A salvezza

117 a salvezza

A salvezza hè a ristaurazione di a cumunione di l'omu cun Diu è a redenzione di tutta a creazione da a servitù di u peccatu è di a morte. Diu dà a salvezza micca solu per a vita presente, ma per l'eternità à ogni persona chì accetta à Ghjesù Cristu cum'è Signore è Salvatore. A salvezza hè un donu di Diu resu pussibule da a grazia, datu in base à a fede in Ghjesù Cristu, micca meritatu da benefici persunali o da bone opere. (Efesini 2,4: 10-1; 1,9 Curintini 8,21: 23; Rumani 6,18.22: 23;)

Salvazione - un'operazione di salvezza!

A salvezza, a redenzione hè una operazione di salvata. Per avvicinà u cuncettu di "salvezza" duvemu cunnosce trè cose: quale era u prublema; ciò chì Diu n'hà fattu; è cumu duvemu reagisce à questu.

Chì omu hè

Quandu Diu hà fattu l'omu, u creò "à a so maghjina" è chjamò a so creazione "assai bona" (Ghjenesi 1: 1,26-27 è 31). L'omu era una criatura maravigliosa: fatta di polvera, ma animata da u soffiu di Diu (Genesi 1:2,7)

A "maghjina di Diu" include probabilmente intelligenza, creatività è putere nantu à a creazione. È dinò a capacità di entre in relazioni è di piglià decisioni murali. In certi modi simu cum'è Diu stessu.Perchè Diu hà in riserva qualcosa di assai particulare per noi, i so figlioli.

U libru di Mosè ci dice chì e prime persone anu fattu qualcosa chì Diu li hà pruibitu di fà (Leviticu 1: 3,1-13). A so disubbidienza hà fattu vede chì ùn anu micca fiducia in Diu; è era una violazione di a so fiducia in ella. L'incredulità avia annerbitu a relazione è ùn avia fattu ghjustizia à ciò chì Diu vulia per elli. Di conseguenza, anu persu una parte di a so somiglianza à Diu. U risultatu, Diu hà dettu, seria lotta, dulore è morte (Vv. 16-19). S'elli ùn vulianu micca seguità l'istruzzioni di u Creatore, avianu da passà per a valle di e lacrime.

L'omu hè nobile è malignu in listessu tempu. Pudemu avè ideali alti è esse sempre barbari. Simu divini è ancu impii à u listessu tempu. Ùn simu più «in u spiritu di l'invintore». Ancu se avemu "corromputu" noi stessi, Diu hà sempre cunsideratu chì simu à l'immagine di Diu (Genesi 1:9,6) U putenziale di diventà divinu hè sempre quì. Hè per quessa chì Diu vole salvà ci, hè per quessa ch'ellu ci vole à riscattà è ristabilisce a relazione ch'ellu avia cun noi.

Diu vole dà una vita eterna, libera da u dulore, una vita in bona cundizione cun Diu è trà di noi. Vole chì a nostra intelligenza, creatività è putenza sia aduprata per u bè. Ellu vole chì simu cum'è ellu, chì simu ancu megliu chè e prime persone. Hè a salvezza.

U core di u pianu

Cusì avemu bisognu di salvamentu. È Diu ci hà salvatu - ma in un modu chì nimu ùn averia pussutu aspettà. U Figliolu di Diu hè diventatu omu, hà campatu una vita senza peccatu, è l'emu tombu. È questu - dice Diu - hè a salvezza chì avemu bisognu. Chì irunia! Simu salvati da una vittima. U nostru Creatore hè diventatu carne per pudè serve di sustitutu per u nostru peccatu. Diu u hà risuscitatu è per mezu di Ghjesù hà prumessu di guidà ci ancu à a risurrezzione.

A morte è a risurrezzione di Ghjesù riprisentanu a morte è a risurrezzione di l'umanità sana è li rendenu pussibili in primu locu. A so morte hè ciò chì meritanu i nostri fiaschi è i nostri sbagli, è cum'è u nostru Creatore, hà rimessu tutti i nostri sbagli. Ancu s'ellu ùn meritava micca a morte, l'hà pigliatu cun vuluntà nantu à ellu in u nostru postu.

