L'ultimu ghjudizio [giudiziu eternu]

130 U tribunale mundiale

À a fine di l'età, Diu hà riunì tutti vivi è morti davanti à u tronu di u celu di Cristu. I ghjusti riceveranu a gloria eterna, a damnazione sinusa in a piscina ardente. In Cristu u Signore face prupurzione graziosa è ghjusta per tutti, cumpresi quelli chì apparentemente ùn anu micca cridutu in u Vangelu à a morte. (Matteu 25,31: 32-24,15; Atti 5,28:29; Ghjuvanni 20,11: 15-1; Apocalisse 2,3: 6-2; 3,9 Timoteu 10,43: 12,32-1; 15,22 Petru 28; Atti; Ghjuvanni ,; Corintini).

U ghjudiziu mundiale

»A tribunale vene! Hè ghjudicatu u ghjudiziu! Ripretti avà o anderete in infernu. » Pudete avete intesu alcuni "evangelisti di strada" errante dicendu ste parolle, circannu di spaventà a ghjente per piglià un impegnu à Cristu. Oppuru, pudete avè vistu una tale persona satirata in film cù un aspettu di maudlin.

Forsi questu ùn hè micca tantu luntanu da l'imaghjini di u "ghjudiziu eternu" chì parechji cristiani anu cridutu in i seculi, soprattuttu in u Medievu. Pudete truvà sculture è dipinti raffiguranti i giusti in altitudine à scuntrà Cristu è l'inghjusti chì sò arrastati in l'infernu da demoni crudeli.

Sti ritratti di u Ultimu Ghjudiziu, u ghjudiziu nantu à u destinu eternu, sò ghjunti da dichjarazioni di u Novu Testamentu nantu à u listessu. L'ultimu Ghjudiziu hè parte di l'insegnamentu di e "ultime cose" - u ritornu futuru di Ghjesù Cristu, a risurrezzione di ghjusti è ingiusti, a fine di u presente mondu maleficu, chì serà sustituitu da u glorioso regnu di Diu.

A Bibbia dichjara chì u ghjudiziu hè un avvenimentu seriu per tutte e persone chì anu vissutu cum'è e parolle di Ghjesù facenu chjaru: «Ma ti dicu chì in u ghjornu di ghjudiziu, e persone anu da fà un cuntu di ogni parolla chì ùn utilizanu micca. avè. Da e vostre parolle sarete ghjustificate, è da e vostre parole sarete cundannatu » (Matteu 12,36: 37)

A parola greca per "ghjudiziu" usata in i passaggi di u Nuvellu Testamentu hè krisis, da a quale deriva a parolla "crisa". Krisis si riferisce à un mumentu è una situazione quandu una decisione hè presa per o contru à qualchissia. In questu sensu, una crisa hè un puntu in a vita di una persona o in u mondu. Krisis si riferisce specificamente à l'attività di Diu o di u Messia cum'è ghjudice di u mondu in u dettu cusì ghjudiziu ultimu o u ghjornu di ghjudiziu, o pudemu dì u principiu di u "ghjudiziu eternu".

Ghjesù hà riassuntu u futuru ghjudiziu di a sorte di i ghjusti è u male in quantu à a seguita: "Ùn siate micca stupiti per questa. Per l'ora venerà quandu tutti quelli chì sò in e tombe stanu à sente a so voce è esceranu chì anu fattu u bonu, a risurrezzione di a vita, ma chì anu fattu u male, a risurrezzione di ghjudiziu » (Ghjuvanni 5,28).

Ghjesù hà ancu descrittu a natura di l'Ultimu Ghjudiziu in forma simbolica cum'è a separazione di e pecure da i capri: "Ma quandu u Figliolu di l'omu vene in a so gloria, è tutti l'angeli cun ellu, si senterà nantu à u tronu di a so gloria, è tutte e nazioni sarà riunitu davanti à ellu. È li separarà l'un di l'altru cum'è un pastore separa e pecure da e capre, è mette e pecure in diritta è e capre à manca. » (Matteu 25,31: 33)

E pecure in a so manu diritta sò infurmati di a so benedizzione in e seguenti parole: "Venite quì, benedettu mio babbu, ereditate u regnu chì hè statu preparatu per voi da u principiu di u mondu!" (V. 34). I capri di a sinistra sò ancu infurmati di u so destinu: "Allora ancu dicerà à quelli di a sinistra: Fate di mè, maledetti, in u focu eternu chì hè preparatu per u diavulu è i so anghjuli!" (V. 41).

Stu scenariu di i dui gruppi dà a fiducia ghjusta è spinge i cattivi à un mumentu di una crisa unica: «U Signore sapi salvà u piu da a tentazione, ma di mantene l'inghjustizia per u ghjornu di ghjudiziu per punisce». (2 Petru 2,9)

Paulu parla ancu di stu doppiu ghjornu di ghjudiziu, chjamendu "u ghjornu di a còllera quandu u so ghjudiziu ghjustu serà rivelatu" (Rumani 2,5). Dice: «Diu, chì darà à tutti secondu e so opere: a vita eterna per quelli chì cù pacienza è e boni opere cercanu a gloria, l'onore è a vita immortale; Disgrazia è còllera, in ogni modu, à quelli chì sò cuntenti è disubbidiscenu a verità, ma ubbidiscenu l'inghjustizia » (Vv. 6-8).

