Cosa hè u culto?

026 wkg bs venerà

L'adorazione hè a risposta divina à a gloria di Diu. Hè motivatu da l'amore divinu è nasce da l'autorevelazione divina à a so creazione. In adorazione, u credente entre in cumunicazione cù Diu u Patre per mezu di Ghjesù Cristu, mediatu da u Spìritu Santu. L'adorazione significa ancu di dà una priorità umile è gioia à Diu in tutte e cose. Si manifesta in attitudini è azzione cum'è: preghiera, elogi, celebrazione, generosità, misericordia attiva, pentura (Ghjuvanni 4,23; 1 Ghjuvanni 4,19; Filippini 2,5-11; 1 Petru 2,9-10; Efesini 5,18-20; Colosiani 3,16-17; Rumani 5,8-11; 12,1; Ebrei 12,28; 13,15-16).

Diu hè degnu d'onore è elogie

A parolla inglese "adorazione" indica chì unu attribuisce valore è rispettu à quarcunu. Ci hè parechje parolle ebraiche è greche chì sò tradutte cù l'adorazione, ma i principali include l'idea di basa di serviziu è duveri, cum'è un servitore mostra à u so maestru. Esprimenu l'idea chì Diu solu hè Signore di tutti i terreni di a nostra vita, cum'è illustratu in a risposta di Cristu à Satana in Matteu 4,10: «Viaghjate cun voi, Satana! Perchè hè scrittu: Adoraterete u Signore, u vostru Diu, è u servite solu » (Matteu 4,10; Luca 4,8; Deut 5)

Altri cuncetti include sacrificiu, arcu, cunfessione, omagiu, devozione, etc. "L'essenza di l'adorazione divina hè di dà - dendu à Diu ciò chì hè dovutu à ellu" (Barackman 1981: 417).
Cristu hà dettu chì "hè ghjunta l'ora chì i veri adoratori venerà u Babbu in spiritu è ​​in verità; perchè u babbu vole ancu avè tali adoratori. Diu hè spiritu, è quelli chì l'adorau devenu venerà ellu in spiritu è ​​in verità » (Ghjuvanni 4,23: 24).

U passaghju di sopra suggerisce chì l'adorazione hè diretta à u Babbu è chì hè una parte integrante di a vita di u credente. Cum'è Diu hè spiritu, a nostra adorazione ùn serà micca solu fisica, ma abbinerà ancu u nostru interu è esse basatu nantu à a verità (Nota chì Ghjesù, a Parola, hè a verità - vede Ghjuvanni 1,1.14; 14,6; 17,17)

Tutta a vita di a fede hè adorazione in risposta à l'azzione di Diu per "amà u Signore, u nostru Diu, cù tuttu u nostru core, cù tutta a nostra anima cù tutta a nostra mente è cù tutti i nostri puteri" (Marcu 12,30). A vera adorazione riflette a prufundità di e parolle di Maria: "A mo ànima esalta u Signore" (Luca 1,46). 

«L'adorazione hè tutta a vita di a Chiesa per via di a quale a cumunità di credenti, per mezu di a putenza di u Spìritu Santu, amenda à Diu è à u Babbu di u nostru Signore Ghjesù Cristu (sia cusì!) dice » (Jinkins 2001: 229).

Qualchese Cristianu chì faci hè una opportunità per una adorazione grata. "E tuttu ciò chì fate cù e parolle o cù l'opere, face tuttu in u nome di u Signore Ghjesù è ringrazia Diu Babbu per ellu" (Colosiani 3,17:1; vedi ancu 10,31 Corintini).

Ghjesù Cristu è adorazione

A sezione sopra ammenta chì ringraziamu per mezu di Ghjesù Cristu. Dapoi Ghjesù, u Signore, chì hè "u Spìritu" (2 Corinzi 3,17), chì hè u nostru mediatore è avvucatu, a nostra adorazione passa da ellu à u Babbu.
L'adorazione ùn hè micca bisognu di mediatori umani cum'è i sacerdoti, perchè l'umanità hè stata cunciliata à Diu per via di a morte di Cristu è per mezu di ellu "hà accessu à u Babbu in un spiritu stessu" (Efesini 2,14-18). Stu insegnamentu hè u testu originale di a vista di Martin Luther di u "sacerdoziu di tutti i credenti". «... a chjesa adora Diu in fattu chì adora un culte perfettu (leiturgia) chì Cristu Diu offre per noi.

Ghjesù Cristu hè veneratu à avvenimenti impurtanti in a so vita. Un tali avvenimentu era a celebrazione di a so nascita (Matteu 2,11) quandu l'angeli è i pastori esultonu (Luca 2,13: 14-20,), è à a so risurrezzione (Matteu 28,9, 17; Luca 24,52) Ancu duranti u so ministeru terrenu, a ghjente venerà à ellu in risposta à u so travagliu nantu à elli (Matteu 8,2; 9,18; 14,33; Marcu 5,6, etc.). Revelazione 5,20 proclama in riferimentu à Cristu: "L'agnellu chì hè tombu hè degnu".

