Le parole anu u putere

419 parolle anu forzaÙn mi pò ricurdà di u nome di u film. Ùn mi pò ricurdà di a storia o i nomi di l'attori. Ma mi ricordu una scena particulare. L'eroi s'era fughjitu da un campu di guerra prigiuneru è, perseguitatu assai da i suldati, fughjitu à un paese vicinu.

Quand'ellu aspittava disperatamente à circà un locu per ammuccià, hà finalmente messu in un teatru affollatu è hà truvatu un locu in questu. Ma prestu s'addunò chì quattru o cinque guardii di prigiò entravanu in u teatru è cuminciaru à bluccà e esce. I so penseri eranu curriri. Chì puderia fà? Ùn ci era un'altra manera d'uscita è sapia chì sarà ricunnisciutu facilmente se i visitatori abbandunonu u teatru. Di colpu, una idea li ghjunse. Saltau in u teatru muru scuru è gridò: «Fire! U focu! U focu! » A folla intrava in panicu è prese à l'uscite. L'eroi catturò l'occasione, si mischò cù a folla, s'hè sbanditu u guardie, è hè sparitu à a notte. M'arricordu di sta scena per una raghjone impurtante: E parolle anu a forza. In questu drammaticu incidente, una piccula parolla hà fattu assai paura è corre per a so vita!

U libru di i pruverbii (18,21) ci insegna chì e parolle anu u putere di purtà a vita o a morte. E parolle mal scelte ponu ferite, tumbà l'entusiasmu è frenà a ghjente. E parolle ben scelte ponu guarisce, incuragisce è offre speranza. Duranti i ghjorni più scuri di u 2. Duranti a Siconda Guerra Munniali, e parolle astutamente scelte è magnificamente recitate di Winston Churchill hà datu curaghju à u populu è restauratu a resistenza di u populu inglese assediatu. Si dice ch'ellu hà mubilizatu a lingua inglese è a mandò in guerra. Hè cusì forte u putere di e parolle. Pudete cambià a vita.

Questu ci duverebbe fà una pausa è pensà. Sì e nostre parolle umane anu tantu putere, quantu più a parolla di Diu ? A Lettera à l'Ebrei ci mostra chì "a parolla di Diu hè viva è forte" (Ebrei 4,12). Hà una qualità dinamica. Hà energia. Face chì e cose succedenu. Face cose chì nimu altru pò fà. Ùn informa micca solu, face e cose. Quandu Ghjesù hè statu tentatu da Satanassu in u desertu, hà sceltu una sola arma per luttà è ripiglià Satanassu: «Hè scrittu; hè scrittu; hè scrittu ", rispose Ghjesù - è Satanassu fughje ! Satanassu hè putente, ma l'Scritture sò ancu più putenti.

U putere di cambià noi

Ma a parolla di Diu ùn solu faci e cose, ci trasforma ancu. A Bibbia hè stata scritta micca per a nostra infurmazione, ma per a nostra trasfurmazioni. L'articuli di nutizie ponu mantene infurmati. I rumanzi ci ponu inspirà. I puesie ponu piacè. Ma solu a potente Parolla di Diu ci pò trasfurmà. Una volta ricevutu, a parolla di Diu principia à travaglià in noi è diventa una forza viva in a nostra vita. U nostru cumpurtamentu cumencia à cambià è damu fruttu (2. Timoteu 3,15-17; 1. Petru 2,2). Tale hè u putere di a Parola di Diu.

Chì ci sorprende ? Micca quandu simu in 2. Timoteu 3,16 leghje: «Per ogni Scrittura hè inspirata da Diu», («Diu respirò» chì hè a traduzzione esatta di u grecu). Queste parolle ùn sò micca solu parolle umane. Sò d'origine divina. Sò e parolle di u stessu Diu chì hà creatu l'universu è sustene tutte e cose cù a so Parolla putente (Ebrei 11,3; 1,3). Ma ùn ci lascia solu cù a so parolla mentre ellu esce è face qualcosa d'altru. A so parolla hè viva !

«Cum'è una ghjanda chì porta mille fureste in sè stessu, cusì a Parolla di Diu si trova in e pagine di e Sacre Scritture cum'è una sementa addurmintata in un silo chì aspetta solu per un seminatore diligente per sparghje a semente è per un core fertile à per riceve lu "(A Persona Preeminente di Cristu: Un Studiu di Ebrei da Charles Swindol, p. 73).

Si ne parla sempre attraversu a parolla parlata

Dunque ùn fate micca l'errore di leghje a Bibbia solu perchè avete o perchè ghjè u dirittu à fà. Ùn leghjite micca in modu meccanicu. Ùn leggerete micca ancu perchè crèdenu chì hè a Parola di Diu. Invece, vede a Bibbia cum'è a Parola di Diu per quale li parla oghje. In altre parolle, parla sempre per mezu di ciò chì hà dettu. Cumu pudemu appruntà u nostru core per esse fructuosu per riceve a so parolla putente?

Per mezu di u studiu di a Bibbia in preghiera, sicuru. In Isaia 55,11 dice : "... cusì a parolla chì esce da a mo bocca deve esse ancu : Ùn mi vulterà viota, ma farà ciò chì mi piace, è riescerà in ciò chì l'aghju mandatu". John Stott conta a storia di un predicatore itinerante chì passava per a porta di sicurezza in un aeroportu. Era prima di scanning elettronicu è u guardianu di sicurità stava rumming in a so sacchetta. Truvò una scatula di cartone neru chì cuntene a Bibbia di u predicatore è era curiosu di sapè ciò chì era in l'internu. "Chì ci hè in quella scatula?" dumandò suspittosu è riceve a risposta stupente : « Dinamite ! (Trà dui mondi: John Stott)

Chì descrizzione adattata di a Parola di Diu - una forza, una forza splusiva - chì pò "sfruttà" l'anziani abitudini, rompe falsi credenze, ignite una nova devozione è rilascià abbastanza energia per guarì a nostra vita. Ùn hè micca cusì chì un mutivu chì si leghje a Bibbia sia cambiatu?

di Gordon Green


in pdfLe parole anu u putere