Chì hè u peccatu?

021 wkg bs sin

U peccatu hè una illegalità, un statu di ribellione contru à Diu. Dapoi u tempu chì u peccatu hè andatu in u mondu à traversu Adamu è Eva, l'omu hè statu sottu à u jugu di u peccatu - un jugu chì pò esse eliminatu solu da a grazia di Diu per mezu di Ghjesù Cristu. U statu peccatu di l'umanità si mostra in a tendenza à mette à sè stessu è u propiu interessi sopra à Diu è à a so vuluntà. U peccatu porta à l'alienazione di Diu è à a suffrenza è a morte. Siccomu tutte e persone sò peccatori, tutti anu bisognu di a salvezza chì Diu offre per via di u Figliolu (1 Ghjuvanni 3,4: 5,12; Rumani 7,24: 25; 7,21: 23-5,19; Marcu 21: 6,23-3,23; Galati 24; Rumani;).

A basa di u cumpurtamentu cristianu hè a fiducia è a lealtà amorevule à u nostru Salvadore, chì ci hà amatu è rende ellu stessu per noi. A fiducia in Ghjesù Cristu hè spressu in a cridenza in u Vangelu è in opere di amore. Per mezu di u Spìritu Santu, Cristu trasforma u core di i so credenti è li lascia fruttu: amore, gioia, pace, fedeltà, pacienza, amabilità, gentilezza, autocontrol, ghjustizia è verità (1 Ghjuvanni 3,23: 24-4,20; 21: 2-5,15; 5,6.22 Corinzi 23:5,9; Galatini; Efesini).

U peccatu hè contru à Diu.

In u Salmu 51,6: 2, un David pentitu hà dettu à Diu: "Hè solu contru à tè chì aghju piccatu è aghju fattu u male davanti à tè". Ancu se altre persone sò state affettate negativamente da u peccatu di David, u peccatu spirituale ùn era micca contru ad elli - era contru à Diu. David ripete chì u pensamentu hè 12,13 Samuel. Job face a dumanda: "Habakkuk aghju piccatu, chì ti facciu, guardianu di u populu" (Ghjocu Job 7,20)?

Di sicuru, quandu facemu male à l'altri, hè cum'è peccamu contru à elli. Paul dice chì simu in fatti "u peccatu contru à Cristu" (1 Corintini 8,12) chì hè Signore è Diu.

Questa hà implicazioni impurtanti

Prima, postu chì Cristu hè a rivelazione di Diu contru à quale u peccatu hè direttu, u peccatu duveria esse vistu cristologicamente, vale à dì da a perspettiva di Ghjesù Cristu. A volte u peccatu hè definitu cronulogicamente (In altre parolle, perchè l'Anticu Testamentu hè statu scrittu prima, hà priorità in a definizione di u peccatu è altri insegnamenti). Tuttavia, hè u puntu di Cristu chì conta per u cristianu.

Siconda, postu chì u peccatu hè contru à tuttu ciò chì hè Diu, ùn pudemu micca aspittà chì Diu sia indifferenti o apaticu per questu. Siccomu u peccatu hè cusì oppostu à l'amore è a bondà di Diu, ci alluntana i nostri menti è i cori di Diu (Isaia 59,2), chì hè l'origine di a nostra esistenza. Senza u sacrifiziu di Cristu di cunciliazione (Colossiani 1,19: 21), ùn averiamu nisuna speranza di qualcosa altru chè a morte (Rumani 6,23). Diu voli chì a ghjente averà cunvivenza è gioia amatori cun è l'altri. U peccatu distrugge sta cumunità è gioia amante. Hè per quessa chì Diu odia u peccatu è u distruggerà. A reazione di Diu à u peccatu hè a rabbia (Efesini 5,6). A rabbia di Diu hè a so determinazione pusitiva è energica per distrughje u peccatu è e so cunsequenze. Micca perchè ellu hè amaru è vendicatore cum'è noi umani, ma perchè amò a ghjente cusì chì ùn aspittà è guardà cumu si distrughjanu è l'altri tramindui u peccatu.