Culteghju cullettivu in l'Anticu Testamentu

«I zitelli di i zitelli glorijaranu i vostri travagli è proclamanu e vostre opere putenti. Si parlaranu di u vostru altu, splendore splendore è i vostri miraculi; si parlaranu di i vostri atti putenti è dicanu di a vostra gloria; anu elogiatu a vostra grande bontà è glurianu a vostra ghjustizia » (Salmu 145,4-7).

A pratica di l'elogi è l'adorazione cullettiva hè fermamente arradicata in a tradizione biblica.
Benchì ci sò esempi di sacrifiziu individuale è omaggiu, oltri l'attività cultica pagana, ùn ci hè statu un mudellu chjaru di culte cullettivu di u veru Diu prima chì Israele sia fundata cum'è nazione. A dumanda di Mosè à u faraone ch'ellu devi permettà à l'Israeliti di celebrà a festa di u Signore, hè unu di i primi indicazioni di una chjama à l'adorazione cullettiva (Genesi 2:5,1)
In u caminu versu a terra prumessa, Mosè hà prescrittu certe vacanze chì l'Israele anu celebratu fisicamente. Quessi sò citati in l'Esodo 2, Leviticu 23 è in altre parte. Si rifirianu in u significatu à e cummemorazioni di l'esodu da l'Eggittu è di e so sperienze in u desertu. Per esempiu, a Festa di i Tabernacli hè stata creata in modu chì i discendenti di l'Israeliti sapissinu "cumu Diu hà fattu i figlioli d'Israele vivenu in capanna" quandu li hà purtatu fora di a terra d'Egittu. (Genesi 3:23,43)

Chì l'osservazione di queste assemblee sacrate da i Israele ùn era micca un calendariu liturgicu chjusu hè evidente da i fatti di l'Scritture chì duie altre feste annuali di liberazione naziunale sò state aghjustate più tardi in a storia di Israele. Un era u Festival Purim, un tempu di "gioia è di piacè, un banchettu è un ghjornu di festa" (Esther [spaziu]] 8,17; Ghjuvanni 5,1 pò ancu riferisce à u Festival Purim). L'altru era u festival di a consacrazione di u tempiu. Durava ottu ghjorni è cuminciò u 25 Kislew secondu u calendariu ebraicu (Dicembre), è a visualizazione di a luce festighjava a pulizia di u tempiu è a vittoria nantu à Antiochus Epifani di Ghjuda Maccabeu in u 164 aC. Ghjesù stessu, "a luce di u mondu", era presente in u tempiu quellu ghjornu (Ghjuvanni 1,9; 9,5; 10,22-23).

Diversi ghjorni veloci sò stati annunziati ancu à ore fissi (Zaccaria 8,19), è eranu osservate e nove lunhe (Esra [spaziu]] 3,5, ecc.). Ci sò stati ordinanzi publici quotidiani è settimanali, riti è sacrifici. U sabatu settimanale era una "assemblea santa" cumandata (Leviticu 3: 23,3) è u segnu di u Vechju Alianza (Esodu 2: 31,12-18) trà Diu è l'Israeliti, è ancu un rigalu da Diu per u so riposu è l'usu (Leviticu 2: 16,29-30). Nantu à i ghjorni santu di u Levitu, u Sabatu era cunsideratu parte di l'Anticu Alianza (Leviticu 2: 34,10-28).

U tempiu hè statu un altru fattore impurtante in u sviluppu di i mudelli di cultu di l'Anticu Testamentu. Incù u so tempiu, Ghjerusalemme diventa u locu centrale induve i credenti viaghjavanu per celebrà e diverse vacanze. «Vogliu pensà à questu è sparghje u mo core à mè stessu: cumu mi sò passatu in grande numeru per sbulicà cun elli à a casa di Diu cù rallegra
è ringraziu in a folla di quelli chì ci celebranu » (Salmu 42,4; vede ancu 1Chr 23,27-32; 2Chr 8,12-13; Ghjuvanni 12,12; Atti 2,5-11, etc.).

A participazione completa à l'adorazione publica era limitata in u Vechju Alianza. Dentru u distrittu di u tempiu, e donne è i zitelli eranu generalmente negati l'accessu à u locu principale di cultu. Nasciti emasculati è illegittimi, è ancu parechji gruppi etnici cum'è i Moabiti ùn devi micca "mai" entrare in la congregazione (Deuteronomiu 5: 23,1-8). Hè interessante analizà u cuncettu ebraicu di "mai". In parte di a mamma, Ghjesù venia da una donna moabita chjamata Ruth (Luca 3,32; Matteu 1,5).

Cultu cullettivu in u Novu Testamentu

Ci sò clare differenze trà u Vechju è u Novu Testamentu in quantu à a santità in relazione à l'adorazione. Cumu dici prima, in l'Anticu Testamentu certi lochi, tempi è e persone eranu cunsiderate sacri è dunque di più rilevanza pè e pratiche di culte cà l'altri.

Cù u Novu Testamentu ci passemu da un esclusivu di l'Anticu Testamentu à una inclusività di u Novu Testamentu da a perspettiva di a santità è di l'adorazione; da certi lochi è ghjente à tutti i lochi, tempi è persone.

