Chì ghjè l'ordine di a missione maiò?

027 wkg bs ordine di missione

U Vangelu hè a bona nova nantu à a redenzione per grazia di Diu basatu nantu à a fede in Ghjesù Cristu. U messagiu hè chì Cristu hè mortu per i nostri peccati, ch'ellu era sepultatu, risuscitatu u terzu ghjornu dopu l'Scrittura, è dopu apparsu à i so discepuli. U Vangelu hè a bona nutizia chì pudemu entra in u regnu di Diu per l'opera di salvezza di Ghjesù Cristu (1 Corintini 15,1: 5-5,31; Atti 24,46:48; Luca 3,16: 28,19-20; Ghjuvanni 1,14:15; Matteu 8,12: 28,30-31; Marcu; Atti;-).

E parolle di Ghjesù à i so seguitori dopu a so risurrezzione

L'espressione "u cumandamentu di a grande missione" si riferisce à solitu à e parolle di Ghjesù in Matteu 28,18: 20: "È Ghjesù hè ghjuntu è li disse: Tutta l'autorità in u celu è in a terra hè stata data da mè. Dunque andate è facenu discìpuli di tutte e nazioni: li battezi in nome di u Patre è di u Figliolu è di u Spìritu Santu è insegnate à guardà tuttu ciò ch'e aghju cumandatu. Ed eccu, sò cun voi ogni ghjornu finu à a fine di u mondu »

Tuttu u putere hè datu à mè in u celu è in a terra

Ghjesù hè "Signore di tutti" (Atti 10,36) è ellu hè u primu in tuttu (Colosiani 1,18 f.) Sì e chjese è i credenti participanu à a missione o l'evangelisimu, o qualunque sia u termine, è fate senza Ghjesù, allora chì hè senza fruttu.

A missione di e altre religioni ùn ricunnosce a so supremazia è dunque ùn facenu micca l'opera di Diu. Ogni ramu di u Cristianesimu chì ùn mette Cristu prima in e so pratiche è i so insignamenti ùn hè micca u travagliu di Diu. Prima di l'Ascensione à u Babbu Celestiale, Ghjesù hà fattu a prediczione: "... riceverete a putenza di u Spìritu Santu chì vinarà nantu à voi è sarete i mo tistimoni" (Atti 1,8). L'opera di u Spìritu Santu in a missione hè di guidà i credenti per testimonià per Ghjesù Cristu.

Diu chì manda

In i cerchi cristiani, a "missione" hà acquistatu una varietà di significati. A volte si riferia à un edifiziu, qualchì volta à una missione spirituale in un paese straniero, à volte à a fundazione di e chjese nove, ecc. u figliolu hà mandatu u Spìritu Santu.
A parola inglese "mission" hà una radica latina. Vene da «missio», chì significa «mandu». Dunque, a missione si riferisce à u travagliu à quale hè mandatu qualcunu o un gruppu.
U cuncettu di "mandare" hè essenziale per una teologia biblica di a natura di Diu. Diu hè u Diu chì manda. 

«À quale deve mandà? Quale vole esse u nostru messageru? " dumanda a voce di u Signore. Diu hà mandatu à Mosè à Faraone, Elijah è l'altri profeti in Israele, Ghjuvanni Battista, per attestà a luce di Cristu (Ghjuvanni 1,6-7), chì stessu hè statu mandatu da u "babbu vivente" per a salvezza di u mondu (Ghjuvanni 4,34; 6,57).

Diu manda à i so anghjuli per fà a so vuluntà (Genesi 1: 24,7; Matteu 13,41 è parechji altri lochi) è ellu envia u so Spìritu Santu in u nome di u Figliolu (Ghjuvanni 14,26:15,26; 24,49; Luca) U Patre "mandarà à Ghjesù Cristu" in u mumentu chì tuttu hè ripresu " (Atti 3,20-21).

Ghjesù hà ancu mandatu i so discìpuli (Matteu 10,5), è ci hà spiegatu chì, appena u Babbu hà mandatu ellu in u mondu, ellu manda à Ghjesù, i credenti, in u mondu (Ghjuvanni 17,18). Tutti i credenti sò mandati da Cristu. Semu in missione per Diu è cum'è noi siamu i so missiunarii. A Chjesa di u Novu Testamentu hà capitu chjaramente è hà realizatu u travagliu di u Babbu cum'è u so messageria. Atti hè un testimoniu per u travagliu di missiunariu cum'è l'evangelu sparghjutu in u mondu allora cunnisciutu. I credenti sò cum'è "Ambasciatori Per Cristu" (2 Corintini 5,20) per rapprisintallu davanti à tutti i populi.

