A chjesa

108 a chjesa

A Chjesa, u Corpu di Cristu, hè a cumunità di tutti quelli chì credenu in Ghjesù Cristu è in quale abitanu u Spìritu Santu. A missione di a Chjesa hè di pridicà l'evangelu, di insegnà tuttu ciò chì Cristu hà urdinatu, di battezzà è di pastu u stilu. In cumpiendu stu mandatu, a Chjesa, guidata da u Spìritu Santu, piglia a Bibbia cum'è guida è hè sempre guidata da Ghjesù Cristu, u so capu vivente. A Bibbia dice: Chiunque crede in Cristu diventa parte di a "chjesa" o "cumunità". Chì hè, a "chjesa", a "cumunità"? Cumu hè organizatu? Chì puntu hè? (1 Corintini 12,13:8,9; Rumani 28,19: 20; Matteu 1,18: 1,22; Colosiani; Efesini)

Ghjesù custruisce a so chjesa

Ghjesù disse: Vogliu custruisce a mo chjesa (Matteu 16,18). A chjesa hè impurtante per ellu - l'hà amata tantu chì dava a so vita per ella (Efesini 5,25). Sì simu ellu, ameremu a Chjesa è ne dannemu da ella.

A parola greca per "chjesa" hè ekklesia, chì significa assemblea. In Atti 19,39: 40 a parolla hè usata in u sensu di una riunione normale di persone. Per i cristiani, Ekklesia hà pigliatu un significatu speciale: tutti quelli chì credenu in Ghjesù Cristu.

À u puntu induve hà utilizatu a parolla per a prima volta, Lukas hà scrittu, per esempiu: "È ci era una grande paura di tutta a cumunità ..." (Atti 5,11). Ùn deve spiegà ciò chì a parolla significa; i so lettori a sapianu digià. Si riferenu à tutti i cristiani, micca solu quelli chì eranu riuniti in questu locu à l'epica. "Chjesa" denota a chiesa, denota tutti i discìpuli di Cristu. Una cumunità di persone, micca un edifiziu.

Ogni gruppu lucale di credenti hè una chjesa. Paulu hà scrittu "à a chjesa di Diu in Corintu" (1 Corintini 1,2); parla di "tutte e congregazioni di Cristu" (Rumani 16,16) è «a municipalità di Laodicea» (Colosiani 4,16). Ma ellu aduprate ancu a parolla chiesa cum'è nome cullettivu per a cumunità di tutti i credenti quandu dice chì "Cristu hà amatu a chjesa è si dò per ella" (Efesini 5,25).

A chjesa esiste annantu à parechji livelli. À un livellu hè a chjesa universale, chì include tutti in u mondu chì confessi à Ghjesù Cristu cum'è Signore è Salvatore. À un altru nivellu sò e cumunità lucali, e cumunità in u sensu più strettu, gruppi regiunali di persone chì si incontranu regularmente. À un livellu intermediu sò i nomi o denominazioni, chì sò gruppi di cumunità chì travaglianu inseme nant'à una basa cumuna di storia è di credenze.

E chiese lucali includenu certi volte non credenti - membri di a famiglia chì ùn professanu micca Ghjesù cum'è Sarvatore ma participanu ancu in a vita di a chjesa. Questu pò esse include e persone chì pensanu chì sò cristiani, ma chì si sò ingannusi. L'esperienza mostra chì alcuni d'elli dopu ammetenu chì ùn eranu micca veri cristiani.

Perchè avemu bisognu di a chjesa

Parechje persone si descrizanu cume credenti in Cristu, ma ùn volenu micca unisce à alcuna chjesa. Questu deve esse qualificatu ancu cum'è una postura incorrecte. U Novu Testamentu mostra chì u casu normale hè chì i credenti si riuniscenu regularmente (Ebrei 10,25).

Di novu è di novu Paulu chjama i Cristiani unu per l'altru è l'altru, per serviziu mutuu, per unità (Rumani 12,10:15,7; 1; 12,25 Corintini 5,13; Galati 4,32; Efesini 2,3; Filippini 3,13; Colosiani 2; 5,13 Tessalonikani). Hè difficiule per e persone di ubbidisce à questi cumandamenti se ùn si ncuntranu altre credenti.

