Quale hè questu omu?

A quistione di l'identità chì trattà quì era posta da Ghjesù stessu à i so discepuli: "Quale hè chì dite a ghjente chì u Figliolu di l'omu hè?" Ghjè ancora pertinente per noi oghje: Quale hè questu omu? Chì avucatu hà? Perchè duvemu avè fiducia in ellu? Ghjesù Cristu hè à u centru di a fede cristiana. Avemu da capisce chì tipu di persona hè.

Tutti umani - è più

Ghjesù hè natu in u modu nurmale, hè crisciutu nurmale, hà avutu a fami è a sete è stancu, hà manghjatu è beie è dorme. Ellu pareva normale, parlava lingua ogni ghjornu, caminava nurmale. Hà avutu sentimenti: pietà, rabbia, stupore, tristezza, paura (Matth. 9,36; Luk. 7,9; Joh 11,38; Matth. 26,37) Hà pricatu à Diu cum'è e persone anu. Si chjamava omu, è s’hè indirizzatu cum’è un omu. Era umanu.

Ma era una persona straordinaria chì dopu a so ascensione, certi negarianu esse umani (2 Ghjuvanni 7). Pensavanu chì Ghjesù era tantu santu chì ùn anu micca pussutu crede chì ùn avia nunda di fà cù a carne, cù a terra, a sudore, e funzioni digestive, l'imperfezzioni di a carne. Forsi era solu "apparutu" cum'è umanu, cum'è l'angeli à volte apparenu cum'è umani senza esse veramente umani.

In cuntrastu, u Novu Testamentu palesa: Ghjesù era umanu in u sensu pienu di a parolla. Ghjuvanni cunfirma: "E a Parola hè diventata carne ..." (Ghjuvanni 1,14) Iddu "appare" micca solu cum'è carne è ùn hà "vistutu" solu cù carne. Addivintò carne. Ghjesù Cristu "hè ghjuntu in a carne" (1 Ghjuvanni 4,2). A sapemu, dice Johannes, perchè l'avemu vistu è perchè li tuccemu (1 Ghjuvanni 1,1: 2).

Sicondu Paulu, Ghjesù era diventatu "cum'è e persone" (Fil. 2,7), "fattu in virtù di a legge" (Gal. 4,4), "in forma di a carne peccata" (Rum. 8,3). Quellu, chì vense à redime l'omu, duverebbe diventà essenzialmente umanu, l'autore di a carta à l'ebbrei sustene: "Perchè i zitelli sò issa carne è sangue, l'accettò ugualmente ... Perciò, duverebbe esse uguali in tuttu ciò chì hà fattu cù i so fratelli. "" (2,14-17).

A nostra salvezza dipende da se Ghjesù era veramente - è hè - umanu. U so rolu cum'è u nostru avvucatu, u nostru gran prete, dipende s'ellu hà veramente sperimentatu qualcosa umanu (Ebrei 4,15) Ancu dopu a so risurrezzione, Ghjesù hà avutu carne è ossi (Ghjuvanni 20,27:24,39; Luca) Ancu in a gloria celestica, restava umanu (1 Tim. 2,5).

Agisce cum'è Diu

"Quale hè?" Dumandonu i Farisei quandu anu testimoniu di Ghjesù pardunendu i peccati. "Quale pò pardunà i peccati ch'è Diu solu?" (Luk 5,21.) U peccatu hè un'offenda contr'à Diu; cumu puderia un omu parlà per Diu è dì chì i vostri peccati sò sguassati, stinguti? Hè una blasfemia, anu dettu. Ghjesù sapia ciò chì i pensavanu è sempre perdonava i peccati. Hà suggeritu ancu chì ellu stessu era peccatu (Ghjuvanni 8,46)

