Hè curatu di ella

Li guardò dopu A maiò parte di noi hà lettu a Bibbia per un bellu pezzu, spessu per parechji anni. Hè bè di leghje i versi familiari è di cunglisassi in elli cum'è s'ellu fussi una manta calda. Si pò accade chì a nostra familiarità ci face dimenticà e cose. Se li leghjimu cù l'ochji aperti è da una nova prospettiva, u Spìritu Santu pò aiutà à ricunnosce più è possibbilmente ricordate e cose chì avemu scurdatu.

Quandu leghje u libru di Atti di novu, in Capitulu 13, versetru 18, aghju truvatu un passaghju chì assai di noi ci hà sicuru di leghje senza li rigalà assai: "E durante quarant'anni u suppurtò in u desertu" (Luther 1984) In a Bibbia di Luther di u 1912 hà dettu: "tollera a so manera" o traduttu da un vechju King James Version in tedescu dice "ellu hà patitu di u so cumpurtamentu".

Dunque, per ciò chì mi ricordu, avia sempre lettu stu passaghju - è l'aghju intesu cusì - chì Diu avia da suppurtà l'Israele di lamentazione è di lamentazione cum'è s'elli fussinu stati un pesu maiò per ellu. Ma dopu aghju lettu a riferenza in Deuteronomiu 5:1,31: «Avete vistu chì u Signore, u to Diu, ti purtava cum'è un omu porta u so figliolu, per tuttu u modu chì eri andatu finu à voi hè ghjuntu in questu locu ". In a nova traduzzione di a Bibbia, Luther 2017, dice: "È per quarant'anni l'ha purtata in u desertu" (Atti 13,18 :). U cummentu MacDonald spiega: "hà pigliatu cura di i so bisogni".

Videndu una luce. Di sicuru, avia pigliatu cura di elli - avianu manciari, acqua è scarpi chì ùn purtavanu micca. Ancu se sapia chì Diu ùn li stancià di fame, ùn aghju mai realizatu quantu vicinu è intima era à a so vita. Era tantu incoraggiante per leghje chì Diu porta u so populu cum'è un babbu porta u figliolu. Ùn mi ne arricordu di avè mai lettu quessa!

Ogni volta pudemu sente chì Diu ùn pò guasi u nostru sustegnu o chì si arreca di ripiglià i nostri è prublemi cuntinui. E nostre preghiere sembranu sempre esse listesse è i nostri peccati si facenu ripetutamente. Ancu s'è qualchì volta noi mormuleghje è agiscenu cum'è israeliti ingrati, Diu sempre ci cura di noi, ùn importa quant'è chiancemu; per d 'altra banda, sò assicurata chì preferissi noi di ringrazià si invece di pritassi.

Cristiani, tramindui à tempu pienu è fora (puru chì tutti i cristiani sò chjamati à u serviziu in qualchì manera) si ponu stancià è brusgià. Pudete cumincià à pensà à i vostri fratelli cum'è israeliti intolerabbili, chì ponu purtà à i vostri "fastidiosi" prublemi cullendu è soffrenu. A suppurtà qualcosa significa tollerà una cosa chì ùn ti piace micca o accettà qualcosa chì hè male. Ma Diu ùn ci vede micca cusì!

Tutti semu i zitelli di Diu è avemu bisognu di cura rispettosa, cumpassione è amante. Cù l'amore di Diu chì flussu attraversu noi, pudemu amà i nostri vicini invece di soffrellu solu. Se ci hè necessariu, seranu ancu capaci di purtà à qualchissia a forza chì ùn hè più abbastanza in a strada. Ricurdamu chì Diu ùn solu hà pigliatu cura di u so populu in u desertu, ma hà purtatu in i so braccia amanti. Ellu ci porta è cuntinueghja, mai cessendu di amare è care per noi ancu quandu ci lamentemu è scurdamu di esse grati.

di Tammy Tkach