Natu per mori

306 nati à muriri A fede cristiana proclamà u messagiu chì u Figliolu di Diu hè diventatu carne in un locu predeterminatu in u tempu è hà campatu tra noi umani. Ghjesù era tantu rimarchevule in a persunalità chì alcuni puderanu ancu interrugà u so essere umanu. Tuttavia, a Bibbia sempre enfasi chì era veramente Diu in carne - nata da una donna - umana, cusì fora di a nostra peccatura era cum'è noi in ogni rispettu (Giuvanni 1,14:4,4; Galati 2,7; Filippini 2,17; Ebrei). Era veramente umanu. L'incarnazione di Ghjesù Cristu hè solitamente festighjata cù u Natale, ancu s'è inizià cù a gravidanza di Maria, secondu u calendariu tradiziunale di u 25 di Marzu, a Festa di l'Annunziata (prima hè ancu chjamatu u festival di l'incarnazione o incarnazione di Diu).

Cristu Crucifissu

Quantu impurtanti chì credemu chì pò esse a cuncepzione è a nascita di Ghjesù, ùn sò micca a prima priorità di u messagiu di fede chì purtemu à u mondu. Quandu Paulu predica in Corintu, pruclamò un messagiu assai più pruvucativu: quellu di Cristu crucifissu (1 Corinzi 1,23).

U mondu grecoromicu cunniscia assai storie di divinità chì sò nate, ma nimu avia mai intesu parlà di un crucifissu. Era grottu - cum'è dà à a ghjente a salvezza se solu credi in un criminale esecutatu. Ma cumu puderia esse pussibile esse ricaricatu da un criminale?

Eppuru, questu era u puntu cruciale - u Figliolu di Diu hà patitu una morte vergogna nantu à a croce cum'è un criminale è solu allora ripigliò a gloria per mezu di a risurrezzione. Petru hà spiegatu à u cunciliu altu: "U Diu di i nostri babbi hà risuscitatu Ghjesù ... Diu l'ha risuscitatu cù a manu diritta cum'è principe è salvatore per dà à Israele u pentimentu è u perdonu di i peccati" (Atti 5,30-31). Ghjesù hè statu risuscitatu trà i morti è esaltatu per riesce i nostri peccati.

Tuttavia, Petru ùn hà fiascatu d'andà à a parte imbarazzante di a storia: "... chì hai affaccatu à u legnu è avete tombu". U termine "legnu" hà senza dubbiu ricurdatu à i capi di a fede ebraica di e parole in Deuteronomiu 5:21,23: "... un omu spiccatu hè maledettu à Diu".

Auweia! Perchè Petru avia da fà vene questu? Ùn pruvò micca di circuscranchà a scogliera sociopolitica, ma cumprenda a cuscenza stu aspettu. U so messagiu ùn era micca solu chì Ghjesù hè mortu, ma in questu modu disonore. Questa era micca solu una parte di u messagiu, ma era ancu u so messagiu centrale. Quandu Paulu predica in Corintu, vulia a preoccupazione centrale di a so proclamazione ùn solu per capisce a morte di Cristu cum'è tali, ma di vede a so morte nantu à a croce (1 Corinzi 1,23).

In Galatia, era ovviamente utilizatu una spressione particularmente viva: "... chì Ghjesù Cristu hè statu dipintatu davanti à l'ochji di u crucifissu" (Galatini 3,1). Perchè Paulu hà messu tante enfasi in una morte cusì terribile chì l'Scrittura hà vistu cum'è un segnu sicuru di a malidizioni di Diu?

Era necessariu?

Perchè Ghjesù hà avutu a patire una morte cusì terribile? Paul avia probabilmente trattatu di sta dumanda in dettaglio per un bellu pezzu. Hà vistu u Cristu risuscitatu è sapia chì Diu avia mandatu u Messia in questu omu stessu. Ma perchè, perchè Diu hà lasciatu quellu ungettu morire di morte chì l'Scrittura vede cum'è una malidizioni? (Allora i musulmani ùn crèdenu micca chì Ghjesù era crucifissu. À i so ochji, era un prufeta, è Diu ùn avissi mai permessu di accade qualcosa di ellu in questa capacità. stati.)

