Chì significa esse in Cristu?

417 chi significa esse in CristuUna spressione chì avemu tutti intesu prima. Albert Schweitzer hà descrittu esse in Cristu cum'è u misteru principale di l'insegnamentu di l'apòstulu Paulu. È infine Schweitzer avia da sapè. Cum'è un famosu teologu, musicista è impurtante medico di missione, l'Alsazianu era unu di i tedeschi più noti di u XX sèculu. In 20 hè stata premiata u Premiu Nobel. In u so libru The Mysticism of the Apostle Paul, publicatu in 1952, Schweitzer sottolinea l'aspettu impurtante chì a vita cristiana in Cristu ùn hè micca Diu-misticisimu, ma, cum'ellu a descrive ellu stessu, Cristu-misticismo. Altri religiosi, cumpresi profeti, persunaggi o filòsufi - in qualunque forma - cercanu "Diu". Ma Schweitzer hà ricunnisciutu chì per Paulu a speranza cristiana è a vita di ogni ghjornu anu una orientazione più specifica è certa - à dì a nova vita in Cristu.

In e so lettere Paul usa l'espressione "in Cristu" micca menu di dodici volte. Un bon esempiu di questu hè u passaghju edificante in u 2. Corinti 5,17: « Per quessa, s'è qualchissia hè in Cristu, hè una criatura nova ; u vechju hè passatu, vede, u novu hè ghjuntu ". In ultimamente, Albert Schweitzer ùn era micca un Cristianu Ortodossu, ma pocu persone hà descrittu u spiritu cristianu più impressiunanti chè ellu. Hà riassuntu i pinsamenti pertinenti di l'Apòstulu Paulu in e seguenti parolle: "Per ellu [Paul] i credenti sò redimtati da u fattu chì entranu in u statu soprannaturale in cumunione cù Cristu per mezu di una morte misteriosa è risurrezzione cun ellu digià in u mondu naturali. tempu induve seranu in u regnu di Diu. Per mezu di Cristu, avemu alluntanatu da stu mondu è messu in u modu di esse di u regnu di Diu, ancu s'ellu ùn hè micca ancu apparsu ... »(A mistica di l'Apòstulu Paulu, p. 369).

Avvisu cumu Schweitzer mostra chì Paul vede i dui aspetti di a venuta di Cristu cunnessi in un arcu di tensione di u tempu di a fine - u regnu di Diu in a vita presente è a so cunsummazione in a vita à vene. Qualchidunu ùn pò micca piace quandu i cristiani rant around with expressions like "mysticism" è "Christ mysticism" è trattà cù Albert Schweitzer in una manera dilettante; hè indiscutibile, però, chì Paul era certamente à tempu un visionariu è un misticu. Hà avutu più visioni è rivelazioni cà qualsiasi di i so membri di a chjesa (2. Corinti 12,1-7). Cumu hè tuttu questu cunnessu concretamente è cumu pò esse cunciliatu cù l'avvenimentu più impurtante in a storia umana - a risurrezzione di Ghjesù Cristu?

U celu dighjà?

Per dì da u principiu, u sughjettu di a mistica hè impurtante per capiscenu passaggi cusì eloquenti cum'è Rumani. 6,3-8 Crucially : « O ùn sapete chì tutti quelli chì sò battezi in Cristu Ghjesù sò battezi in a so morte ? Allora simu intarrati cun ellu per via di u battesimu in a morte, per chì, cum'è Cristu hè statu risuscitatu da i morti per a gloria di u Babbu, ancu noi pudemu marchjà in una nova vita. Perchè s'ellu simu uniti cun ellu è diventemu cum'è ellu in a so morte, allora seremu ancu cum'è ellu in a risurrezzione ... Ma s'è no avemu mortu cù Cristu, credemu chì avemu ancu campà cun ellu ... »

Questu hè Paulu cum'è no u cunniscenu. Hà vistu a risurrezzione cum'è u spinu di l'insignamentu cristianu. I cristiani ùn sò micca solu intarrati simbolicamente cù Cristu per mezu di u battèsimu, ma ancu sparte simbolicamente a risurrezzione cun ellu. Ma quì si va un pocu oltre u cuntenutu puramente simbolicu. Questa teologizazione distaccata va in manu cù una bona aiutu di realità dura. Fighjate cumu Paul hà indirizzatu stu sughjettu in a so lettera à l'Efesini 2. Capitulu, versi 4-6 spiega in più: "Ma Diu, chì hè riccu in misericordia, in u so grande amore ... ci hà ancu fattu vivu cù Cristu, chì eranu morti in u peccatu - avete statu salvatu per grazia - , è ci hà risuscitatu. cullà cun noi è mette in u celu in Cristu Ghjesù ". Cumu era ? Leghjite dinò: Semu urdinati in u celu in Cristu?