Ghjesù Cristu hè mortu per noi, è per noi hè statu ancu risuscitatu (Rumani 4,25). I nostri vechji sè sò morti cun ellu, è cun ellu una nova persona hè stata risuscitata (Rumani 6,3-4). Cù un sacrifiziu unicu servì a cundanna per i peccati di "u mondu sanu" (1 Ghjuvanni 2,2). U pagamentu hè dighjà fattu; a quistione avà hè cumu ne prufiteremu. A nostra participazione à u pianu hè attraversu u pentimentu è a fede.

contrition

Ghjesù hè venutu à chjamà a ghjente à u pentimentu (Luke 5,32); (In Luteru, "pentimentu" si traduce per u più cum'è "pentimentu"). Petru hà dumandatu u pentimentu è a cunversione à Diu per u perdonu (Atti 2,38; 3,19) Paulu hà urdinatu à e persone di "pentite à Diu" (Atti 20,21, Bibbia Elberfeld). U pentimentu significa: vultà si da u peccatu, vultà si versu Diu. Paulu hà annunziatu à l'Atenesi chì Diu trascura l'idolatria in ignoranza, ma avà "Ellu cumanda à l'omi chì tutti si pentinu di tutti i fini" (Atti 17,30). Dite: Duvete abbandunà l'idolatria.

Paulu teme chì alcuni cristiani di u Corintu ùn si pentinu di i so peccati di fornicazione (2 Corinzi 12,21). Per queste persone, u pentimentu significava a vuluntà di rinuncià à a fornicazione. Sicondu Paulu, l'omu duverebbe "fà opere ghjuste di penitenza", vale à dì, dimustrà l'autenticità di u so pentimentu cù l'atti (Atti 26,20). Cambiamu a nostra attitudine è u nostru cumpurtamentu.

U fundamentu di u nostru insignamentu hè "vultà da l'opere morte" (Ebrei 6,1). Ciò ùn significa micca perfezione da u principiu - u cristianu ùn hè micca perfettu (1Joh1,8). U pentimentu ùn significa micca chì avemu dighjà righjuntu u nostru scopu, ma chì cuminciamu à andà in a direzione ghjusta.

Ùn campemu più per noi stessi, ma per u Salvatore Cristu (2 Curintini 5,15:1; 6,20 Curintini). Pàulu ci dice: "Cum'è vo avete datu i vostri membri à u serviziu di a impurezza è di l'inghjustizia per sempre una nova inghjustizia, cusì avà date à i vostri membri u serviziu di a ghjustizia, affinch'elli sianu diventati santi" (Rumani 6,19).

A credenza

Basta à chjamà a ghjente à u pentimentu ùn li salva micca da a so falabilità. E persone sò state chjamate à l'ubbidienza dapoi migliaia d'anni, ma anu sempre bisognu di salvezza. Un secondu elementu hè necessariu è hè a credenza. U Novu Testamentu dice assai di più nantu à a fede chè nantu à u pentimentu (Repentenza) - e parolle per a fede sò più di ottu volte più cumuni.

Quellu chì crede in Ghjesù serà pardunatu (Atti 10,43). "Cridite in u Signore Ghjesù è voi è a vostra casa sarete salvati!" (Atti 16,31.) U Vangelu "hè una putenza di Diu chì salva tutti quelli chì ci credenu" (Rumani 1,16). I cristiani sò cugnumati credenti, micca pentitori. A caratteristica decisiva hè a credenza.

Chì vole dì "crede" - l'accettazione di certi fatti? A parolla greca pò significà stu tipu di credenza, ma per a maiò parte hà u significatu principale "fiducia". Quandu Pàulu ci chjama à crede in Cristu, ùn si riferisce micca principalmente à u fattu. (Ancu u diavulu cunnosce i fatti di Ghjesù, ma ùn hè ancu salvatu.)