Una chjesa lucale ci pò dà un sensu di appartenenza, un sintimu chì simu cunnessi cù altri credenti. Ci ponu darà un minimu di sicurità spirituale per ùn andemu micca sbagliati cun idee strane. Una chjesa pò dà amicizia, cumunità, incuragimentu. Ci ponu insignà e cose chì ùn avissimu micca amparà da noi stessi. Ci ponu aiutà à educà i nostri zitelli, pò aiutà à serve u cristianu di manera più efficace, ci pò darà l'opportunità di serve, induve crescemu, spessu in manere inimaginate. In generale si pò dì: U prufittu chì una cumunità ci dà hè in proporzione à l’impegnu chì investimu.

Ma u mutivu più impurtante per u credente individuale per unisce à una Chjesa hè: A Chjesa ci hà bisognu. Diu hà datu rigali sfarenti à i credenti individuali è ci vole à travaglià inseme "per u benefiziu di tutti" (1 Corintini 12,4: 7). Se solu una parte di l'impiegati si manifesta per u travagliu, ùn hè micca surprisante chì a chiesa ùn sia guadagnatu quantu speratu o chì ùn simu micca cusì sanu cum'è speratu. Sfurtunatamente, criticà hè più faciule per alcuni cà aiutà.

A Chjesa ci vole u nostru tempu, e nostre cumpetenze, i nostri doni. Hà bisognu di persone nantu à quale si pò fidà - hà bisognu di u nostru impegnu. Ghjesù chjamava à pricà i travagliadori (Matteu 9,38). Ellu voli chì ognunu di noi sia affrontata è micca solu ghjucà u visore passivu.

Se vulete esse cristianu senza chjesa, ùn aduprate micca a vostra forza cum'è suppostemu l'usu secondu a Bibbia, à dì aiutà. A Chjesa hè una "cumunità d'aiutu mutuale" è duvemu aiutà tutti l'altri sapendu chì puderà vene u ghjornu (iè hè ghjuntu digià) chì avemu bisognu d'aiutà noi stessi.

Descrizioni di a cumunità

A chjesa hè indirizzata di diverse manere: persone di Diu, famiglia di Diu, sposa di Cristu. Semu un edifiziu, un tempiu, un corpu. Ghjesù s'addirizzava à noi cum'è pecuri, cum'è campi, cum'è vigneti. Ognunu di sti simbuli illustra un latu diversu di a chjesa.

A Chiesa descrive ancu parechje parabole di Ghjesù riguardu u Regnu di Diu. A chjesa hà principiatu chjucu è hà diventatu grande cum'è una semente di mustarda (Matteu 13,31: 32) A chjesa hè cum'è un campu induve e piantini crescenu à fiancu di u granu (Versi 24-30). Hè cume una reta chì cattighja i pesci boni è ancu i cattivi (Vv. 47-50). Hè cum'è un vignetu induve alcuni travaglia longu, alcuni solu per pocu tempu (Matteu 20,1: 16) Hè cum'è servitori chì anu incaricatu di soldi da u so maestru è chì l'anu investitu parzialmente bè è parzialmente male (Matteu 25,14: 30)

Ghjesù si chjamava Pastore è i Discepuli (Matteu 26,31); u so travagliu era di truvà pecure perse (Matteu 18,11: 14) Ellu descrive i so credenti cum'è e pecure chì anu bisognu à esse pastu è cura (Ghjuvanni 21,15: 17). Paulu è Petru usanu ancu questu simbulu è dicenu chì i capi di a chjesa anu da "pastu u gregiu" (Atti 20,28:1; 5,2 ​​Petru).

"Tu sì a costruzione di Diu", scrive Paulu in 1 Corintini 3,9. A fondazione hè Cristu (V. 11), l’edifiziu umanu ferma. Petru ci chjama "pietre viventi, custruite per a casa spirituale" (1 Petru 2,5) Inseme simu custruiti «à un locu di Diu di u Spìritu» (Efesini 2,22). Semu u tempiu di Diu, u tempiu di u Spìritu Santu (1 Corintini 3,17:6,19;) Diu pò esse veneratu à ogni locu; ma a chjesa hà adoratatu cum'è unu di i so principali scopi.