Ghjesù hà dettu chì si pusaria à a manu diritta di Diu in u celu - un altru affare chì i preti ebbrei sentìanu era blasfemu (Mat. 26,63-65). Ellu hà dichjaratu esse u Figliolu di Diu - questu era ancu blasfemia, perchè in questa cultura praticamenti significava esse Diu (Ghjuvanni 5,18; 19,7). Ghjesù hà dichjaratu esse cusì perfettamente d'accordu cù Diu chì hà fattu solu ciò chì Diu vulia (Ghjuvanni 5,19) U pretendia esse unu cun u babbu (10,30), chì i preti ghjudei anu cunsideratu ancu blasfemia (10,33). Ellu hà dichjaratu esse assai divulente chì tutti quelli chì l'anu visti vede u babbu (14,9, 1,18). Ellu hà pussutu spedinu u Spìritu di Diu (16,7). Ellu hà dichjaratu di pudè mandà anghjuli (Matteu 13,41)

Ellu sapia chì Diu era u ghjudice mundiale è à u stessu tempu sustinì chì Diu avia datu ellu ghjudiziu (Ghjuvanni 5,22) Ellu hà pussutu elevà i morti, cumpresu ellu stessu (Ghjuvanni 5,21; 6,40; 10,18). Disse chì a vita eterna di tutti dipendeva di a so relazione cù ellu, Ghjesù (Mat. 7,22-23). Considerava chì e parolle di Mosè eranu cumplementate (Mat. 5,21-48). Hà discrittu cum'è Signore sopra u sabbatu - sopra una lege datu da Diu! (Mat. 12,8.) Se ellu era "solu umanu", questu saria presunzione, insegnamenti peccatori.

Ma Ghjesù hà risposte a so parolle cù opere fantastiche. "Credu chì mi sò in u babbu è u babbu in mè; sè, ùn mi credi per u bene di l'opere " (Ghjuvanni 14,11). I miraculi ùn ponu micca fà crede à nimu, ma ponu esse forti "evidenza". Per mustrà chì avia l'autorità di pardunà i peccati, Ghjesù guarisci un paraliticu (Luc. 5, 17-26). I so miraculi dimustranu chì ciò chì hà dettu di ellu stessu hè veru. Hà più di u putere umanu perchè hè più chè un omu. L'affirmazioni nantu à sè stessi - cù ogni altra blasfemia - eranu basati nantu à a verità cun Ghjesù. Puderia parlà cum'è Diu è agisce cum'è Diu perchè era Diu in carne.

A so autoimagine

Ghjesù hà sappiutu chjaramente di a so identità. A dodici anni hà avutu una relazione speciale cù u Babbu Celestiale (Luca 2,49). Quand'ellu era battizatu, hà intesu una voce da u celu dicendu: sì u mo figliolu caru (Luca 3,22). Ellu sapia chì avia una missione da rializà (Luca 4,43; 9,22; 13,33; 22,37)

In risposta à a parolla di Petru: "Tu sì Cristu, u Diu vivante!", Ghjesù hà rispostu: "Benedettu sì tù sì, Simone, u figliolu di Ghjona; perchè a carne è u sangue ùn vi revelavanu quessa, ma u mo Babbu in u Celu " (Mat. 16, 16-17). Ghjesù era u figliolu di Diu. Era u Cristu, u Messia - unziatu da Diu in una missione assai speciale.

Quandu avia chjamatu dodici discìpuli, unu per ogni tribù di Israele, ùn si cuntò micca trà i dodici. Ellu era sopra à elli perchè era sopra tuttu Israele. Hè statu u creatore è u costruttore di u novu Israele. À u sacramentu, si svilò cum'è a basa di u novu pattu, una nova rilazione cù Diu. Si vidia ellu cum'è u focusu di ciò chì Diu facia in u mondu.

Ghjesù hà avversamente polemicizatu contr'à e tradizioni, contr'à e lege, contr'à u tempiu, contr'à l'autorità religiose. Hà dumandatu à i so discepuli di lascià tuttu è u seguitanu, di mette lu in prima vita, per esse assolutamente leali à ellu. Parlava cù l'autorità di Diu - è à u listessu tempu parlava cù a so propria autorità.

