Perchè Ghjesù deve mori?

214 perchè Ghjesù hè mortu? U travagliu di Ghjesù hè vintu in modu incredibile. Hà amparatu è curatu migghiara. Attraia un gran numeru di ascoltatori è puderia avè un impattu assai più largu. Puderia avè guaritu più millaie se ellu era andatu in i Ghjudei è in i Ghjudei chì habite in altre terra. Ma Ghjesù hà permessu chì a so opara hè vultata à a fine brusca. Puderia avè evitatu l'arrestu, ma hà sceltu di muriri invece di portà u so messagiu in u mondu. I so insegnamenti eranu impurtanti, ma micca solu vense à insegnà ma ancu à muriri, è ancu cù a so morte hà fattu più ch'è in a so vita. A morte era a parte più impurtante di l'opera di Ghjesù. Quandu pensemu à Ghjesù, pensemu à a croce cum'è un simbulu di u Cristianesimu, di u pane è u vinu di a Cena di u Signore. U nostru Redentore hè un Redentore chì hè mortu.

Natu per muriri

L'Anticu Testamentu ci dice chì Diu hè statu apparsu in parechje volte in forma umana. Se Ghjesù avia vulutu solu guarì è insegnà, puderia solu avè "apparsu". Ma hà fattu più: diventò umanu. Perchè? Cusì puderia mori. Per capisce Ghjesù, avemu bisognu di capisce a so morte. A so morte hè una parte centrale di u messagiu di salvezza è qualcosa chì afecta direttamente tutti i cristiani.

Ghjesù hà dettu chì "u Figliolu di l'omu ùn hè ghjuntu, ch'ellu sia statu servutu, ma chì avissi da serveri è dà a so vita per a salvezza [folla Bibbia è Elberfeld Bibbia: cum'è una ransom] per parechje" Matte. 20,28) È vinutu à sacrificà a so vita per muriri; a so morte deve "cumprà salvezza" per altri. Questa era a raghjone principale perchè hè ghjuntu in terra. U so sangue era spulatu per altri.

Ghjesù hà annunziatu a so patenza è a morte à i discìpuli, ma apparentemente ùn l'anu micca cridutu. "Da quellu tempu Ghjesù hà cuminciatu à dimustrà à i so discepuli cume andà in Ghjerusalemme è soffre assai da l'anziani è i sacerdoti maiò è i scribi è per esse uccisu è resuscitatu u terzu ghjornu. È Petru u fece chjappà è u fece partà, dicendu: Diu vi salvi, Signore! Ùn avete solu chì! " (Mat. 16,21-22.)

Ghjesù sapia ch'ellu avia da muriri perchè era scrittu cum'è questu. "... E cumu hè scrittu da u Figliolu di l'omu chì si deve soffre assai è esse disprezzatu?" (Marcu 9,12:9,31; 10,33; 34.) «È partì cun Mosè è tutti i profeti è li spiegò ciò chì era dettu annantu à ellu in tutte le Scritture ... Allora hè scrittu chì Cristu soffre è risurrezzione di i morti u terzu ghjornu » (Luca 24,27:46 è).

Tuttu hè accadutu secondu u pianu di Diu: Erodu è Pilatu anu fattu solu ciò chì a manu è a decisione di Diu "avia determinatu prima di succede" (Atti 4,28). In u giardinu di Getsemaniu pregava in preghiera sì ùn ci era un'altra manera; ùn ci era nimu (Luca 22,42). A so morte era essenziale per a nostra salvezza.

U servitore chì soffre

Induva hè statu scrittu? A profezia più chjara pò esse truvata in Isaia 53. Ghjesù stessu citò Isaia 53,12: "Perchè vi dicu à voi: Ciò chì deve esse rializatu in mè deve esse ciò chì hè scrittu:" Era cuntu tra i malvagi. " Perchè ciò chì hè scrittu da mè serà rializatu » (Luca 22,37). Ghjesù, peccatu, deve esse cuntatu trà i peccatori.