A Chjesa di u Novu Testamentu era a Chjesa in Missione. Unu di i prublemi in a chjesa d'oghje hè chì i "religiosi" vedenu a missione cum'è una di e so parechje funzioni piuttostu cà u so centru definitore " (Murray, 2004: 135). Spessu si alluntananu da e missioni delegendu stu compitu à "corpi specializzati invece di equipà tutti i membri cum'è missionari" (ibid) Invece chì a risposta di Isaia "Eccu, mandami" (Isaia 6,9) a risposta spessu scunnisciuta hè: "Eccu quì! Invia à un altru ".

Un mudellu di Testamentu Anticu

L'opera di Diu in l'Anticu Testamentu hè ligata cù l'idea di attrazione. Altri populi sarani cusì stupiti per l'eventu magneticu di l'intervenzione di Diu chì anu cercatu di "tastà è vede chì tipu di u Signore hè" (Salmu 34,8).

U mudellu includenu a chjamata "Venite", cum'è mostra in a storia di Salomone è a Regina di Saba. "E quandu a Regina di Saba hà intesu parlà di Salomon, hè ghjunta ... à Ghjerusalemme ... E Salomone rispose tuttu; è ùn era nunda ch'è u regnu ch'è ùn puderebbe esse cuntatu ... è disse à u rè: Hè vera ciò ch'e aghju intesu dì di i vostri atti è di saviezza in u mo paese » (1 Re 10,1: 7). U cuncettu principale in questu rapportu hè di attirà a ghjente in un puntu centrale per chì a verità è e risposte ponu esse spiegate. Alcune chjese oghje praticanu un tali mudellu. Hè parzialmente validu, ma ùn hè micca un mudellu cumpletu.

Di solitu Israele ùn hè micca mandatu fora di i so cunfini per testimonialmente a gloria di Diu. "Ùn era micca u travagliu di andà in e nazioni è di predicà a verità rivelata chì era stata affidata à u populu di Diu" (Peters 1972: 21). Quandu Diu manda à Ghjona un messagiu da l'autobus à i residenti non Israeliti di Nineveh, Jonah hè horrificatu. Un tali approcciu hè unicu (Leghjite a storia di sta missione in u Libru di Ghjona. Resta instructiva per noi oghje).

Modelli di New Testamentu

"Questu hè u principiu di l'evangelu di Ghjesù Cristu, u Figliolu di Diu" - hè cusì chì Markus, u primu autore di l'evangelu, stabilisce u cuntestu di a chjesa di u Novu Testamentu. (Marcu 1,1). Hè tuttu di l'evangelu, di a bona nutizia, è di i cristiani duverebbe "borsa di travagliu in l'evangelu". (Filippini 1,5) significa chì vive è sparte a bona nova di salvezza in Cristu. U terminu "evangelu" hè inradicatu in questu - l'idea di sparghje a bona nova, di proclamà a salvezza à i increduli.

Siccomu certi volte eranu attirati d'Israele per a so fama di corta durazione, tante sò stati attirati à Ghjesù Cristu per a so fama famosa è u carisma. «È a nutizia d'ellu si sparghje prestu in tuttu u paese galile (Marcu 1,28). Ghjesù disse: "vene à mè" (Matteu 11,28), è "Seguitami!" (Matteu 9,9). U mudellu di salvezza di ghjunghje è seguita hè sempre in vigore. Hè Ghjesù chì hà e parolle di a vita (Ghjuvanni 6,68).

Perchè a missione?

Mark spiega chì Ghjesù "hè ghjuntu in Galilea è hà pricatu u Vangelu di u regnu di Diu" (Marcu 1,14). U regnu di Diu ùn hè micca esclusivu. Ghjesù hà dettu à i so discepuli chì "u regnu di Diu hè cum'è una semente di mustarda chì un omu hà pigliatu è sematu in u so giardinu; è cresce è diventò un arbre, è l'uccelli di u celu abbitavanu in i so rami » (Luca 13,18-19). L'idea hè chì l'arbre hè abbastanza grande per tutte l'uccelli, micca una sola spezia.

A Chjesa ùn hè micca esclusiva, cum'è era l'assemblea in Israele. Hè inclusivu è u messaghju di l'evangelu ùn hè micca solu per noi. Duvemu esse i so testimoni "à a fine di a terra" (Atti 1,8). "Diu hà mandatu à u Figliolu" per noi per chì pudemu esse aduttatu cum'è i so figlioli per mezu di a redenzione (Galatini 4,4). A misericòrdia di Diu per mezu di Cristu ùn hè micca solu per noi solu, "ma per u mondu interu" (1 Ghjuvanni 2,2). Quelli chì sò figlioli di Diu sò mandati in u mondu cum'è testimoni di a so grazia. A Missione significa chì Diu dice "Iè" à l'umanità, "Iè, mi sò quì è sì, vogliu salvà ti."

