Misericordia per tutti

209 misericòrdia per tutti Quandu a ghjente s'hè riunita in chjese à traversu l'America è l'altri paesi u ghjornu di dolu, u 14 di settembre di u 2001, ghjunse à sente parolle di cunsulazione, d'incuramentu è di speranza. Eppuru, un certu numaru di capi cristiani cunservatori - contru à a so intenzione di dà speranza à a nazione chì face u malu - dissenu in vuluntà un messagiu chì alimentò a disperazione, u scoragimentu è a paura. È à dì à e persone chì avianu persu di l'amori in l'attaccu, di i parenti o di l'amichi chì ùn anu avutu ancu cunfessu à Cristu. Parechji cristiani fundamentalisti è evangelici sò cunvinciuti chì qualcunu chì mori senza professà di Ghjesù Cristu, se solu perchè ùn hà mai intesu parlà di Cristu, anderà in infernu dopu a morte è soffrerà un dolore indescrivibile. da a manu di Diu, chì i stessi cristiani parlanu in modu ironicu di Diu d'amore, di grazia è di misericordia. "Diu ti piaci" alcuni di noi i cristiani parevanu di dì, ma poi vene a carta piccola: "Se ùn dite micca una preghiera basica prima di a morte, u mio Signore è u Salvatore misericordiosu vi torturaranu per sempre".

Bona nutizia

U Vangelu di Ghjesù Cristu hè una bona nutizia (Grecu euangélion = cliente felice, messagiu di salvezza), cù l'enfasi à "bonu". Hè è resta u più felice di tutti i messaggi, per assolutamente tutti. Ùn hè solu una bona nutizia per i pochi chì cunniscenu à Cristu prima di a morte; hè una bona nutizia per tutta a creazione - per tutte e persone senza eccezzioni, ancu quelli chì sò morti senza avè mai intesu parlà di Cristu.

Ghjesù Cristu hè l'offerta di a cunciliazione micca solu per i peccati di i cristiani, ma per quelli di u mondu sanu (1 Ghjuvanni 2,2). U creatore hè ancu u conciliador di a so creazione (Colosiani 1,15: 20). Sia a ghjente chì amparà sta verità prima di mori ùn dipende micca da u so cuntenutu di verità. Hè dipende solu di Ghjesù Cristu, micca di l'azzione umana o di ogni reazione umana.

Ghjesù dice: "Allora Diu hà amatu u mondu chì hà datu u so figliolu solu per chì tutti quelli chì credenu in ellu ùn si ne perde, ma anu a vita eterna" (Ghjuvanni 3,16, tutte e citazioni rivedenu a traduzzione di Lutero, edizione standard). Hè Diu chì hà amatu u mondu è Diu chì hà datu u figliolu; è l'hà datu per rinfriscà ciò chì amò - u mondu. Quellu chì crede in u Figliolu chì Diu hà mandatu entrerà in a vita eterna (megliu: «à a vita di l’epica à vene»).

Nisuna silaba hè scritta quì chì questa cridenza duveria vene prima di morte fisica. No: U versu dice chì i credenti "ùn si sò micca persu", è postu chì ancu i credenti mori, hè evidenti chì "persu" è "mori" ùn sò micca listessa cosa. La fede impedisce à e persone di perde, ma micca di mori. A perdita di quale Ghjesù parla quì, traduttu da u grecu appolumi, denota una morte spirituale, micca una fisica. Hà à fà cù l'aniquilazione finale, l'eradicazione, a scumparsa senza traccia. Quellu chì crede in Ghjesù ùn truvà una fine cusì irrevucabile, ma entrerà in a vita (soe) di a prossima età (aione).

Certi entreranu sempre in a so vita, cume camminendu nantu à a terra, per a vita à l'età chì venenu, per a vita in l'imperu. Ma riprisentanu solu una piccula minurità di u "mondu" (cosmu) chì Diu hà amatu tantu chì hà mandatu u figliolu per salvallu. E u restu? Questu versu ùn dice micca chì Diu ùn pò micca salvà o ùn salvarà micca quelli chì murenu fisicamente senza crede.