Quandu avemu cridutu in Ghjesù Cristu, avemu fiducia in ellu. Sapemu chì hè fidelu è fiduciale. Pudemu cuntà cun ellu per piglià cura di noi, per dà ci ciò ch'ellu prumette. Pudemu cunfidassi chì ellu ci salverà da i peghju prublemi di l'umanità. Quandu ci appughjemu nantu à ellu per a salvezza, ammettemu chì avemu bisognu d'aiutu è ch'ellu ci pò dà.

A fede cum'è tale ùn ci salva - deve esse fede in ellu, micca in qualcosa d'altru. Ci cunfidemu è ellu ci salva. Quandu avemu fiducia in Cristu, smettemu di fiducia in noi stessi. Mentre ci sforzemu di comportassi bè, ùn credemu micca chì i nostri sforzi ci salveranu («Striving endeavour» ùn hà mai fattu nimu perfettu). D'altra parte, ùn disperemu micca quandu i nostri sforzi fiascanu. Speremu chì Ghjesù ci porterà a salvezza, micca chì travagliemu per noi stessi. Pariamu per ellu, micca per u nostru successu o fallimentu.

A fede hè a forza motrice di u pentimentu. Quandu avemu a fiducia in Ghjesù cum'è u nostru Salvadore; quandu avemu capitu chì Diu ci ama tantu ch'ellu hà mandatu u so Figliolu à more per noi; quandu sapemu ch'ellu vole u megliu per noi - ci dà a vuluntà di campà per ellu è di piacelu. Facemu una decisione: rinuncemu à a vita senza sensu è frustrante chì avemu guidatu è accettemu u significatu, a direzzione è l'orientazione data da Diu in a vita.

Credenza - questu hè u cambiamentu interiore impurtante. A nostra fede "funziona" nunda per noi è ancu ùn aghjunghje nunda à ciò chì Ghjesù "hà travagliatu" per noi. A fede hè solu una vuluntà di risponde, di reagisce à ciò chì avete fattu. Simu cum'è schiavi chì travaglianu in una fossa di argilla, schiavi à i quali Cristu proclama: "Ti aghju riscattatu". Semu liberi di stà in a fossa di argilla o fiducia in ella è lascià a fossa di argilla. A redenzione hè stata fatta; tocca à noi di accettalli è d'agisce di conseguenza.

Grazia

A salvezza hè un rigalu di Diu in u sensu litterale di a parolla: Diu ci dà per mezu di a so grazia, per mezu di a so generosità. Ùn pudemu micca meritallu, ùn importa ciò chì femu. "Perchè per grazia site statu salvatu per via di a fede, è micca da voi stessi: hè u donu di Diu, micca da l'opere, affinchì nimu si vanti" (Efesini 2,8-9). A fede hè ancu un rigalu di Diu. Ancu se ubbidemu perfettamente da quellu mumentu in avanti, ùn meritemu micca una ricumpensa (Luca 17,10).

Semu fatti per boni travagli (Efesini 2,10), ma e bone opere ùn ci ponu micca salvà. Seguitanu a realizazione di a salvezza, ma ùn ponu micca realizallu. Cum'è Paul dice: Se unu puderia ghjunghje à a salvezza mantenendu e leggi, Cristu sarebbe mortu in vain (Galatini 2,21). A Grazia ùn ci dà micca licenza per u peccatu, ma ci hè data mentre simu sempre in peccatu (Rumani 6,15:1; 1,9 Ghjuvanni). Quandu femu boni travaglii, duvemu ringrazià à Diu, perchè li face in noi (Galati 2,20:2,13; Filippini).

Diu "ci hà salvatu è ci hà chjamatu cù una santa chjamata, micca secondu e nostre opere ma secondu u so cunsigliu è grazia" (2Tim1,9). Diu "ci hà salvatu - micca per via di l'opere di ghjustizia chì aviamu fattu, ma per via di a so misericordia" (Titulu 3,5).

