A grazia di Diu

276 grazia

A grazia di Diu hè u favore indeservatu chì Diu hè dispostu à dà à tutta a so creazione. In u sensu più largu, a grazia di Diu hè spressa in ogni attu di rivelazione divina. Grazie à a grazia, l'omu è tuttu u cosimu sò stati salvati da u peccatu è a morte da Ghjesù Cristu, è grazia à a grazia l'omu hà u putere di ghjunghje à Diu è à Ghjesù Cristu (ellu) cunnosce è amu è entra in a gioia di a salvezza eterna in u regnu di Diu. (Colosiani 1,20; 1 Ghjuvanni 2,1-2; Rumani 8,19-21; 3,24; 5,2.15-17.21; Ghjuvanni 1,12; Efesini 2,8-9; Tito 3,7)

Grazia

"Perchè se a ghjustizia vene à traversu a lege, Cristu hè mortu in vain", hà scrittu Paulu in Galatini 2,21. L'unica alternativa, ellu dice in u stessu versu, hè "a grazia di Diu". Semu salvati da grazia, micca mantendu a lege.

Eccu sò alternattivi chì ùn ponu micca esse cumminati. Ùn ci sò micca salvati da grazia plus opere, ma solu per grazia. Paulu rende chjaru chì avemu da sceglie unu o l'altru. Scelta di tramindui ùn hè micca una opzione (Rumani 11,6). "Perchè se l'eredità era acquistata per legge, ùn sarebbe micca stata prumessa; Ma Diu hà datu à Abraamu per prumessa (Galatini 3,18). A salvezza ùn dipende micca da a lege, ma da a grazia di Diu.

"Perchè solu s'ellu ci era una legge chì puderia purtà a vita, a ghjustizia vene veramente da a lege" (V. 21). Se ci era un modu per ottene a vita eterna cumandendu cumandamenti, Diu ci averia salvatu per mezu di a lege. Ma questu ùn era micca pussibule. A lege ùn pò salvà à nimu.

Diu voli chì ci cumportemu bè. Ellu voli chì amemu l'altri è per quessa cumpiendu a lege. Ma ellu ùn vole micca di pensà chì e nostre opere sò sempre un mutivu di a nostra salvezza. A so prestazione di grazia implica chì ellu hà sempre saputu chì ùn serebbe mai "abbastanza bè" malgradu i nostri migliori sforzi. Se e nostre opere cuntribuiscenu à a salvezza, allora averiamu qualcosa di priedesi. Ma Diu hà cuncepitu u so pianu di salvezza in modu chì ùn pudemu micca dichjarà merite per a nostra salvezza (Efesini 2,8-9). Ùn pudemu mai dumandà di guadagnà qualcosa. Ùn pudemu mai dì chì Diu ci deve qualcosa.

Questa tocca à u core di a fede cristiana è face u Cristianesimu unicu. Altre religioni dichjara chì a ghjente pò esse abbastanza bona se pruvate abbastanza. U Cristianesimu dice chì simu simplici ùn pudemu esse abbastanza bè. Avemu bisognu di misericordia.

Ùn serebbi mai bè abbastanza per noi stessi, è dunque altre religioni ùn saranu mai bè abbastanza. L'unicu modu per esse salvatu hè da a grazia di Diu. Ùn pudemu mai merità di vive per sempre, dunque l'unicu modu per pudemu rializà a vita eterna hè di Diu dannendu qualcosa chì ùn meritemu micca. Hè per quessa Paul aspetta quand'ellu usa a parolla grazia. A salvezza hè un rigalu da Diu, qualcosa chì ùn puderebbe mai guadagnà - mancu mantenendu i cumandamenti per millenarii.

Ghjesù è grazia

"Perchè a lege hè datu da Mosè", scrive Ghjuvanni, è cuntinua: "A grazia è a verità sò ghjunse à traversu Ghjesù Cristu." (Ghjuvanni 1,17). Ghjuvanni hà vistu un cuntrastu trà a lege è a grazia, trà ciò chì facemu è ciò chì ci hè datu.