Semu "u pòpulu di Diu", ci dice 1 Petru 2,10. Semu ciò chì l'omi d'Israele anu da esse: "a razza scelta, u sacerdoziu reale, u populu santu, u populu di a pruprietà" (V. 9; vede Esodu 2: 19,6). Pertenemu à Diu perchè Cristu ci hà compru cù u so sangue (Revelazione 5,9). Semu figlioli di Diu, ellu hè u nostru babbu (Efesini 3,15). Cum'è i zitelli, avemu statu datu un grande legatu, è ci aspettau di piacè è d'onore u so nome.

L'Scrittura ci chjama ancu a Sposa di Cristu - un termine chì risone cun quantu Cristu ci ama è ciò chì u cambiamentu prufondu si trova in noi per chì pudemu avè una relazione cusì stretta cù u Figliolu di Diu. In alcune di e so parabole, Ghjesù invita a ghjente à a festa di a nozze; quì ci simu invitati à esse sposi.

"Sintemu di piacè è di esse felice è di dà l'onore; per a nozze di l'agnellu hè ghjunta, è a so sposa hà preparatu » (Revelazione 19,7). Cumu "preparamu"? Cù un rigalu:

"È ci hè stata data à ella per vestassi cù belli pani puri" (V. 8). Cristu ci purifica "per mezu di u bagnu d'acqua in a Parola" (Efesini 5,26). Si prisenta a Chjesa in ellu stessu dopu chì a sia fatta gluriosa è immaculata, santa è senza colpa (V. 27). Funziona in noi.

U travagliu inseme

U simbulu chì illustra megliu cumu i parigiani si deve cumportanu unu à l'altru hè quellu di u corpu. "Ma sì u corpu di Cristu", scrive Paulu, "è ognunu di voi hè un ligame" (1 Corinzi 12,27). Ghjesù Cristu «hè a testa di u corpu, à dì a chjesa» (Colossiani 1,18), è noi tutti sò membri. Quandu simu uniti cun Cristu, simu stati uniti ancu cun l'altri è simu - in u sensu più verbu - impegnati unu cun l'altru.

Nuddu pò dì: "Ùn aghju micca bisognu di voi" (1 Corintini 12,21), nimu pò dì ch'ellu ùn hà nunda di fà cù a chjesa (V. 18). Diu distribuisci i nostri rigali per chì pudemu travaglià inseme per u benefiziu mutuale è l'aiutu è riceve aiutu in sta cooperazione. Ùn deve esse "micca divisione" in u corpu (V. 25). Paulu spessu polemica contru u spiritu di u partitu; quelli chì sembranu discordia deve esse ancu esclusi da a cumunità (Rumani 16,17; Titu 3,10-11). Diu face chì a chjesa "cresce in tutte e parte" da "ogni membru sustene l'altru secondu a so forza" (Efesini 4,16).

Sfurtunatamente, u mondu cristianu hè divisu in denominazioni chì sò spessu feudi l'una cù l'altru. A Chjesa ùn hè ancu perfetta perchè nimu di i so membri sò perfetti. Tuttavia: Cristu vole una sola chjesa (Ghjuvanni 17,21). Questa ùn deve micca significatu una fusione organizzativa, ma presuppone un scopu cumunu.

A vera unità si pò truvà solu strivendu esse sempre più vicinu à Cristu, pridicendu l'evangelu di Cristu, vivu da i so principii. L’obiettivu hè di propagallu, micca noi stessi, Tuttavia, avè e diverse denominazioni anu ancu un vantaghju: Per mezu di sfarenti approcci, u messagiu di Cristu ghjunghje à più persone di manera chì si capiscenu.

associazione

Ci sò trè forme basiche d'urganizazione è di dirigenza di a chjesa in u mondu cristianu: gerarchicu, demucraticu è rapprisintativu. Sò chjamati episcopali, congovernali è presbiteriali.

