Credenze storiche

135 credu

Un credu (Credo, da u latinu "Credu") hè una formulazione sintetica di credenze. Vole enumerà verità impurtanti, chiarisce dichjarazioni duttrinali, separà a verità da l'errore. Hè di solitu scrittu in tale manera chì pò esse facilmente memorizatu. Una quantità di passaggi in a Bibbia anu u caratteru di credi. Cusì Ghjesù adopra u schema, basatu annantu à Deuteronomiu 5: 6,4-9, cum'è un credu. Paulu face dichjarazioni simplici, cum'è credo, in 1 Curinzî 8,6: 12,3; 15,3 è 4-1. 3,16 Timuteu dà ancu un credu in una forma forte strinta.

Cù a diffusione di a chjesa primitiva, hè nata a necessità di un credu formale chì mostri à i credenti l'insignamenti i più impurtanti di a so religione. U Credu di l'Apostuli hè chjamatu cusì, micca perchè i primi apostuli l'anu scrittu, ma perchè riassume apposta l'insegnamentu di l'apostuli. I babbi di a chjesa Tertullianu, Agostinu è altri avianu versioni appena sfarenti di u Credu di l'Apostuli; u testu di u pirminus hè diventatu eventualmente a forma standard (circa 750) aduttatu.

Cum'è a Chjesa cresce, cusì crescenu l'erezie, è i primi cristiani anu avutu da chiarisce induve eranu i limiti di a so fede. À l'iniziu di u quartu seculu, prima chì u canon di u Novu Testamentu sia statu stabilitu, a polemica hè nata per a divinità di Cristu. Per chjarificà sta dumanda, à a dumanda di l'imperatore Custantinu, vescovi di tutte e parti di l'Imperu Rumanu si sò riuniti in Nicea in u 4. Anu scrittu u so cunsensu in u cosiddettu Credu di Nicea. In u 325 un altru sinodu s'hè incuntratu in Custantinopuli, induve a Cunfessione di Nicene hè stata leggermente rivista è espansa per cumprende uni pochi di punti. Questa versione hè chjamata Nicene Costantinopuli o brevemente Nicene Creed.

In u seculu dopu, i dirigenti di a chjesa si sò riuniti in a cità di Calcedonia per discutere, tra l'altru, di a natura divina è umana di Cristu. Anu trovu una formula chì credianu chì era cuncordante cù u Vangelu, l'insignamentu apostolicu è e Scritture. Hè chjamata Definizione Cristologica di Calcedonia o Formula Calcedoniana.

Sfurtunatamente, i credi ponu esse ancu formulichi, cumplessi, astratti è qualchì volta assimilati à a "Santa Scrittura". Aduprati currettamente, tuttavia, furniscenu una basa dottrina concisa, custodianu a duttrina biblica curretta, è creanu un focus per a vita di a chjesa. I seguenti trè credi sò ampiamente ricunnisciuti trà i cristiani cum'è biblica è cum'è una formulazione di vera ortodossia cristiana (ortodossia).


U Credu Nicene (381 AD)

Credemu in un Diu, u Babbu, l'Onniputente, Creatore di u celu è di a terra, tuttu ciò chì hè visibile è invisibile. È à un Signore Ghjesù Cristu, l'unicu Figliolu di Diu, natu da u Babbu nanzu à tutti i tempi, luce da luce, veru Diu da veru Diu, natu, micca creatu, di un esse cun u Babbu per mezu di u quale tutte e cose sò state fatte, intornu à noi omi è per via di a nostra redenzione hè falatu da u celu è hè diventatu carne di u Spìritu Santu è di a Vergine Maria è hè diventatu omu, è chì hè statu crucifissu è suffertu è sipoltu per noi sottu Ponziu Pilatu è hè statu risuscitatu u terzu ghjornu secondu e Scritture è hè andatu in celu è in si trova à a diritta di u Babbu è vinarà torna in gloria per ghjudicà i vivi è i morti, chì u regnu ùn averà mai fine.
È à u Spìritu Santu, u Signore è chì dà a vita, chì esce da u Patre, chì hè veneratu è glurificatu cù u Patre è u Figliolu, chì hà parlatu per mezu di i prufeti
Hà; à una chjesa santa è cattolica [tuttu cumpresu] è apostolica. Prufessemu un battesimu per u pirdunu di i peccati; Aspettemu a risurrezzione di i morti è a vita di u mondu à vene. Amen.
(Citatu da JND Kelly, Old Christian Confessions, Göttingen 1993)


U Credu di l'Apostuli (intornu à 700 d.C.)

Credu in Diu u Babbu Onniputente, u Creatore di u celu è di a terra. È in Ghjesù Cristu, u so Figliolu unicu, u nostru Signore, cuncipitu da u Spìritu Santu, natu da a Vergine Maria, hà suffertu sottu Ponziu Pilatu, crucifissu, mortu è sipoltu, discendu in u regnu di a morte, hè risuscitatu da i morti u terzu ghjornu, cullatu à u celu, si posa à a diritta di Diu u Patre; da quì vene à ghjudicà i vivi è i morti. Credu in u Spìritu Santu, a santa Chjesa cristiana, a cumunione di i santi, u perdonu di i peccati, a risurrezzione di i morti è a vita eterna. Amen.


Definizione di l'unità di Diu è di a natura umana in a persona di Cristu
(Cunciliu di Calcedonia, 451 d.C.)

Dunque, seguitendu i santi babbi, insegnemu tutti à l'unisonu à cunfessà u nostru Signore Ghjesù Cristu cum'è u stessu Figliolu; u listessu hè perfettu in a Divinità è u listessu perfettu in l'umanità, u listessu veramente Diu è veramente omu da l'anima raziunale è u corpu, cù u Patre in essenza (homooúsion) di Divinità è esse uguale cun noi cum'è esseri umani, simile à noi in ogni modu, eccettu u peccatu. Natu prima di i tempi fora di u Patre secondu a Divinità, à a fine di i tempi, però, cum'è listessi, per noi è per a nostra salvezza da Maria, a Vergine è a Mamma di Diu (theotokos) [natu], hè ricunnisciutu cum'è unu è listessu, Cristu, Figliolu, nativu, in duie nature senza mischju, immutatu, indivisu, indivisu. Facendu cusì, a diversità di e nature ùn hè in alcun modu abolita per via di l'unificazione; piuttostu, a peculiarità di ognuna di e duie nature hè cunservata è si combina per formà una persona è l'ipostasi. [U cunfessemu] micca cum'è divisu è siparatu in duie persone, ma cum'è unu è u stessu Figliolu, nativu, Diu, Logos, Signore, Ghjesù Cristu, cum'è i prufeti di l'epica intornu à ellu [prufetizatu] è ellu stessu, Ghjesù Cristu ci hà urdinatu è ci hà datu u simbulu di u babbu [Credu di Nicea]. (Citatu da a religione in u passatu è u presente, editatu da Betz / Browning / Janowski / Jüngel, Tübingen 1999)

 


in pdfDocumenti storichi di a Chjesa cristiana