Questa spedizione in u mondu ùn hè micca solu un compitu da esse realizatu. Hè una relazione cù Ghjesù chì ci manda à fà sparte "a bè di Diu chì porta à u pentimentu" cù l'altri (Rumani 2,4). Hè l'amore di cumpassione di Cristu di agape in noi chì ci motiva di sparta l'evangelu di l'amore cun l'altri. «L'amore di Cristu ci incita» (2 Corinzi 5,14). A Missione principia in casa. Tuttu ciò chì facemu hè cunnessu cù l'atto di Diu chì "hà mandatu u Spìritu in i nostri cori" (Galatini 4,6). Ci simu mandati da Diu à i nostri sposi, à e nostre famiglie, à i nostri genitori, amichi, vicini, culleghi di travagliu, è quelli chì scuntemu in a strada, à tutti in ogni locu.

A prima chjesa hà vistu u so scopu di participà à u Gran Ordine. Paul hà cunsideratu quelli chì ùn sò senza a "parolla di a croce" cum'è e persone chì saranu persi se l'evangelu ùn hè micca pridicatu (1 Corinzi 1,18). Indipendentemente da chì a ghjente risponde à l'evangelu o micca, i credenti anu da esse a "fragranza di Cristu" induve vanu (2 Corinzi 2,15). Paul hè cusì preoccupatu chì a ghjente sente u vangelu chì ellu cunsidereghja a so diffusione una rispunsabilità. Dice: "Perchè ùn possu micca elogià u fattu chì pridicheghju l'evangelu; perchè deve fà. E guai à mè se ùn predico l'evangelu! » (1 Corinzi 9,16). Suggerisce ch'ellu hè "debbitore di i Grechi è di i Non-Greci, di i prudenti è di i non-sàvii ... per predicà l'evangelu" (Rumani 1,14-15).

Paulu hà a voglia di fà l'opera di Cristu da una gratitudine speranzia, "perchè l'amore di Diu hè speditu in i nostri cori à traversu u Spìritu Santu" (Rumani 5,5). Per ellu hè un privilegiu di grazia esse apostolu, vale à dì quellu chì hè "mandatu" cume noi per fà u travagliu di Cristu. "U Cristianesimu hè missionariu in natura o ricusa a so ragione d'etre", vale à dì, tuttu u so scopu (Bosch 1991, 2000: 9).

Cum'è parechje società oghje, u mondu era ostili à l'evangelu in tempu di Atti. "Ma predicemu Cristu crucifissu, fastidiu à i Ghjudei, insensatezza à i pagani" (1 Corinzi 1,23).

U messagiu cristianu ùn hè statu accoltu bè. I fedeli, cum'è Paulu, "sò stati sbulicati da tutti i lati, ma senza paura ... avianu paura, ma ùn anu rinunziatu ... sò stati perseguitati ma micca abbandunati" (2 Corintini 4,8: 9). Certe volte gruppi interi di credenti anu vultatu u spinu nant'à u Vangelu (2 Timoteu 1,15).

Ùn era micca faciule esse mandatu in u mondu. Di solitu i cristiani è e chjese esistevanu in qualchì locu "trà u periculu è l'opportunità" (Bosch 1991, 2000: 1).
Ricunnosce è sfruttendu opportunità, a Chjesa hà cuminciatu à cresce in u numeru è a maturità spirituale. Ùn era micca paura di esse pruvucanti.

U Spìritu Santu hà guidatu i credenti in opportunità per u Vangelu. A partendu da u sermone di Petru in Atti 2, u Spìritu hà pigliatu opportunità per Cristu. Quessi sò paragunati cù porte per a fede (Atti 14,27:1; 16,9 Corintini 4,3; Colosiani).

L'omi è e donne anu cuminciatu à sparghje l'evangelu cun audacia. E persone cum'è Filippu in Atti 8 è Paulu, Silas, Timoteu, Aquila è Priszilla in Atti 18 quandu anu fundatu a chjesa in Corintu. Qualunque fussinu i credenti, u facianu cum'è "collaboratori di evangelu" (Filippini 4,3).

Cume Ghjesù hè statu mandatu à diventà unu di noi per chì e persone pudessenu esse salvate, i credenti eranu mandati à l'evangelu per "diventà tuttu" per sparta a bona nova cù u mondu interu (1 Corinzi 9,22).

U libru di Atti finisce cun come Paulu rializeghja u grande ordine missionariu di Matteo 28: "Hà predicatu u regnu di Diu è insegnatu liberamente da u Signore Ghjesù Cristu" (Atti 28,31). Hè un esempiu di a chjesa di u futuru - una chjesa in missione.

iju

U grande ordine di a missione hè di cuntinuà à predicà l'evangelu di Cristu. Semu tutti mandati in u mondu da ellu, cumu Cristu hè statu mandatu da u Babbu. Questu indica una chjesa piena di credenti attivi chì facenu l'affari di u babbu.

da James Henderson