Cumu pò esse? Ebbè, dinò, e parolle di l'apòstulu Paulu ùn sò micca significate literalmente è cuncretamente quì, ma di un significatu metaforicu, anzi misticu. Ci spiega chì grazie à u putere di Diu per dà a salvezza, chì si manifesta in a risurrezzione di Cristu, pudemu digià apprezzà a participazione à u regnu di i celi, u locu di Diu è di Cristu, per mezu di u Spìritu Santu. Ci hè prumessu di noi per via di a vita in Cristu, di a so risurrezzione è di l'ascensione. Tuttu chistu hè pussibile perchè di esse in Cristu. Pudemu chjamà questa intuizione u principiu di risurrezzione o fattore di risurrezzione.

U fattore di risurrezzione

Una volta ancu, ùn pudemu solu guardà stanchi l'immensa forza motrice chì vene da a risurrezzione di u Signore è u Salvatore, sapendu chì ùn hè micca solu l'venimentu storicu più impurtante, ma ancu un salvezza per tuttu ciò chì i credenti in questu mondu anu da offre. sperà è pò aspittà. "In Cristu" hè una spressione mistica, ma cù u so significatu assai più profondu va più allora u caratteru puramente simbolicu, piuttostu di cumparativu. Hè assuciatu da l'altra frasa mistica "aduprata in celu".

Fighjate à e rimarche significative nantu à l'Efesini da alcuni di i scrittori di a Bibbia più eccezziunali 2,6 davanti à i vostri ochji. In i seguenti Max Turner in The New Bible Commentary in a versione di u 2nd1. Seculu: "Per dì chì avemu statu fattu vivu cù Cristu pare esse a versione corta di a dichjarazione chì avemu da esse risuscitatu à una nova vita cù Cristu", è pudemu parlà di questu cum'è s'ellu era digià accadutu perchè u decisivu. avvenimentu di u Primu, a risurrezzione [di Cristu] si trova in u passatu è, secondu, avemu digià principiatu à participà à quella nova vita criata à traversu a nostra cunfraternita prisenti cun ellu "(p. 1229).

Semu uniti cù Cristu, sicuru, da u Spìritu Santu. Hè per quessa chì u mondu di u pensamentu daretu à queste idee estremamente sublimi hè accessibile solu à u credente per mezu di u Spìritu Santu stessu. Ora fighjate à u cummentariu di Francis Foulkes à Efesini. 2,6 in The Tyndale New Testament: "In Efesini 1,3 hà dichjaratu l'apòstulu chì Diu in Cristu ci hà benedettu cù tutte e benedizioni spirituali in u celu. Avà specifica chì a nostra vita hè avà, istituitu in a dominazione celestial cun Cristu ... Grazie à a vittoria di Cristu nantu à u peccatu è a morte, è ancu per a so esaltazione, l'umanità hè stata elevata da l'infernu più prufondu in u celu stessu "(Calvin). Avemu avà i diritti civili in u celu (Filippesi 3,20); è quì, liberatu da e restrizioni è di i limiti imposti da u mondu ... ci hè a vita vera » (p. 82).

In u so libru The Message of Ephesians, John Stott parla di Ephesians 2,6 cusì: "Ciò chì ci stupisce, però, hè u fattu chì Paul ùn scrive micca di Cristu, ma di noi. Ùn cunfirmà micca chì Diu hà risuscitatu à Cristu, esaltatu è istituitu in u regnu celeste, ma chì ellu cù Cristu ci hà risuscitatu, ci hà esaltatu è ci hà istituitu in u regnu celeste ... Questa idea di a fraternità di u populu di Diu cù Cristu hè u basi di u Cristianesimu Novu Testamentu. Cum'è un populu chì hè "in Cristu" anu una nova sulidarità. In virtù di a so fraternità cù u Cristu, participa veramente à a so risurrezzione, ascensione è istituzione ".

Cù "istituzione", Stott si riferisce in u sensu teologicu à l'attuale signoria di Cristu nantu à tutta a creazione. In vista di Stott, tutte queste discussioni nantu à a nostra regula cumuna cù Cristu ùn hè micca "misticismu cristianu senza sensu". Piuttostu, hè una parte impurtante di a mistica cristiana è ancu va oltre. Stott aghjusta: "'In u celu', u mondu invisibule di a realtà spirituale, induve i puteri è i puteri guvernanu (3,10;6,12) è induve Cristu guverna nantu à tuttu (1,20), Diu hà benedettu u so populu in Cristu (1,3) è l'istituì cù Cristu in u regnu celeste ... Hè tistimunianza carnale chì Cristu ci hà datu una nova vita da una banda è una nova vittoria da l'altru. Eramu morti, ma sò stati spiritualmente vivi è alerta. Eramu in cattività, ma ci sò stati messi in un regnu celeste ".

