a rinuncia. À u cuntrariu, a mancanza di libertà hè assimilata à a rinuncia. Ci sentimu restrittu in a nostra libertà quandu simu stati constantemente urdinati intornu per compulsione.

Sembra qualcosa cusì in a vita d'ogni ghjornu:
"Ci vole à arrizzassi avà, sò guasi sette ore!"
"Avà ci vole à fà!"
"Aghju fattu dinò u listessu sbagliu, ùn aghju amparatu nunda?"
"Ùn pudete micca fughje avà, vi odiate!"

Vidimu stu schema di pensamentu assai chjaramente da a discussione chì Ghjesù hà avutu cù i Ghjudei. Avà Ghjesù disse à i Ghjudei chì avianu cridutu in ellu:

"Sì stà in a mo parolla, site in verità i mo discìpuli è sapete a verità, è a verità vi libererà". Elli risposenu: "Simu i discendenti d'Abraham è ùn avemu mai servutu cum'è servitori; cumu si pò dì: diventerai liberu? Ghjesù li rispose: "In verità, in verità, a vi dicu, tutti quelli chì facenu u peccatu sò servitori di u peccatu. Ma u servitore ùn stà micca in casa per sempre; u figliolu, invece, ci stà per sempre. Allora se u figliolu vi hà fattu liberà, allora sarete veramente liberu " (Ghjuvanni 8,31: 36).

Quandu Ghjesù hà cuminciatu à parlà di libertà, i so ascultatori anu subitu fattu un inchinu à a situazione di un servitore o di un schiavu. Un schiavu hè, per cusì dì, u cuntrariu di a libertà. Hà da fà senza assai, hè assai limitatu. Ma Ghjesù alluntana i so ascultatori da a so maghjina di libertà. I Ghjudei credevanu ch'elli eranu sempre stati liberi, ancu se à l'epica di Ghjesù eranu una terra occupata da i Rumani è eranu spessu sottu duminiu stranieru è ancu in schiavitù prima di què.

Ciò chì Ghjesù hà capitu per libertà era qualcosa cumpletamente diversu da ciò chì l'audienza hà capitu. L'esclavità hà certe similitudini cù u peccatu. Quellu chì peccatu hè un servitore per u peccatu. Quellu chì vole campà in libertà deve esse liberatu da u pesu di u peccatu. In sta direzzione Ghjesù vede a libertà. A libertà hè qualcosa chì vene da Ghjesù, ciò ch'ellu rende pussibule, ciò chì media, ciò ch'ellu porta. A cunclusione à questu seria allora chì Ghjesù stessu incarna a libertà, ch'ellu hè assolutamente liberu. Ùn pudete micca dà libertà se ùn site micca liberu. Allora se capimu megliu a natura di Ghjesù, capiremu megliu a libertà. Un passaghju impurtante ci mostra ciò chì era è hè a natura fundamentale di Ghjesù.

"Una tale attitudine abita in tutti voi, cum'è era ancu in Cristu Ghjesù; perchè ancu s'ellu hè a forma di Diu (caratteru o caratteru divinu), ùn hà micca vistu a somiglianza à Diu cum'è una robba da tene cun forza (pusessu inalienabile, preziosu); innò, s'hè spressu (di a so gloria) assumendu a forma di un servitore, entrendu pienu in un essere umanu è esse inventatu cum'è un essere umanu in a so cundizione corporale " (Pilipper 2,5-7).

Una caratteristica eccezziunale di a natura di Ghjesù era a so rinuncia à u so statutu divinu. Si "svestì" di a so gloria, rinunziò voluntariamente à stu putere è à questu onore. Hà cacciatu stu preziosu pusessu è hè propiu questu chì l'hà qualificatu per esse u salvatore, quellu chì libera, chì libera, chì rende a libertà pussibule, chì pò aiutà l'altri à a libertà. Questa rinuncia à un privilegiu hè una caratteristica essenziale di a libertà. Aviu avutu per scavà più in questu fattu. Dui esempii di Paul m'hà aiutatu.

"Ùn sapete micca chì quelli chì correnu in a pista currenu tutti, ma chì solu unu riceve u premiu? Currite in modu tale chì l'avete! Tutti quelli chì volenu participà à a cumpetizione si stendenu Astinenza in tutte e relazioni, quelli chì ricevenu una curona imperishable, ma noi un imperishable " (1 Corintini 9,24: 25).

