Essa una famiglia

598 esse famiglia Nun fu mai l'intenzione di Diu chì a chjesa era diventata solu istituzione. U nostru creatore hà sempre vulutu chì si cumpurte cum'è una famiglia è trattendu cun amore. Quandu hà decisu di stabilisce l'elementi basi per a civilisazione umana, hà creatu a famiglia cum'è unità. Deve serve di mudellu per a chjesa. Cù a chjesa facemu riferimentu à una cumunità di quelli chjamati chì amanu Diu è i so propiu esseri umani. Chjese chì anu furmalizatu pèrdite a forza chì Diu hà destinatu.

Quandu Ghjesù era alluntanatu à a croce, i so pinsamenti eranu cù a so famiglia è figurativamente cù a so futura chjesa. "Quandu Ghjesù hà vistu a mamma è cun ella u discìpulu amatu, disse à a mamma: Moglia, eccu chì hè u to figliolu! Allora disse à u discìpulu: Vede, eccu a to mamma! È da tandu u discìpulu li hà purtatu in » (Ghjuvanni 19,26: 27). Si vultò versu a so mamma è u discìpulu Ghjuvanni è hà iniziatu cù e so parolle ciò chì diventerà a Chjesa, a famiglia di Diu.

In Cristu simu diventati "fratelli è surelle". Questa ùn hè micca una spressione sentimentale, ma mostra una stampa precisa di ciò chì simu cum'è chjesa: chjamata in a famiglia di Diu. Hè un bellu mancu misto di persone stressate. In questa famiglia ci sò anziani persone dimostrate, demucratori, medichi, pescatori, radicali pulitici, dubbi, ex prostitute, non-Ebrei, ebrei, omi, donne, anziani, giovani, accademichi, travagliadori, extrovertiti o introvertiti.

Solu Diu puderia riunificà tutte ste persone è trasfurmalli in un'unità basata annantu à l'amore. A verità hè chì a chjesa vive inseme cum'è una vera famiglia. Da a grazia di Diu è à chjamà, i caratteri radicali sfarenti sò trasfurmati in similitudini di Diu è dunque restanu cunnessi unu cù l'altru in amore.

D'accordu chì u cuncettu di famiglia deve esse un esempiu di a vita di a chjesa, chì hè una famiglia sana? Una di e caratteristiche chì a famiglia di travagliu palesanu hè chì ogni membru hè preoccupatu di l'altri. E famiglie sani cercanu di creà u megliu per l'altri. E famiglie sani si stendenu per aiutà à ogni membru quantu pussibule. Diu voli sviluppà u so putenziale attraversu, cun è in ellu. Questu ùn hè micca sempre faciule per noi umani, soprattuttu datu a diversità di e personalità è e persone cun sbagli chì sò in a famiglia di Diu. Troppu i cristiani vanu à circà à circà a famiglia ecclesiastica ideale, ma Diu ci dumanda d'amore cun chi sì. Qualchissia hà dettu: Qualcunu pò amà a chjesa ideale. U sfida hè d'amore a vera chjesa. Chjesa di Diu in u Vecinu.

L'amore hè più cà un sentimentu. Incetta ancu in u nostru cumpurtamentu. A cumunità è l'amicizia sò elementi essenziali in una famiglia armuniosa. In nessuna parte a Scrittura ci dà permessu di solu piantà si à a chjesa, di esse famiglia perchè qualchissia ci hà fattu qualcosa. Ci era una cuntruversia è una cuntruversia considerablei in a prima Chjesa, ma u Vangelu è a so predica sò stati mantinuti è superati, grazie à u Spìritu Santu di Diu.

Quandu Evodia è Syntyche ùn si sò purtati bè, Paulu hà incuraghjitu i partiti implicati per superare e so differenze (Filippini 4,2). Paulu è Barnabas anu avutu una volta un argumentu viulente annantu à Ghjuvanni Marcu chì si separanu (Atti 15,36-40). Paulu resistiu à Petru faccia à faccia per via di a so ipocrisia trà i pagani è Ghjudei (Galatini 2,11).

Ùn ci sarà certamenti tempi incomodi cun l'altru, ma essendu una famiglia in Cristu significa chì ci seremu stessi. Hè l’amore immaturatu o, in altre parolle, l’amore chì ci face alluntanà si da u populu di Diu. A tistimunianza di a famiglia di Diu hè cusì efficace chì Ghjesù hà dettu chì per via di u nostru amore unu cun l'altru, tutti sapessemu chì noi appartenenu à ellu.
Ci hè una storia di un banchiere chì sempre lanciava una munita in a tazza di un caprettu amputatu per una gamba chì era sedutu in u carrughju davanti à u bancu. Ma, à u cuntrariu di a maiò parte di a ghjente, u bancheru sempre insistia à avè unu di i lapis chì l'omu avia accantu à ellu. Hè un cummerciale, hà dettu u bancheru, è sempre m'aspettu un bellu valore da i dealers cù quale mi facenu affari. Un ghjornu l'amputata perna ùn era micca nant'à u latu. U tempu passava è u bancheru s'hè scurdatu di ellu finu à ellu entre in un edifiziu publicu è l'anzianu principiante era assittatu in un chioscu. Ovveramente, era avà u pruprietariu di una piccula impresa. Aghju sempre speratu chì un ghjornu vi veneranu, hà dettu l'omu. Hè a maiò rispunsabilità per esse quì. M’anu cuntinuatu di dì ch'e era "un mercante". Aghju cuminciatu à vede mi stessu modu piuttostu chè cum'è un capriatore chì riceve di limosina. Aghju cuminciatu à vende lapis - assai d'elli. M'hani datu rispettu di mè stessu è mi fecenu vede mi diversu.

Chì hè impurtante?

U mondu ùn pò mai vede a Chjesa per ciò chì hè veramente, ma duveriamu! Cristu cambia tuttu. Ci hè una vera famiglia in ellu chì passerà a vita eterna inseme. In ellu diventemu fratelli è surelle, una famiglia malgradu tutte e nostre differenze. Questi novi ligami familiari seranu per sempre in Cristu. Continuemu à sparghje stu missaghju in parolle è azzione à u mondu chì ci circonda.


di Santiago Lange