Intendenza finanziaria

125 tutela finanziaria

A gestione finanziaria cristiana significa gestisce e risorse persunali in una manera chì riflette l'amore è a generosità di Diu. Questu include un impegnu di donà una parte di risorse finanziarii persunali à u travagliu di a Chjesa. A missione di Diu di a chjesa per pridicà l'evangelu è per pasce u gregnu hè purtatu da donazioni. Dà è dà riflette a reverenza, a fede, l'ubbidenza è l'amore di u credente per Diu, chì hè a fonte di salvezza è u donatore di tutte e cose boni. (1. Petru 4,10; 1. Corinti 9,1-14; 2. Corinti 9,6-11)

Povertà è generosità

In a seconda lettera di Paul à i Corinti, hà datu un'eccellente illustrazione di cumu u maravigliu rigalu di gioia tocca a vita di i credenti in modu praticu. "Ma noi vi facemu cunnosce, cari fratelli, a grazia di Diu chì hè stata data in e chjese di Macedonia" (2. Corinti 8,1).

Paulu ùn hà micca solu fà un rapportu minore - hà vulutu chì i fratelli è sorelle Corintu rispondevanu à a grazia di Diu in un modu simile à a chjesa in Salonicca. Ellu vulia dalli una risposta curretta è fructosa à a generosità di Diu.

Paulu nota chì i Macedoni avianu "assai angoscia" è eranu "assai poveri" - ma avianu ancu "gioia esuberante" (v. 2). A so gioia ùn hè micca venuta da un evangelu di salute è prosperità. A so grande gioia ùn hè micca venuta da avè assai soldi è beni, ma malgradu u fattu chì avianu assai pocu!

A so reazione mostra qualcosa "da l'altru mondu", qualcosa di sopranaturale, qualcosa cumpletamente al di là di u mondu naturale di l'umanità egoista, qualcosa chì ùn pò esse spiegatu da i valori di stu mondu: "Per a so gioia era esuberante quandu era stata pruvata da assai angoscia è ancu se sò assai poveri, anu datu assai in tutta simplicità »(v. 2).

Hè stupendu! Unisce miseria è gioia è chì avete? Abbundante rigalu! Questa ùn era micca a so percentuale di dà. "Per u megliu di e so capacità, testimunieghju, è anu datu cun vuluntà ancu al di là di e so forze" (v. 3). Anu datu più di ciò chì era "ragiunevule". Anu datu sacrifiziale.

Ebbè, cum'è s'ellu ùn bastessi "è ci anu dumandatu cun grande persuasione ch'elli ponu aiutà à a benevolenza è a cumunione di serviziu à i santi" (v. 4). In a so miseria, anu dumandatu à Paul una occasione di dà più di ciò chì hè ragiunevule!

Hè cusì chì a grazia di Diu hà travagliatu in i credenti in Macedònia. Hè statu un testimone di a so grande cridenza in Ghjesù Cristu. Era una testimonianza di u so amore spirituale impetu per l'altri persone - una testimonianza chì Paulu vulia chì i Corinzi sapessinu è imitanu. È hè ancu qualcosa per noi oghje se pudemu permette à u Spìritu Santu di travaglià liberamente in noi.

Prima à u Signore

Perchè i Macedoni anu fattu qualcosa chì era "fora di stu mondu"? Paul dice: "... ma si sò dati, prima à u Signore è dopu à noi, secondu a vulintà di Diu" (v. 5). L'anu fatta à u serviziu di u Signore. U so sacrifiziu era prima per u Signore. Hè stata un'opera di grazia da l'opera di Diu in a so vita è anu scupertu chì eranu felici di fà la. Rispundendu, cunnuscendu, credendu è agendu à u Spìritu Santu in elli, perchè a vita ùn hè micca misurata da l'abbundanza di cose materiali.

Se continuemu à leghje in stu capitulu, vedemu chì Pàulu vulia chì i Corinzi fessinu listessa: «Cusì avemu persuasu Tittu chì, cum'ellu avia cuminciatu prima, avaria ancu fattu pienu stu benefiziu trà voi. Ma cum'è sì riccu in tutte e cose, in a fede è in a parolla è in a cunniscenza è in tuttu u zelu è l'amore chì avemu svegliatu in voi, cusì date ancu abbundantemente in questa bona azzione "(vv. 6-7).

I Corinzi si vantavanu di a so ricchezza spirituale. Hanu avutu assai da dà, ma ùn li dete micca! Paulu li vulia chì eccessinu in generosità perchè questu hè una espressione di l'amore divinu, è l'amore hè a cosa più impurtante.