A Grazia hè à u core di u Vangelu: uttenimu a salvezza cum'è un rigalu da Diu, micca per mezu di e nostre opere. U Vangelu hè "a parolla di a so grazia" (Atti 14,3; 20,24) Criemu chì "per a gràzia di u Signore Ghjesù seremu salvati" (Atti 15,11). Simu "diventati ghjusti senza meritu per a so grazia per via di a redenzione chì hè venuta per mezu di Cristu Ghjesù" (Rumani 3,24). Senza a grazia di Diu sariamu impotenti à a misericordia di u peccatu è di a cundanna.

A nostra salvezza stà o cade cù ciò chì Cristu hà fattu. Hè u Salvadore, quellu chì ci salva. Ùn pudemu micca vantà di a nostra ubbidienza perchè hè sempre imperfetta. L'unicu ciò chì pudemu esse fieri hè ciò chì Cristu hà fattu (2 Curintini 10,17: 18) - è l'hà fattu per tutti, micca solu per noi.

justificazzioni

In a Bibbia, a salvezza hè discritta in parechji termini: riscattu, redenzione, perdonu, riconciliazione, figliulanza, ghjustificazione, ecc. U mutivu: a ghjente vede i so prublemi in luce diversa. Cristu offre purificazione à quelli chì si sentenu brutti. Offre u riscattu à quelli chì si sentenu schiavi; quellu chì si sente culpevule, dà u perdonu.

Offre riconciliazione è amicizia à quelli chì si sentenu alienati è trascurati. Chiunque si sente senza valore riceve un novu, sicuru sentimentu di valore. Offre a salvezza cum'è zitellina è eredità à quelli chì ùn sentenu micca appartene à nimu. Dà significatu è scopu à quelli chì si sentenu senza scopu. Offre riposu à i stanchi. Dà pace à i spaventosi. Tuttu què hè salvezza è ancu di più.

Andemu à guardà da vicinu un termine unicu: ghjustificazione. A parolla greca vene da u campu ghjuridicu. U ghjustificatu hè dichjaratu "micca culpèvule". Hè esoneratu, riabilitatu, assoltu. Quandu Diu ci ghjustifica, dichjara chì i nostri peccati ùn sò più imputabili per noi. U contu di debitu hè statu pagatu.

Quandu accettemu chì Ghjesù hè mortu per noi, quandu ricunnosce chì avemu bisognu di un Salvatore, quandu ricunnosce chì u nostru peccatu merita una punizione è chì Ghjesù hà purtatu a pena per noi, allora avemu fede è Diu ci dà assicuranze chì simu perdonati.

Nuddu pò esse ghjustificatu - dichjaratu ghjustu - da "opere di a lege" (Rumani 3,20) perchè a lege ùn salva. Hè solu un standard chì ùn campemu micca; Nimu ùn stà à l'altezza di stu standard (V. 23). Diu u face ghjustu, "quellu chì hè da a fede in Ghjesù" (V. 26). L'omu diventa ghjustu "senza l'opere di a lege, solu per fede" (V. 28).

Per illustrà u principiu di "ghjustificazione per fede", Paulu cita à Abràhamu: "Abràhamu hà cridutu à Diu è questu hè statu cunsideratu cum'è ghjustizia per ellu" (Rumani 4,3: 1, una cita di Genesi 15,6). Perchè Abràhamu hà fidatu in Diu, Diu l'hà cunsideratu ghjustu. Moltu prima chì u codice di dirittu fussi statu elaboratu, era una prova chì a ghjustificazione hè un donu di Diu ricevutu da a fede, micca guadagnatu mantenendu a legge.

A ghjustificazione hè più cà u perdonu, hè più cà sbulicà u contu di u debitu. A ghjustificazione significa: da avà in avanti simu cunsiderati ghjusti, stemu quì cum'è qualchissia chì hà fattu qualcosa bè. A nostra ghjustizia ùn vene micca da e nostre opere, ma da Cristu (1 Corinzi 1,30). Paulu scrive chì per via di l'ubbidienza di Cristu, u credente hè ghjustu (Rumani 5,19).

