Duvete aspittà per u vostru appartamentu celeste?

424 aspettanu u vostru appartamentu celestiale In dui canti gospel vechji cunnisciuti si dice : « Un appartamentu disabitatu m’aspetta » è « A mo pruprietà hè ghjustu daretu à a muntagna ». Sti testi sò basati nantu à e parolle di Ghjesù: «Ci sò parechji appartamenti in casa di u mo babbu. S'ellu ùn era micca cusì, vi avaria dettu : vi aghju da preparà u locu ? (Ghjuvanni 14,2). Sti versi sò ancu spessu citati à i funerali, postu chì sò ligati à a prumessa chì Ghjesù prepararà una ricumpensa per u populu di Diu in u celu chì aspetta a ghjente dopu a morte. Ma era questu ciò chì Ghjesù vulia dì ? Saria sbagghiatu s'è no circavamu di rilancià ogni parolla chì u nostru Signore hà dettu direttamente à a nostra vita senza piglià in contu ciò chì circava di dì à i so destinatari à u mumentu.

A notte prima di a so morte, Ghjesù si pusò cun i so discìpuli in a sala di u sacramentu. I discepuli eranu scunfitti da ciò chì anu vistu è intesu. Ghjesù si lavava i peri, annunciò chì ci era un traditore trà elli, è hà dichjaratu chì Petru u tradisca micca solu una volta ma trè volte. Pudete imaginate ciò chì anu rispostu? «Questu ùn pò esse u Messia. Parlà di suffrenza, tradimentu è morte. È avemu pensatu ch'ellu era u pioneru d'un novu regnu è chì averiamu da guvernà cun ellu! » Confusione, disperazione, timore - emozioni chì simu tutti troppu familiari. Aspettattivi disappuntati. È Ghjesù hà rispostu tuttu questu: «Ùn vi ne fate micca! Trust me! » Ellu vulia custruisce mentalmente i so discepuli davanti à u scenariu di horror imminente è cuntinua: "Ci hè assai appartamenti in casa di u babbu".

Ma chì dicenu sti parolle à i discìpuli ? U terminu "a casa di u mo babbu" - cum'è hè usatu in l'Evangeli - si riferisce à u tempiu in Ghjerusalemme (Luca). 2,49, Ghjuvanni 2,16). U tempiu avia rimpiazzatu u tabernaculu, a tenda portatile chì l'Israele usavanu per adurà à Diu. Dintra u tabernaculu (da u latinu tabernaculum = tenda, capanna) ci era una stanza - siparata da una cortina spessa - chì si chjamava u Santu di i Santi. Chì era a casa di Diu ("tabernaculu" significa "Mishkan" in ebraicu = "abode" o "abode") in mezu à u so populu. Una volta à l'annu era riservatu solu à u suvra sacerdote per entre in sta stanza per fà cuscenza di a prisenza di Diu.

Inoltre, a parolla "casa" o "spaziu di vita" significa u locu induve si vive, è "in grecu anticu (a lingua di u Novu Testamentu) ùn significava micca un locu permanente per stà, ma una tappa in un viaghju chì conduce tù in un altru locu à longu andà ». [1] Questu significaria qualcosa altru ch'è esse cun Diu in celu dopu a morte; perchè u celu hè spessu cunsideratu cum'è l'ultima è ultima dimora di l'omu.

Ghjesù hà avà parlatu di u fattu chì ellu preparava un locu per i so discìpuli per stà. Induve deve andà U so caminu ùn deve micca purtatu drittu à u celu per custruì e case quì, ma da u Cenacu à a croce. Cù a so morte è a risurrezzione, avia da preparà un locu per u so propiu in a casa di u babbu4,2). Era cum'è dicendu: "Tuttu hè sottu cuntrollu. Ciò chì succederà pò sembrà terribili, ma tuttu hè parte di u pianu di salvezza ". Allora hà prumessu ch'ellu vuleria torna. In questu cuntestu ùn pare micca alludere à a Parousia (Secunna Venuta) (ancu s'ellu ci hè di sicuru aspittendu l'apparizione di Cristu in gloria l'ultimu ghjornu), ma sapemu chì a strada di Ghjesù duveria guidà à a croce è chì trè ghjorni dopu era cunsideratu à esse da a Morte di u risuscitatu vultà. Riturnò una volta di più in a forma di u Spìritu Santu u ghjornu di Pentecoste.

"... Venraghju di novu è vi purteraghju à mè, affinchì tù sia induve sò" (Ghjuvanni 14,3) disse Ghjesù. Fighjemu un mumentu nantu à e parolle "à mè" aduprate quì. Sò da esse capitu in u listessu sensu cum'è e parolle in u Vangelu di Ghjuvanni 1,1dicendu chì u Figliolu (a Parola) era cun Diu. Chì torna à u grecu "pros", chì pò significà sia "à" sia "à". In a scelta di queste parolle per discrìviri a relazione trà u Babbu è u Figliolu, u Spìritu Santu si riferisce à a so relazione intima cù l'altri. In una traduzzione di a Bibbia, i versi sò riprudutti cusì: «In principiu era a parolla. A parolla era cun Diu, è in tuttu era uguale à Diu ... »[2]

Sfurtunatamente, assai persone si imaginanu à Diu cum'è in qualchì locu in u celu cum'è una sola persona chì ci fighjulava da luntanu. E parolle apparentemente insignificanti "per mè" è "à" riflettenu un aspettu completamente diversu di l'essere divinu. Si tratta di participazione è intimità. Hè una relazione di faccia à faccia. Sò profondi è intimi. Ma chì hè chì ci hà da fà cun voi è mè oghje? Prima di risponde à sta dumanda, lasciami rivedere brevemente u tempiu.