Ogni tippu di base ha e so variazioni, ma in principiu u mudellu episcopale significa chì un pastore superiore hà u putere di determinà i principii di a chjesa è di ordenà i pastori. In u mudellu di congregazione, e cumunità stanu determinanu sti dui fattori.In u sistema presbiteriale, u putere hè divisu trà a denominazione è a cumunità; anziani sò eletti chì sò attribuiti responsabilità di dirigenza.

Una cumunità speciale o A struttura Chjesa ùn prescrive u Novu Testamentu. Fala di capatoghji (Vescovi), anziani è pastori (Pastori), anche se questi tituli ufficiali pareranu abbastanza intercambiabili. Petru cumanda à l'anziani chì esercitanu i roli di pastore è di capatoghju: "Aiutate u greghju ... fighjemu cusì" (1 Petru 5,1-2). In termi simili, Paulu dà l'anziani listesse struzzioni (Atti 20,17:28 è).

A cumunità di Ghjerusalemme era guidata da un gruppu di anziani; a parrocchia à Filippu di viscuvi (Atti 15,2: 6-1,1; Filippini). Paulu hà urdinatu à Titus di designà anziani, hà scrittu un versu di anziani è parechji di vescovi cum'è se fussinu termini sinonimi di dirigenti di a cumunità (Titu 1,5-9). In a lettera à ebrei (13,7, Menge è Elberfeld Bible) i capi di a cumunità sò chjamati simpliciamente "capi".

Certi capi di a chjesa sò chjamati ancu "maestri" (1 Corintini 12,29:3,1; Ghjacumu). A grammatica di Efesini 4,11 indica chì "pastori" è "maestri" appartenevanu à a listessa categuria. Una di e principali qualifiche di i funzionari di a cumunità anu avutu esse "... capaci d'insignà à l'altri" (1 Timoteu 3,2).

Cum'è un denominatore cumunu pò esse dettu: i capi di a chjesa sò stati numinati. Ci era un certu numaru d'urganizazione cumunitariu, benchì i nomi ufficiali esatti avianu una impurtanza secundaria.

I membri eranu dumandati u rispettu è l'ubbidienza à i funzionari (2 Tessalonikani 5,12:1; 5,17 Timoteu 13,17; Ebrei). Se l'anzianu trova qualcosa sbagliatu, a chjesa ùn deve micca ubbidisce; in ogni modu, a chjesa era generalmente aspettata di sustene l'anziani.

Cosa facenu l'anziani? Tu sì capu di a cumunità (1 Timoteu 5,17). Funghjenu a mandatura, guidanu per esempiu è insegnamentu. Fighjate u mandatu (Atti 20,28). Ùn deve micca guvernà dittatoriali, ma servite (1 Petru 5,23), "in modu chì i santi sò pronti per u travagliu di serviziu. Hè cusì chì u corpu di Cristu duverebbe esse custruitu » (Efesini 4,12).

Cumu si determinanu l'anziani? Ricevemu infurmazioni in pochi casi: Paul usa l'anziani (Atti 14,23) assume chì Timoteu nomene vescovi (1 Timoteu 3,1: 7), è hà autorizatu Titus à designà anziani (Titulu 1,5). In ogni casu, ci era una gerarchia in questi casi. Ùn truvemu micca esempi di una cumunità chì sceglie i so anziani stessu.

Diaconi

Tuttavia, in Atti 6,1: 6 vedemu cumu i chjamati uomini poveri [diaconi] sò scelti da a congregazione. Questi omi sò stati scelti per distribuisce l'alimentariu à i necessitati, è l'apòstuli dopu pusonu in questu ufficiu. Questu hà permessu à l'apòstuli per cuncentrazione in u travagliu spirituale è u travagliu fisicu hè statu ancu fattu (V. 2). Questa distinzione trà u travagliu di a chjesa spirituale è fisica pò ancu esse truvata in 1 Petru 4,10: 11.

I lavoratori manuale sò spessu chjamati diaconi, derivati ​​da a parola greca diakoneo quale
"Servite" significa. In principiu, tutti i membri è i dirigenti duveranu "serve", ma ci sò stati ufficiali separati per i travaglii di serviziu in u sensu più strettu. I diaconi femini sò citati ancu in almenu un locu (Rumani 16,1). Paulu chjama à Timoteu una quantità di qualità chì un diacone duverà (1 Timoteu 3,8: 12) senza specificà esattamente in chì consistia u so ministeru. In u so risultatu, diverse denominazioni dùnanu diaconi diverse funzioni, da assistenti di sala à cuntabilità finanziaria.