U terzu, Diu solu pò ghjudicà nantu à questa materia, è solu Ellu pò pardunà u peccatu perchè u peccatu solu hè contru à Diu. «Ma cun voi, Signore, u nostru Diu, ci hè misericordia è u pirdunu. Perchè avemu diventatu apostate » (Daniel 9,9) «Perchè cun u Signore ci hè grazia è assai redenzione» (Salmu 130,7). Quelli chì accettanu u giudiziu misericordiosu di Diu è u pardonu di i so peccati "ùn sò micca destinati à a rabbia, ma a salvezza per mezu di u nostru Signore Ghjesù Cristu" (2 Tessalonicani 5,9). 

A rispunsabilità per u peccatu

Ancu s'ellu hè di solitu a culpisce à Satana per a rispunsabilità per u fattu chì u peccatu hè ghjuntu in u mondu, l'umanità hè rispunsevule per u so peccatu. "Dunque, cum'è u peccatu hè ghjuntu in u mondu attraversu un omu è a morte per mezu di u peccatu, cusì a morte hè ghjunta à tutte e persone perchè tutti anu peccatu" (Rumani 5,12).

Ancu sì Satan hà pruvatu, Adamu è Eva anu pigliatu a decisione - a responsabilità era di elli. In u Salmu 51,1: 4, David si riferisce à u fattu chì era sottumessu à u peccatu perchè era natu umanu. Ricunnosce ancu i so peccati è l'inghjustizie.

Tutti soffremu di e cunsequenze cullettive di i peccati di quelli chì anu campatu davanti à noi finu à chì anu furmatu u nostru mondu è u nostru ambiente. Tuttavia, questu ùn significa micca chì avemu ereditatu u nostru peccatu da elli è ch'elli sò rispunsevuli di qualchì manera.

A l'epica di u prufeta Ezekiel, ci hè statu discussu annantu à a culpa di u peccatu persunale nantu à "i peccati di i babbi". Leghjite Ezekiel 18 è prestate particulare cunclusione à u versu 20: "Solu quelli chì peccanu duveranu muriri". In autri paroli, ognunu hè rispunsevule di i so peccati.

Perchè avemu a rispunsabilità persunale per i nostri peccati è e nostre cundizioni spirituali, u pentimentu hè sempre persunale. Tutti avemu fattu u peccatu (Rumani 3,23:1; 1,8 Ghjuvanni) e la Scrittura esorta à ognunu di noi personalmente à penti è crede u vangelu (Marcu 1,15:2,38; Atti).

Paulu piglia un gran dulore à nutà chì cum'è u peccatu hè ghjuntu in u mondu à traversu una persona, a salvezza hè dispunibile solu da una persona, Ghjesù Cristu. "... Perchè se i tanti sò morti per u peccatu di quellu, quantu a più grazia di Diu hè stata data à i tanti da a grazia di l'omu Ghjesù Cristu" (Rumani 5,15; vede ancu i versi 17-19). A morte di u peccatu hè a nostra, ma a grazia di salvezza hè Cristu.

U studiu di e parolle usatu per descrive u peccatu

Una varietà di parolle ebraiche è greche sò aduprate per discrive u peccatu, è ogni termine aghjunghjenu un cumpunente cumplementariu à a definizione di u peccatu. Un studiu più profundo di ste parolle hè dispunibule per l'enciclopedii, cummentarii è aiuti di studiu di a Bibbia. A maiò parte di e parolle utilizate implica un'attitudine di cori è di mente.