Ghjesù hà cridutu chì e profezie di l'Anticu Testamentu eranu cumpiite in ellu. Era u servitore soffrenu chì era di mori per riesce a ghjente da i so peccati (Isa. 53,4-5 è 12; Matth. 26,24; Mark. 9,12; Luk. 22,37; 24, 46). Era u prìncipe di a pace chì si deve spustà in Ghjerusalemme nantu à un sceccu (Sach. 9,9-10; Matth. 21,1-9). Era u Figliolu di l'omu à quale tuttu u putere è a viulenza deve esse datu (Dan. 7,13-14; Matì. 26,64).

A so vita prima

Ghjesù hà dichjaratu d'avè campatu davanti à Abraham è hà espressu questa "intemporalità" in un modu classicu: "In verità, veramente, vi dicu: prima chì Abraham sia diventatu, sò" (Ghjuvanni 8,58) Di novu i sacerdoti ebbrei anu cridutu chì Ghjesù cunsumava cose divine è vulianu petrallu (Verse 59). A frasa "Io sò" sona cum'è Esodo 2:3,14, induve Diu revela u nome à Mosè: "Eccu cumu duvete dì à i figlioli d'Israele: [U] 'Sò' m'hà mandatu à voi" (Traduzione Elberfeld). Ghjesù piglia questu stessu nome per ellu stessu. Ghjesù confirma chì "prima di u mondu era" hà digià spartutu a gloria cù u Babbu (Ghjuvanni 17,5) Johannes ci dice chì esiste à l'iniziu di u tempu: cum'è a parolla (Ghjuvanni 1,1)

È ancu in Johannes pudete leghje chì "tutte e cose" sò fatte da a parolla (Ghjuvanni 1,3) U babbu era u pianificatore, a parolla u creatore, chì hà realizatu u previstu. Tuttu hè fattu da è per ellu (Col. 1,16; 1 Cor. 8,6). Ebrei 1,2 dice chì Diu "hà fattu u mondu" à traversu u Figliolu.

In Ebrei cum'è in i Colossiani, dice chì u figliolu "porta" l'universu, chì esiste "in ellu (Ebb. 1,3; Col. 1,17). I dui ci dicenu chì ellu hè "l'imaghjini di Diu invisibile" (Col 1,15), "l'imaghjini di u so esseru" (Ebrei 1,3)

Quale hè Ghjesù Hè un dià chì hè diventatu carne. Hè u creatore di tutte e cose, u principe di a vita (Atti 3,15). Sembra cum'è Diu, hà gloria cum'è Diu, hà u putere cum'è solu Diu hà. Ùn meravigliate chì i discepuli ghjunghjenu à a cunclusione chì era divinu, Diu in a carne.

Vale a pena l'adorazione

U cuncettu di Ghjesù hè statu fattu in un modu supernatural (Matteu 1,20; Luca 1,35) Vivi senza mai peccatu (Ebrei 4,15) Era difettu, senza difetti (Ebre 7,26; 9,14). Ùn hà fattu nunda di peccatu (1. Petr. 2,22); ùn ci era nimu peccatu in ellu (1 Ghjuvanni 3,5); ellu ùn sapia di nimu peccatu (2 Corinzi 5,21). Non importa quantu era forte a tentazione, Ghjesù hà sempre avutu un desideriu più forte di ubbidisce à Diu. A so missione era di fà a vuluntà di Diu (Ebre 10,7).
 
A ghjente adorava à Ghjesù in parechje occasioni (Mat. 14,33; 28,9 è 17; Ghjuh. 9,38). Anghjuli ùn ponu micca venerà (Rev. 19,10), ma Ghjesù li ha permessu. Iè, l'angeli si venenu ancu u Figliolu di Diu (Ebrei 1,6) Alcune preghiere eranu dirigite direttamente à Ghjesù (Atti 7,59-60; 2 Corintini 12,8; Rev. 22,20).

U Novu Testamentu indirizza una lode straordinariamente alta à Ghjesù Cristu, cù formule generalmente riservate à Diu: "Gloria à ellu da l'eternità à l'eternità!" Amen " (2 Tim. 4,18; 2. Petr. 3,18; Rev. 1,6). Hà u titulu di rigore più altu chì pò esse attribuitu (Ef 1,20: 21). Se u chjamemu Diu, ùn hè micca troppu.