L'idea chì a morte fisica impedisce à Diu di una volta per tutte a pussibilità di salvà à qualchissia o di fà crede à qualchissia in Ghjesù Cristu hè una interpretazione umana; ùn ci hè micca tali cosa in a Bibbia. Piuttostu, se ci dice: L'omu mori, è poi vene u giudiziu (Ebrei 9,27). U ghjudice, ci vulemu sempre à ricurdallu chì, sarà grazie à Diu nimu altru da Ghjesù, l'agnellu sacrificatu di Diu, chì hè mortu per peccati umani. Chì cambia tuttu.

Creatore è cunciliatore

Da induve a vista vene chì Diu pò solu salvà i vivi, micca i morti? Ellu hà superatu a morte, ùn hè micca? Suscitatu trà i morti, nò? Diu ùn odià u mondu; ellu adora. Ùn hà creatu omu per infernu. Cristu hè ghjuntu à quellu tempu per salvà u mondu, micca per ghjudicà (Ghjuvanni 3,17).

U 16 di settembre, dumenica dopu l'attacchi, un maestru cristianu disse à a so scola di dumenica: Diu hè perfettu in odiu cum'è in amore, chì spiega perchè ci hè l'infernu è ancu u celu. U dualismu (l'idea chì u bonu è u male sò duie forze opposte ugualmente forti in l'universu) hè una erezia. Ùn si capì chì stava trasfurmendu cusì u dualismu in Diu, chì si postulava un Diu chì portava è incarnava a tensione di l'odiu perfettu - amore perfettu?

Diu hè assolutamente ghjustu è tutti i peccatori sò ghjudicati è cundannati, ma u Vangelu, a bona nova, ci hà iniziatu in u misteru chì Diu in Cristu hà accettatu stu peccatu è sta sentenza in nome di noi! In effetti, l'infernu hè reale è terribile. Ma era precisamente questu infernale terribule riservatu à l'impiegatu chì Ghjesù hà patitu à nome di l'umanità (2 Corintini 5,21:27,46; Matteu 3,13; Galatini).

Tutte e persone sò stati puniti cù u peccatu (Rumani 6,23), ma Diu ci dà a vita eterna in Cristu (listessu versu) Dunque si chjama: grazia. In u capitulu prima, Paul a mette cusì: «Ma u rigalu ùn hè micca cum'è peccatu. Perchè quandu i tanti sò morti per u peccatu di quellu ["i parechji", vale à dì, tutti, tutti; ùn ci hè nimu chì ùn porta micca a culpa d'Adamu] quantu hè a grazia è u rigalu di Diu datu à i tanti [novu: tutti, assolutamente tutti] da a grazia di l'omu Ghjesù Cristu (Rumani 5,15).

Pàulu dice: Cum'è a nostra punizione hè, è hè assai dura (u vertu hè in infernu), allora si ritira da a grazia è u rigalu di grazia in Cristu. In altre parolle, a parolla di Diu di cunciliazione in Cristu hè incomparably più forte chì a so parolla di damnazione in Adam - unu hè completamente affucatu da l'altru («Quantu di più»). Dunque Paulu ci pò spiegà in 2 Corintini 5,19:5,15: In Cristu «[Diu] hà cunciliatu u mondu [ognunu, i" tanti "da i Rumani] cun ellu stessu è ùn hà micca cuntatu i so peccati per elli [di più] .. . »

Torna à l'amichi è amati di quelli chì sò morti senza professà a so fede in Cristu: l'evangelu li offre qualcosa di speranza, alcun incantu in quantu à u destinu di i so amati? In fattu, in l'evangelu di Ghjuvanni, Ghjesù dice in discorsu verbale: "È eu, esaltatu da a terra, ti attireraghju à tutti" (Ghjuvanni 12,32). Questa hè una bona nutizia, a verità di u Vangelu. Ghjesù ùn hà micca stabilitu un calendariu, ma hà dichjaratu ch'ellu vulia attirà tutti, micca solu pochi chì arricchìanu di cunnosce lu prima di a so morte, ma assolutamente di tutti.

