contrition

166 pentu

U pentimentu (traduttu ancu cum'è "pentimentu") versu u Diu graziosu hè un cambiamentu d'attitudine, purtatu da u Spìritu Santu è arradicatu in a Parola di Diu. A penitenza include a cuscenza di u so propiu peccatu è l'accumpagnamentu di una nova vita, santificata per via di a fede in Ghjesù Cristu. (Atti di l'Apòstuli 2,38; Rumani 2,4; 10,17; Rumani 12,2)

Amparate à capisce u pentimentu

Un teme terribile ", era a descrizzione di un ghjovanu per a so grande paura chì Diu l'avia lasciatu per via di i so peccati ripetuti. "Pensu chì aghju dispiaci, ma aghju continuatu à fà", disse. «Ne sà ancu s'e crede veramente, perchè stanu preoccupatu chì Diu ùn mi sarà pirdunatu più. Ùn importa quant’ellu sia onestu u mo pentimentu, ùn pare mai esse abbastanza ».

Fighjemu u significatu di ciò chì l'evangelu significa veramente quandu parla di pentimentu à Diu.

Facemu u primu sbagliu quandu pruvemu à capisce stu terminu utilizendu un dizziunariu generale è vultà à a parolla dispiace (o pentimentu). Pudemu ancu avè un insinuatu quì chì e parolle individuali sò da capisce secondu u tempu in quale u lessicu hè statu publicatu. Ma un dizziunariu di u 2u1. Seculu ùn pò micca spiegà à noi ciò chì un autore chì z. B. hà scrittu e cose in grecu chì si parlavanu prima in aramaicu, capitu da elli 2000 anni fà.

U Novimu Novu Diccionariu Collegiatu di Webster si lamenta di e seguenti: 1) alluntanendu u peccatu è impegnendu pè a migliurà di a vita; 2a) senti rimorsu o cuntrittu; 2b) Cambia di mente. L'enciclopedia di Brockhaus definisce u rimorsu di a manera seguente: "Un attu maiò di pentimentu ... include u distorsione di i peccati cumessi è l'intenzione di ùn peccà più".

A prima definizione di Webster riflette esattamente ciò chì Ghjesù significava da a maiò parte di a ghjente religiosa quandu hà dettu "penti è crede". Pensanu chì Ghjesù hà significatu chì solu e persone chì smettanu di peccà è di cambià di modu sò in u Regnu di Diu. In fatti, è esattamente ciò chì Ghjesù ùn hà micca dettu.

Errore generale

Quandu si tratta di pentimentu, l'errore hè generalmente fattu chì unu pensa chì significa parè di piantà u peccatu. "Se l'avete daveru arristatu, ùn l'avete rializatu micca," hè u astinamentu constantu chì l'ànime inquietate anu sappiutu da parte di cunsiglieri spirituali ben intenzionati chì sò impegnati in a lege. Ci hè dettu chì u pentimentu hè "vultate è andate à l'altra strada". È cusì hè spiegatu in u stessu soffiu cum'è alluntanassi di u peccatu è vultendu à una vita di ubbidenza à a lege di Diu.

Videndu questu fermamente memorizatu, i cristiani cun i migliori intenzioni si mettenu à cambià i so modi. È cusì in u so pellegrinaggiu alcune manere pare cambià, mentre chì altri pareanu bastone cumu cù super cola. E ancu i camini chì cambianu anu a qualità disgrazia di ricomparà.

Hè Diu soddisfatu di a mediocrità di una tale ubbidienza sloppy? "No, ùn hè micca", avvirtenu u predicatore. E u cicculante dibocciu degruvissante, cattivante di devozione, fiascu è disperazione viaghja à a prossima volta, cum'è a rota di una gabbia hamster.

E sulu quandu simu frustrati è depressi per via di a nostra mancanza di rispettà l'alta norma di Diu, sintemu un altru sermone o leghjemu un novu articulu nantu à "veru penitenza" è "pentu profondu" è chì un penitenza hè un evità cumpletu. di u peccatu.

È cusì scuntemu di novu cù una dedizione per pruvà à fà tuttu è finiscemu ancu cù i stessi risultati miserabili è prevedibili. Cusì a frustrazione è a disperazione continuanu à aumentà perchè ricunnosce chì a nostra partenza da u peccatu hè qualcosa ma "cumpletu".