Eppuru Paul sà chì ùn importa quantu una persona pò dà, ùn hè micca utile à a persona se l'attitudine hè risentita piuttostu cà generosa (1. Corinti 13,3). Cusì, ùn vole micca intimidà i Corinthians per dà à rigalu, ma vole esercite un pocu di pressione perchè i Corinthians ùn si cumportanu micca cum'è s'aspittava, è anu da esse dettu chì era u casu. "Ùn dicu micca cum'è un ordine; ma perchè l'altri sò cusì zelosi, verificate ancu u vostru amore per vede s'ellu hè di u tippu ghjustu
pò esse "(2. Corinti 8,8).

Ghjesù, u nostru pacemaker

U veru cleru ùn si trova micca in e cose chì i Corinzi si vantavanu - hè misuratu da u standard perfettu di Ghjesù Cristu chì hà datu a so vita per tutti. Dunque Paulu presenta l'attitudine di Ghjesù Cristu cum'è prova teologica di a generosità ch'ellu vulia vede in a chjesa di Corintu: «Perchè sapete a gràzia di u nostru Signore Ghjesù Cristu: ancu s'ellu hè riccu, hè diventatu poveru per via di voi, cusì chì puderete attraversà a so miseria diventerebbe ricca »(v. 9).

E più ricchezza chì riferisce Paulu ùn sò micca ricchezze fisiche. I nostri tesori sò infinitamente più grande cà i tesori fisici. Sò in celu, riservatu per noi. Ma ancu ora, se permettemu à u Spìritu Santu di travaglià in noi, pudemu digià ottene un pocu gustu di quelle ricchezze eterne.

Avà, i persone fideli di Diu stanu attraversu prucessi, ancu a miseria - è ancu, perchè Ghjesù vive in noi, pudemu esse riccu in generosità. Pudemu excelà in dà. Pudemu

vai al di là di u minimu perchè ancu oghje a nostra gioia in Cristu pò sopravvive per aiutà l'altri.

Si pò dì assai di l'esempiu di Ghjesù, chì hà spessu parlatu di l'usu currettu di a ricchezza. In questa sezione Paul a riassume com'è "miseria". Ghjesù era prontu à fà lu stessu poveru per u nostru usu. Se u seguitamu, simu chjamati à rinunzià e cose di stu mondu, à campà secondu altri valori è à serve lu servendu à l'altri.

Alegria è generosità

Paulu hà cuntinuatu l'appellu à i Curintini: "È in questu esprimu a mo opinione; perchè hè utile per voi chì avete principiatu l'annu scorsu micca solu per fà, ma ancu per vulè. Ma avà fate ancu questu per chì, cum'è site inclinatu à vulè, siate ancu inclinatu à fà secondu a misura di ciò chì avete "(vv. 10-11).

"Perchè quandu a bona vuluntà ci hè" - quandu ci hè una attitudine di generosità - "allora hè benvenutu secondu ciò chì omu hà, micca secondu ciò ch'ellu ùn hà" (v. 12). Paulu ùn hà micca dumandatu chì i Curinzi dinu quant'è i Macedoni. I Macedoni avianu dighjà datu a so prupietà; Paulu hà dumandatu solu à i Corinzi di dà secondu e so capacità - ma u principale hè chì vulia chì a generosa donazione sia voluntaria.

Paulu cuntinueghja cù qualchi ammonizioni in u capitulu 9: «Perchè sò di a vostra bona vuluntà, chì ti lode in voi cun quelli di Macedonia, quandu dicu: L'Achaia era pronta l'annu scorsu! È u vostru esempiu hà spurtatu a maiò parte di elli »(v. 2).

Cume Paulu hà utilizatu l'esempiu macedone per spurtà i Corinzi à a generosità, prima avia utilizatu i Corinziori per sprimà i Macedoni, apparentemente cun grande successu. I macedoni eranu cusì generosi chì Paulu hà rializatu chì i Corinzi puderanu fà assai di più chè avianu fattu. Ma s'hè vardatu in Macedònia chì i Corinzi eranu generosi. Avà vulia chì i Corinzi finissinu. Ellu voli ammonisce di novu. Ellu voli mette qualchì pressione, ma vole chì a vittima sia data voluntariamente.

"Ma aghju mandatu i fratelli per chì e nostre lode nantu à tè in questu ghjocu ùn sianu micca arruinati, è per esse preparatu, cum'è aghju dettu di voi, chì sì quelli di Macedonia venenu cun mè è ùn vi trovanu micca preparati, noi per ùn dì: sarete messi in vergogna cù sta nostra cunfidenza. Allora aghju cunsideratu chì hè necessariu esortà i fratelli à vene avanti per preparà u donu di benedizione chì avete annunziatu in anticipu per ch'ellu sia prontu cum'è un donu di benedizione è micca di avarice »(v. 3-5 ).