In Revelazione, Diu è l'Agnellu sò elogiati ugualmente, ciò chì indica l'uguaglianza: "À quellu chì si siede nantu à u tronu, è à l'Agnellu esse elogiu, onore è elogie è viulenza da l'eternità à l'eternità!" (Rev. 5,13). U figliolu deve esse onore cum'è u babbu (Ghjuvanni 5,23) Diu è Ghjesù sò ugualmente chjamati Alfa è Omega, u principiu è a fine di tutte e cose (Rev. 1,8 è 17; 21,6; 22,13)

I passaggi di l'Anticu Testamentu annantu à Diu sò spessu purtati in u Novu Testamentu è appiicati à Ghjesù Cristu.

Unu di i più noti hè questu passaghju nantu à u culpu:
"Hè per quessa chì Diu l'ha esaltatu è li hà datu u nome chì hè sopra à tutti i nomi, chì in u nome di Ghjesù tutti quelli ghjinochji chì sò in u celu è in a terra è sottu a terra si deve arcu, è deve cunfessà tutte e lingue, chì Ghjesù Cristu hè Signore, per a gloria di Diu u Patre " (Fil. 2,9-11; cuntene una citazione da Isa. 45,23). Ghjesù hè datu l'onore è u rispettu chì, sicondu Isaia, duveria esse datu à Diu.

Isaia dice chì ci hè solu un Salvatore - Diu (Isa. 43, 11; 45,21,) Paul dice chjaramente chì Diu hè Salvatore, ma ancu chì Ghjesù hè Salvatore (Tituli 1,3; 2,10 è 13). Avà hè un Salvadore o duie? I primi cristiani cuncludi chì u Babbu hè Diu è Ghjesù hè Diu, ma ci hè un solu Diu è dunque un solu Salvatore. Babbu è figliolu sò essenzialmente unu (Diu), ma sò persone sfarenti.

Diversi altri passaggi di u Novu Testamentu chjamanu ancu di Ghjesù Diu. Ghjuvanni 1,1: "Diu era a Parola." Verse 18: "Nimu hà mai vistu à Diu; u nativu, chì hè Diu è in u pratu di u babbu, a hà proclamatu à noi. "Ghjesù hè u Diu chì ci dà u babbu lascià (ellu) sapè. Dopu a risurrezzione, Thomas hà ricunnisciutu à Ghjesù cum'è Diu: "Thomas hà rispostu è li disse: U mio Signore è u mo Diu!" (Ghjuvanni 20,28.)

Pàulu dice chì i progenitori eranu grandi à causa di elli, "Cristu vene dopu à a carne, chì hè Diu sopratuttu, pronunziatu per sempre. Amen " (Rum. 9,5). In a lettera à l'Ebrei, Diu stessu chjamu u figliolu "Diu" in citazione: "Diu, u to tronu dura da l'eternità à l'eternità ..." " (Ebrei 1,8)

"Perchè in ellu [Cristu]," disse Paulu, "tutta a pienezza di a Ddiu abita in persona" (Col. 2,9) Ghjesù Cristu hè tuttu Diu è hà sempre "corpu". Ghjè a similitude esatta di Diu - Diu incarnatu. Se Ghjesù era solu umanu, averia esse sbagliatu di mette a nostra fiducia in ellu. Ma postu chì hè divinu, avemu da fiducia in ellu. Hè di fiducia incondiziunariamente perchè hè Diu.
 
Tuttavia, pò esse errore di dì "Ghjesù hè Diu" cum'è se i dui termini eranu semplicemente intercambiabili o sinonimi. Da una banda, Ghjesù era ancu un omu, è da l'altra parte, Ghjesù ùn hè micca u Diu "tutale". "Diu = Ghjesù", questa equazione hè sbagliata.

In a maiò parte di casi, "Diu" significa "u Babbu", è hè per quessa chì a Bibbia raramente chjama Ghjesù Diu. Ma u terminu pò esse bè applicatu à Ghjesù, perchè Ghjesù hè divinu. Cum'è u figliolu di Diu, hè una persona in a divinità triune. Ghjesù hè a persona di Diu attraversu quale a connessione tra Diu è l'umanità hè stabilita.