E ghjunghjemu à a cunclusione chì ùn avemu micca "veramente lamentatu" chì u nostru pentamentu ùn era micca "profundo", micca "seriu", o micca abbastanza "onestu". È s'è no ci sò veramente pentiti, allora ùn pudemu ancu avè una vera fede, chì significa chì ùn avemu micca veramente u Spìritu Santu in noi, chì significa chì ùn siamu micca salvati nè.

Finalmente, simu ghjunti à u puntu chì ci abituemu à campà cusì, o femu chjappà in a tovagliola, cum'è parechji l'anu fattu, è si alluntanemu cumplettamente da l'inefficiente spettaculu medicale chì a ghjente chjama «cristianisimu».

Senza parlà di u disastru induve a ghjente crede veramente chì anu pulito a so vita è li hà fattu accettabili à Diu - a so cundizione hè peghju. L'appitazione à Diu simpricamente ùn hà nunda di fà cun un sè stessu novu è mejoratu.

Repintà è crede

"Repenti [pentite] è crede in l'evangelu!" Spiega Ghjesù in Marcu 1,15. U pentimentu è a fede marcanu u principiu di a nostra nova vita in u regnu di Diu; ùn a facenu micca perchè avemu fattu u dirittu. A marcanu perchè in quellu puntu di a nostra vita i squame cascanu da i nostri ochji scuri è avemu infine vede in Ghjesù a luce gloriosa di a libertà di i Figlioli di Diu.

Tuttu ciò chì avia da fà per e persone per esse pardunatu è salvatu hè statu digià fattu per a morte è a risurrezzione di u Figliolu di Diu. Ci era un tempu quandu questa verità era ammucciata da noi. Perchè eravamu chjosi per ella, ùn pudemu godemu è ripusà in ella.

Avemu pensatu chì avevamu truvatu u nostru modu in questu mondu stessi, è avemu tuttu aduprà a nostra forza è u tempu per fà un furcone in u nostru picculu angulu di a vita, cum'è pudemu.

Tutta a nostra attenzione era focu annantu à stà in vita è à assicurà u nostru avvene. Avemu travagliatu assai per esse rispettatu è rispettatu. Avemu luttatu per i nostri diritti, circhendu di ùn esse sbagliatu inghjustamente da nimu o di qualcosa. Avemu luttatu per prutege a nostra bona reputazione è chì a nostra famiglia è i nostri habakkuk è i so beni sò stati cunservati. Avemu fattu tuttu ciò chì pudemu per fà a nostra vita di valore, chì eramu i vincitori, micca i perdanti.

Ma in quantu à qualchissia chì hà mai campatu, era una battaglia persa. Malgradu i nostri migliori sforzi, piani è travagliu duru, ùn pudemu micca guvernà a nostra vita. Ùn pudemu micca prevene catastrofi è tragedie, nè falli è dolore chì venenu sopra à noi da u celu blu è distrugge i nostri resti di qualcosa spertu è gioia.

Allora un ghjornu - per nessuna altra raghjone ch'è chì A vuleva cusì - Diu lasciemu vede e cose cume veramente. U mondu hè à ellu è appartene à ellu.

Semu morti in peccatu, ùn ci hè una manera di esce. Semu persi, perdenti ceci in un mondu pienu di perdenti cecchi persi perchè ùn mancanu u sensu di mantene a manu di l'unicu chì hà a strada. Ma va bè, perchè attraversu a so crucifixione è a risurrezzione hà diventatu un perditore per noi; è pudemu diventà un vincitore cun ellu unendu cun ellu in a so morte per chì pudemu ancu fà parte di a so risurrezzione.

In altre parolle, Diu hà datu una bona nova! A bona nova hè chì hà pagatu personalmente u grande prezzu per a nostra follia egoista, sfidante, distruttiva, cattiva. Ci hà redimitu senza cunsiderazione, ci hà purtatu, hà vistutu di ghjustizia, è ci hà preparatu un postu à u tavulinu di a so festa eterna. E in virtù di sta parolla di l'evangelu, ci invita à crede chì hè cusì.