Per esempiu, u tabernaculu è u tempiu in Ghjerusalemme eranu posti santu "induve venerà" (Ghjuvanni 4,20), contru à quale Paulu ordina chì l'omi ùn poni micca alzà e mani santu micca solu in i vechji Testamenti o siti di adorazione ghjudei, ma "in tutti i lochi", una pratica assuciata cù u santuariu di u tempiu. (1 Timoteu 2,8: 134,2; Salmu).

In u Novu Testamentu, e reunione cumunitariu sò fatte in case, in appartamenti superiori, nantu à a riva di u fiume, nantu à a riva di i lagi, nantu à i piste di a muntagna, in e scole, etc. (Marcu 16,20). I credenti diventanu u tempiu in quale abita u Spìritu Santu (1 Corintini 3,15: 17) è si riuniscenu induve induve u Spìritu Santu li porta à riunioni.

In quantu à i ghjorni santu di l'Anticu Testamentu, cum'è una "certa festa, luna nova o ghjornu di Sabatu", ripresentanu "una sombra di l'avvene", a realità di quale hè Cristu. (Colosiani 2,16: 17) Per quessa, u cuncettu di tempi di culte speciale ùn si applicà micca per a pienezza di Cristu.

Ci hè a libertà in a scelta di i tempi di culte secondu e circustanze individuali, cumunità è culturali. "Un pensa chì un ghjornu hè più altu ch'è l'altru; l'altru, però, cunsidereghja u listessu ogni ghjornu. Tuttu u mondu hè sicura in u so parè » (Rumani 14,5). In u Novu Testamentu, i scontri sò fatti in tempi diffirenti. L'unità di a chjesa hè stata spressa in a vita di i credenti in Ghjesù per mezu di u Spìritu Santu, micca per mezu di e tradizioni è di i calendarii liturgichi.

In quantu à l'omu, solu u pòpulu d'Israele rapprisintò u populu santu di Diu in l'Anticu Testamentu. In u Novu Testamentu, tutte e persone in tutti i posti sò invitati à fà parte di u spiritu spirituale di Diu, u populu santu (1 Petru 2,9-10).

Apprendemu da u Novu Testamentu chì nisun locu hè più santu chè qualsiasi altru, nimu tempu hè più santu chì qualsiasi altru, è nimu hè più santu chì qualsiasi altru. Amparemu chì Diu "chì ùn vede micca a persona" (Atti 10,34: 35) ùn vede ancu in tempi è posti.

In u Novu Testamentu, hè praticatu attivamente a riunione (Ebrei 10,25).
Quantu hè scrittu assai in lettere di l'apostuli circa ciò chì succede in i congregazioni. "Chì tuttu succede per edificazione!" (1 Corintini 14,26) dice Paulu, è in più: "Ma lasciate chì tuttu sia onesto è ordinato" (1 Corinzi 14,40).

I caratteristiche principali di u veneru cullettivu eranu a predica di a parolla (Atti 20,7; 2 Timoteu 4,2), lode è ringraziu (Colossiani 3,16:2; 5,18 Tessaloniciani), intercessione per l'evangelo e l'uno per l'altro (Colossiani 4,2-4; Ghjacumu 5,16), sparte messaggi nantu à u travagliu di u Vangelu (Atti 14,27) è rigali per quelli in bisognu in chiesa (1 Corintini 16,1: 2-4,15; Filippini 17).

Avvenimenti speciali di culte includenu ancu a memoria di u sacrifiziu di Cristu. Just prima di a so morte, Ghjesù hà iniziatu a Cena di u Signore cambiando completamente u passaghju di l'Anticu Testamentu. Invece di aduprà l'idea evidente di un agnellu per riferisce à u so corpu chì era strapatu per noi, hà sceltu pane chì era stintu per noi.

Hà dinò introduttu u simbulu di u vinu, chì simbulizò u so sangue spruzzatu per noi, chì ùn era micca una parte di u passaghjolu. Ellu hà sustituitu u passaportu di l'Anticu Testamentu cun una pratica d'adorazione da u Nuvellu Pattu. Mentre ci manghjemu di stu pane è bevemu stu vinu, pridicemu a morte di u Signore finu à ellu torna (Matteu 26,26: 28-1; 11,26 ​​Corintini).

L'adorazione ùn hè micca solu di e parolle è di atti di elogie è omaggiu à Diu. Si tratta ancu di a nostra attitudine versu l'altri. Dunque, assistisce à un serviziu senza spiritu di cunciliazione hè inappropriatu (Matteu 5,23: 24)

L'adorazione hè fisica, mentale, emotiva, è spirituale. Implica tutta a nostra vita. Ci dannemu "cum'è un sacrificiu vivente, santu è piacevule à Diu", chì hè a nostra adorazione sensata (Rumani 12,1).

iju

L'adorazione hè una dichjarazione di a dignità è l'onore di Diu, spressione attraversu a vita di u credente è attraversu a so participazione à a cumunità di credenti.

da James Henderson