Chì altru hè scrittu in Isaia 53? "In effetti, hà vintu a nostra malatia è ci hà incaricatu u dulore. Avemu cridutu ch'ellu era quellu chì era statu affollatu è sbattutu è torturatu da Diu. Ma hè feritu per a nostra iniquità [apostasia, apostasia] è lampatu per u nostru peccatu. U casticu hè nantu à ellu per avè pace, è attraversu e ferite simu curati. Tutti si era andatu cum’è e pecure, ognunu pigliava a so strada. Ma u Signore li hà scacciatu tutti i nostri peccati » (Versi 4-6).

Era "strufatu per l'iniquità di u mo populu ... ancu s'ellu ùn hà fattu micca male ... U Signore voleva smintallu cù una malatia. Quandu hà datu a so vita di vittima di a culpabilità ... porta i so peccati ... portava i peccati di parechji ... è pricava per i malvatori » (Versi 8-12). Isaias porta una persona chì ùn soffre micca per i peccati di l'altri, ma per i peccati di l'altri.

Questa persona duverà esse "distrutta da a terra di i vivi" (Verse 8), ma chì ùn hè micca a fine di a storia. Duverebbe «vede a luce è abbundanza. È per via di a so cunniscenza ellu, u mo servitore, u ghjustu, creerà ghjustizia per i tanti ... averà figlioli è vivrà longu » (Versi 11 è 10).

Ciò chì Isaia hà scrittu, Ghjesù hà rializatu. Haiu datu a so vita per e so pecure (Ghjuvanni 10:15). Cù a so morte hà accettatu i nostri peccati è soffrenu per e nostre transgressioni; era casticatu in modu chì pudemu avè pace cù Diu. A traversu u so patimentu è a morte a malatia di a nostra anima hè curata; simu ghjustificati - i nostri peccati sò purtati. Sti verità sò espansate è approfondite in u Novu Testamentu.

Una morte in vergogna è in vergogna

Un "omu agganciatu hè maledicatu cù Diu", dice Deuteronomu 5:21,23. Per via di stu versu, i Ghjudei vedenu a malidizioni di Diu nantu à ogni crucifixione è, cum'è Isaia scrive, l'anu vista cum'è "colpita da Diu". I preti ebbrei probabilmente pensavanu chì questu avissi spaventà è paralizà i discepuli di Ghjesù. Infatti, a crucifixione hà distruttu e so speranza. Deganciati, anu cunfessu: "Avemu ... speratu chì era ellu chì redimverà Israele" (Luca 24,21). A risurrezzione poi ristaurò e so speranze, è u miraculu Penticostale a riempiò di un novu curagiu per annunziate cum'è un salvatore chì un eroe chì, secondu a cridenza populare, era un antihero assolutu: un Messia crucifissu.

"U Diu di i nostri babbi", hà annunziatu Petru davanti à u cunciliu altu, "hà risuscitatu Ghjesù à quale hai colpu à u legnu è avete tombu" (Atti 5,30). In "Holz" Petru faci tutta a disgrazia di a morte nantu à a croce. A vergogna, dice, ùn sta micca nantu à Ghjesù - si trova nant'à quelli chì l'anu crucifissu. Diu u benedisse perchè ùn meritava micca a maledizione chì patì. Diu hà invertitu u stigma.

Paulu parla di a stessa maledicazione in Galati 3,13: «Ma Cristu ci hà liberatu di a malidizioni di a lege, postu chì hè diventatu una malediczione per noi; perchè hè scrittu: "Maledicatu hè tutti quelli chì pandanu nantu à u legnu" ... »Ghjesù diventò a nostra maledicazione invece di a nostra, per pudè esse liberatu da a maledizioni di a lege. Hè diventatu qualcosa chì ùn era micca, in modu chì pudemu diventà qualcosa chì ùn simu micca. "Perchè hà fattu quellu chì ùn sapia micca peccatu per noi in noi, affinchì puderia diventà a ghjustizia davanti à Diu" (2 Cor.
5,21).