Trà i termini ebrei più cumunimenti usati, l'idea di u peccatu hè mancatu da u mira (Genesi 1: 20,9; Esodo 2:32,21; Ex 2 Rei 17,21:40,5; Salmu, ecc.); U peccatu hà da fà cù una pausa in a relazione, da quì a ribella (Trasgressione, ribellione cum'è descritta in 1 Samuele 24,11:1,28; Isaia 42,24;, ecc.); vultate qualcosa currettu, dunque a perversione deliberata di una cosa luntanu da u so scopu previstu (atti cattivi cum'è in 2 Samuel 24,17:9,5; Daniel 106,6; Salmu, ecc.); di culpa è dunque di culpa (Indignante in Salmo 38,4; Isaia 1,4; Geremia 2,22); di straccassi è di deviazione da un chjassu (vede pazzu in Job 6,24:28,7; Isaias, etc.); U peccatu hè di dannà l'altri (Mal è abusu in Deuteronomiu 5; Proverbii 26,6. Etc)

E parolle greche aduprate in u Novu Testamentu sò termini ligati à manca u target (Ghjuvanni 8,46:1; 15,56 Corintini 3,13:1,5; Ebrei 1:1,7; Ghjacumu; Ghjuvanni, ecc.); cù errore o difettu (Trasgressioni in Efesini 2,1; Colosiani 2,13 etc.); cù francà una linea di cunfini (Trasgressioni in Rumani 4,15:2,2; Ebrei etc.); cù azzione contru à Diu (inghjustu in Rumani 1,18:2,12; Titu 15; Ghjuda, etc.); è cun l'abbandunalità (Inghjustizia è trasgressione in Matteu 7,23:24,12; 2:6,14; 1 Corintini 3,4; Ghjuvanni, ecc.).

U Novu Testamentu aghjunghje altre dimensioni. U peccatu hè a mancanza di piglià l'uppurtunità di praticà u cumpurtamentu divinu versu l'altri (Ghjacumu 4,17) Inoltre, "ciò chì ùn vene da a fede hè u peccatu" (Rumani 14,23)

Pecatu da a perspettiva di Ghjesù

Studià a parolla aiuta, ma ùn ci porta micca à una capiscitura cumpleta di u peccatu solu. Cumu diciutu prima, avemu da guardà u peccatu da una prospettiva cristologica, vale à dì da a perspettiva di u Figliolu di Diu. Ghjesù hè a vera maghjina di u core di u Babbu (Ebrei 1,3) è u babbu ci dice: "Duvete sente ellu!" (Matteu 17,5).

I Studi 3 è 4 anu spiegatu chì Ghjesù hè incarnatu à Diu è chì e so parolle sò e parolle di a vita. Ciò chì hà da dì ùn solu riflette a mente di u babbu, ma ancu porta cun ellu l'autorità morale è etica di Diu.

U peccatu ùn hè micca solu un attu contra Diu - hè più. Ghjesù hà spiegatu chì u peccatu vene da u core umanu è a mente peccatori. "Perchè da l'internu, da u core di l'omi, ci venenu pensieri cattivi, fornicazione, furtu, omicidiu, adulteriu, avidità, malizia, guile, debaucheria, resentimento, blasfemia, arroganza, irrazionalità. Tutte queste cose male venenu da l'internu è facenu chì e persone sianu impure » (Marcu 7,21: 23).

Femu un sbagliu quandu andemu à circà una lista specifica, fissa di fà è di fà. Ùn hè micca tantu l'attu individuale, ma piuttostu l'attitudine sottostante di u cori chì duvemu capisce secondu a vulintà di Diu. Tuttavia, u passaghju di sopra da u Vangelu di Marcu hè unu di parechji induve Ghjesù o i so apostuli listanu o comparanu e pratiche peccative è l'espressione di a fede. Truvemu tali scritture in Matteu 5-7; Matteu 25,31: 46-1; 13,4 Corintini 8: 5,19-26; Galatini 3; Colossiani etc. Ghjesù descrive u peccatu cum'è un cumpurtamentu addictivu è menciona: "Quellu chì commette u peccatu hè un schiabu di u peccatu" (Ghjuvanni 10,34).