Se pudete ricunnosce è crede questu per via di a grazia di Diu, l'avete lamentatu. Per lamentà, vedi, significa per dì: «Iè! Iè! Iè! Pensu! Aghju fiducia a to parolla! Lascià questa vita di un hamster correndo à a rota di daretu à mè, stu cummattimentu senza scopu, sta morte, chì sbagliatu aghju pensatu à esse a vita. Sò prontu per u to riposu, aiutu a mo incredulità! »

Regrettu hè chì cambia a vostra mente. Cambia a vostra perspettiva di vede sè stessu cum'è u centru di l'universu per chì avà vediate à Diu cum'è u centru di l'universu è affidate a vostra vita à a so misericòrdia. Significa sottumettelu à ellu. Significa chì pusate a vostra corona à i pedi di u dirittu dirittu di u cosimu. Hè a decisione più impurtante chì mai fà.

Ùn si tratta micca di morale

U Regrettu ùn hè micca riguardu à a moralità; ùn si tratta micca di u bonu cumpurtamentu; Ùn si tratta di "fà megliu".

Repintanza significa pusà a vostra fiducia in Diu invece di sè stessu, nè a vostra ragione nè i vostri amici, u vostru paese, u vostru guvernu, i vostri fucili, i vostri soldi, a vostra autorità, u vostru prestigiu, a vostra reputazione, a vostra vittura, a vostra casa, A vostra professione, u vostru patrimoniu di famiglia, u to culore di a pelle, u vostru sessu, u vostru successu, a vostra apparenza, a so robba, i vostri tituli, i vostri tituli accademichi, a vostra chjesa, u vostru coniu, i vostri musculi, i vostri dirigenti, u vostru IQ, u vostru accentu, i vostri risultati, i vostri Opere di carità, i vostri donazioni, i vostri favuri, a vostra pietà, a vostra disciplina, a vostra castità, a vostra onestà, a vostra ubbidienza, a vostra devozione, i vostri disciplini spirituali o qualsiasi altra cosa chì pudete dimustrà chì hè in relazione cù voi è chì aghju lasciatu in questa longa sentenza. avè.

Repintanza significa "mette tuttu in una carta" - nantu à u "cartulare" di Diu. Significa dì andà à u so latu; ciò chì dice di crede; à fà squatra cun ellu, per esse leale à ellu.

Repintenza ùn hè micca nantu à a prumessa di esse bè. U Populu ùn hè micca "di sguassà u peccatu da a so vita". Ma significa crede chì Diu hà misericordia di noi. Significa fiducia in Diu per arregulà u nostru cori gattivu. Vale à crede chì Diu hè quellu chì Ellu pretende esse - Creatore, Salvatore, Redentore, Maestru, Signore è San. È significa mori - muriri luntanu da u nostru pensamentu compulsivu di esse ghjustu è bè.

Parlemu di una relazione d'amore - micca chì avemu amatu à Diu, ma chì ci hà amatu (1. Johannes 4,10). Hè a surgente di tuttu, cumpresu voi, è vi hà sappiutu chì ellu ti ama per quellu chì site - u so figliolu amatu in Cristu - certamente micca per ciò chì avete o ciò chì avete fattu o ciò chì hè a vostra reputazione o ciò chì hè. vi pari o qualunque qualità avete, ma solu perchè site in Cristu.

Di colpu nunda hè ciò chì era prima. U mondu sanu subitu hè diventatu luce. Tutti i vostri fallimenti ùn sò più impurtanti. Tuttu hè statu fattu ghjustu in a morte è a risurrezzione di Cristu. U vostru avvene eternu hè assicuratu, è nunda in u celu o in a terra pò piglià a vostra gioia, perchè appartene à Diu per amor di Cristu (Rumani 8,1.38-39). Credi in ellu, ti fidate di ellu, mette a to vita in e so mani ; vene ciò chì pò, ùn importa ciò chì qualcunu dice o face.

Pudete pardunà generosamente, sia pacienza, è sia gentile, ancu in perdita o fallimentu - ùn avete nunda à perde; perchè avete vintu assolutamente tuttu in Cristu (Efesini 4,32-5,1-2). L'unicu ciò chì importa per voi hè a so nova creazione (Galati 6,15).