Ghjesù hè diventatu un peccatu per noi in modu chì pudemu dichjarà ellu ghjustu. Perchè hà soffratu ciò chì si meritava, hà liberatu da a malidizioni - da a punizione - di a lege. "U punitu hè nantu à ellu per avè pace". Perchè ellu hà servutu a punizione, pudemu godere a pace cù Diu.

A parolla di a croce

I discepuli ùn anu mai scurdatu u modu disgraziatu di Ghjesù hè mortu. A volte era ancu u focu di a so predicazione: "... ma predicemu Cristu crucifissu, fastidiu à i Ghjudei è insensatezza à i Grechi" (1 Cor. 1,23). Paulu chjama ancu l'evangelu "a parolla di a croce" (Verse 18). Dice à i Galatini chì anu persu a vista di a stampa curretta di Cristu: "Quale hà incantatu, à quale Ghjesù Cristu hè statu pittatu davanti à l'ochji cum'è quellu crucifissu?" (Gal. 3,1.) Era u messagiu core di u Vangelu.

Perchè a croce "evangelu", una bona nutizia? Perchè ci eranu redimiti in croce è i nostri peccati sò stati datu u casticu chì si meritevanu. Paulu si centra in a croce perchè hè a chjave per a nostra salvezza per mezu di Ghjesù.

Ùn saremu micca risuscitati per a gloria finu à chì u nostru debitu peccatu hà pagatu, quandu avemu statu ghjustificatu in Cristu cum'è "davanti à Diu". Solu allora possemu entra in a gloria di Ghjesù.

"Per noi" Ghjesù murì, dice Paulu (Rumani 5,6: 8-2; 5 Corintini 14:1; 5,10 Tess.); è "per i nostri peccati" hà mortu (1 Cor. 15,3; Gal. 1,4). Hà "purtatu u nostru propiu peccatu ... annantu à u so corpu à u legnu" (1. Petr. 2,24; 3,18). Pàulu dice ancu chì noi muriamu cun Cristu (Rum. 6,3-8). Cridendu in ellu partemu in a so morte.

Se accettemu Ghjesù Cristu cum'è u nostru Salvadore, a so morte conta cum'è a nostra; i nostri peccati cuntenenu cum'è e so, è a so morte abolisce u casticu per quelli peccati. Hè cume cume siamu stati appiccicati à a croce, cum'è s'ellu avemu ricevutu a maledizione i nostri peccati avemu. Ma l'hà fattu per noi, è perchè l'hà fattu, pudemu esse ghjustificate, vale à dì cunsideratu ghjustu. Piglia u nostru peccatu è a nostra morte; ellu ci dà ghjustizia è a vita. U prìncipe hè diventatu un zitellu di capricciò cusì chì pudemu diventà príncipes di i zitelli.

A Bibbia dice chì Ghjesù hà rispostu (in u vechju sensu di redenzione: liberazione, compru gratis) per noi, ma u riscattu ùn hè statu pagatu à alcuna entità specifica - hè una frasa figurativa chì vole chjarificà chì ci hà custatu un prezzu incredibilmente altu per liberà di noi. . "Siete caru", Paul descrive a nostra redenzione per mezu di Ghjesù: questa hè ancu una frasa figurativa. Ghjesù "hà acquistatu" noi, ma "hà pagatu" nimu.

Certi anu dettu chì Ghjesù hè mortu per suddisfà i diritti ghjuridichi di u babbu - ma pudete ancu dì chì hè statu u babbu stessu chì hà pagatu u prezzu mandendu è dendu u so figliolu per ellu. (Ghjuvanni 3,16:5,8; Rom.). In Cristu Diu stessu hà pigliatu punizioni - per ùn avemu micca; «Perchè per a grazia di Diu ellu deve tastà a morte per tutti» (Ebrei 2,9)

Fuga da l'ira di Diu

Diu ama a ghjente - ma odià u peccatu perchè u peccatu face dannu à e persone. Dunque ci sarà un "ghjornu di Còllera" quandu Diu ghjudicheghja u mondu (Rom. 1,18; 2,5).