Ùn meravigliate chì Paul hà scrittu à i cristiani in a cità di Kolossae chì Diu avia "piacutu", ricordatevi: "piacè" chì per via di Cristu hà "cunciliatu tuttu cun ellu stessu, sia in terra o in celu facendu a pace per ellu stessu Sangue nantu à a croce » (Colosiani 1,20). Quessa hè una bona nutizia. E, cum'è dice Ghjesù, hè una bona nutizia per u mondu sanu, micca solu per un gruppu limitatu di l'eletti.

Paulu vole fà sapè à i so lettori chì questu Ghjesù, stu figliolu di Diu risuscitatu trà i morti, ùn hè micca solu un interessante fundatore di religione cù una poche di nuove idee teologiche. Paulu li dice chì Ghjesù ùn hè altru chè u creatore è sustenitore di tutte e cose (Versi 16-17), è più di quessa: chì hè u modu di Diu di riportà assolutamente tuttu in allineamentu chì hà fallutu in a storia dapoi u principiu di a storia (Verse 20)! In Cristu - dice Paulu - Diu piglia l'ultimu passu per cumpiendu tutte e prumesse fatte à Israele - prumette chì un ghjornu ellu perdonerà tutti i peccati in un puru attu di misericordia, comprensivu è universale, è fà tuttu novu. (vede Atti 13,32: 33-3,20; 21: 43,19-21,5; Isaia 8,19: 21; Rev.; Rumani)

Solu u Cristianu

"Ma a salvezza hè destinata solu à i Cristiani", lagnanu i fundamentalisti. Sure, hè vera. Ma quale sò "Cristiani"? Sò solu quelli chì parrocchjanu una preghiera standardizata di penti è di cunversione? Hè solu u battezu per immersione? Sò solu quelli chì appartenenu à a "vera chjesa"? Solu quelli che ottenenu l'absoluzione attraversu un sacerdote legittimamente ordinatu? Solu quelli chì anu impeditu di peccà? (Avete fattu? Ùn aghju micca.) Solu quelli chì cunniscenu à Ghjesù prima di morse? O Ghjesù ellu stessu - in quale di i mani tracciati di unghie Diu hà messu u giudiziu - face l'ultime a decisione chì appartene à u cerculu di quelli à quale mostra misericordia? È una volta quì, ellu decide quale hà guadagnatu a morte è quale pò darà a vita eterna à quellu chì vole, a priscinniri di quandu face à qualchissia crede, o di scontri i difensori all-round di a vera religione , sta decisione invece?
À qualchì puntu, ogni cristianu hè diventatu cristianu, vale à dì purtatu da crede da u Spìritu Santu. Eppuru, a pusizione fundamentalista hè chì hè impussibile per Diu di fà crede à una persona dopu a morte. Ma aspettate - Ghjesù hè quellu chì suscite i morti. È ellu hè a vittima di a cunciliazione, micca solu per i nostri peccati, ma per quelli di u mondu sanu (1 Ghjuvanni 2,2).

Grande gap

"Ma a parabola di Làzaru," certi argumineranu. "Ùn Abraham ùn spiega chì ci hè un gap enormu, insuperabile trà u so latu è u latu di l'omu riccu?" (Vedi Luca 16,19: 31.)

Ghjesù ùn vulia chì sta parabola sia capita cum'è un ritrattu fotograficu di a vita dopu a morte. Quanti cristiani qualificheghjanu u Celu cum'è "pettu d'Abraham", un locu induve Ghjesù ùn si vede avà? A parabola hè un messaghju à a classa privilegiata di ghjudaisimu in u primu seculu, micca un ritrattu di a vita dopu a risurrezzione. Prima di leghje più di Ghjesù mette, paragunemu ciò chì Paul hà scrittu in Rumani 11,32.