Tali sezzioni bibliche definiscenu a duttrina di l'Eternu o Ultimu Ghjudiziu in termini semprici. Hè una situazione sia-sia; ci sò i redditi in Cristu è i malati unredeed chì sò persi. Un numeru di altre sezzioni in u Novu Testamentu si riferiscenu à questu
"Ultimu ghjudiziu" cum'è un tempu è situazione da chì nimu pò scappà. Forsi u megliu modu per uttene un gustu di questa futura futura hè di cità uni pochi sezzioni chì l'emmenu.

A lettera à l'ebbrei parla di ghjudiziu cum'è una situazione di crisa chì ogni persona avarà da affruntà. Quelli chì sò in Cristu, chì sò salvati da u so travagliu redentore, truveranu a so ricumpensa: «E cum'è l'omi sò destinati à mori una volta, ma dopu à quella ghjudiziu: cusì Cristu hè statu sacrificatu per caccià i peccati di parechji; per a seconda volta ùn parerà micca per via di u peccatu, ma à quelli chì l'aspittàghjanu a salvezza » (Ebrei 9,27: 28).

E persone chì sò salvate, chì sò state fatte solu da u so travagliu di redenzione, ùn anu micca bisognu di teme l'ultimu Ghjudiziu. Johannes assicura à i so lettori: "In questu amore hè perfettu cun noi, chì avemu cunfidenza in u ghjornu di ghjudiziu; perchè cum'ellu hè, cusì simu in stu mondu. U timore ùn hè micca in amore » (1 Ghjuvanni 4,17). Quelli chì appartenenu à Cristu riceveranu a so ricumpensa eterna. L 'impatriati soffreranu a so terribile sorte. "U celu chì sò avà è a terra sò salvati per u focu cù a listessa parolla, priservata per u ghjornu di ghjudiziu è a damnazione di e persone senza Diu". (2 Petru 3,7)

A nostra dichjarazione dice chì "in Cristu u Signore face prupurzione graziosa è ghjusta per tutti, cumpresi quelli chì apparentemente ùn anu micca cridutu in u Vangelu à a morte". Ùn simu micca dicendu cumu Diu face tale provvedimentu, eccu chì, qualunque sia, una tale prestazione hè pussibile per via di u travagliu di salvezza di Cristu, cum'è u casu cù quelli chì sò digià salvati.

Ghjesù stessu hà indicatu in parechji posti duranti u so travagliu terranu chì a cura di i morti micca evangelizati, chì anu a pussibilità di esse salvatu. Hà fattu cusì diciendu chì a pupulazione di alcune città antiche trovu un favore in tribunale in comparatione cù e cità di Judas induve hà pricatu:

"Vai à voi, Chorazin! Guai à voi, Betsaida! ... Ma Tire è Sidon seranu più tollerabuli in tribunale cà voi » (Luca 10,13-14). «U pòpulu di Ninive apparirà à l'ultima Ghjudiziu di stu generu è u cundannarà ... La regina di u Sud [chì hè ghjuntu à sente à Salomone] appariscerà à l'ultimu Ghjudiziu di stu sessu è u cundannarà». (Matteu 12,41: 42)

Eccu persone di città antiche - Tire, Sidon, Nineveh - chì ovviamente ùn anu avutu l'uppurtunità di sente l'evangelu o di cunnosce l'opera di salvezza di Cristu. Ma trovanu u ghjudiziu chì pò esse purtatu, è simpricimenti mandanu un messaghju malevule à quelli chì l'anu rifiutatu in questa vita solu stendu davanti à u so Redentore.

Ghjesù rende dinò a scusante dichjarazione chì l'antiche cità di Sodoma è Gomorra - pruverbi per qualsiasi immoralità grave - avissi a giudiziu più purtabile cà certe città in Ghjudea induve Ghjesù insegnò. Per mette in contesto quant’ella hè temeraria a dichjarazione di Ghjesù, videmu cum’è Ghjuda palesa u peccatu di queste duie città è e cunsequenze che anu avutu in a vita per i so atti:

«Per u ghjudiziu di u ghjornu grande, hà ancu tenutu l'anghjuli, chì ùn anu micca guardatu u so ranu celeste ma lasciatu a so abitazione, cù ligami eterni in u bughju. Cusì Sodoma è Gomorra è e cità circundante, chì, cum'è elle, anu fornitu è ​​perseguitatu altre carne, per esempiu, sò prese è soffrenu u turmentu di u focu eternu » (Ghjuda 6-7)

Ma Ghjesù dice di e cità in u futuru ghjudiziu. "In verità, vi dicu, a terra di Sodomer è Gomorrer serà più tollerabile in u ghjornu di ghjudiziu cà sta cità [vale à dì, e cità chì i discìpuli ùn anu micca accettatu]" (Matteu 10,15).