Max Turner hè ghjustu. In queste parolle ci hè più di semplice simbolisimu - quantunque misticu cumu pare stu insegnamentu. Ciò chì Paul spiega quì hè u significatu veru, u significatu più profundo di a nostra nova vita in Cristu. In questu cuntestu, almenu trè aspetti sò da esse esaminati.

L'implicazioni pratiche

Prima di tuttu, in quantu à a so salvezza, i cristiani sò "boni cum'è à a so destinazione". Quelli chì sò "in Cristu" sò pardunati i so peccati per mezu di Cristu stessu. Compartanu a morte, u funerale, a risurrezzione, è l'ascensione cun ellu è, à un certu puntu, sò digià cun ellu in u regnu di i celi. Stu insegnamentu ùn deve micca serve cum'è una tentazione idealista. S'indirizzava inizialmente à i cristiani chì stavanu in e cundizioni più terribili in e cità corrupte senza i diritti civili è pulitici chì spessu pigliamu. Per u lettore di l'Apòstulu Paulu, a morte da a spada rumana era interamente pussibile, anche se unu ùn deve micca scurdà chì a maiò parte di e persone in quellu momentu avianu appena 40 o 45 anni in ogni modu.

Cusì Paul incuragisce i so lettori cù un altru pensamentu prestitu da a duttrina core è caratteristica di a nova fede - a risurrezzione di Cristu. Per esse "in Cristu" significa chì quandu Diu ci guarda, ùn vede micca i nostri piccati. Ellu vede Cristu. Nisuna lezione puderia fà più speranza ! In Colossesi 3,3 questu hè enfatizatu una volta: "Perchè avete mortu è a vostra vita hè piatta cù Cristu in Diu" (Bibbia di Zurich).

Secunna, esse "in Cristu" significa vive cum'è Cristianu in dui mondi differenti - in questu mondu di a realtà quotidiana è in u "mondu invisibule" di a realtà spirituale, cum'è Stott la chjama. Questu affetta u modu chì vedemu stu mondu. Hè cusì chì noi duvemu campà una vita chì face ghjustizia in sti dui mondi, induve u nostru primu duvemu di lealtà hè versu u regnu di Diu è i so valori, ma d'altra parte, ùn deve micca esse cusì oltre chì ùn servemu micca u benessere terrestre. Hè una camminata stretta è ogni cristianu hà bisognu di l'aiutu di Diu per surviglià in modu sicuru.

In terzu, esse "in Cristu" significa chì simu vittori di signori di grazia di Diu. Se u Babbu di u Celu hà fattu tuttu di questu per noi, una spezia di dannusi un locu in u Regnu di i Celi, significa chì duvemu campà cum'è ambasciadori di Cristu.

Francis Foulkes dice cusì: "Ciò chì Diu, secondu a cunniscenza di l'apòstulu Paulu, intende di fà cù a so cumunità si estende assai al di là di sè stessu, a redenzione, l'illuminazione è a nova creazione di l'individuu, per via di a so unità è di u so discipulatu. ancu per mezu di a so tistimunianza versu stu mondu. Piuttostu, a cumunità deve esse tistimunianza di tutta a creazione di a saviezza, l'amore è a grazia di Diu in Cristu "(p. 82).

Quantu hè vera. Per esse "in Cristu", per riceve u rigalu di a nova vita in Cristu, per cunnosce i nostri peccati oculati da Diu per mezu di ellu - tuttu questu significa chì duvemu cumportà in una manera cristiana versu e persone chì trattà. I cristiani noi pò andà per diverse manere, ma versu e persone cun quale noi campamu quì à a terra ci scuntremu in u spiritu di Cristu. Cù a risurrezzione di u Salvadore, Diu ùn ci hà datu un segnu di a so omnipotenza, per allora che andemu vanità, ma testimuniamu di novu a so bontà ogni ghjornu è, attraversu i nostri boni fatti, facenu un segnu di a so esistenza è di a so cura senza limiti per tutti. mette stu globu. A risurrezzione di Cristu è l'ascensione anu un impattu significativu in a nostra attitudine à u mondu. A sfida chì ci tocca à affruntà hè di campà sta reputazione 24 ore à ghjornu.

di Neil Earle


in pdfChì significa esse in Cristu?