Un corridore hà stabilitu un scopu è vole ghjunghje. Simu ancu coinvolti in questa corsa è una rinuncia hè necessaria. (A traduzzione Speranza per Tutti parla di rinuncia in questu passaghju) Ùn si tratta solu di una piccula rinuncia, ma di "astinenza in tutte e relazioni". Cum'è Ghjesù hà rinunziatu assai per pudè trasmette a libertà, simu chjamati ancu à rinuncià assai per pudè tramandà a libertà. Semu stati chjamati nantu à un novu modu di vita chì porta à una corona imperishable chì ferma per sempre; à una gloria chì ùn finiscerà mai o perirà. U secondu esempiu hè strettamente ligatu à u primu. Hè discrittu in u listessu capitulu.

"Ùn sò micca un omu liberu? Ùn sò micca un apòstulu? Ùn aghju micca vistu u nostru Signore Ghjesù? Ùn site micca u mo travagliu in u Signore? Avemu l'apostuli ùn avemu micca u dirittu di manghjà è di beie?" (1 Curinzî 9, 1 è 4).

Quì Paulu si discrive cum'è un omu liberu! Si descrive cum'è qualcunu chì hà vistu à Ghjesù, cum'è qualcunu chì agisce per nome di questu liberatore è chì hà ancu risultati chjaramente visibili da mostrà. È in i versi chì seguitanu descrive un dirittu, un privilegiu chì ellu, cum'è tutti l'altri apostuli è predicatori, hà, vale à dì ch'ellu si guadagna a so vita predicendu u Vangelu, chì hà dirittu à un redditu da ellu. (Versu 14) Ma Paulu hà rinunciatu à stu privileghju. Facendu senza, hà creatu un spaziu per ellu stessu, cusì si sentia liberu è puderia chjamassi una persona libera. Sta decisione l'hà resu più indipendente. Hà realizatu questu regulamentu cù tutte e chjese, eccettu a chjesa di Filippi. Hà permessu à sta cumunità di piglià cura di u so benessere fisicu. In questa sezzione, tuttavia, truvemu un passaghju chì pare un pocu stranu.

"Perchè quandu pridicheghju u messagiu di a salvezza, ùn aghju nisuna ragione per vantami, perchè sò sottumessu; un guai mi feria se ùn pridichessi micca u missaghju di salvezza!" (Verse 14).

Paulu, cum'è omu liberu, parla quì d'una compulsione, di qualcosa ch'ellu avia da fà! Cumu era pussibule? Hà vistu u principiu di a libertà pocu chjaru? Piuttostu pensu ch'ellu ci vulia avvicinà di a libertà per mezu di u so esempiu. Leghjemu in:

"Perchè solu quandu facciu questu per a mo propria volontà, aghju (Dirittu à) salarii; ma se a facciu involuntariamente, hè solu una gestione chì mi hè affidata. Allora chì sò i mo salarii? In u fattu chì cum'è predicatore di u missaghju di salvezza l'offre gratuitamente, per ùn fà micca usu di u mo dirittu di predicà u missaghju di salvezza. Perchè ancu se sò indipendente da tutte e persone (di rigalu), mi sò fattu schiavu di tutti quelli per vince a maggior parte di elle. Ma facciu tuttu què per u nome di u messagiu di salvezza, affinchì anch'eiu possu participà à ellu " (1 Curinzî 9,17: 19-23 &).

Paulu hà ricevutu una cumissione da Diu è hà sappiutu bè ch'ellu era ubligatu da Diu; avia da fà, ùn pudia micca scappà nantu à sta materia. In questu compitu si vede cum'è amministratore o amministratore senza alcuna pretesa di salarii. In questa situazione, però, Paul hà guadagnatu un spaziu liberu; malgradu sta compulsione, hà vistu un grande spaziu per a libertà. Hà rinunziatu à qualsiasi cumpensazione per u so travagliu. Si hè ancu fattu sè stessu servitore o schiavu di tutti. Si hè adattatu à e circustanze; è à a ghjente à quale hà predicatu u Vangelu. Per rinunzendu a cumpensazione, hà sappiutu ghjunghje à parechje altre persone. E persone chì anu intesu u so messagiu anu vistu chjaramente chì u messagiu ùn era micca un scopu in sè stessu, arricchimentu o ingannu. Vistu da fora, Paulu pò avè parsu quellu chì era sott'à pressione è obligazione custanti. Ma dintra Paulu ùn era micca ligatu, era indipendente, era liberu. Cumu hè accadutu? Riturnemu un mumentu à a prima scrittura chì leghjimu inseme.