U pentimentu ùn hè micca solu un'altra promessa disguassata è cava di esse un bonu picciottu o una bona zitella. Significa moriri di sè stessu in tutti i vostri grandi ritratti è di mette a vostra manu perdente debule in a manu di l'omu chì lisciava l'onda di u mare (Galati). 6,3). Significa vene à Cristu per riposu (Matteu 11,28-30). Significa cunfidendu a so parolla di grazia.

L'iniziativa di Diu, micca a nostra

Repintanza significa fiducia in Diu per esse quellu chì hè è fà ciò chì face. Repintenza ùn hè micca nantu à i vostri boni travaglii versu e vostre opere gattivi. Diu chì hè cumplitamenti liberu, quellu chì vole esse, decisu in u so amore per noi di pardunà i nostri peccati.

Semu sapienti di questu: Diu ci perdona i nostri peccati - tutti - passatu, presente è futuru; ùn li riserva micca (Johannes 3,17). Ghjesù hè mortu per noi quandu eramu sempre peccatori (Rumani 5,8). Hè l'agnellu sacrificale, è hè statu abattutu per noi - per ognunu di noi (1. Johannes 2,2).

U pentitru, chì vede, ùn hè micca u modu per uttene Diu à fà ciò chì Ellu hà digià fattu. Piuttostu, significa di crede chì l'avete fattu - chì ellu hà salvatu a vostra vita per sempre è vi ha datu un eredità eterna inestimabile - è crede chì face l'amore per ellu fiurisce in tè.

"Scusate i nostri peccati cum'è perdonemu quelli chì anu peccatu contru à noi" Ghjesù ci hà amparatu à pregà. Si dissi in noi chì Diu, per i so motivi più interni, avia decisu di scrive fora di a nostra vita piena di arroganza egoista, di tutte e nostre bugie, di tutte e nostre atrocità, di tutte e nostre arroganze, di tutti i nostri desideri, di tradimenti è di misure - tutti i nostri cattivi pensamenti, atti. è i piani - allura avemu da piglià una decisione. Puderemu laddallu è ringraziallu per a so offerta d'amore indescrivibile, o solu pudemu cuntinuà à vive sicondu u mottu: "Sò una bona persona; nimu pensa chì ùn sò micca mè »- è cuntinuà a vita di un hamster corre in a rota chì simu cusì attaccati.

Pudemu crede à Diu o ignurà ellu o scappà da ellu in paura. Se credemu in ellu, pudemu andà in u nostru modu cun ellu in l'amicizia piena di gioia (hè l'amicu peccatore - tutti i peccatori, cumpresi tutti, ancu i cattivi è ancu i nostri amici). S'ellu ùn avemu micca fiducia in ellu, s'ellu pensemu chì ùn ci pardunerà o ùn ci pò micca, allora ùn pudemu micca campà cun ellu cun gioia (è dunque cun nimu, salvu e persone chì si cumportanu cum'è no vuleriamu). Invece, averemu paura di ellu è, in fine, u disprezzamu (cum'è tutti l'altri chì ùn si fermanu micca da noi).

Dui lati di a stessa munita

La fede è u pentimentu andà di a manu. Quandu avete fiducia in Diu, duie cose succede à u stessu tempu: vi capite chì sì un peccatore chì hà bisognu di a misericordia di Diu, è voi sceglite di cunfidà in Diu chì vi salvarà è rimbattarà a vostra vita. In altre parolle, se metti a vostra fiducia in Diu, avete ancu pentatu.

In Atti di l'Apòstuli 2,38, p.e. B. Petru disse à a folla assemblea: "Petru li disse: Pentitevi è esse battizatu ognunu di voi in u nome di Ghjesù Cristu per u pirdunu di i vostri piccati, è riceverete u rigalu di u Spìritu Santu". Allora a fede è u pentimentu sò parte di un pacchettu. Quandu hà dettu, "pentite", si riferiva ancu à "credenza" o "fiducia".