L'omu riccu in a parabola hè sempre sfracicatu. Si vede sempri oghje è più altu chè Làzaru. Ancu vede in Làzaru solu qualchissia chì ci hè per serve ellu. Forsi hè ragiunate suppone chì era a perspettiva incredulità di l'omu riccu chì facia u distaccu cusì insormontabile, micca di una necessità cosmica arbitraria. Ricordamu: Ghjesù stessu, è solu Ellu, chjude u distesu altrimente insuperable da u nostru statu peccatore à a cunciliazione cù Diu. Ghjesù sottolinea questu puntu, questa dichjarazione di a parabola - chì a salvezza vene solu per mezzo di a fede in ellu - quandu dice: "Se ùn sente micca à Mosè è à i profeti, ùn sarete micca cunvince se qualchissia risuscite da i morti" (Luca 16,31).

U scopu di Diu hè di portà a ghjente à a salvezza, micca di torturalli. Ghjesù hè un cunciliatore, è crede o no, faci un travagliu eccellente. Hè u salvatore di u mondu (Ghjuvanni 3,17), ùn hè micca u Salvatore di una frazione di u mondu. «Perchè Diu hà amatu u mondu» (Verse 16) - è micca una sola persona in mille. Diu hà modi, è u so modu hè più altu ch'è i nostri modi.

In u Sermone annantu à u Monte, Ghjesù dice: "Amate i vostri nemici" (Matteu 5,43). Un si pò suppone chì ellu amava i so nemici. Oppuru ci vole à crede chì Ghjesù detesta i so nemici, ma esige chì ci amemu l'altri, è chì u so odiu furnisce a spiegazione chì ci hè un infernu? Sta seria estremamente abstrusa. Ghjesù ci chjama à amassi i nostri nemici, perchè ancu li hà. «Babbu, pardunalli; perchè ùn sanu micca ciò chì facenu! » era a so intercessione per quelli chì u crucifiedu (Luca 23,34).

Certamente: Quelli chì rifiutanu a grazia di Ghjesù ancu dopu avè cunnisciutu li rientraranu in fine i frutti di a so stupidità. Per e persone chì si ricusanu di vene à a merenda di l'Agnellu, ùn ci hè altru locu ch'è l'esternu oscuru (una di l'espressioni pittoriche con quale Ghjesù descrive l'state di alienazione da Diu, a distanza da Diu; vede Matteu 22,13:25,30;).

Misericordia per tutti

In a lettera à i Rumani (11,32) Paul fa la dichjarazione stupente: "Perchè Diu hà inclusu ognunu in disubbidienza per ch'ellu possa misericordia di tutti." In fatti, a parolla greca originale designa tutti, micca alcuni, ma tutti. Tutti sò peccatori è tutti sò dimustrati misericordia in Cristu - sia piace o micca; sia accettanu o micca; sì scopre prima di morte o micca.

Ciò chì si pò dì di più di questa rivelazione da ciò chì Paul dice in u prossimu versu: "Oh chì prufundità di ricchezza, sia a saviezza sia a cunniscenza di Diu! Quantu incomprensibile sò i so piatti è i so chjassi al di là di l'esplorazione! Perchè "quale hà ricunnisciutu u significatu di u Signore o quale era u so cunsiglieru?" O 'chì li hà datu qualcosa di nanzu chì Diu u puderia recompensà?' Perchè da ellu è per ellu è per ellu sò tutte e cose. Gloria à ellu per sempre! Amen » (Versi 33-36).

Iè, i so modi parevenu cusì insondabili chì assai di noi cristiani simpricimenti ùn ponu micca crede chì l'evangelu pò esse cusì bonu. E certi di noi pare di cunnosce i pinsamenti di Diu cusì bè chì simu simplici chì qualchissia chì ùn hè micca cristianu à a morte va direttamente à l'infernu. Paulu, invece, vole fà chjaru chì l'estensione indescrivibile di grazia divina hè simpricamente incomprensibile per noi - un segretu chì hè revelatu solu in Cristu: In Cristu Diu hà fattu qualcosa chì supera l'orizzonte umanu di a cunniscenza in tuttu u celu.

