Luce, Diu è grazia

172 grazia di Diu luce Cume ghjovanu adolescente, stava assittatu in un sinemà quand u putere scappò. In a bughjura, u murmuru di l'audienza era più forte ogni secunna. Aghju nutatu cumu suspettuamente stava circandu di truvà una uscita appena qualcunu hà apertu una porta esterna. A luce versò in u sinemà è u muttu è a mo ricerca suspetta sò finuti subitu.

Finu à chì ci simu affruntati cù a bughjura, a maiò parte di noi pigliamu luce. Tuttavia, ùn ci hè nunda à vede senza luce. Avemu solu vede qualcosa quandu a luce illumina una stanza. Induve qualcosa vene à i nostri ochji, stimula i nostri nervi ottici è produce un signale chì permette u nostru cervellu esse identificatu cum'è un ughjettu in u spaziu cun una apparenza specifica, a pusizione è u muvimentu. Comprenderà a natura di a luce hè statu un sfida. I teorii iniziali piglianu inevitabilmente a luce cum'è particelle, poi cum'è onde. Oghje a maiò parte di i fisici capiscenu a luce cum'è particelle d'onda. Notate ciò chì Einstein hà scrittu: Sembra chì a volte ci tocca à aduprà una è qualchì volta l'altra teuria, mentre pudemu usà e duie volte. Avemu davanti à un novu tipu di incomprensibilità. Avemu duie imagine conflittuali di a realtà. Individuali, nimu d'elli ùn ponu spiegà cumplettamente l'apparizione di a luce, ma inseme facenu.

Un aspettu interessante di a natura di a luce hè per quessa chì a bughjura ùn hà alcuna putenza. A u cuntrariu, mentri a luce alluntanà a bughjura, ùn ci hè micca. Stu fenomenu ghjoca in Scritture, riguardanti a natura di Diu (a luce) è u male (di a bughjura o di a bughjura), un rolu impressiunante. Avvisate ciò chì l'apòstulu Ghjuvanni hà dettu in 1 Ghjuvanni 1,5: 7 (HFA) hà scrittu: Questa hè a messa chì avemu intesu di Cristu è chì vi dicemu: Diu hè luce. Ùn ci hè nimu bughjone cun ellu. Dunque, se indettemu chì appartenemu à Diu è vivemu sempre in a bughjura di u peccatu, allora mentemu è contraddittimu a verità cù a nostra vita. Ma sè vivemu à a luce di Diu, simu tutti cunnessi cun noi. È u sangue chì u figliolu Ghjesù Cristu hà versatu per noi ci libera di tutte e culpe.

Cum'è Thomas F. Torrance in u so libru Fede trinitaria (Fede trinitaria), u capimachja prima Athanasius, seguendu l'insignamentu di Ghjuvanni è di altri Urapostuli, hà utilizatu a metafora di a luce è a so radiazione per parlà di a natura di Diu chì ci hè stata rivelata da Ghjesù Cristu: cum'è a luce mai senza u so carisma, u babbu ùn hè mai senza u figliolu o senza a so parolla. Inoltre, appena u ligeru è u brillu sò unu è ùn sò micca alieni unu di l'altru, cusì u babbu è u figliolu ùn sò micca unu è l'altru, ma di una stessa natura. Cum'è Diu hè luce eterna, cusì u Figliolu di Diu cum'è radiazione eterna hè Diu in ellu stessu luce eterna, senza principiu è senza fine (Pagina 121).