Quellu chì rifiuta a verità serà punitu (2, 8). Quellu chì rifiuta a verità di grazia divina cunnoscerà l 'inconveniente di Diu, a so rabbia. Diu voli chì tutti si pentanu (2. Petr. 3,9), ma quellu chì ùn si pinghje sente i cunsequenze di u so peccatu.

I nostri peccati sò pardunati in a morte di Ghjesù, è per a so morte scappamu l'ira di Diu, u casticu per u peccatu. Tuttavia, questu ùn significa micca chì un Cristu amatore appassiunò un Diu arraggiatu o, in un certu modu, "cumpratu in silenziu". Ghjesù hè in furia di u peccatu cum'è u babbu hè. Ghjesù ùn hè micca solu u ghjudice mundiale chì ama i peccatori tantu chì paga u peccatu per elli, hè ancu u ghjudice mundiale chì cundanna. (Mat. 25,31-46).

Quandu Diu ci pardona, ùn lavora micca simplemente u peccatu è fingeva chì ùn esiste mai. In tuttu u Novu Testamentu, ci insegna chì u peccatu hè guadagnatu per via di a morte di Ghjesù. U peccatu hà cunsiquenzi grave - cunsequenze chì pudemu vede nantu à a croce di Cristu. Hè custatu à Ghjesù u dulore è a vergogna è a morte. Hà guadagnatu u casticu chì meritavamu.

U Vangelu rivela chì Diu agisce in modo giusto quando ci pardona (Rum. 1,17). Ùn ignora i nostri peccati, ma li supera in Ghjesù Cristu. "Diu hà fattu per a fede cum'è ispiazione in u so sangue per pruvà a so ghjustizia ..." (Rum. 3,25). A croce rivela chì Diu hè ghjustu; mostra chì u peccatu hè troppu seriu per esse ignuratu. Hè propiu chì u peccatu sarà punitu, è Ghjesù hà accettatu voluntariamente u nostru casticu. In più di a ghjustizia di Diu, a croce ampara ancu l'amore di Diu (Rum. 5,8).

Cum'è Isaias dice: Avemu paci cù Diu perchè Cristu hè statu punitu. Eramu una volta luntanu di Diu, ma avà ci avvicinemu da ellu per mezu di Cristu (Efesimi 2,13). In altre parolle, simu cunciliati cù Diu per mezu di a croce (Verse 16). Hè una cridenza di basa cristiana chì a nostra relazione cù Diu dipende da a morte di Ghjesù Cristu.

Cristianesimu: questu ùn hè micca un catalogu di regulamenti. U Cristianesimu hè a cridenza chì Cristu hà fattu tuttu ciò chì avemu bisognu di fà cù Diu - è u fece in croce. Ci semu "cunciliate cù Diu ... per a morte di u figliolu quandu eramu ancora nemici" (Rum. 5,10). Attraversu Cristu Diu hà cunciliatu l'universu "facendu a pace à traversu u so sangue nant'à a croce" (Col. 1,20). Se ci simu cunciliati per ellu, tutti i peccati sò pardunati (Verse 22) - Reconciliazione, u pardonu è a ghjustizia significheghjanu una sola cosa: a pace cun Diu.

Vittoria!

Paulu usa una stampa interessante per a salvezza quandu scrive chì Ghjesù "hà staccatu i putenzi è i putenzi di i so putenzi è l'affissà publicamente è li hà fattu un trionfu in Cristu [a. Ü .: attraversu a croce] » (Col. 2,15). Utiliza l'imaghjini di una sfilata militare: u generale vitturiosu mostra i prigiuneri nemici in una prucessione triunfale. Sò disarmati, umiliati, sposti. Ciò chì Paul voli dì quì hè chì Ghjesù hà fattu questu in a croce.