Eppuru, Ghjesù ùn hà micca usatu a parolla grazia. Ma tutta a so vita era un esempiu di grazia è e so paràbule illustranu a grazia. Talvolta usava a parola misericordia per discrive ciò chì Diu ci dà. "Beati i misericordiosi", disse, "per averà misericordia" (Matteu 5,7). Cù sta dichjarazione hà dettu chì tutti avemu bisognu di misericordia. E hà dettu chì avemu da esse cum'è Diu in questu rispettu. Se valore a grazia, mustraremu ancu misericordia à l'altri.

Più tardi, quandu Ghjesù hè statu dumandatu perchè ellu trattà cù i peccatori notori, disse à u pòpulu: "Ma vai è amparà ciò chì significa: mi piace a misericordia è micca u sacrificiu" (Matteu 9,13:6,6, una citazione da Osea). Diu hè più preoccupatu di mostrà misericordia cà perfezzionisti in guardà i cumandamenti.

Ùn vulemu chì e persone peccate. Ma postu chì e transgressioni sò inevitabbili, a misericordia hè imperativa. Questu s'applica à i nostri rilazioni cù l'altri è ancu à a nostra relazione cù Diu. Diu vole chì noi ricunnosce a nostra bisognu di misericordia è dinò di dimustrà misericordia à l'altri. Ghjesù hà datu un esempiu di quessa quandu hà manghjatu cun i cullettori d'imposti è hà parlatu cun i peccatori - per u so cumpurtamentu dimustrò chì Diu vole avè una comunione cun tutti noi. Hà pigliatu tutti i nostri peccati è ci ha pardunatu per avè sta comunità.

Ghjesù hà dettu una parabola di dui debbitori, unu chì deveva una quantità enorme è l'altru chì duveva una quantità assai più chjuca. U maestru pardunò u servitore chì li duva assai, ma stu servitore ùn hà riuscitu à pardunà à u cumpagnu chì li duva menu. U maestru era arraggiatu è disse: "Ùn duvete avè micca pietà di u to servitore cume aghju pietatu di voi?" (Matteu 18,33).

A lezione di questa parabola: Ognunu di noi ci deve vede noi stessi cum'è u primu servitore à u quale un enorme somma hè stata attribuita. Ci hè assai luntanu da scuntrà i esigenze di a lege, cusì Diu ci mostra misericordia - è Ellu voli chì ci mostri misericòrdia. Di sicuru, sia in l'area di misericordia è di legge, e nostre azioni ùn mancanu l'aspettattivi, dunque avemu da continuà à cunfidà in a misericordia di Diu.

A parabola di u bonu Samaritanu finisci cù una chjama à a misericordia (Luca 10,37). U collettore d'impositu chì dumandava a misericordia era quellu chì era ghjustificatu davanti à Diu (Luca 18,13-14). U figliolu prigianu chì hà risurtu a so furtuna è dopu vultò in casa hè statu accettatu senza fà nunda per "guadagnà" (Luca 15,20). Nè a vedova di Nain nè u figliolu ùn anu fattu nunda per guadagnà una risurrezzione; Ghjesù hà fattu questu solu di cumpassione (Luca 7,11-15).

A grazia di u nostru Signore Ghjesù Cristu

I miraculi di Ghjesù servianu per suddisfà i bisogni temporanei. E persone chì manghjianu pane è pani avianu famutu novu. U figliolu chì hè statu criatu in fine hè mortu. Ma a grazia di Ghjesù Cristu vene à noi tutti per più alto attu di grazia divina: a so morte sacrificiale nantu à a croce. In questu modu, Ghjesù si dava per noi - cun cunsiquenzi eterni piuttostu cà tempurale.

Cum'è Petru disse: "Piuttostu, cridemu di esse salvatu da a grazia di u Signore Ghjesù". (Atti 15,11). U Vangelu hè un missaghju di grazia di Diu (Atti 14,3; 20,24. 32). Saremu per grazia "per a redenzione chì hè ghjunta per Ghjesù Cristu" (Rumani 3,24) ghjustificatu. A grazia di Diu hè assuciata cù u sacrifiziu di Ghjesù nantu à a croce. Ghjesù hè mortu per noi, per i nostri peccati, è noi sò salvati perchè di ciò chì hà fattu in a croce (V. 25). Avemu redenzione per mezu di u so sangue (Efesini 1,7).