Quandu Ghjesù hè mortu, a cortina in u tempiu hè stata strappata à a mità. Stu crack simbulizeghja un novu accessu à a prisenza di Diu, chì hà apertu cun ella. U tempiu ùn era più a so casa. Da avà, una relazione completamente nova cù Diu era aperta à ogni persona. In a traduzzione di a Bibbia di a Bona Nutizia, leghjemu in u verse 2: "Ci sò assai appartamenti in a casa di u mo babbu" In u Santu di i Santi ci era solu spaziu per una persona, ma avà hè statu un cambiamentu radicali. In verità, Diu avia fattu spaziu per tutti in a so casa ! Questu hè diventatu pussibule perchè u Figliolu hè diventatu carne è ci hà redimutu da a morte è da u putere distruttivu di u peccatu, hà tornatu à u Babbu, è hà attiratu tutta l'umanità in a presenza di Diu (Ghjuvanni 1 Cor.2,32). Quella stessa sera Ghjesù disse : « Quellu chì mi ama, mantene a mo parolla ; è u mo babbu l'amerà, è avemu da vene à ellu è allughjà cun ellu » (Ghjuvanni 14,23). Cum'è in u versu 2, parlemu di "abitazioni". Vede ciò chì significa?

Chì idee anu assuciatu cù una bona casa? Forsi: pace, calma, gioia, prutezzione, struzzione, perdonu, precauzione, amore incondizionatu, accettazione è speranza, da nome pochi. Eppuru, Ghjesù ùn solu ùn hè ghjuntu à a terra per piglià a morte in ispunnimentu per noi, ma ancu per fà sparte in tutte queste idee assuciate à una bona casa è per fà lascià sperimentà a vita chì ellu è u so babbu spartianu cun ellu. Spìritu Santu porta.

Ddu rapportu incridibile, unicu è intima, chì Ghjesù stessu hà liatu solu cù u so Babbu, hè avà ancu apertu à noi : « per chì tù sia induve sò » si dice in versi. 3. È induve hè Ghjesù ? "In a più stretta cumunione cù u Babbu" (Johannes 1,18, Good News Bible) o, cum'è chjamatu in certi traduzzioni: "in u pettu di u babbu". Cum'è un scientist dice: "Ripusà ind'u grembo di qualcunu significa chjinatu in i so braccia, esse valutatu da elli cum'è u scopu di a cura più intima è l'affettu estremu, o, cum'è cusì bellu chjamatu, esse u so amicu di pettu. ." [3] Hè quì chì Ghjesù hè. È induve simu avà ? Partecipemu à u regnu di i celi di Ghjesù (Efesini 2,6)!

Sì una situazione difficile, scoraggiante, deprimente avà? Siate assicurati: e parolle di Ghjesù di cunfortu sò indirizzate à voi. Cum'è una volta vulia incitarà, incuraghjì è rinfurzà i so discìpuli, face u listessu cun voi: «Ùn vi ne fate micca! Trust me! » Ùn lasciate micca chì e vostre preoccupazioni ti deprimenu, ma fede nantu à Ghjesù è pensate à ciò chì dice - è ciò chì lascia senza dì -! Ellu solu ùn dice chì devenu esse valente è tuttu sarà successu. Ùn vi garantisce micca quattru passi per a felicità è a prosperità. Ùn prumetti micca chì ellu vi darà una casa in u celu chì pudete piglià solu quandu site mortu - è cusì vale a pena tutte e vostre suffrenze. Piuttostu, ci face chjaru ch'ellu soffreva a morte di a croce per piglià tutti i nostri peccati, per chianciallu à a croce cun ellu stessu, per chì tuttu ciò chì ci pò separa di Diu è di a vita in a so casa.

Ma ùn hè micca tuttu. Sò innamuratu in a vita triunitale di Diu per chì pudete sparte in faccia in faccia in intimu cumminazione cù u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu - in a vita di Diu. Iddu voli chì tù sia parte di ellu è tuttu ciò chì ferma avà. Dice: "L'aghju creatu in modu chì pudete vive in casa."

prighera

Babbu di tutti, ti ringraziamu e ringraziamenti, chì ci hè venutu à scuntrà in u to figliolu quandu eramu sempre separati da voi è ci hà purtatu in casa! In a morte è in a vita hà pridicatu u vostru amore per noi, ci ha datu grazia è apre a porta per a gloria per noi. Dunque noi chì si sparte in u corpu di Cristu ancu guidà a so vita risurrezzione; noi chì beie da a so tazza rializà a vita di l'altri; noi chì sò illuminati da u Spìritu Santu sò una luce à u mondu. Manteneci in a speranza chì avete prumessu, chì noi è tutti i nostri zitelli puderanu esse liberi è chì a terra sana pò glurificà u vostru nome - attraversu Cristu u nostru Signore. Amen [4]

di Gordon Green


in pdfDuvete aspittà per u vostru appartamentu celeste?

 

Note:

[1] NT Wright, Surprised By Hope, p. 150.

[2] Rick Renner, Dressed to Kill (Ger. Titulu: Armored to fight), p. 445; citatu quì da a Bibbia di e Bona Notizie.

[3] Edward Robinson, Lessicu Grecu è Inglese di u NT (Tedescu: Lessicu Grecu-Inglese di u Novu Testamentu), p. 452.

[4] Preghiera dopu a Santa Cummunione secondu a liturgia eucaristica di a Chjesa Episcopale Scozzese, citata da Michael Jinkins, Invitation to Theology, p. 137.