U peccatu trapassa e linee di cumpurtamentu divinu versu l'altri persone. Hè agisce cum'è se ùn fussimu micca rispunsevuli di un putere più altu chì più altu di noi stessi. Per i cristiani, u peccatu hè chì ùn permettemu micca di Ghjesù di amà l'altri tra noi, chì ùn onuremu ciò chì Ghjacumu chiama un "culto puro è immaculatu" (Ghjacumu 1,27) è "a legge reale secondu a Scrittura" (Ghjacumu 2,8). Ghjesù hà spiegatu chì quelli chì u amanu seguitanu e so parolle (Ghjuvanni 14,15:7,24; Matteu) e così adempie a legge di Cristu.

U tema di a nostra peccata inherente attraversa tutte e Scritture (vede ancu Genesi 1; 6,5; Ecclesiastici 8,21; Ghjeremia 9,3; Rumani 17,9:1,21, etc.). Dunque Diu ci cumanda: «Scacciate tutte e transgressioni chì avete cummessu è fate un novu core è un novu spiritu» (Ezekiel 18,31).

Inviandu u Figliolu in i nostri cori, uttene un novu core è un novu spiritu, cunfessu chì noi appartenenu à Diu (Galatti 4,6; Rumani 7,6). Siccomu appartenemu à Diu, ùn deveru micca esse più "schiavi di u peccatu" (Rumani 6,6), micca più «di esse ignuranti, disubbidienti, di ùn andassi, di ùn serve più di i desideri è di i desideri, di ùn campà più in a malizia è à l'invidia, micca d'odià è d'odià» (Titulu 3,3).

U cuntestu di u primu peccatu tradiziunale in Genesi pò aiutà à noi. Adamu è Eva eranu in cuncuranza cù u Babbu è u peccatu hè accadutu quandu si rompeu sta relazione rilassendu à una voce diversa (Leggi Genesi 1-2).

L'obiettivu chì u peccatu manca hè a vittoria di a nostra chjama celestia in Cristu Ghjesù (Filippini 3,14) è chì per adopzione in a cumunità di u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu, pudemu esse chjamati figlioli di Diu (1 Ghjuvanni 3,1). Se ci alluntanemu di sta cumunità cù u Diu, mancaremu u scopu.

Ghjesù vive in i nostri cori in modu chì noi "pudemu esse pienu di a pienezza di Diu" (vede Efesini 3,17: 19), è rompe sta relazione cumpleta hè u peccatu. Quandu facemu u peccatu, ci ribellemu contr'à tuttu ciò chì Diu hè. Si rompe a relazione sacra chì Ghjesù hà intesu cun noi prima chì u mondu sia fundatu. Hè un rifiutu di lascià u Spiritu Santu travaglià in noi per fà a vulintà di u Babbu. Ghjesù hè venutu à chjamà i piccatori à u pentimentu (Luca 5,32), vale à dì chì ritornu in una relazione cù Diu è a so vuluntà per l'umanità.

U peccatu significa piglià qualcosa di maravigliosu chì Diu hà cuncepitu in a so santità è perverterlo contra l'altri per i desideri egoisti. Significa u rinunciu da u scopu di Diu destinatu à l'umanità per participà à tutti in a so vita.

U peccatu significa ancu ùn mette a nostra fede in Ghjesù cum'è guida è autorità di a nostra vita spirituale. U peccatu chì hè spirituale ùn hè micca definitu da logica umana o assunzioni, ma da Diu. Se vulissimu una breve definizione, puderiamu dì chì u peccatu hè u statu di esse senza cumunione cun Cristu.

cunchiusioni

I cristiani anu da evità u peccatu perchè u peccatu hè una pausa in a nostra relazione cù Diu chì ci elimina l'armunia di a cummunione cù u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu.

da James Henderson