Ma a grazia di Diu và oltre u perdonu. Luca ci dice chì a grazia di Diu era cun i discìpuli quand'elli predicavanu l'evangelu (Atti 4,33). Diu li mustrò u favore dendu li aiutendu ch'elli ùn meritavanu. Ma i missi umani ùn facenu listesse? Ùn lascemu micca solu i nostri figlioli quandu anu fattu nunda per merità, avemu da ancu rigali chì ùn puderebbenu micca degnu. Face parte di l'amore è riflette a natura di Diu. A grazia hè generosità.

Quandu i parighjani in Antiochia mandavanu Paulu è Barnaba in viaghju missiunariu, anu urdinatu per a grazia di Diu (Atti 14,26; 15,40) In altre parolle, anu urdinatu per piglià cura di Diu, fiducia chì Diu faria cura di i viaghjatori è chì li daria ciò chì avianu bisognu. Quella hè parte di a so grazia.

I doni spirituali sò ancu un travagliu di grazia. "Avemu diversi rigali", scrive Paulu, "secondu a grazia chì ci hè" (Rumani 12,6). «Ma a ognunu di noi hè datu grazia sicondu u rigalu di Cristu» (Efesini 4,7). "E servite l'unu, ognunu cù u rigalu chì hà ricevutu, cum'è u bonu amministratore di e diverse grazie di Diu" (1 Petru 4,10)

Paulu ringrazia a Diu per i doni spirituali con i quali aveva ricchemente dotato i credenti (1 Corintini 1,4: 5). Era cunvinta chì a grazia di Diu saria abbundante trà elli è li hà permessu di aumentà ancu di più in ogni bon travagliu (2 Corinzi 9,8).

Ogni bonu rigalu hè un rigalu di Diu, un risultatu di grazia invece di qualcosa chì ci meritemu. Dunque, ci vole à ringrazià u più semplice benedizzione, u cantu di l'acelli, l'odore di i fiori è a risa di i zitelli. Ancu a vita hè un lussu in sè stessu, micca una necessità.

U ministeru di Paulu fu datu per grazia (Rumani 1,5; 15,15; 1 Corintini 3,10; Galati 2,9; Efesini 3,7). Tuttu ciò chì hà vulsutu fà secondu a grazia di Diu (2 Corinzi 1,12). A so forza è capacità sò un rigalu di grazia (2 Corinzi 12,9). Sì Diu puderia salvà è aduprà u peghju di tutti i peccatori (hè cusì chì Paul si discrive), pò certamente pardunà ognunu di noi è usà noi. Nunda ci pò separa di u so amore, a so vulintà di dà rigali.

A nostra risposta à a grazia

Cumu duvemu risponde à a grazia di Diu? Cù grazia, sicuru. Duvemu esse misericordiosu, cum'è Diu hè misericordiosu (Luca 6,36). Duvemu pardunà l'altri, cumu ci anu pardunatu. Duvemu serve à l'altri cum'è avemu statu servitu. Duvemu esse amabili à l'altri mustrendu benevolenza è amabilità cun elli.

E nostre parolle devi esse pienu di grazia (Colosiani 4,6). Avissimu esse cari è graziosu, pardunendu è pardunendu in matrimoniu, in l'affari, in u travagliu, in a chjesa, versu l'amichi, famiglia è stranieri.

Pàulu hà ancu descrittu a generosità finanziaria cum'è un travagliu di grazia: «Ma noi ci facemu cunnosce, cari fratelli, a grazia di Diu chì hè datu in e cumunità di Macedònia. Perchè a so gioia era esuberante quandu sò stati pruvati per assai afflittu, è anche se sò assai poveri, anu datu abbundanza in tutta simplicità. Perchè secondu a mo forza, tistimuniscenu, è ancu tenenu a so vuluntà di a so forza » (2 Corintini 8,1: 3). Avianu ricevutu assai è dopu eranu pronti à dà assai.

Dà hè un attu di grazia (V. 6) è generosità - sia in termini di finanze, tempu, rispettu o altrimenti - è hè un modu adattatu per noi per risponde à a grazia di Ghjesù Cristu chì si hè datu à noi per esse abbundanti pò esse benedettu (V. 9).

di Ghjiseppu Tkach


in pdfA grazia di Diu