Per noi, a divinità di Ghjesù hè di cruciale impurtanza, perchè solu se ellu hè divinu pò rivela correttamente Diu à noi (Ghjuvanni 1,18; 14,9). Solu una persona di Diu ci pò pardunà i nostri peccati, ci redimisce, cunciliarà noi stessu cù Diu. Solu una persona di Diu pò diventà l'ughjettu di a nostra fede, u Signore, à quale avemu fedeltà illimitata, u Salvatore, à quale adoramu in canzone è in preghiera.

Tutti umani, tuttu Diu

Cumu si pò vede da e referenze citate, a "maghjina di Ghjesù" di a Bibbia hè diffusa à traversu u Nuvellu Testamentu in petri di mosaicu. A stampa hè coherente, ma ùn hè micca truvata in un locu. A chjesa uriginale avia da esse cumpostu di i blocchi edificatori esistenti. Ella tirò e seguenti cunclusioni da a rivelazione biblica:

• Ghjesù hè essenzialmente Diu.
• Ghjesù hè essenzialmente umanu.
• Ci hè solu un Diu.
• Ghjesù hè una persona in questu Diu.

U Cunsigliu di Nicaea (325) hà stabilitu a divinità di Ghjesù, u Figliolu di Diu, è a so identità cù u Babbu (Credu Nicene)

U Cunsigliu di Calcedonia (451) hà aghjustatu ch'ellu era ancu umanu:
"U nostru Signore Ghjesù Cristu hè unu è u listessu figliolu; u listessu cumplettamente in u divinu è u listessu cumplettamente in l'omu, tuttu Diu è tuttu umanu ... ricevutu da u Babbu da i tempi primiali in quantu à a so divinità, è ... ricevutu da a Vergine Maria in quantu à a so umanità; unu è u stessu Cristu, Figliolu, Signore, nativu, fattu cunnosce in duie nature ... per quessa l'unione ùn in alcun modu a diferenza trà e natura, ma e proprietà di ogni natura sò priservate è si uniscenu in una sola persona ".

L'ultima parte hè stata aghjustata perchè alcune persone riclamavanu chì a natura di Diu avia pusatu a natura umana di Ghjesù à u sfondate finu à tale puntu chì Ghjesù ùn era più veramente umanu. Altri dicenu chì e duie natura si unìanu per furmà una terza natura, cusì chì Ghjesù ùn era nè divinu nè umanu. Innò, l'evidenza biblica mostra chì Ghjesù era tuttu umanu è tuttu Diu. È a Chjesa ci deve insignà dinò.

A nostra salvezza dipende da u fattu chì Ghjesù era è hè l'omu è Diu. Ma cumu pò u santu Figliolu di Diu diventà omu chì piglia a forma di a carne peccadora?
 
A quistione sorge principalmente perchè l'umanità, cum'è vedemu avà, hè inesperatu di corruzzione. Ùn hè micca cusì chì Diu hà creatu. Ghjesù ci mostra cumu l'omu pò è deve esse in verità. Prima di tuttu, ci mostra una persona chì hè dipendente completamente da u babbu. Hè cusì si deve esse cù l'umanità.

Iddu ci mostra ancu di ciò chì Diu hè capace di. Hè capace di diventà parte di a so creazione. Pò purtà a lacuna trà u micca creatu è u creatu, trà u sacru è u peccatore. Pudemu pensà chì hè impussibile; hè pussibile per Diu.

È infine, Ghjesù ci mostra ciò chì serà l'umanità in a nova creazione. Si ne vultà è simu criati, averemu da ellu semu (1 Ghjuvanni 3,2). Averemu un solu corpu, cum'è u so corpu transfiguratu (1 Cor. 15,42-49).

Ghjesù hè u nostru trailblazer, ci ampara chì a strada di Diu hè per mezu di Ghjesù. Perchè hè umanu, u senti cù a nostra debule; perchè hè Diu, pò parlà efficace per noi di i diritti di Diu. Cù Ghjesù cum'è u nostru Salvadore, pudemu esse cunfidendu chì a nostra salvezza hè sicura.

di Michael Morrison


in pdfQuale hè questu omu?