In u percorsu ulteriore di a storia, Petru dice: "Pintate e girate à Diu ..." Sta volta à Diu hè à tempu di luntanu da sè stessu. Ùn significa micca avà

sò perfettamente moralmente. Significa chì si vultate da e vostre ambizioni persunale per esse degnu di Cristu è invece mette a vostra fiducia è a speranza in a so parolla, a so bona nutizia, in a so dichjarazione chì u so sangue hè per a vostra salvezza, u perdonu, a risurrezzione è u patrimoniu eternu hà purtatu.

Se avete fiducia in Diu per u pardonu è a salvezza, allora vi pentite. L'apparizione à Diu hè un cambiamentu in a vostra mente è afecta a vostra vita sana. U novu modu di pensamentu hè u modu per cunfidassi chì Diu farà ciò chì ùn puderebbe fà in un milione di vite. U Regrettu ùn hè micca un cambiamentu da l'imperfezione morale à a perfezione morale - sì incapace di fà.

E i corpi ùn avanzanu micca

Per via di u fattu chì site mortu, ùn pudete micca diventà moralmente perfettu. U peccatu t'hà tombu cum'è Paul hà fattu in Efesini 2,4-5 hà dichjaratu. Ma ancu s'è tù era mortu in i vostri peccati (esse mortu hè ciò chì avete cuntribuitu à u prucessu di u pirdunu è a salvezza), Cristu hà fattu vivu (hè ciò chì Cristu hà cuntribuitu: tuttu).

L'unicu ciò chì ponu fà e persone morti, hè chì ùn ponu micca fà nunda. Ùn ponu micca esse vivi à a ghjustizia o nunda altru perchè sò morti, morti in u peccatu. Ma hè a ghjente morta - è solu i morti - chì sò risuscitati trà i morti.

Fa risuscità i morti hè ciò chì Cristu face. Ùn lascia micca prufume nantu à i cadaveri. Ùn li sustene micca da mette vestiti di festa è per vede s'ellu fanu qualcosa di ghjusta. Avete mortu Ùn ci hè nunda chì pudete fà. Ghjesù ùn hè micca u menu interessatu à i corpi novi è migliurà. Ciò chì Ghjesù fa hè di sveglialli. In novu, i cadaveri sò l'unicu tipu di persone chì hà criatu. In altre parolle, l'unicu modu per ghjunghje à a risurrezzione di Ghjesù, a so vita, hè di esse mortu. Ùn pigghia assai sforzu per esse mortu. In fatti, ùn hè necessariu un sforzu. È mortu hè esattamente ciò chì simu.

A pecura persa ùn si truvò micca finu à chì u Pastore l'hà guardatu è a truvò5,1-7). A munita persa ùn si truvò micca finu à chì a donna hà cercatu è truvò (vv. 8-10). L'unicu ciò chì aghjunghjenu à u prucessu di esse vulutu è trovu è a grande festa di gioia era persa. A so perdita assolutamente senza speranza era l'unica cosa ch'elli avianu chì li permettenu di truvà.

Ancu u figliolu prodigu in a paràbula dopu (vv. 11-24) dichjara ch'ellu hè digià statu pardunatu, redimutu è accettatu cumplettamente, solu per u fattu di a grazia generosa di u so babbu, micca nantu à a basa di u so propiu pianu, cum'è per esempiu: "Lavoraraghju di novu per a so grazia". U so babbu si dispiace per ellu prima ch'ellu hà intesu a prima parolla di u so discorsu "Mi dispiace tantu" (v. 20).

Quandu u figliolu hà finalmente accettatu u so statu di morte è perde in u pudore di un pigsty, era in via per scopre qualcosa di stupente chì era statu veru in tuttu: u babbu di u quale avia rifiutatu è di quale s'era disgraziatu mai. cessò di amàlo passiunatu è incondizionalmente.

U so babbu simpricimenti ignoratu u so picculu pianu per l'autoredenzione (vv. 19-24). È ancu senza aspittà per un periodu di prova, ellu hà restituitu in i so diritti di i so figlioli. Allora u nostru statu di morte senza speranza hè l'unicu chì ci permette di esse risuscitatu. L'iniziativa, u travagliu è u successu di tutta l'operazione sò interamente duvuti à u Pastore, a donna, u Babbu - Diu.