Dopu seguita un versu chì avemu intesu parechje volte. «Tutti, cum'ellu hà previstu in u so core, micca cun riluttanza o per forza; perchè Diu ama un felice chì dà "(v. 7). Questa felicità ùn significa micca esuberanza o risata - significa chì gudemu di sparte i nostri beni cù l'altri perchè Cristu hè in noi. Dà ci face sente bè.
L'amore è a grazia travaglianu in i nostri cori di manera chì una vita di dà à pocu à pocu diventa una gioia più grande per noi.

A più grande benedizione

In questa sezione Paul parla ancu di ricumpense. Se demu liberamente è generosamente, allora Diu ci darà ancu noi. Paulu ùn esita micca à ramintà à i Curintini ciò chì seguita: "Ma Diu pò fà chì tutta a gràzia sia abbundante in mezu à voi, affinchè possiate sempre avè a piena soddisfazione in tutte e cose è esse sempre ricchi per ogni bonu travagliu" (v. 8) .

Paulu prumette chì Diu serà generosu per noi. A volte Diu ci dà cose materiali, ma ùn hè micca ciò chì Paul parla quì. Parla di grazia - micca di grazia di u perdonu (ricevemu sta grazia maravigliosa per mezu di a fede in Cristu, micca di opere di generosità) - Paulu parla di parechji altri tipi di grazia chì Diu pò dà.

Se Diu dà grazia addiziale à e chjese in Macedonia, avarianu menu soldi chè prima - ma tante più gioie! Qualchese persona sensibile, se avianu sceltu, averebbe piuttostu a miseria cun gioia chè a ricchezza senza gioia. A gioia hè a più benedizione, è Diu ci dà a più benedizzione. Certi cristiani vi puru uttene dui - ma anu ancu a rispunsabilità di utilizà tutti dui per serve l'altri.

Dopu Paul cita: Di chì tippu di rigali parla? «A so ghjustizia dura per sempre». U donu di a ghjustizia suprana à tutti. U donu di esse ghjustu in vista di Diu - questu hè u donu chì dura per sempre.

Diu riceve un core generoso

"Quellu chì dà sumente è pane per manghjà à u suminadore vi darà ancu a semente, a multiplicerà è farà cresce i frutti di a vostra ghjustizia" (v. 10). Questa ultima frase nantu à a racolta di a ghjustìzia ci mostra chì Paul usa l'imaghjini. Ùn prumette micca sementi litterali, ma dice chì Diu premia a ghjente generosa. Li dà ch'elli ponu dà di più.

Dà più à a persona chì usa i rigali di Diu per serve. Certe volte torna u listessu modu, u granu per u granu, u soldi per i soldi, ma micca sempre. Certe volte ci benedica cù gioia incomincibile in ritornu di dà sacrificali. Da sempre u megliu.

Paulu hà dettu chì i Corinzi averianu tuttu ciò ch'elli avianu bisognu. Per chì scopu? Cusì sò «ricchi di ogni travagliu bè». U dice u stessu in u versu 12: "Perchè u serviziu di sta cullezzione ùn solu ùn ferma micca a penuria di i santi, funziona ancu exuberante in u fattu chì assai ringrazianu a Diu". I rigali di Diu venenu cù cundizioni, pudemu dì. Avemu da usarli, ùn l'ametti micca in un armariu.

Quelli chì sò ricchi devenu esse ricchi in boni opere. "Cumanda à i ricchi in stu mondu per ùn esse orgogliosi, nè per sperà in una ricchezza incerta, ma per Diu, chì ci offre tuttu in abbundanza per gudiri; ch'elli facenu u bè, s'arricchiscenu di boni opere, piacenu à dà, esse utili »(1. Timoteu 6,17-18u).

A vita reale

Chì hè a ricumpensa per un cumpurtamentu cusì insolitu, per e persone chì ùn sò micca attaccate à a ricchezza cum'è qualcosa da tene, ma chì a danu voluntariamente? "In questu modu coglienu un tesoru cum'è una bona ragione per l'avvene, affinch'elli possinu piglià a vita vera" (v. 19). Quandu avemu fiducia in Diu, pigliemu a vita chì hè a vita vera.

Amici, a fede ùn hè micca una vita faciule. U novu pattu ùn ci prumette micca una vita còmode. Offre infinitamente più di un milione. Un benefiziu per i nostri investimenti - ma pò include alcune vittime significative in questa vita temporaria.