In a so lettera à i cristiani in Efesu, Paulu ci dice chì Diu hà pensatu chistu da u principiu (Efesini 1,9-10). Hè stata a ragione sottostante per chjamà Abraham, per l'elezzione d'Israele è David, per e decisioni federali (3,5-6). Diu ancu salvà i "stranieri" è micca israeliti (2,12). Salva ancu i gattivi (Rumani 5,6). U literalmente tira tutti à ellu stessu (Ghjuvanni 12,32). In tutta a storia di u mondu, u Figliolu di Diu travaglia "in fondo" è face u so travagliu redentore di cunciliazione di tutte e cose cun Diu. (Colosiani 1,15: 20). A grazia di Diu hà a so propria logica, una logica chì spessu pare illogica per e persone religiose.

L'unicu modu per a salvezza

In corta: Ghjesù hè l'unicu modu per a salvezza, è atrave assolutamente tutti à ellu stessu - in u so modu, in u so tempu. Sarebbe utile chjarificà u fattu chì l'intellettuale umanu ùn pò esse capitu: ùn ci hè nimu altru in l'universu chè in Cristu perchè, cum'è Paul dice, ùn ci hè nunda chì ùn hè statu creatu da ellu è ùn esiste in ellu (Colosiani 1,15: 17). E persone chì finalment u rifiutanu facenu malgradu l'amore; Ghjesù ùn li rifiuta (chì ùn - micca amà, morse per elli è perdunonu), ma l'anu rifiutanu.

CS Lewis hà mette cusì: "In fin di contu ci sò solu dui tippi di persone: quelli chì dicenu à Diu" u vostru sarà fattu "è quelli à chì Diu dice finalmente" U vostru sarà fattu ". Quelli chì sò in infernu anu sceltu sè stessu destinu. Senza sta decisione persunale, ùn ci pudia esse infernu. Nisuna anima chì si sforza seriu è in permanenza di gioia a mancarà. Quellu chì circà, trova. Quale culpisce hè apertu » (U Grandu Divorziu, Capitulu 9). (1)

Eroi in infernu?

Quandu aghju intesu i cristiani predicà annantu à u significatu di l'11 di Settembre, aghju ricordatu i eroici pompieri è i polizia chì anu sacrificatu a so vita in un tentativu di salvà a ghjente da u ardente World Trade Center. Cumu si unisce: chì i cristiani chjamanu questi eroi salvatori è applaudenu u so sacrifiziu, ma d'altra parte dichjaranu chì, se ùn anu micca cunfessu à Cristu prima di a morte, saranu avà torturati in l'infernu?

U Vangelu spiega chì ci hè speranza per tutti quelli chì anu perduti a vita in u World Trade Center senza a cunfessione previa à Cristu. Hè u Signore risuscitatu chì si scontranu dopu a morte, è ellu hè u ghjudice - ellu cù i buchi unghie in e so mani - pronti à abbraccià è abbracciate tutti i so criaturi chì vènenu à ellu. Ellu perdunò prima di sò nati (Efesini 1,4; Rumani 5,6 è 10). Sta parte hè fatta, ancu per noi chì credemu avà. L'unicu ciò chì manca per quelli chì venenu davanti à Ghjesù per pone e so corone davanti à u tronu è accettà u so rigalu. Certi pò micca. Forsi sò cusì arradicati in l'amore di sè stessu è l'odiu di l'altri chì vedanu u Signore risuscitatu cum'è a so archenemia. Hè più chì una vergogna, hè una catastrofa cosmica perchè ùn hè micca a so archenemia. Perchè l'estima, in ogni modu. Perchè a vole chjappà in i so braccia cum'è una gallina i so polloti si lascianu ghjustu.

Eppuru, se credimu Rumani 14,11 è Filippini 2,10, pudemu suppone chì a vasta maiuranza di e persone chì sò morti in quellu attaccu terrorista affissanu di felice in l'arme di Ghjesù cum'è i zitelli in l'arme di i so genitori.