Infatti, Ghjesù hà pricatu in u giardinu di Getsemane chì ci puderia esse un antru modu per ellu, ma ùn ci era nimu. Erodu è Pilatu anu fattu solu ciò chì Diu "predestinassi avissi da succede" - à dì, ch'ellu deve muriri di sta manera maledetta (Atti 4,28; Bibbia di Zurigo)

Perchè? Perchè Ghjesù hè mortu per noi - per i nostri peccati - è per via di a nostra peccazione siamu maledettu. Ancu i nostri abusi minori corrispondenu à a crucifissu in a so riprensibilità davanti à Diu. Tutta l'umanità hè maledetta perchè hè culpèvule di u peccatu. Ma a bona nova, u Vangelu, prumette: "Ma Cristu ci hà liberatu di a malidizioni di a lege, postu chì hè diventatu a malediczione per noi" (Galatini 3,13). Ghjesù hè stata crucifissu per ognunu di noi. Pigliò u dulore è a vergogna chì si merità di soffre.

Altri analogii

Tuttavia, questu ùn hè micca l'unica analogia chì a Bibbia ci mostra, è Paulu s'indirizza solu questu puntu particulari in una di e so lettere. Più spessu, semplicemente dice chì Ghjesù "morse per noi". À u primu sguardu, a frasa scelta quì pare solu un semplice scambiu: meritavamu a morte, Ghjesù offre à morrere volontariamente per noi, è cusì ci risparmiavamu.

Tuttavia, ùn hè micca cusì simplice. Per una cosa, noi umani ancora mori. È da un altru puntu di vista, stamu cun Cristu (Rumani 6,3-5). Dopu à sta analogia, a morte di Ghjesù era riprisentante di noi (morse à u nostru locu) quant’è participativu (vale à dì chì partemu in a so morte murendu cun ellu); chì ne face abbastanza chjaru ciò chì hè impurtante: noi siamu redimessi da a crucifissu di Ghjesù, per quessa, pudemu esse salvatu solu da a croce di Cristu.

Un'altra analogia scelta da Ghjesù stessu usa a ransom cum'è un paragone: "... u Figliolu di l'omu ùn hè ghjuntu à esse servutu, ma per serve è dà a so vita cum'è riscattu per parechji" (Marcu 10,45). Cum’è s’è noi fussimu stati cativi da un nemicu è a morte di Ghjesù ci hà assicuratu a libertà.

Paulu face un paragone simile dicendu chì eramu acquistati liberi. Stu termine pò ricurdà certi lettori di u mercatu di schiavi, altri forse di l'Israeliti chì lascianu l'Eggittu. I schiavi puderanu esse acquistati liberi di schiavitù, è cusì ancu Diu hà cumpratu u populu d'Israele da l'Eggittu. Inviandu u so figliolu, u nostru Babbu divinu ci hà compru caru. Pigliò a punizione per i nostri peccati.

In Colossiani 2,15 una altra stampa hè usata per u paraguni: «... hà disarmatu completamente i puteri è i puteri è i metti in mostra publica. In ellu [in croce] hà tenutu u trionfu annantu » (Bibbia di Elberfeld) U ritrattu disegnatu quì rapprisenta una parata di vittoria: u capimachja militante vitturiosa porta in catene i prigiuneri disarmati, umiliati. Stu passaghju in a lettera à i Colossi, dà chjaru chì per a crucifissu Ghjesù Cristu hà rumpitu u putere di tutti i so nemichi è ci hà vintu per noi.