È ancu ci sò grandi ricumpense ancu in sta vita. Diu dà una grazia abbundante in u modu (è in a so saviezza infinita) chì sà chì hè megliu per noi. Pudemu cunfidallu in a nostra vita in e nostre prove è benedizioni. Pudemu cunfidallu cun tutte e cose, è quandu femu a nostra vita diventerà un testimone di fede.

Diu ci ama tantu chì hà mandatu à u Figliolu a morire per noi, ancu quandu eravamo peccatori è nemici. Dapoi Diu hà digià dimustratu tali amore, pudemu cunfidassi in ellu per piglià a cura di noi, per u nostru bonu tempu à longu tempu, ora chì simu i so figlioli è amici. Ùn avemu micca bisognu di preoccupassi di fà "i nostri" soldi.

Collezione di ringraziu

Riturnemu à 2. Corinti 9 è nota ciò chì Paul insegna à i Corinti nantu à a so generosità finanziaria è materiale. "In questu modu sarete riccu in tutte e cose, per dà in tutta a simplicità chì travaglia per noi. Ringraziamentu à Diu. Per u serviziu di sta riunione ùn solu rimedià a carenza di i santi, ma ancu travaglia profusamente in u fattu chì parechji ringrazianu à Diu » (vv. 11-12).

Paulu li ricorda à i Corinzi chì a so generosità ùn hè micca solu un sforzu umanitariu - hà risultati teologichi. A ghjente ringraziallu Diu per questu perchè capiscenu chì Diu travaglia attraversu e persone. Diu u mette nantu à quelli chì danu per dà di cori. Questu hè cumu u travagliu di Diu hè fattu.

"Perchè ghjè per stu serviziu fidu chì lodanu à Diu per a vostra ubbidienza à a cunfessione di u Vangelu di Cristu è per a simplicità di a vostra cumunione cun elli è tutti" (v. 13). Ci hè parechji punti notevuli nantu à questu puntu. Prima, i Corinzi anu sappiutu dimustrà per i so atti. Anu dimustratu in e so azzioni chì a so fede era vera. Siconda, a generosità porta micca solu ringraziamenti, ma ancu ringraziamentu [lode] à Diu. Hè un modu di cultu. Terzu, accettà u Vangelu di grazia richiede ancu una certa quantità di ubbidienza, è chì ubbidienza implica a spartera di risorse fisiche.

Dendu per u Vangelu

Pàulu hà scrittu annantu à dà generosamente in cunnessione cù i sforzi per allevà a fame. Ma u listessu principiu s'applica à e cullezzione finanziarie chì avemu oghje in a Chiesa per sustene u vangelu è u ministeru di a Chiesa. Continuemu à sustene un travagliu impurtante. Permette à i travagliadori chì predicanu l'evangelu di guadagnà a vita da u megliu cum'è noi.

Diu ancu premia a generosità. Ancora prumessa tesori in celu è gioie eterne. U vangelu era sempre à fà e dumande per e nostre finanze. A nostra attitudine à i soldi riflette sempre a nostra credenza in ciò chì Diu face ora è per sempre. A ghjente ancora ringraziarà è elogiarà à Diu pè i sacrifizii chì facemu oghje.

Ricevemu benedizioni da i soldi chì dannemu à a chjesa - e donazioni ci aiutanu à pagà l'affittu per una sala di riunioni, per a cura pastorale, per e publicazioni. Ma e nostre donazioni aiutanu ancu à furnisce literatura per l'altri, per furnisce un locu induve a ghjente pò cunnosce una cumunità di credenti chì amanu i peccatori; per pagà un gruppu di credenti chì creanu è mantenenu un clima in quale i visitori novi ponu esse spiegati nantu à a salvezza.

Ùn cunniscite (ancu) queste persone, ma vi saranu grati - o almenu ringraziate Diu per i vostri sacrifici vivi. Hè veramente un travagliu impurtante. A cosa più impurtante chì pudemu fà in questa vita dopu avè accettatu Cristu cum'è u nostru Salvatore hè di aiutà à fà cresce u regnu di Diu, di fà una differenza lascendu à Diu travaglià in a nostra vita.

Vogliu cuncludi cù e parolle di Paulu in i versi 14-15: «È in a so preghiera per tè vogliu aspittà per voi da a grazia esuberante di Diu cun voi. Ma ringraziate à Diu per u so rigalu indiscutibile! »

Ghjiseppu Tkach


in pdfIntendenza finanziaria