"Ghjesù li rispose:" In verità, in verità vi dicu: tutti quelli chì commettenu peccatu sò servitori per u peccatu. U servitore ùn stà in casa per sempre, u figliolu, invece, ci stà per sempre " (Ghjuvanni 8,34: 35).

Chì vulia dì Ghjesù per "casa"? Chì significa per ellu una casa? Una casa trasmette un sintimu di sicurezza. Ramintemu ci a dichjarazione di Ghjesù chì in a casa di u babbu parechje abitazioni sò preparate per i figlioli di Diu. (Ghjuvanni 14) Paulu sapia chì era un figliolu di Diu, ùn era più schiavu di u peccatu. In questa pusizione era salvu (sigillatu?) A so rinunzione à a compensazione per u so travagliu l'hà purtatu assai più vicinu à Diu è à a sicurezza chì solu Diu pò furnisce. Paulu hà travagliatu assai per sta libertà. A rinuncia di un privilegiu era impurtante per Paulu, perchè in questu modu hà guadagnatu a libertà divina, ciò chì hè statu dimustratu in a sicurezza di Diu. In a so vita terrena Paulu hà sperimentatu sta sicurità è hà ringraziatu Diu per quessa una volta è una volta è in e so lettere cù e parolle "In Cristu" signalatu. Sapia profondamente chì a libertà divina era resa pussibile solu per mezu di a rinuncia di Ghjesù à u so statutu divinu.

A rinuncia per amore per u prossimu hè a chjave per a libertà chì Ghjesù vulia dì.

Stu fattu deve ancu esse più chjaru per noi ogni ghjornu. Ghjesù, l'apòstuli è i primi cristiani anu fattu un esempiu per noi. Avete vistu chì a so rinuncia serà diffusa. Parechje persone sò state tocche da a rinuncia per amore per i so cumpagni umani. Ascultavanu u messagiu, accettavanu a libertà divina, perchè guardavanu in l'avvene, cum'è Paul l'hà dettu:

"... dinò a creazione stessa serà liberata da a schiavitù di u passageru à u Participazione à a libertà chì i figlioli di Diu averanu in un statu di glurificazione. Sapemu chì finu à avà tutta a creazione lagna sempre in ogni locu è aspetta una nova nascita cun dulore. Ma micca solu elli, ma ancu noi stessi, chì avemu dighjà u Spìritu cum'è un donu di primure, suspiremu ancu in noi mentre aspettemu (a rivelazione) di filiazione, vale à dì a redenzione di a nostra vita " (Rumani 8,21-23).

Diu dà à i so figlioli sta libertà. Hè una parte assai particulare chì i figlioli di Diu ricevenu. A rinuncia chì i figlioli di Diu accettanu per carità hè più cà compensata da a sicurezza, a calma è a serenità chì vene da Diu. Se una persona manca di sta sicurezza, allora cerca l'indipendenza, a libertà travestita da emancipazione. Vole determinà sè stessu è chjama quella libertà. Quantu calamità ne hè digià nata. Sofferenza, difficoltà è vacuità chì sò nate da una malintesa di libertà.

"Cum'è i zitelli chì nascenu, bramanu un latte prudente è micca adulteratu (pudemu chjamà questu latte libertà) per chì attraversu ellu puderete cresce in felicità quandu avete sentitu diversamente chì u Signore hè bonu. Venite versu ellu, a petra viva, chì hè veramente rifiutata da l'omi, ma hè scelta davanti à Diu, preziosa, è lasciate ancu esse custruita cum'è e petre vive cum'è una casa spirituale (induve sta securità entre in ghjocu) à un sacerdoziu santu per fà sacrifizii spirituali (chì seria a rinuncia) chì sò aggradevuli à Diu per mezu di Ghjesù Cristu! " (1 Petru 2,2: 6).

Se cerchemu per a libertà divina, crescemu in sta grazia è a cunniscenza.

Infine, vogliu cità duie frase di l'articulu da u quale aghju trovu l'ispirazione per sta predica: «A libertà ùn hè micca l'assenza di vinculi, ma a capacità di fà senza l'amore per u prossimu. Chiunque definisce a libertà cum'è l'assenza di coercizione impedisce à e persone di ripusassi in securità è prugrama di delusione.

di Hannes Zaugg


in pdfA libertà hè più cà l'assenza di vincule