A Bibbia ci dà u messagiu di salvezza in stampi è micca in forma di formule fede, immubiliare di fede. Per esempiu, a morte sacrificiale di Ghjesù hè nantu à noi invece di una di e parechje imagine chì l'Scrittura utilizza per rende chjaru u puntu cruciale. Cumu u peccatu hè deskrittu in parechje manere sferenti, l'opere di Ghjesù per redimir i nostri peccati ponu esse presentati di manera diversa. Se vedemu u peccatu cum'è una violazione di a lege, pudemu vede in a crucifissu un attu di punizione invece di a punizione chì avemu realizatu. Se a vidimu cum'è una violazione di a santità di Diu, vedemu in Ghjesù u sacrifiziu ispiacente chì vene per ella. Si ci contamina, u sangue di Ghjesù ci cacca. Si vedemu noi sottumessi da ella, Ghjesù hè u nostru Redentore, u nostru liberatore vitturiosu. Induva si sembranu a nemica, Ghjesù porta cunciliazione. Si vede in ellu un segnu di ignuranza o di stupidità, hè Ghjesù chì ci da illuminazione è saviezza. Tutte queste stampe sò un aiutu per noi.

Puderà a Furia di Diu?

L'imprefettazione causa a rabbia di Diu, è serà un "ghjornu di rabbia" annantu à quale ghjudice u mondu (Rumani 1,18; 2,5). Quelli chì "disubbidiscenu a verità" saranu puniti (Verse 8). Diu ama i pirsuni è preferiscenu vedeli cambiare, ma Li punisce se l'opposizioni persunavanu à ellu. Quelli chì si stanu chjusu da a verità di l'amore è a grazia di Diu riceveranu u so casticu.

A cuntrariu di una persona furiosa chì hè stata appassiunata prima di pudè calma, ci ama è assicurò chì i nostri peccati puderanu esse perdunati. Cusì, ùn sò micca solu sguassati, ma trasfiriti à Ghjesù cun cunsiquenzi reale. "Hà fattu quellu chì ùn sapia micca peccatu per noi" (2 Corintini 5,21; Bibbia di Zurigo). Ghjesù hè divintatu una malediczione per noi, hè diventatu u peccatu per noi. Cum'è i nostri peccati sò stati trasfiriti à ellu, a so ghjustìzia hè passatu à noi "per chì noi pudemu diventà a ghjustu di Diu in ellu" (versu stessu). Ci hè stata data a ghjustizia da Diu.

A rivelazione di a ghjustizia di Diu

U Vangelu revela a ghjustizia di Diu - chì hè ghjustu per pardunà invece di ghjudicà in noi (Rumani 1,17). Ùn ignora i nostri peccati, ma cura di elli cù a crucifissu di Ghjesù Cristu. A croce hè un signu di tramindui u dirittu di Diu (Rumani 3,25: 26) cume u so amore (5,8). Ferma a ghjustizia perchè riflette bè i punizioni di u peccatu per a morte, ma à u listessu tempu per l'amore perchè u perdonu accetta volontariamente u dolore.

Ghjesù hà pagatu u prezzu per i nostri peccati - u prezzu persunale in forma di duluri è vergogna. Ellu hà cunciliazione (a ristaurazione di una cumunità persunale) attraversu a croce (Colosiani 1,20). Ancu quandu eramu sempre nemichi, hè mortu per noi (Rumani 5,8).
A ghjustizia hè più chè u rispettu di a lege. U misericordiosu Samaritanu ùn hà micca ubbiditu à alcuna legge chì l'abbandunessi à aiutà i feriti, ma hà fattu a bona cosa aiutendu.

S'ellu hè in a nostra putenza di salvà una persona affucata, ùn duvemu esitate à fà. È cusì era in u putere di Diu per salvà un mondu peccatu, è hà fattu cusì mandendu Ghjesù Cristu. «... hè a cunciliazione per i nostri peccati, micca solu per i nostri, ma ancu per quelli di tuttu u mondu» (1 Ghjuvanni 2,2). Hè mortu per tutti noi, è a fece ancu "quandu eramu sempre peccatori".