Dunque, questu puderà suggerisce chì l'avvenimenti di u Ultimu Ghjudiziu o Ghjudiziu Eterna ùn si cuncordanu micca perfettamente cù ciò chì parechji cristiani anu accettatu. U tardi riformulatu Teologu, Shirley C. Guthrie, suggerisce chì facemu bè per realignà u nostru pensamentu annantu à questu avvenimentu di crisa:

U primu pensamentu chì i cristiani anu quandu pensanu à a fine di a storia ùn deve micca esse spaventosa o vendicativa speculazione nantu à quale serà "in" o "cullà" o chì "serà fora" o "scenderà". Duverebbe esse u penseru gratificante è gioiosu chì pudemu affruntà u tempu cun fiducia quandu a vuluntà di u Creatore, Riconciliatore, Redentore è Restauratore prevalerà una volta per tutte - quandu a ghjustizia sopra l'inghjustizia, l'amore sopra l'odiu è l'avidità, a pace sopra l'inimicizia, l'umanità sopra l'umanità, u regnu di Diu trionferà nantu à i puteri di a bughjura. U Ghjudiziu Ultimu ùn vene micca contr'à u mondu, ma per u benefiziu di u mondu. Questa hè una bona nutizia micca solu per i cristiani, ma per tutte e persone!

In verità, questu hè ciò chì tratta di l'ultime cose, cumpresu l'Ultimu Ghjudiziu o Ghjudiziu Eternu: u trionfu di u Diu di l'amore nantu à tuttu ciò chì stà in u modu di a so grazia eterna. Dunque dice l'apòstulu Paulu: «Dopu a fine, quand'ellu trasmette u regnu à Diu u Babbu, dopu chì hà distruttu tutte e regule è tutte e putenze è viulenze. Perchè deve guvernà finu à chì Diu mette tutti i nemici sottu à i so pedi. L'ultimu nemicu à esse distruttu hè a morte » (1 Corintini 15,24: 26).

Quellu chì sarà in u Ultimu Ghjudice u ghjudice di quelli chì sò stati fatti solu da Cristu è quelli chì sò ancora peccatori ùn hè altru ch'è Ghjesù Cristu chì hà datu a so vita cum'è riscattu per tutti. "Per u babbu ùn ghjudicheghja nimu", disse Ghjesù, "ma rinvia tuttu u ghjudiziu à u figliolu." (Ghjuvanni 5,22).

Quellu chì ghjudica i ghjusti, micca evangelizatu è ancu u male è quellu chì hà datu a so vita per chì l'altri possinu vive per sempre. Ghjesù Cristu hà digià pigliatu ghjudiziu nantu à u peccatu è a peccatu. Questu ùn significa micca chì quelli chì rifiutanu Cristu ponu evità di soffre u destinu chì a so propria decisione li hà da nasce. Ciò chì l'imagine di u ghjudice misericordiosu, Ghjesù Cristu, ci dice hè chì vole chì tutte e persone anu a vita eterna - è chì l'offrirà à quelli chì mettinu a so fede in ellu.

Quelli chì sò chjamati in Cristu - chì sò stati "scelti" da l'elezzioni di Cristu - ponu affruntà ghjudiziu cun cunfidenza è gioia, sapendu chì a so salvezza hè sicura in ellu. Quelli chì ùn sò micca evangelizzati - quelli chì ùn anu micca avutu l'uppurtunità di sente u Vangelu è mette a so fede in Cristu - anu ancu trova chì u Signore hà messu a disposizione per elli. U ghjudiziu deve esse un tempu di gioia per tutti, cume userà in a gloria di u regnu eternu di Diu, induva ùn esisterà più ma bontà per tutta l'eternità.

di Paul Kroll

8 Shirley C. Guthrie, Dottrina Cristiana, Edizione Revisata (Westminster / John Knox Press: Lousville, Kentucky, 1994), p. 387.

Ogni cunciliazione

Ogni cunciliazione (L'universalisimu) dichjara chì tutte l'anime, sì l'ànimi di e persone, anghjuli o demoni, sò ultimamente salvate da a grazia di Diu. Certi seguitori di a teoria di a cunciliazione sustene chì u pentimentu in Diu è a credenza in Cristu Ghjesù ùn hè micca necessariu. Parechji seguitori di a duttrina di a cunciliazione neganu a duttrina Trinità, è assai di elle sò Unitarii.

In cuntrastu à a Tutte-Reconciliazione, a Bibbia parla di e "pecure" entrate in u regnu di Diu è di e "capre" entrate in a punizione eterna (Matteu 25,46). A grazia di Diu ùn ci obliga micca à esse docili. In Ghjesù Cristu, chì hè ellu sceltu di Diu per noi, tutta l'umanità hè scelta, ma questu ùn significa micca chì tutte e persone accettanu in fine u rigalu di Diu. Diu voli chì tutte e persone si pentanu, ma Ellu hà creatu è redimitu l'umanità per una vera cunvivialità cun ellu, è a vera comunità ùn pò mai esse una relazione forzata. A Bibbia dice chì alcune persone persisteranu in rifiutà a misericordia di Diu.


in pdfL'ultimu ghjudizio [giudiziu eternu]