Ùn hè micca u nome, a struttura o u modu chì sò rializati impurtanti per e pusizioni di gestione. U so significatu è u so scopu hè impurtante: per aiutà l'aiutu à u populu di Diu cume maturu "fin'à a pienezza di Cristu" (Efesini 4,13).

Scopi di a cumunità

Cristu hà custruitu a so chjesa, hà datu rigali è guida à u so populu, è ci ha datu u travagliu. Chì sò i scopi di a chjesa?

Un sensu principale di a cumunità ecclesiale hè a venerazione. Diu ci hà chjamatu "chì duvete proclamà e benedizioni di quellu chì vi ha chjamatu da a bughjura à a so luce meravigliosa" (1 Petru 2,9) Diu stà à circà a ghjente chì venerà (Ghjuvanni 4,23) chì l'amanu più di qualcosa (Matteu 4,10). Tuttu ciò chì facemu, sia cum'è individui o cum'è una cumunità, deve esse sempre fattu per ellu (1 Corinzi 10,31). Avissimu "di rende sempre piacè à Diu" (Ebrei 13,15).

Ci hè cumandatu: «Incentimemu unu à l'altru cù salmi è inni è canzoni spirituali» (Efesini 5,19). Quandu ci reunemu cum'è una chjesa, cantemu l'elogi di Diu, pregu ad ellu è sente a so parolla. Queste sò e forme di cultu. Ancu u sacramentu, cum'è u battesimu, cum'è l'ubbidienza.

Un altru sensu di a chjesa hè l'insegnamentu. Hè à u core di u cumandamentu di a missione: "... insegnate à guardà tuttu ciò chì vi aghju urdinatu" (Matteu 28,20). I capi di e Chjese avissiru da insegnà, è ogni membru duverà insegnà à l'altri (Colosiani 3,16). Ci duvemu esortà unu à l'altru (1 Corintini 14,31:2; 5,11 Tessalonikani 10,25; Ebrei). I picculi gruppi sò u framework ideale per questu sustegnu mutuale è insegnamentu.

Quelli chì cercanu rigali da u Spìritu dicenu chì Paulu duverebbe cercà di custruisce a chjesa (1 Corinzi 14,12). L'obiettivu hè: custruisce, ammonisce, rinfurzà, cunfortu (V. 3). Tuttu ciò chì succede in a congregazione duverà esse custruttivu per a cumunità (V. 26). Avissimu esse più ghjovani, e persone chì cunniscenu è adupranu a Parola di Diu. I primi cristiani eranu elogiati per esse "custanti" in l'insignamentu di l'apòstuli è in a cumunità è in rompe u pane è in preghiera. (Atti 2,42).

Un terzu principale sensu di a cumunità hè quellu serviziu (suciale). "Dunque ... facemu bè à tutti, ma soprattuttu à cumpagni di fede", dice Paul (Galatini 6,10). U nostru primariu hè a nostra famiglia, allora a cumunità è allora u mondu chì ci circonda. U sicondu cumandamentu più altu hè: amate u vostru vicinu (Matteu 22,39).

Stu mondu hà parechje bisogni fisichi è no duvemu micca ignurallu. Ma più di tuttu, hà bisognu di l'evangelu, è ùn ne duvemu micca ignurà ancu. Cum'è una parte di u nostru serviziu à u mondu, a Chjesa deve predicà a bona nutizia di salvezza per mezu di Ghjesù Cristu. Nisuna altra urganizazione faci stu travagliu - hè a responsabilità di a Chjesa. Ogni travagliadore hè bisognu per questu - alcuni in u "front", altri in funzione di supportu. Plantà qualche, fecundendu l'altri, coglie altri; se travagliemu inseme, Cristu farà chì a Chjesa cresce (Efesini 4,16).

Michael Morrison


in pdfA chjesa