Per fede

A misericordia di Diu versu noi hè un signu di a so ghjustu. Agisce ghjustificativu dendu a nostra ghjustizia ancu se noi siamo peccatori. Perchè? Perchè hà fattu Cristu a nostra ghjustizia (1 Corinzi 1,30). Siccomu simu uniti cun Cristu, i nostri peccati passanu per ellu è ghjunghjemu a so ghjustu. Ùn avemu micca a nostra ghjustizia fora di noi stessi, ma vene da Diu è ci hè datu per mezu di a nostra fede (Filippini 3,9).

"Ma parlu di ghjustizia davanti à Diu, chì vene per a fede in Ghjesù Cristu à tutti quelli chì credenu. Perchè ùn ci hè nisuna differenza: tutti sò peccatori è mancanu a gloria chì duveranu cù Diu, è senza meritu fà ghjustizia à a so grazia per via di a salvezza chì hè ghjunta per Cristu Ghjesù. Diu hà presu a fede cum'è una ispiazione in u so sangue per pruvà a so ghjustizia, perdunendu i peccati chì eranu già stati commessi in u tempu di a so pazienza, per pruvà a so ghjustizia in questu mumentu chì ellu stessu hè ghjustu è ghjustu. fà quellu chì ci hè da a fede in Ghjesù » (Rumani 3,22-26).

L'espiazione di Ghjesù era per tutti, ma solu quelli chì crèdenu in ellu riceveranu e benedizioni chì vènenu cun ella. Solu quelli chì accettanu a verità pò sperimentà grazia. Ricunniscimu a so morte cum'è nostra (cum'è a morte hà patitu invece di a nostra, in quale participemu); è cum'è u so casticu, ricunniscimu a so vittoria è a risurrezzione cum'è a nostra. Allora Diu hè veru per ellu stessu - hè misericordiosu è ghjustu. U peccatu hè sminticatu appena quantu si tratta di i peccatori stessi. A misericòrdia di Diu triunfà u ghjudiziu (Ghjacumu 2,13)

Attraversà a croce, Cristu hà cunciliatu u mondu sanu (2 Corinzi 5,19). Iè, tutta l'universu hè cunciliatu à Diu à traversu a croce (Colosiani 1,20). A salvezza hè datu à tutti di a creazione da ciò chì Ghjesù hà fattu! Chì da veramente oltre tuttu ciò chì avemu assuciatu cù u terminu salvamentu, ùn hè micca?

Natu per muriri

U fondu hè chì simu salvati da a morte di Ghjesù Cristu. Iè, hè per quessa chì hè diventatu carne. Per guidà à a gloria, Diu hà piaciutu di lascià Ghjesù soffre è mori (Ebrei 2,10). Perchè vulia redimi, hè diventatu cum'è noi; perchè solu mughjendu per noi puderia salvà noi.

"Avà chì i zitelli sò di carne è di sangue, ellu l'avete ancu accettatu ugualmente, per via di a so morte, li puderebbe caccià u putere da quelli chì avianu u cuntrollu di a morte, à dì u diavulu. A vita avia da esse servitore » (2,14-15). Da a grazia di Diu, Ghjesù hà patitu a morte per ognunu di noi (2,9). "... Cristu hà subitu una volta per i peccati, u ghjustu per l'inghjusti, perch'ellu hà purtatu à Diu ..." (1 Petru 3,18)

A Bibbia ci dà parechje opportunità per riflette nantu à ciò chì Ghjesù hà fattu per noi in a croce. Certamente ùn capemu micca in dettagliu cumu tuttu "interrelata", ma accettemu chì hè cusì. Perchè hè mortu, pudemu cumprenda a vita eterna cù Diu.

Finalmente, vogliu piglià un altru aspettu di a croce - quellu di u mudellu:
«In apparsu l'amore di Diu frà noi, chì Diu hà mandatu u mondu u so figliolu solu nascittu per chì noi vivissimu per ellu. Eccu l'amore: micca chì avemu amatu Diu, ma chì ci hà amatu è hà mandatu u figliolu in spiazzione per i nostri peccati. Amate, se Diu ci ha amatu cusì, duvemu ancu amassi » (1 Ghjuvanni 4,9: 11).

di Ghjiseppu Tkach


in pdfNatu per mori