Atanasio hà formulatu un puntu impurtante chì ellu è altri ufficiali di a chjesa presentati di manera ghjusta in u Credu di Nicene: Ghjesù Cristu sparte una sola persona cù u Babbu (Grecu = ousia) Diu. S'ellu ùn era micca u casu, ùn averia micca fattu sensu quandu Ghjesù annunziava: "Quellu chì mi vidia vede ancu u babbu" (Ghjuvanni 14,9). Cum'è Torrance nota se Ghjesù ùn hè micca essenzalmentu u stessu (una ousia) cù u babbu (è cusì completamente Diu), ùn averiamu micca a rivelazione piena di Diu in Ghjesù. Ma quandu Ghjesù hà annunziatu chì hè veramente sta rivelazione significa vede di ellu, di vede u babbu, di sente à ellu significa di sente u babbu cum'è ellu. Ghjesù Cristu hè u Figliolu di u Babbu per a so stessa natura, vale à dì, per a so realità essenziale è a natura. Torrance comenta in "Fede trinitaria" a pagina 119: A relazione padre-figliolu cade perfettamente è perfettamente l'una in l'altru in Diu, chì hè eternu è esiste à u listessu tempu per u babbu è u figliolu. Diu hè babbu cum'è hè eternu u babbu di u figliolu è cum'è figliolu hè Diu di Diu cum'è eternu figliolu di u babbu. Ci hè cunfidenziale perfetta è eterna trà u babbu è u figliolu, senza nisuna "distanza" in esse, tempu o cunniscenza trà di elli.

Perchè u babbu è u figliolu sò unu in essenza, sò ancu unu in fà (Azzione). Fighjate ciò chì Torrance hà scrittu annantu à questu in Duttrina Cristiana di Diu: Ci hè una relazione ininterrotta di esse è azzione trà u Figliolu è u Babbu, è in Ghjesù Cristu sta relazione hè stata incarnata una volta per tutte in a nostra esistenza umana. Cusì ùn ci hè micca Diu daretu à u spinu di Ghjesù Cristu, solu questu Diu, chì a faccia a vedemu in faccia à u Signore Ghjesù. Ùn ci hè micca Diu scuru, insondabile, nisuna divinità casuale chì ùn sapemu nunda, ma chì pudemu tremà solu mentre a nostra cuscenza culpevule pinta strisce dure nantu à a so dignità.

Questa comprensione di a natura s'hè rivelata in Ghjesù Cristu (Essenza) di Diu, hà ghjucatu un rolu cruciale in u prucessu di stabilisce ufficialmente u canon di u Novu Testamentu. Nisun libru ùn sia cunsideratu per l'inclusione in u Novu Testamentu se ùn manteneva l'unità perfetta di u babbu è di u figliolu. Cusì sta verità è a realità servianu cum'è l'interpretazione chjave (vale à dì ermeneutica) verità di basa per quale u cuntenutu di u Novu Testamentu hè statu determinatu per a Chjesa. Per capiscendu chì u babbu è u figliolu (inclusa a mente) sò una in natura è azzione, chì ci aiuta à capisce a natura di a grazia. A grazia ùn hè micca una sustanza creata da Diu per stà trà Diu è l'omu, ma, cum'è Torrance la descrive, "hè a cunsequenza di Diu per noi in u so Figliolu incarnatu, in quale u dono è u donatore sò inseparabbilmente un Diu". A grandezza di a grazia salvatrice di Diu hè una persona, Ghjesù Cristu, perchè in, attraversu è da ellu vene a salvezza.

U Diu Triune, a Luce Eterna, hè a surghjente di tutte l'illuminazioni "fisiche è spirituali". U babbu chì chjama a luce hà mandatu à u figliolu esse a luce di u mondu, è u babbu è u figliolu mandanu u Spìritu per purtà l'illuminazione à tutte e persone. Ancu sè Diu "vive in una luce inaccessibile" (1 Tim. 6,16), si hè revelatu à noi per mezu di u so spiritu, in a "faccia" di u so figliolu incarnatu, Ghjesù Cristu (vede 2 Corintini 4,6). Ancu s'è inizialmente avemu da guardà suspicamenti per "vede" sta luce eccessiva, quelli chì a piglianu subitu capiscenu chì a bughjura hè stata dispersa luntanu è larga.

In u calore di luce

Ghjiseppu Tkach
U presidente GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


in pdfA natura di a luce, Diu è grazia