L'unicu ciò chì cuntribuiscenu à u prucessu di a nostra risurrezzione hè esse morti. Chì ci si applica sia spirituale sia fisicamente. Se ùn pudemu micca accettà u fattu chì noi sò morti, ùn pudemu micca accettà u fattu chì avemu statu risuscitatu trà i morti da a grazia di Diu in Cristu. Repintanza significa accettà u fattu chì sì mortu è riceve a vostra risurrezzione da Cristu in Diu.

A pusizione, vedete, ùn significa micca pruduce opere boni è nobili, o pruvà à motivà Diu à pardunallu cù un pocu di discorsi emotivi. Semu morti, questu significa chì ùn ci hè assolutamente nunda chì pudemu fà per cuntribuisce qualcosa à a nostra risuscitazione. Hè simpliciamente una questione di crede a bona nova di Diu chì pardona è redimisce in Cristu è attraversu attraversa ancu i morti.

Paul descrive stu misteru - o paradossu, se vulete - di a nostra morte è risurrezzione in Cristu, in Colossesi. 3,3: "Per voi morse è a vostra vita hè piatta cù Cristu in Diu".

U sicretu, o paradossu, hè chì simu morti. Tuttavia, simu vivi à u stessu tempu. Ma a vita, chì hè gloriosa, ùn hè ancu esiste: hè oculata cun Cristu in Diu, è ùn appariscerà cum'è hè veramente finu à chì Cristu stessu apparisce, cum'è u versu 4 dice: «Se Cristu, a vostra vita , si svelarà sè stessu, allora vi sarà ancu revelatu cun ellu in gloria ».

Cristu hè a nostra vita. Quandu ellu apparisce, appariremu cun ellu, perchè dopu, hè a nostra vita. Dunque di novu: i corpi morti ùn puderanu fà nunda per sè stessi. Ùn pudete micca cambià. Ùn pudete micca "fà megliu". Ùn pudete micca migliurà. L'unicu ciò chì ponu fà hè mortu.

In ogni casu, per Diu, chì hè ellu stessu a surgente di a vita, hè una grande gioia per risuscitarà i morti, è in Cristu faci ancu questu (Rumani 6,4). I cadaveri ùn cuntribuiscenu nunda à stu prucessu, salvu u so statu di morte.

Diu faci tuttu. Hè u so travagliu è solu so, da principiu à finisce. Questu significa chì ci sò duie tippi di cadaveri risuscitati: quelli chì sò felici di riceve a so redenzione è quelli chì preferenu a so morte abituale à a vita, chì chjude l'ochji per dì cusì, coprenu l'arechje è restanu morti cun tutta a so forza. voli.

In novu, u pentimentu hè di dì "sì" à u rigalu di u pirdunu è a salvezza chì Diu dice chì avemu in Cristu. Ùn hà nunda di fà cù u pentimentu o fà promesse o affundà in a culpabilità. Iè hè. U pentimentu ùn hè micca ripetendu senza fine "Mi dispiace" o "Promettu chì ùn a ne farà mai più". Vulemu esse brutalmente onesti. Hè probabile chì vi ferà di novu - se micca cum'è un attu reale, almenu in i vostri pinsamenti, desideri, è sentimenti. Iè, dispiaci, forse assai di volte è veramente ùn vole micca esse u tipu di persona chì u facenu, ma questu ùn hè micca veramente u core di rimore.

Ricurdatevi, sì mortu è i morti facenu solu cum'è i morti. Ma s'è tù sì mortu in u peccatu, sì ancu vivu in Cristu (Rumani 6,11). Ma a vostra vita in Cristu hè ammucciatu cun ellu in Diu, è ùn si vede tuttu u tempu, o assai spessu - micca ancu. Ùn palesa micca cumu hè veramente finu à chì Cristu stessu appare.

Intantu, sì ora campatu ancu in Cristu, sì sempre mortu per u peccatu per ora è U statu di a vostra morte hè cusì bè cum'è mai. E hè precisamente questu sè mortu, questu sè chì apparentemente ùn si pò più piantà di cumportà cum'è una persona morta, chì hè stata risuscitata da Cristu è purtatu à a vita cun ellu in Diu - per esse rivelatu quandu ellu hè revelatu.