Ancu i "gattivi" averanu a so "fede cuntata cum'è ghjustizia" (Rumani 4,5). Un peccatore chì fideghja in Diu hè ghjustu in l'ochji di Diu (è serà dunque accettatu à u Ghjudiziu Ultimu). Quellu chì fideghja in Diu ùn vulerà più esse impiu, ma questu hè una cunsequenza, micca una causa di u successu di a salvezza. Paulu a sà è sottolinea sempre è più chì "l'omu ùn hè micca ghjustu per via di l'opere di a lege, ma per via di a fede in Ghjesù Cristu" (Galatini 2,16).

Un novu principiu

Alcune persone credenu in un mumentu. Qualcosa clicca in u so cervellu, una luce accende, è prufessanu à Ghjesù cum'è u so Salvatore. Altri venenu à crede in un modu più graduale, lentamente capendu chì ùn vanu micca à a salvezza custruisce (di più) nantu à sè stessu, ma nantu à Cristu.

In ogni casu, a Bibbia a descrive cum'è una nova nascita. Se avemu a fede in Cristu, simu nati di novu cum'è figlioli di Diu (Ghjuvanni 1,12: 13-3,26; Galati 1:5,1; Ghjuvanni). U Spìritu Santu cumencia à campà in noi (Ghjuvanni 14,17), è Diu mette un novu ciculu di creazione in muvimentu in noi (2 Curinzî 5,17:6,15; Galati). U vechju me more, una persona nova cummencia à cresce (Efesini 4,22-24) - Diu ci trasforma.

In Ghjesù Cristu - è in noi se credemu in ellu - Diu annulla e cunsequenze di u peccatu di l'umanità. Cù u travagliu di u Spìritu Santu in noi, una nova umanità hè furmata. A Bibbia ùn ci dice micca cumu succede; ci dice solu chì accade. U prucessu principia in questa vita è si compie in a prossima.

U scopu hè per noi di diventà più cum'è Ghjesù Cristu. Hè l'imaghjina perfetta di Diu (2 Curintini 4,4: 1,15; Colossesi 1,3; Ebrei) è duvemu esse cambiatu in a so sumiglia (2 Curintini 3,18:4,19; Gal 4,13; Efesini 3,10; Colossenses). Avemu da diventà cum'è ellu in spiritu - in amore, gioia, pace, umiltà è altri attributi di Diu. Eccu ciò chì u Spìritu Santu face in noi. Rinnovi a maghjina di Diu.

A salvezza hè ancu qualificata di riconciliazione - a ristaurazione di a nostra relazione cù Diu (Rumani 5,10: 11-2; 5,18 Curintini 21: 2,16-1,20; Efesini 22; Colossesi). Ùn resistemu più nè ignuremu à Diu - u tenimu caru. Da nemichi simu amici. Ié, à più di l'amichi - Diu dice ch'ellu ci accetta cum'è i so figlioli (Rumani 8,15; Efesini 1,5). Facemu parte di a so famiglia, cù diritti, responsabilità, è una gloria eredità (Rumani 8,16: 17-3,29; Galati 1,18:1,12; Efesini; Colossesi).

À a fine ùn ci serà più dulore o suffrenza (Revelazione 21,4), chì significa chì nimu farà più sbagli. U peccatu ùn serà più è a morte ùn serà più (1 Corinzi 15,26). Questu scopu pò esse luntanu quandu cunsideremu u nostru statu attuale, ma u viaghju principia cù un passu - u passu di accettà à Ghjesù Cristu cum'è Salvatore. Cristu compierà u travagliu ch'ellu principia in noi (Filippini 1,6).

E dopu diventeremu ancu più cristiani (1 Corintini 15,49:1; 3,2 Ghjuvanni). Immurtale, immurtale, gluriosu è senza peccatu seremu. U nostru spiritu-corpu averà puteri sopranaturali. Avaremu una vitalità, intelligenza, creatività, forza è amore chì ùn pudemu micca avà sunnià. L'imaghjina di Diu, una volta maculata da u peccatu, brillerà cù una brillantezza più grande chì mai.

Michael Morrison


in pdfA salvezza