Ciò chì pareva una morte disgraziaria era in fattu un trionfu incurigante per u pianu di Diu, perchè era solu per mezu di a croce chì Ghjesù hà guadagnatu a vittoria annantu à e forze ostili, sopra Satan, u peccatu è a morte. E vostre dumande contru à noi sò stati cumplettamente soddisfatti da a morte di a vittima innocente. Ùn ponu dumandà micca più di ciò chì hè stata digià pagata. A so morte, ci si dice, Ghjesù hà pigliatu u putere di "chì avia u putere nantu à a morte, à dì u diavulu" (Ebrei 2,14) «... U Figliolu di Diu hè apparsu per distrughje l'opere di u diavulu» (1 Ghjuvanni 3,8). A vittoria hè stata guadagnata nant'à a croce.

vittima

A morte di Ghjesù hè ancu qualificata cum'è vittima. U cuncettu di sacrifiziu tira da a ricca tradizione di sacrifiziu in l'Anticu Testamentu. Isaia chiama u nostru creatore una "vittima di culpabilità" (53,10). Ghjuvanni u Battista a chjama "l'Agnellu di Diu chì porta u peccatu di u mondu" (Ghjuvanni 1,29) Paulu u riprisenta cum'è vittima di a riconciliazione, cum'è vittima di u peccatu, cum'è un agnellu di Pasqua, cum'è un incensu (Rom. 3,25; 8,3; 1 Cor. 5,7; Ef. 5,2). A lettera à l'ebbrei u chjama cum'è un peccatu (10,12). Ghjuvanni u chjama un sacrifiziu per a cunciliazione "per i nostri peccati" (1 Ghjuvanni 2,2; 4,10).

Ci hè parechji nomi per ciò chì Ghjesù hà fattu in a croce. L'autori individuali di u Novu Testamentu adopranu termini è imaghjini differenti per questu. L'esatta scelta di e parolle, u mecanismu esatta ùn hè micca decisivu. U fondu hè chì simu salvati da a morte di Ghjesù, chì solu a so morte apre a salvezza à noi. "I so feriti ci anu guaritu". Morse per liberà di noi, di riesce i nostri peccati, di soffre u nostru punitu, per cumprà a nostra salvezza. «Amate, se Diu ci amassi cusì, ci duvemu dinò amassi» (1 Ghjuvanni 4,11).

Curazione: Sete parolle chjave

A ricchezza di u travagliu di Cristu hè spressu in u Novu Testamentu per mezu di una mansa di imagerie linguistiche. Pudemu chjamà queste stampi paraboli, modelli, metafore. Ogni pinta una parte di a stampa:

  • Ransom (guasi congruente cù "redenzione"): un prezzu pagatu per fissà à qualcunu libera. L'accentu hè nantu à l'idea di liberazione, micca a natura di u prezzu.
  • Redenzione: in u sensu uriginale di a parolla ancu basatu nantu à "cumprà fora", B. a compra libera di schiavi.
  • Ghjustificazione: stà davanti à Diu novamente senza culpabilità, cum'è dopu una assuluzione in tribunale.
  • Salvezza (Salvezza): L'idea di basa hè a liberazione o a salvezza da una situazione periculosa. Ci hè ancu guariscenza, guariscenza, ritornu à integrità.
  • Reconciliazione: Rinnova una relazione disturbata. Diu ci cuncilia cun ellu stessu. Agisce per restituverà una amicizia è simu pigliati a so iniziativa.
  • A zitiddina: Diventemu i figlioli legittimi di Diu. A fede cambia a nostra situazione civile: da l'esternu à u membru di a famiglia.
  • Perdona: pò esse vistu in dui maneri. Per legge, u pardonu significa l'annullamentu di un debitu. Interpersonale significa u pirdunu chì pardona un preghjudiziu persunale (Secunnu Alister McGrath, Cumprendu Ghjesù, p. 124-135).

di Michael Morrison


in pdfPerchè Ghjesù deve mori?