Hè quì induve entra a fede. Repintate è crede in u Vangelu. I dui aspetti si appartenenu. Ùn pudete micca avè unu senza l'altru. A bona nutizia di crede chì Diu vi lavò in u sangue di Cristu, chì ellu guarì u vostru statu di morte, è chì vi purtò à a vita in u Figliolu per sempre significa di piddà.

È vultà à Diu in a so massima impotenza, perdita è morte, è per riceve a so redenzione è salvezza gratis hè di avè a fede - di crede in u Vangelu. Rappresentanu dui lati di a stessa munita; è hè una munita chì Diu vi dà per altre ragiuni - senza altra ragione - ch'è chì hè ghjustu è graziosu per noi.

Un cumpurtamentu, micca una misura

Sicura chì certi dicenu avà chì u pentimentu versu Diu sarà dimustratu in una bona morale è in un bonu cumpurtamentu. Ùn vogliu micca discutiri annantu à questu. Piuttostu, u prublema hè di vulemu misurà u rimorsu per l'absenza o a prisenza di un bonu cumpurtamentu; è chì hè un tragicu incomprensimu di pentimentu.

A verità onesta hè chì ci mancanu valori o cumportamentu morali perfetti; è tuttu ciò chì manca in perfezione ùn hè micca bè abbastanza per u Regnu di Diu in ogni modu.

Vulemu fà senza insensate, cum'è: "Se u vostru pentimentu hè onestu, ùn avete micca cumandà micca u peccatu di novu". Questu hè precisamente ciò chì ùn hè micca u fattore decisivu in u pentimentu.

A chjave per u pentimentu hè un cori cambiatu, alluntanatu da sè stessu, fora di u to angulu, ùn vulerà più esse u vostru propiu lobbista, u vostru propiu rapprisentante di stampa, u vostru propiu rapprisentante di u sindacatu è un avvucatu in difesa, per fidà in Diu per stà da u vostru latu, per esse in u so cantone, mori di sè stessu è esse un figliolu amatu di Diu chì hà pardunatu completamente è à quale hà redimitu.

U pentimentu significa duie cose chì naturalmente ùn ci piace micca. Prima, significa affruntà u fattu chì a linea di canzone, "Baby, you're not good", ci descrive perfettamente. Siconda, significa affruntà u fattu chì ùn simu micca megliu cà nimu. Semu tutti in linea cù tutti l'altri perdenti per a misericordia chì ùn avemu micca meritatu.

In altri palori, u pentamentu sorge cun una mente umiliata. U spiritu umiliatu hè quellu chì ùn hà micca fiducia in ciò chì pò fà ellu stessu; ùn avia mancu più speranza, hà lasciatu u so spiritu, per dì, hè mortu stessu è si pusò in un cestera davanti à a porta di Diu.

Dite sì! " à Diu "Iè!"

Avemu da rinunzià à l'opinione sbagliata chì u pentimentu hè una prumessa di ùn peccà mai più. Prima di tuttu, una tale prumessa ùn hè nunda solu l'aria calda. Secunnu, hè senza sensu spirituale.

Diu vi dava un onnipotente, thundering, eterna "iè!" proclamatu da a morte è a risurrezzione di Ghjesù Cristu. Repintendu hè u to "sì!" Risponde à Diu "sì!". Hè a volta à Diu per riceve a so benedizzione, A so ghjusta proclamazione di a vostra innocenza è salvezza in Cristu.

L'accetta di u so rigalu significa chì ammetti u vostru statu di morte è a vostra necessità per a vita eterna. Significa fiducia in ellu, crede in ellu è mette in tuttu u so sè, u vostru esseru, a vostra esistenza - tuttu ciò chì site - in e so mani. Significà di stà in lu è di rinfriscà i vostri zoni. Allora perchè micca gode è riposu in a grazia ricca è abbattante di u nostru Signore è Redentore? Redimisce i persi. Salva u peccatore. Iddu sveglia i morti.

Sò di fiancu à noi, è perchè ellu esiste, nunda ùn pò stà trà ellu è noi - nè mancu u vostru peccatu miserabile o quellu di u vostru vicinu. Fidu in ellu. Sò una bona nutizia per tutti di noi. Hè a parolla è ellu sà di ciò chì parla!

di J. Michael Feazell


in pdfcontrition