Ghjesù salva

"Ghjesù salva", i Cristiani scrivenu nantu à i so poster è stickers. Hè vera. L'hà da fà. È hè u principiante è cumpletatore di salvezza, hè l'origine è u scopu di tuttu creatu, tutte e creature, ancu i morti. Diu ùn hà micca mandatu u figliolu in u mondu per ghjudicà u mondu, dice Ghjesù. U mandò per salvà u mondu (Ghjuvanni 3,16: 17).

Indipendentemente da ciò chì certi dicenu: Diu vole salvà tutte e persone senza eccezzioni (1 Timoteu 2,4: 2; 3,9 Petru), micca solu uni pochi. È ciò chì ci vole à sapè - ùn rinuncia mai. Ellu ùn mai lascià amà. Ellu ùn lascia mai da esse ciò chì era, hè è serà sempre per e persone - i so creatori è cunciliatori. Nimu ùn cascà da a malla. Nimu hè statu fattu per andà in l'infernu. Sì qualchissia va in l'infernu - u picculu, senza significatu, scuru in nessuna parte di u regnu di eternità - hè solu perchè si nega finamente à accettà a grazia chì Diu hà per ellu. È micca perchè Diu u odià (ùn ellu). Micca perchè Diu hè vendetta (ùn hè micca). Hè perchè 1) odià u regnu di Diu è rifiuta a so grazia, è 2) perchè Diu ùn vole micca di sprimà l'alegria di l'altri.

Missaghju pusitivu

U Vangelu hè un missaghju di speranza per assolutamente tutti. I predicatori cristiani ùn anu micca da travaglià cù minacce infernali per forze e persone à cunverte à Cristu. Pudete solu proclamà a verità, a bona nova: «Diu ti piace. Ùn hè micca arrabbiatu cun voi. Ghjesù hè mortu per voi perchè site un peccatore, è Diu ti ama tantu chì Ti hà salvatu da tuttu ciò chì ti distrugge. Allora perchè voli cuntinuà à viva cumu ùn ci hè altru altru ch'è u mondu periculosu, crudele, imprevisible è senza pietà chì avete? Perchè ùn ghjunghje micca è cumincianu à sperimentà l'amore di Diu è tastate e benedizioni di u so regnu? Avete digià à ellu. Hà digià pagatu u peccatu. Converterà u vostru dulore in gioia. Vi daraghju una pace interna chì ùn avete mai cunnisciutu. Vi darà significatu è orientazione à a vostra vita. Vi aiuterà à migliurà e vostre relazioni. Vi daraghju riposu. Fidu in ellu. Ellu ti aspetta ».

U messagiu hè tantu bonu chì letteralmente sparisce da noi. In Rumani 5,10: 11, Paulu scrive: "Perchè se ci sò stati cunciliati cù Diu per a morte di u figliolu quandu eramu ancora nemici, quante più ne saremu salvati da a so vita dopu chì simu stati cunciliati. Micca solu chì, ma ci vantemu ancu di Diu per via di u nostru Signore Ghjesù Cristu, per mezu di quale avemu avà ricevutu a cunciliazione ».

L'ultimu in speranza! L'ultimu in grazia! Nantu à a morte di Cristu Diu cuncilia i so nemici è attraversu a vita di Cristu li salva. Ùn hè surprisazione chì pudemu vantà di Diu per mezu di u nostru Signore Ghjesù Cristu - attraversu ellu simu digià parte di ciò chì dicemu à altre persone. Ùn devenu cuntinuà à campà cum'è s'ellu ùn ci fussinu postu nant'à a tavola di Diu; li hà digià cunciliatu, ponu andà in casa, ponu andà in casa.

Cristu salva i peccatori. Quissa hè daveru una bona nutizia. U megliu chì l'omu pò esse sempre intesu.

di J. Michael Feazell


in pdfMisericordia per tutti